Author Archives: ingrusso

Ondata di maltempo sull’Italia: danni e disagi per l’arrivo di due vortici ciclonici

 

Situazione critica per la pioggia in Veneto, con rischio frane. Nevica nelle regioni settentrionali. Fino a domani allerta per temporali e vento. Problemi per la viabilità in molte regioni  ROMA – Maltempo, danni e disagi su tutta Italia per l’arrivo di due vortici ciclonici. In Piemonte, migliaia utenze senza elettricità, black-out anche in Liguria e nel Lazio, tromba d’aria in Toscana, a Marina di Carrara; in Trentino strade chiuse per pericolo valanghe, isolate numerose valli dell’Alto Adige. A causa delle forti nevicate, contingentato il traffico dei Tir sull’autostrada del Brennero a partire dalle 21. Per domani, 16 novembre, la situazione resta perturbata soprattutto al Centro-Nord: nel corso del pomeriggio e poi in serata sono previste forti piogge in Sardegna, Lazio e Toscana. Si porteranno poi verso Umbria, Emilia Romagna e Triveneto anche sotto forma di forti nubifragi. Domenica il maltempo interesserà anche il Sud con nubifragi in Campania. Pioverà ancora sulle regioni tirreniche centrali, sui rilievi del Triveneto dove la neve continuerà a scendere moderata dai 1300 metri.

Campania
La linea ferroviaria Cumana, che collega la stazione Montesanto, nel centro di Napoli, con i comuni dell’area flegrea, è stata interrotta tra le stazioni di Gerolomini e Pozzuoli per i problemi dovuti alle infiltrazioni di pioggia. A Pozzuoli, chiuso con ordinanza del sindaco fino a venerdì della prossima settimana il cimitero, dove sono stati riscontrati dissesti, smottamenti del suolo, buche e avvallamenti del terreno, in seguito alle eccezionali avversità meteorologiche di questi giorni.

Spari contro l’auto del direttore di Campania Notizie, Mario De Michele

 

 

 

Il giornalista aveva già denunciato un’initimidazione tre giorni fa. Indagano i carabinieri di Aversa

Spari contro l’auto del direttore di Campania Notizie, Mario De Michele. L’episodio è avvenuto nel pomeriggio di ieri nella zona periferica di Gricignano di Aversa. Secondo quanto afferma il sito Campania Notizie, il giornalista sarebbe “stato raggiunto da alcune persone che hanno esploso 6-7 colpi di pistola. Due di questi all’indirizzo del parabrezza che hanno attraversato l’abitacolo della vettura a pochi centimetri dal giornalista. Nel tentativo di fuga di De Michele i criminali hanno esploso altri 3-4 colpi che hanno mandato in frantumi anche il lunotto posteriore della vettura. Solo il caso ha fatto sì che ne uscisse illeso”.

De Michele tre giorni fa aveva denunciato un altro episodio avvenuto tra Sant’Arpino e Succivo. Due persone a bordo di un motociclo e coperte da casco integrale, lo avrebbero costretto a fermasi e mente uno di loro con una mazza colpiva ripetutamente la carrozzeria dell’auto, l’altro lo costringeva a scendere e lo schiaffeggiava e mentre lo faceva gli gridava: “Per colpa tua il consiglio comunale di Orta è stato sciolto. Ci hai inguaiato. Ora smettila di scrivere sul campo sportivo di Succivo”.

Su entrambi gli episodi indagano i carabinieri del Gruppo di Aversa che stanno cercando di ricostruire la dinamica dei fatti e accertare il movente alla base dei due episodi.

GIORNATE PROFESSIONALI DI CINEMA

I professionisti del cinema tornano a Sorrento dal 02/12 al 05/12.  42° Edizione Sorrento

LE GIORNATE PROFESSIONALI DI CINEMA A SORRENTO DAL 2 AL 5 DICEMBREI professionisti del cinema si danno appuntamento a Sorrento. Da lunedì 2 a giovedì 5 dicembre avrà infatti luogo la 42° edizione delle Giornate Professionali di Cinema, l’appuntamento dell’industria cinematografica nazionale prodotto e organizzato dall’ANEC, associazione nazionale esercenti cinema, in collaborazione con gli esercenti dell’ANEM e i distributori dell’ANICA.
Nel corso della manifestazione saranno proiettati trailer e anteprime dei film in uscita nei prossimi mesi ad una platea di esercenti, distributori, produttori, artisti, giornalisti ed espositori. I nuovi listini saranno presentati dalle case di distribuzione nel corso di convention, nelle quali, inoltre, registi e attori annunceranno molti dei titoli italiani in uscita.

Tra gli appuntamenti delle Giornate Professionali anche la consegna dei Biglietti d’Oro del cinema italiano, il premio che l’ANEC attribuisce ai maggiori successi al botteghino dell’annata cinematografica, e il Magis, il mercato delle tecnologie e dei servizi connessi al cinema. In programma, inoltre, una settimana di eventi (dall’1 al 7 dicembre) aperti alla città.
Sede principale della manifestazione è l’Hilton Sorrento Palace.

ABYSSUS IL SILENZIO DEGLI INNOCENTI

CULTURA E ARTE:
MARIO CELENTANO, STUDENTE MODELLO DELL ‘ACCADEMIA DI BELLE ARTI DI NAPOLI, ESPONE UNDICI DISEGNI REALIZZATI A CARBONCINO, A VILLA FONDI DE SANGRO  PIANO DI SORRENTO.

DAL 20 AL 28 SETTEMBRE 2018
10:00-13:00/16:00-21:00, INGRESSO LIBERO

ABYSSUS, IL SILENZIO DEGLI INNOCENTI (Introduzione)
Il nodo fondamentale che lega questi undici disegni realizzati a carboncino, e quello della messa in evidenza
di quella parte celata e nascosta che risiede nelle profondità della nostra anima, un abisso profondo e cupo
che, come un turbine perpetuo, attira a se tutto ciò che non fa parte della sfera razionale e civile, e più divora
e più si affama (Abyssus abyssum invocat, salmo 42) . Una caverna abbandonata nella quale si nascondono
le cose più ributtanti e riprovevoli, vomitevoli e sconvolgenti che mai avremo il coraggio di riguardare, di
ricordare. Ma ricordare cosa? Che quell’immondo letamaio lontano da Dio e dagli uomini siamo noi, è il
nostro essere originario dal quale siamo emersi, è quella biblica fanghiglia che Jahvè plasmò ed alla quale
Prometeo concesse il fuoco olimpico. Ma solo perché Apollo ci guida con la ragione, non dobbiamo
dimenticare quella barbarie che è celata ai nostri occhi coscienti, quel Dionisiaco di cui Nietzsche scrisse.
Striscia silenziosa fra bellezza ed armonia, non conosce ne morale ne raziocinio, nonostante siano sui figli,
ma solo istinto e pulsione. Eppure non è malvagia in se, è innocente, come chi commette marachelle senza
rendersene conto, ma diviene male quando si lega incestuosamente alla sua progenie.
Il punto è che quindi, piuttosto che evitare vigliaccamente il male, bisognerebbe guardarlo dritto negli occhi
per poi giungere alla pienezza dell’esistenza, senza falsi idoli o attività infruttuose che ci portano via la sola
cosa preziosa che realmente abbiamo: il tempo.
Un percorso alla Alighieri; per giungere al paradiso bisogna necessariamente calarsi nelle profondità degli
inferi.

Palermo, la vedova del delitto di Sferracavallo: “Cosimo ucciso davanti ai suoi figli”

Dopo una notte in lacrime, ha deciso di appendere un lenzuolo bianco davanti alla porta di casa. Lì dove il vicino del piano di sopra ha freddato suo marito Cosimo D’Aleo con due colpi pistola. Perché era infastidito dal fumo del barbecue, ha confessato l’assassino. Come se fosse una giustificazione per tanta cieca violenza. Sul lenzuolo bianco, Grazia Pisciotta, ha scritto: “Mostro hai ucciso mio marito senza pietà. Senza pensare ai bambini”. Non ha più lacrime questa donna, madre di tre figli: “Quell’uomo deve pagare. Ha ucciso un uomo davanti ai suoi figli”

“La piccola Chiara si è svegliata dal coma”, emozione ai funerali dei coniugi napoletani morti nel Pollino

 

"La piccola Chiara si è svegliata dal coma", emozione ai funerali dei coniugi napoletani morti nel Pollino

L’annuncio a Qualiano durante la messa per Antonio Santopaolo e Carmen Tammaro. La figlia era in coma farmacologico al Gemelli di Roma. In prima fila la sorella maggiore Michela, scampata alla violenza della piena

Lacrime e applausi. Mille persone hanno dato l’ultimo saluto ad Antonio Santopaolo e Carmen Tammaro, i coniugi che hanno perso la vita nella strage del Pollino. La messa è stata celebrata nella chiesa Maria Santissima Immacolata di Qualiano, in provincia di Napoli, dal vescovo di Aversa Angelo Spinillo.

Durante il rito funebre un annuncio ha emozionato i presenti: la piccola Chiara, figlia di Antonio e Carmen, si è svegliata dal coma farmacologico. La bimba di 8 anni era stata ricoverata al Gemelli di Roma per aver ingerito grosse quantità di fango e acqua. La foto della sua mano sulla spalla di un soccorritore aveva commosso il Paese.

Seduta in prima fila nella chiesa di Qualiano, c’era la sorella maggiore Michela, primogenita di Antonio e Carmen. La 12enne sconvolta dal dolore è riuscita a salvarsi dalla piena del torrente e attende ora il ritorno della piccola Chiara.

“Non siamo qui per dare risposte – ha detto il vescovo Spinillo – siamo qui a riconoscere i nostri limiti e a darci reciproco sostegno”. Le salme, dopo l’esame autoptico disposto dal pm, sono arrivate ieri sera a Qualiano e da stamattina alle 9 è stata allestita la camera ardente nella parrocchia dell’Immacolata. Presenti al rito funebre il sindaco di Qualiano Raffaele De Leonardis e il vicesindaco di Napoli, Raffaele del Giudice. Rinviati, invece, i funerali a Torre del Greco di Maria Immacolata Marrazzo, 43 anni avvocato, grande amica di Antonio e Carmen. Le due famiglie stavano trascorendo insieme le vacanze in Calabria.

Nave Diciotti, Di Maio: “Se la Ue non accetta i migranti, stop ai contributi italiani”

Nave Diciotti, Di Maio: "Se la Ue non accetta i migranti, stop ai contributi italiani"Il vicepremier M5S minaccia Bruxelles. Salvini: “Il mio obiettivo è il ‘no way’ australiano”. Berlino: “Contatti tra alcuni Paesi Ue in corso”. Domani la riunione. L’Agenzia Onu per i rifugiati: “Fateli sbarcare tutti”

In questi mesi abbiamo avuto modo di vedere come funziona la linea morbida nei confronti dell’Unione europea e come funziona la linea dura: voglio fare un’altra proposta se domani non esce nulla sulla Diciotti e sulla redistribuzione dei migranti io e il M5s non saremo disposti a dare più 20 miliardi di euro alla Ue ogni anno”, minaccia Luigi Di Maio. “Condivido quello che ha detto il presidente Conte: l’Ue deve battere un colpo. Poi siamo attentissimi alle condizioni di salute e di rispetto dei diritti umani” aggiunge il vicepremier di M5S assicurando che “il governo è compatto”. L’Agenzia delle Nazioni Unite per i Rifugiati (Unhcr) e l’Oim, l’organizzazione internzionale per le Migrazioni, esortano il governo italiano a consentire ai migranti a bordo della nave costiera italiana Diciotti di sbarcare. “Accogliamo con favore gli sforzi fatti dalla Guardia Costiera italiana nel salvare la vita di questo uomini, donne e bambini ma è necessaria una risoluzione urgente a questa impasse”, dichiara la vicepresidente dell’Unhcr a Roma, Roland Schilling. “Molti di coloro che sono a bordo potrebbero avere bisogno della protezione internazionalee e hanno già affrontato esperienze incredibilmente traumatiche”, aggiunge Scilling.

IL NO DI SALVINI
Ma Matteo Salvini non cede di un millimetro. “Il mio obiettivo è il ‘no way’ australiano, e sulla Diciotti sono tutti immigrati illegali” ha affermato il ministro dell’Interno anche se dei 150 migranti ancora a bordo non si conosce lo status giuridico. “Io non temo nulla – ha proseguito il vicepremier – ho la coscienza a posto, lavoro benissimo con il premier Giuseppe Conte, c’è una perfetta sintonia. Ieri mi ha chiesto informazioni e io gliel’ho date mentre, da ministro e da padre, stavo dando indicazioni per far scendere i minori dalla nave Diciotti”. E a chi gli ha chiesto se temesse “un intervento del Quirinale come è già avvenuto in una vicenda analoga alcune settimane fa”, il ministro ha risposto: “Non temo nulla, ho la coscienza tranquilla”.  IL POST SU FACEBOOK
Poi Salvini ha lanciato il post “Onore ai nostri uomini e alle nostre donne che DIFENDONO il nostro Paese e nostri confini di mare, di terra e di cielo. #primagliitaliani”. Un post che ha attirato un commento raccapricciante. “All’ultimo post di Matteo Salvini appare questo commento: i bambini diventeranno grandi. Meglio ucciderli adesso. Spero che il ministro dell’Interno faccia sentire la sua voce come contro Saviano ect. oppure almeno cancelli il commento come fa con tutte le opinioni che osano scrivere sul suo profilo, in entrambi i casi sarebbe bene che facesse una riflessione su su quello che sta coltivando”, ha denunciato su Facebook il senatore Pd Franco Mirabelli.

LO SCONTRO CON FICO
Il ministro dell’Interno è tornato sulla polemica con il presidente della Camera Roberto Fico. “Con Luigi Di Maio lavoro molto bene. Qualcun altro ha tanto tempo per parlare, penso al presidente della Camera, che ogni tanto dice e fa l’esatto contrario di altri esponenti M5S: è un problema che si risolveranno loro”. La tensione istituzionale cresce. Con Salvini che resta sulle sue posizioni e smentisce “di aver mai minacciato le dimissioni, una notizia priva di ogni fondamento”. A difendere Fico la ministra per il Sud Barbara Lezzi: “Caro Salvini, l’Italia ha fatto il suo dovere salvando i migranti grazie alla Guardia costiera e ha dimostrato civiltà ed umanità a dispetto di un’Europa vigliacca e disonorevole. Su questo niente da dire. Restando doverosa la pretesa di condivisione europea, nessuno deve impartire lezioni alla terza carica dello Stato circa la prerogativa di esprimere legittime posizioni”.

 

Svizzera, gruppo alpinisti sorpreso da maltempo: 5 morti e 4 gravissimi. Altre due vittime sulle Alpi bernesi

Un’escursione in alta quota che, da Chamonix, doveva condurli a Zermatt, percorrendo quella che viene definita “la regina delle traversate di scialpinismo”, si è trasformata in tragedia, in territorio svizzero, la scorsa notte per un gruppo di 14 alpinisti. Di nazionalità italiana, francese e tedesca. Stando alle informazioni, rese note dai soccorritori elvetici allertati alle 6.30 di questa mattina, una tempesta avrebbe bloccato all’addiaccio la comitiva. Il bilancio, al momento, è di 5 morti. Fra questi anche una guida alpina italiana. Altri 4 escursionisti si trovano in condizioni gravissime, a causa di un forte stato di ipotermia. “Stanno lottando per sopravvivere”, ha fatto sapere la polizia del Canton Vallese. Un’altra tragedia si è verificata sulle Alpi bernesi, nella zona del Monte Monch, a 4105 metri. Due giovani alpinisti svizzeri di 21
e 22 anni sono stati trovati morti a causa, secondo quanto riferito dalla polizia cantonale di Berna, delle basse temperature e dello sfinimento. L’allarme alle autorità sulla loro scomparsa era stato dato nella serata di domenica ma le ricerche, scattate subito, avevano dato esito negativo a causa del cattivo tempo.

203521484-5b4d6919-fb6d-43c5-a440-41117423e276[1]

 

TG TRAMONTI NEWS CARTACEO – DICEMBRE 2017

Tg Tramonti News definitivo dicembre4 per web provaAAA - 2017-1 Tg Tramonti News definitivo dicembre4 per web provaAAA - 2017-2 Tg Tramonti News definitivo dicembre4 per web provaAAA - 2017-3 Tg Tramonti News definitivo dicembre4 per web provaAAA - 2017-4 Tg Tramonti News definitivo dicembre4 per web provaAAA - 2017-5 Tg Tramonti News definitivo dicembre4 per web provaAAA - 2017-6 Tg Tramonti News definitivo dicembre4 per web provaAAA - 2017-7 Tg Tramonti News definitivo dicembre4 per web provaAAA - 2017-8

Pugliese ucciso in Brasile

BBFVRWH[1]ANDRIA, 29 NOV – Un ex carabiniere di 51 anni, Mario Simone, originario di Andria, che da circa 10 anni viveva a Igarapè-Miri, in Brasile, è stato ucciso con colpi di arma da fuoco e machete il 17 novembre scorso. Il decesso è avvenuto tre giorni dopo l’aggressione all’hospital Metropolitano di Alameda dove lo aveva portato un amico che lo aveva trovato esamine a terra. Un suo fratello, Rino, anch’egli carabiniere, è stato avvertito dalla Farnesina il 21 novembre scorso, è riuscito a partire due giorni dopo per il riconoscimento del congiunto, ma non ad ottenere il trasferimento della salma in Italia. E’ un altro fratello, Pasquale, a ricostruire la vicenda: “Sul corpo di mio fratello – sottolinea – ci sono segni di colpi di arma da fuoco e machete. Abbiamo tanti dubbi e nessuna certezza su cosa gli sia realmente accaduto, oltre alle difficoltà burocratiche per riuscire a portare la salma in Italia”. Pasquale chiede quindi che l’Italia invii in Brasile un aereo militare per recuperare il corpo di mio fratello.

Archivio