Tg Tramonti News

Tg Tramonti News : archivio

ISCHIA, DRAMMA SULL’ISOLA

Reportage di Giovanni Russo

Leggi ...

Frana a Ischia, ultime news. Si cercano i dispersi, Procura indaga su vecchi allarmi.

l bilancio provvisorio è di 8 morti e 5 feriti. Oltre 200 sfollati. Attesa una nuova ondata di maltempo. L’ex ministro Costa a Sky TG24: “Non ci fu nessun condono”. La Procura di Napoli indaga sugli allarmi inascoltati lanciati dall’ex sindaco di Casamicciola: “Avevo mandato 23 pec, non ho avuto risposte”. Con una lettera a Palazzo Chigi, la Regione Campania ha espresso parere negativo sulla nomina di Calcaterra a commissario per l’emergenza Casamicciola

Casamicciola, Associazione Isole minori: gogna ignobile, servono fondi 

Siamo certi che la magistratura saprà fare chiarezza di quanto accaduto, ancora prima dell’ignobile gogna mediatica che si è attivata appena dopo questa calamità naturale, che tocca indirettamente tutti noi rappresentanti delle Isole Minori, non solo l’isola di Ischia”, “sciacallaggio continuo, aggressione mediatica che arriva da più fronti e getta sui nostri territori, sui cittadini e sul nostro operato un’ingiustificabile colpa che viene legata, per clamore mediatico, anche all’abusivismo”. Lo scrive in una nota Sergio Ortelli vicepresidente di Ancim, l’associazione dei Comuni delle isole minori e sindaco di Isola del Giglio (Grosseto), sottolineando che “le isole minori sono territori fragili e noi sindaci viviamo questa situazione tutti i giorni, sulla nostra pelle, insieme ai nostri concittadini”. 

Ischia, Ortelli (Ancim): ‘Cordoglio e vicinanza da isole minori, non è tempo di polemiche’

“Il cordoglio dell’intera associazione delle Isole minori alla popolazione del Comune di Casamicciola, alle famiglie colpite dalla tragedia per la perdita di familiari, all’amministrazione comunale” e la “vicinanza ai sindaci dell’isola di Ischia di cui fa parte anche il nostro presidente Francesco Del Deo, sindaco di Forio” sono espresse in una nota da Sergio Ortelli vicepresidente Ancim e sindaco di Isola del Giglio. “Mi sento di intervenire perché i sindaci dell’isola, e non solo, sono coinvolti in modo diretto in questa immane tragedia. Ormai è noto che le isole minori sono territori fragili e noi sindaci viviamo questa situazione tutti i giorni, sulla nostra pelle, insieme ai nostri concittadini. Siamo certi che la magistratura saprà fare chiarezza di quanto accaduto, ancora prima dell’ignobile gogna mediatica che si è attivata appena dopo questa calamità naturale, che tocca indirettamente tutti noi rappresentanti delle Isole Minori, non solo l’isola di Ischia”, sottolinea. 

Casamicciola, piccoli comuni: frase di Pichetto ‘infelice’ 

“I sindaci sono i primi difensori del territorio e i primi paladini della legalità”, così l’Associazione nazionale piccoli comuni d’Italia (Anpci) commenta l’affermazione del ministro dell’Ambiente e della Sicurezza energetica, Gilberto Pichetto Fratin, in merito alla tragedia di Casamicciola e alla responsabilità dei sindaci. Frase che definiscono “assolutamente infelice”. “Quanti amministratori pubblici hanno contrastato l’illegalità pagando prezzi altissimi, anche con la propria vita?”, chiedono. “Non possiamo certo accettare generalizzazioni sull’intera categoria degli amministratori locali. Non possiamo, però, nascondere che esistono anche amministratori che badano molto più al consenso ed alla propria carriera politica, che al bene dei cittadini: sono certamente una esigua minoranza, ma esistono – aggiungono .- Tollerare gli abusi, non combattere l’illegalità, preferire il silenzio è una attitudine che non vogliamo coprire. Se esistono responsabilità, anche di amministratori locali, non vanno tollerate”. L’Anpci sottolinea che “nella tragedia di Casamicciola qualcosa non ha funzionato”. E conclude: “Conoscendo da tempo il ministro Pichetto Fratin vogliamo pensare che la sua affermazione sia estrapolata da un contesto più complesso, su cui è però necessario riflettere”.

17:53

Senatori Pd: indagine conoscitiva su rischio idrogeologico 

Un’indagine conoscitiva sul rischio sismico e idrogeologico, da parte della Commissione Ambiente del Senato, per individuare inefficienze e urgenze e contribuire a cambiare passo nella difesa del territorio. Ad avanzare in Commissione la proposta sono i senatori del Pd Bruno Astorre, Lorenzo Basso, Nicola Irto e Michele Fina. I quattro senatori spiegano che “a ogni calamità ci ripetiamo che è ora di cambiare rotta: quanto accaduto a Ischia deve essere stavolta lo stimolo per un ruolo attivo del Parlamento”. “Attraverso l’indagine conoscitiva, propedeutica anche alla possibile istituzione di una Commissione bicamerale d’inchiesta – sottolineano – si dovranno individuare le responsabilità, i colli di bottiglia, le inefficienze, capire come trasformare la disponibilità di fondi in interventi efficaci, operare a seconda dell’urgenza”. “Il sistema Paese ha dimostrato in passato di sapere se necessario intervenire con rapidità di fronte alle emergenze, e la fragilità di una parte rilevante del territorio italiano va considerata come un’emergenza”, concludono a margine dell’intervento del ministro Gilberto Pichetto Fratin sulle linee programmatiche.

17:32

Casamicciola, La Russa: colpa anche abusivismo, non è prima volta 

“La storia di Ischia, è stata più volte segnata da tragedie ambientali anche per colpa dell’abusivismo edilizio”. Lo ha detto in Aula al Senato il presidente Iganzio La Russa nel corso della commemorazione delle vittime dell’alluvione di Ischia. “Non è la prima volta – ricorda – che questa terra meravigliosa e conosciuta in tutto il mondo per le sue bellezze naturali e l’ospitalità della propria gente, viene colpita in modo così violento. Ma non è e non deve essere questa la sede né il momento per cercarne i responsabili. Saranno le Autorità preposte ad accertare i fatti”. “Questo – prosegue il presidente – è il momento del cordoglio e della vicinanza, forte e sincera che l’Aula del Senato vuole oggi rendere ai parenti delle vittime, ai feriti, agli sfollati. A chiunque quella notte ha perso qualcuno o qualcosa. Lasciatemi anche ringraziare le tante persone della Protezione civile, dei Vigili del Fuoco, delle Forze armate, delle Forze dell’ordine e dei semplici volontari che sin dai primi momenti si sono impegnati senza lesinare sforzi: chi con i mezzi e gli strumenti in dotazione e chi a mani nude. In tanti hanno fatto e stanno ancora facendo di tutto affinché questa tragedia abbia numeri meno importanti. A tutti loro va la nostra gratitudine”.

17:12

Casamicciola, La Russa: auspico ripartenza, tragedia sia monito 

“Il mio auspicio, il nostro auspicio, è che questa terra possa presto ripartire. Pur senza dimenticare questa immane tragedia che deve rimanere da monito per il futuro, capendo gli errori fatti ma evitando di ripeterli in futuro così da ridare alla popolazione di Ischia una speranza. Ma per ripartire è necessario un lavoro all’unisono, che includa sia la forza di volontà dei cittadini di Ischia ma anche la prontezza e l’affidabilità delle Istituzioni, da quelle centrali a quelle locali. A loro, a noi, è affidato un importante ruolo per questa Isola e per i suoi abitanti. Non deludiamoli”. Così in Aula il presidente del Senato Ignazio La Russa commemora le vittime dell’alluvione di Casamicciola a Ischia che ricordando che “Questo è il momento del cordoglio e della vicinanza”, legge i nomi delle vittime: Eleonora Sirabella, 31 anni; Michele Monti 15 anni; Francesco Monti, 11 anni; Maria Teresa Monti, 6 anni; Maurizio Scotto Di Minico, 32 anni; Giovanna Mazzella, 30 anni; Giovangiuseppe Scotto Di Minico, 22 giorni; Nikolinka Ganceva Blagova, 58 anni.

16:55

Casamicciola, La Russa invita Aula a un minuto di silenzio 

“Tra il 25 e il 26 novembre, dopo una giornata di pioggia battente, il fragile terreno dell’Isola di Ischia ha ceduto sotto il peso dei detriti che, partiti dal monte Epomeo, sono scesi verso il mare travolgendo il piccolo Comune di Casamicciola Terme e distruggendo case, attività commerciali, macchine, strade. Purtroppo però, questa frana così devastante e così inarrestabile, ha causato anche numerose vittime. Otto quelle accertate finora, alle quali si aggiungono altri numeri importanti: i dispersi…4, i feriti…5 e gli sfollati, ben 230. Un numero che purtroppo sembra destinato a salire”. Così in Aula il presidente del Senato Ignazio La Russa commemora le vittime dell’alluvione di Casamicciola a Ischia chiedendo di osservare un minuto di silenzio.

16:43

Casamicciola, sindaco Cosenza: deplorevoli parole Pichetto 

“E’ deplorevole l’affermazione pronunciata dal ministro all’Ambiente Gilberto Pichetto Fratin secondo cui contro l’abusivismo edilizio ‘basterebbe mettere in galera il sindaco e tutti coloro che lasciano costruire'”. E’ quanto afferma il sindaco di Cosenza, Franz Caruso. “Condanno con forza – aggiunge Caruso – ogni tentativo di strumentalizzazione politica dell’immane tragedia che ha colpito Ischia alla cui comunità a nome mio personale, dell’intero Esecutivo comunale e di tutta la città di Cosenza esprimo vicinanza e solidarietà. Bene hanno fatto i colleghi di partito e di governo del Ministro all’Ambiente a prendere subito le distanze dalle sue aberranti dichiarazioni che, però, non possono essere archiviate. Pichetto Fratin ha mostrato, infatti, di non avere alcun rispetto per le Istituzioni che, peraltro, egli rappresenta nella sua qualità di componente del Governo del Paese”.

16:21

Casamicciola, sindaci Costa Amalfi: accelerare tempi burocrazia 

“Cerchiamo di fare presto. Una frana, un disastro ambientale, arriva senza preavviso. Tutti i Comuni della Costiera sono beneficiari di progetti di mitigazione del rischio idrogeologico che non riescono ad andare a bando di gara perchè manchevoli dei pareri”. Parla a nome dei sindaci della Costiera Amalfitana, il primo cittadino di Scala Luigi Mansi (presidente facente funzioni della Conferenza dei Sindaci) chiedendo celerità nei processi di sburocratizzazione, specie per quanto concerne i tempi di ottenimento di tutti i pareri necessari alla cantierizzazione dei progetti di risanamento ambientale. “Il problema è serio – spiega Mansi (che è anche presidente della Comunità Montana dei Lattari) – Per ottenere un progetto esecutivo ci vogliono anni e questo va detto perché gli organi sovracomunali si devono immedesimare nelle difficoltà che abbiamo noi amministratori di territori così complessi e fragili. Quando convochiamo le conferenze dei servizi, quando andiamo a confrontarci con gli organi sovracomunali purtroppo abbiamo queste nostre difficoltà”.

16:00

Casamicciola, De Magistris: Salvini? Parla del Ponte sullo Stretto 

“A Ischia si cercano ancora i dispersi. E Salvini cosa fa? Parla del ponte sullo Stretto, l’ennesima opera inutile mangiasoldi. Soldi che dovrebbero essere investiti nella messa in sicurezza immediata del nostro Paese. Ha altri interessi a cui rispondere”. Lo scrive su Twitter Luigi de Magistris.

15:32

Giovedì informativa Musumeci al Senato

Giovedì prossimo, 1 dicembre, alle 11,30 Nello Musumeci, ministro per la Protezione civile e le Politiche del Mare, terrà una informativa al Senato sulla catastrofe che nei giorni scorsi ha colpito l’isola di Ischia. E’ quanto si apprende al termine della conferenza dei capigruppo di Palazzo Madama. 

15:27

Casamicciola: alberghi e palazzetti sport in caso di evacuazione

Parte della popolazione di Casamicciola potrebbe essere ospitata, in via precauzionale, in strutture alberghiere di tutta l’isola di Ischia e nei palazzetti dello sport in caso di ulteriore allerta. Lo ha detto il prefetto di Napoli,  Claudio Palomba,  nel corso della conferenza stampa tenuto al termine del vertice presieduto oggi a Casamicciola.  L’evacuazione sarà prevista dal piano di emergenza di protezione civile che sarà adottato nelle prossime per quell’area rossa- ovvero quella a maggiore rischio- che sarà riperimetrata. Tutte procedure da concludere nel giro di pochi giorni: infatti a fine settimana è previsto un peggioramento delle condizioni meteo e per questo sarà necessario adottare ogni misura per mettere la popolazione interessata in sicurezza. 

15:12

Casamicciola, commissario: gli allarmi? Abbiamo emesso ordinanze

Il Comune di Casamicciola dopo le allerte meteo ha emesso due ordinanze con le prescrizioni richieste dal grado di allerta. Lo ha detto il commissario prefettizio al Comune di Casamicciola, Simonetta Calcaterra, rispondendo ai giornalisti al termine del vertice a Ischia sull’emergenza. Al commissario è stato chiesto un commento su quanto affermato dall’ex sindaco di Casamicciola, Giuseppe Conte, che ha detto di aver inviato 23 email pec a vari destinatari per segnalare lo stato di pericolo. Calcaterra ha risposto: “Noi le ordinanze le abbiamo emesse e diffuse anche attraverso la stampa locale”

15:10

Previsioni meteo: in arrivo il terzo ciclone in 7 giorni. Allerta nubifragi al Sud

Almeno fino a venerdì il tempo sarà burrascoso su buona parte d’Italia. Non ci sono segnali di quiete meteorologica e mercoledì sarà una giornata di maltempo intenso sulla Sicilia Settentrionale, Calabria, Basilicata e gran parte della Puglia

14:06

Casamicciola: verso Cdm giovedì su dl Ischia

Un dl Ischia, con aiuti alle aree colpite dalla frana, a quanto si apprende dovrebbe essere esaminato giovedì dal Consiglio dei ministri. Fra le misure allo studio da inserire nel dl, per le zone su cui è già stato dichiarato lo stato di emergenza, i comuni di Casamicciola e Lacco Ameno, ci sarebbero anche la sospensione dei tributi fino a fine anno, con l’impegno a rinnovarla nel 2023, la proroga degli adempimenti per i professionisti che non possono lavorare a causa dei danni prodotti dagli eccezionali eventi meteorologici che sabato hanno colpito l’isola, e la proroga di un altro anno dello smantellamento dei tribunali distaccati. 

13:37

Frana a Ischia: Musumeci, sanatoria piccoli abusi no condono

“Quando si parla di condoni e di abusi edilizi bisogna stare attenti a non generalizzare, perché una cosa è la villa abusiva in riva al mare e una cosa é la finestra aperta di 50 centimetri in più rispetto a quella prevista da progetto”. Lo ha detto Nello Musimeci, Ministro per la Protezione civile e per le Politiche del mare, a margine dell’assemblea Alis. “Parliamo naturalmente di abusivismi accettabili, di casi sanabili come prevede peraltro la legge, quindi non c’è neanche bisogno di dover fare una nuova legge”, ha aggiunto. “Semmai si tratta di accelerare le procedure nei comuni italiani, in particolare nel mezzogiorno d’Italia, dove giacciono negli armadi centinaia di migliaia di pratiche di sanatoria, i comuni non sono in condizione di poter smaltire questa gran mole di lavoro perché hanno uffici tecnici assai sotto dimensionati, perché non c’è più personale e invece potrebbe, se affrontata questa mole di lavoro, consentire intanto di riqualificare il patrimonio abitativo e poi di rimettere in moto la macchina dell’edilizia”, ha spiegato il ministro ribadendo che “parliamo di sanatoria per piccoli abusi, non possiamo assolutamente consentire che si possa essere clementi con chi ha sfruttato il territorio e lo ha aggredito in maniera selvaggia”.

13:28

Casamicciola: Regione dice no a commissario Calcaterra

Con una lettera inviata a Palazzo Chigi, la Regione Campania ha espresso parere negativo sulla nomina da parte del Consiglio dei Ministri, di Simonetta Calcaterra a commissario per l’emergenza Casamicciola. Fonti della Regione confermano le indiscrezioni di stampa. La Calcaterra è da luglio scorso commissario straordinario del Comune di Casamicciola dopo lo scioglimento dell’ente per le dimissioni della maggioranza dei consiglieri. La nomina era stata decisa domenica dal Cdm ma il parere della Regione è vincolante.

13:15

Casamicciola: commercialisti, via alle donazioni per Ischia

Mobilitazione dei commercialisti per l’isola di Ischia, a seguito della frana che ha funestato Casamicciola: il Consiglio nazionale della categoria, presieduto da Elbano de Nuccio, e Communitas Onlus, l’associazione senza scopo di lucro costituita dallo stesso Consiglio nazionale per sostenere progetti di valenza sociale e presieduta dalla commercialista Maria Rachele Vigani, hanno ritenuto di essere vicini ai colleghi e alla popolazione locale dando avvio ad una sottoscrizione. I versamenti, recita una nota, potranno essere effettuati sul conto corrente intestato a “Associazione Communitas Onlus” – Banca Intesa San Paolo Spa – IBAN: IT73S 0306909606100000112746, specificando nella causale “Donazione Uniti per Ischia”. Nelle prossime settimane, il Consiglio nazionale dei commercialisti e Communitas Onlus sceglieranno le iniziative e i progetti a cui destinare i fondi raccolti, che verranno immediatamente utilizzati.

12:54

Prefetto, pensiamo a piano provvisorio allerte

“Ci siamo soffermati sulla necessità di un piano provvisorio, che ci metta in sicurezza per eventuali ulteriori allerte, perché la zona già era stata interessata da un fenomeno tellurico e oggi l’agibilità non dipende solo da quegli accertamenti che erano stati fatti in quella occasione ma anche dalla situazione idrogeologica”. Lo dice il prefetto di
Napoli, Claudio Palomba, a Casamicciola, dopo la riunione del Ccs fatta sull’isola di Ischia per manifestare vicinanza alla popolazione. “Si sta individuando una perimetrazione per definire la cosiddetta zona rossa con le condizioni di agibilità delle varie abitazioni – aggiunge – oggi stesso, coordinati dalla Protezione civile regionale, si elaborerà un primo piano speditivo che probabilmente comporterà, laddove ci fossero altri allerte, un’evacuazione temporanea della popolazione con sistemazioni non solo nel comune di Casamicciola o negli alberghi, anche grazie alla collaborazione riscontrata da parte di tutti gli altri sindaci, e ho visto un’unione e una coesione non indifferente. Si definiranno le strutture per l’eventuale accoglienza provvisoria”. 

12:50

Prefetto Napoli, ‘al momento 280 sfollati’

“Al momento sono 280 gli sfollati a Casamicciola”. A dirlo è il Prefetto di Napoli Claudio Palomba parlando con i giornalisti. Delle 280 persone sfollate dopo la frana, 179 sono ospiti in albergo e il resto è ospite presso familiari o amici.

Leggi ...

Giornate di Cinema di Sorrento 2022, gli eventi per la città

Con l’anteprima di “The Boat”, thriller di Alessio Liguori con Marco Bocci, Diane Fleri, Filippo Nigro, Marina Rocco e Alessandro Tiberi, sabato 26 novembre (ore 20.30) al teatro comunale Tasso di Sorrento, inizia la programmazione degli eventi aperti alla città della 45ma edizione delle Giornate Professionali di Cinema “New Challenges, Together!”.

Inizia così l’intensa settimana dedicata al cinema organizzata dall’Anec in collaborazione con l’Anica, con il sostegno del ministero della Cultura-DG Cinema e Audiovisivo, della Regione Campania e del Comune di Sorrento e con il patrocinio del Ministero della Transizione Ecologica e di Green Cross Italia, che, fino a venerdì 2 dicembre, proporrà nella splendida località costiera, molteplici attività tra proiezioni, incontri, seminari, feste a tema.

Nella serata del 26 novembre, realizzata in collaborazione con Cineventi, verrà proiettato alla presenza del regista e di parte del cast, il film prodotto da Lotus Production con Rai Cinema girato lo scorso anno in varie location della Penisola Sorrentina. “The Boat è un thriller emozionante – si legge in una nota di regia – che descrive il viaggio, a bordo di un lussuoso yacht, di tre coppie. Un’avventura che, nello sviluppo dell’intreccio, si trasformerà per ciascuno di loro da entusiasmante esperienza a terribile incubo”. In sala ci saranno il regista Alessio Liguori e gli attori Diane Fleri, Marina Rocco e Alessandro Tiberi.

Altre proiezioni, sempre al cinema Tasso e sempre aperte al pubblico, sono in programma anche domenica 27, con la proiezione (alle ore 18.30) del film “Quel posto nel tempo” di Giuseppe Alessio Nuzzo (con Leo Gullotta e Giovanna Rei, distr. Paradise Pictures) a cui farà seguito, alle 21, l’anteprima di “Vicini di casa”, di Paolo Costella con Claudio Bisio, Vittoria Puccini, Valentina Lodovini e Vinicio Marchioni (in uscita nazionale il 1 dicembre, distribuito da Medusa Film).

Lunedì 28, alle ore 10 al Cinema Tasso, inizia anche l’attività educational riservata alle scuole del territorio che prevede in apertura la masterclass “Giffoni Film Festival: un modello internazionale di festival per i giovani” moderata dalla regista e attrice Cristina Puccinelli. Dal primo pomeriggio di lunedì 28, con l’apertura delle attività riservate agli accreditati, che includono il Trade Show (il mercato delle tecnologie e dei servizi connessi al cinema), la manifestazione entra nel vivo accogliendo in città, fino a giovedì 1 dicembre, centinaia di operatori e realizzando il principale momento d’incontro dell’industria cinematografica nazionale. Official Entertainment Partner della manifestazione è TikTok, mentre Cinemeccanica ne è partner tecnologico.

Tra gli eventi aperti alla città si segnala, sempre lunedì 28 alle ore 17 in piazza Tasso, la festa a tema per l’accensione dell’albero di Natale, molto attesa soprattutto dai piccoli, che quest’anno è realizzata in collaborazione con Universal Pictures per il lancio del film di animazione “Il gatto con gli stivali 2 – L’ultimo desiderio” diretto da Joel Crawford. Sempre lunedì, alle 21 al Cinema Tasso, le “anteprime per la Città” propongono “The woman king” di Gina Prince-Bythewood con Viola Davis, Thuso Mbedu (distribuito da Warner Bros Discovery).

Gli inviti per le anteprime saranno in distribuzione, fino ad esaurimento, a Sorrento presso l’info point di piazza Tasso. Il programma completo ed aggiornato è disponibile sul sito www.giornatedicinema.com

Leggi ...

Tragedia a San Mango: uccide la moglie a coltellate e si toglie la vita in autostrada

Stampa Tragedia familiare, all’alba, a San Mango Piemonte, dove un uomo, al termine di una lite, ha ferito mortalmente la moglie con un coltello e poi si è tolto la vita. Anche il figlio è stato colpito dal padre e ferito ad una mano. La donna, dopo che i vicini avevano dato l’allarme, è stata trasportata al “Ruggi” di Salerno, dove però è spirata poco dopo il suo arrivo a causa della gravità delle ferite riportate.

Poi l’uomo si sarebbe allontanato per poi impiccarsi al cavalcavia visibile dall’autostrada A2, nei pressi del tratto che collega San Mango con Pontecagnano. Il delitto sarebbe avvenuto nell’appartamento della coppia, entrambi sessantenni: l’uomo avrebbe colpito la donna con un coltello da cucina.

ambulanza

Leggi ...

Trovato morto in auto Angelo Bonomelli: arrestate 4 persone che lo hanno narcotizzato e derubato
Angelo Bonomelli, noto imprenditore bergamasco, è stato trovato senza vita nel suo suv. Quattro persone sono state arrestate con l’accusa di averlo narcotizzato e derubato.

Angelo Bonomelli

Il noto imprenditore bergamasco Angelo Bonomelli era stato ritrovato senza vita nel primo pomeriggio di martedì 8 novembre, in un parcheggio pubblico di via Mattei. Era accasciato sul sedile del conducente del suo suv. Secondo una prima ricostruzione sembrava essere stato colto da un malore mentre era alla guida. Le indagini hanno, invece, provato come l’imprenditore 80enne era stato prima narcotizzato e poi derubato. In quattro sono stati arrestati con l’accusa di rapina e omicidio in concorso.

Bonomelli abitava a Trescore Balneario, dove oltre 50 anni fa aveva creato la più importante agenzia di onoranze funebri della provincia bergamasca. Non solo, negli anni ha fondato anche “Villa Ortensie”, lo storico centro termale di Sant’Omobono al quale era particolarmente affezionato.

Le prime indagini
L’allarme era stato lanciato da suo figlio, che si era presentato dai carabinieri preoccupato perché il padre non era rientrato in casa. Il suv è stato poi ritrovato diverse ore più tardi in un parcheggio pubblico a Entratico, con l’80enne dentro senza vita.

Dai primi rilievi non appariva alcuna lesione evidente sul corpo e l’intero scenario non lasciava immaginare un qualche tipo di morte violenta. Tuttavia, al polso mancava l’orologio d’oro al quale non rinunciava mai, nelle tasche non c’era più il cellulare e nel portafogli i soldi.

L’incontro al bar di Entratico
A quel punto, i carabinieri della compagnia di Bergamo hanno aperto un’indagine lampo. Come ricostruito in breve tempo, Bonomelli nel tardo pomeriggio del 7 novembre aveva un appuntamento in un bar di Entratico con un 33enne. Con quell’uomo, doveva discutere del rilancio social delle terme di Sant’Omobono.

Arrivato là, a loro due si sono aggiunte altre tre persone: un 68enne pensionato e due giovani disoccupati di 23 e 24 anni, tra cui una donna. Tutti italiani, residenti in provincia di Bergamo e già noti alle forze dell’ordine per reati contro il patrimonio.

Leggi ...

Vasco Rossi a Salerno, è ufficiale: ecco tutte le info per i biglietti

Dopo aver conquistato il primo posto del podio per il maggior numero di spettatori conseguito ai suoi concerti quest’anno, è bastato un solo suo post  “…se non ci sarà la fine del mondo, di sicuro ci vediamo l’anno prossimo a giugno, negli stadi”, per scatenare una spasmodica richiesta delle date del prossimo tour VASCO LIVE 2023.  L’appuntamento è per giugno 2023, quando il calcio lascia libero il campo al popolo del rock. “Finalmenteeentee” – rimane la parola d’ordine – si torna negli stadi.

On the road again nel suo giro per l’Italia, con doppie date a: Bologna, Roma, Salerno e Palermo. A Palermo lo stadio Barbera che non hanno mai concesso, a Salerno e a Bologna che aspettano da oltre dieci anni. E a Roma di nuovo a casa, all’Olimpico.

Due le date a Salerno allo Stadio Arechi:  28 giugno  e 29 giugno 2023.

I biglietti per il VASCO LIVE 2023, prodotto e organizzato da Live Nation, saranno disponibili per il Blasco Fan Club dalle ore 12:00 del 21 novembre e per i clienti di Vodafone Happy – il programma di Vodafone che premia i clienti per il tempo passato insieme – dalle ore 10:00 del 23 novembre.

L’apertura generale delle vendite partirà dalle ore 11:00 del 25 novembre.

Le presale avverranno in esclusiva sulla piattaforma Vivaticket. L’apertura vendite generale sarà aperta sulle 3 biglietterie: Vivaticket, Ticketmaster, Ticketone.

La tappa in Campania allo Stadio Arechi di Salerno è a cura di Anni 60 produzioni e Fast Forward Live.  Per informazioni: 089 4688156 –

Leggi ...

Arriva l’eclissi totale di Luna, l’ultima fino al 2025

Un’eclissi totale di Luna, la seconda del 2022 nonché l’ultima per i prossimi tre anni, segnerà il giorno delle elezioni di metà mandato negli Stati Uniti.

A differenza dell’eclissi avvenuta lo scorso 16 maggio, quella dell’8 novembre non sarà visibile dall’Italia, né dal resto d’Europa e dall’Africa, ma solo da Asia, Americhe, Australia e Nuova Zelanda. Per non perdere comunque lo spettacolo, che non si ripeterà fino al 2025, sarà possibile seguirlo online, anche sul Canale Scienza e Tecnica dell’ANSA, grazie alla diretta organizzata dal Virtual Telescope Project attraverso la sua rete di collaboratori in Australia e Americhe.

L’eclissi totale di Luna durerà quasi un’ora e mezza: inizierà alle 11:17 ora italiana, raggiungerà il culmine alle 11:59 per poi concludersi alle 12:41.

I fortunati che potranno ammirarla avranno dunque tutto il tempo per prepararsi e uscire per vederla, anche a occhio nudo. Per l’occasione la Luna si ‘vestirà’ di rosso: ciò si deve al fatto che in quelle fasi cruciali l’atmosfera terrestre indirizza verso il satellite la porzione rossa dello spettro elettromagnetico.

L’eclissi avviene quando la Luna raggiunge il punto della sua orbita nel quale si trova perfettamente allineata fra il Sole e la Terra, in modo da nascondersi dalla luce del Sole dentro l’ombra della Terra. Se l’allineamento non è perfetto, l’eclissi è parziale o di penombra.

Leggi ...

Ucraina. L’arcivescovo di Leopoli: un errore proibire la lingua e la Chiesa russa

Un uomo rimprovera un bambino sfollato dal Donbass perché parla in russo. E monsignor Mokrzycki commenta: «La guerra ha avvelenato i cuori, che colpa ha la gente?»

L’arcivescovo latino Mieczyslaw Mokrzycki fra gli sfollati ucraini che parlano russo

«Ehi bambino, perché parli russo? Non lo devi fare in Ucraina». Andriy guarda l’uomo di mezza età che lo ha appena rimproverato mentre chiacchierava per strada con un paio di amici. Arriccia la fronte. E risponde: «Sai, anche io sono ucraino ma sono nato in un territorio dove si parla russo. Vengo dal Donbass…». Non si scompone più di tanto il ragazzino di otto anni che vive nel “villaggio mobile” allestito in un angolo del parco Stryiskyi a Leopoli. È uno sfollato, con la mamma e due fratellini. La sua casa è uno dei prefabbricati che accolgono settanta famiglie fuggite dall’Est del Paese: un’unica stanza con i letti e una cucina. Il bagno in comune con tutto l’agglomerato.«La guerra ha avvelenato i cuori», spiega l’arcivescovo latino Mieczyslaw Mokrzycki mentre saluta Andriy.

Ogni giorno il “piccolo rifugiato”, insieme ai coetanei degli appartamenti-container, ha appuntamento alle due del pomeriggio con l’arcivescovo di Leopoli e con le suore. Davanti alla palazzina del presule. Una ventina di bambini in tutto. Qualche battuta. Una fetta di torta che anticipa la merenda. La cioccolata da portare in famiglia perché i soldi dei profughi sono così pochi da non potersi permettere neppure un dolce. «Come Chiesa cattolica latina in Ucraina dedicheremo il prossimo Anno pastorale alla misericordia: ratificheremo la decisione in questi giorni. E sa perché abbiamo scelto questo tema? Perché avvertiamo l’urgenza di purificarci dall’odio e dalla sete di vendetta», afferma l’arcivescovo d’origine polacca che è stato, prima, segretario aggiunto di Giovanni Paolo II e, poi, di Benedetto XVI. Sessantuno anni, guida dal 2018 la Chiesa di Leopoli ed è anche presidente della locale Conferenza episcopale.

L’arcivescovo latino Mieczyslaw Mokrzycki con alcuni sfollati accolti nel Centro diocesano “Giovanni Paolo II” di Leopoli 

Eccellenza, oggi in Ucraina tutto ciò che è russo viene ritenuto “nemico”.

Si tratta di una reazione comprensibile. Lo considero un segno esterno di difesa e di protesta: difesa dall’aggressore che da otto mesi sta devastando il Paese e seminando morte, dolore, separazione; protesta per ribadire che nessuno qui vuole la guerra.

Ma la lingua russa è nel Dna di almeno la metà del popolo ucraino.

Vero. Basta guardare alla maggioranza dei rifugiati che arriva qui a Leopoli: parla russo, ma non per questo è meno ucraina. Anzi, in molti casi si hanno parenti e amici che combattono al fronte per la libertà del Paese. Ecco perché può essere pericoloso proibire la lingua russa, com’è stato deciso a livello nazionale. Significa marginalizzare una parte del Paese. Quando il governatore regionale ha visitato un nostro centro diocesano di accoglienza, si è sentito dire da uno dei profughi: «Noi qui a Leopoli stiamo benissimo e vi ringraziamo. Ma se usciamo per strada e ci sentono parlare russo, veniamo subito additati». L’Ucraina potrebbe prendere a modello la Svizzera, dove addirittura sono quattro le lingue ufficiali.

C’è anche la Chiesa ortodossa legata al patriarcato di Mosca che raccoglie la maggioranza dei cristiani ucraini.

Qualche passaggio di fedeli verso la Chiesa ortodossa autocefala si è registrato dopo l’inizio del conflitto. Ma quella russa rimane la “Chiesa della gente”, se così la possiamo definire. Di fronte alle parole del patriarca di Mosca, Kirill, che ha sposato la guerra di Putin, le comunità in Ucraina hanno preso le distanze. Eppure ci sono zone dove la Chiesa russa è stata messa al bando: nella regione di Ivano-Frankivsk è scomparsa; a Ternopil hanno vietato le liturgie pubbliche. Sono forse colpevoli i fedeli ucraini per l’invasione voluta dal Cremlino? Come ha evidenziato anche la nunziatura apostolica di Kiev, siamo contrari a ogni azione restrittiva che riguardi una comunità ecclesiale. Puntare il dito contro una lingua o una Chiesa può essere fonte di ulteriore dolore per il popolo e alimentare divisioni di cui l’Ucraina non ha bisogno.

Papa Francesco ha chiesto di aprire le trattative.

Siamo grati al Papa per i costanti interventi che tengono alta l’attenzione del mondo su questa folle guerra. Avverto, però, una certa sordità da parte del leader del Cremlino che continua ad avere come unico obiettivo la conquista dell’Ucraina.

Il Papa può avvicinare Putin e Zelensky?

Dietro il Papa non c’è solo la diplomazia vaticana, ma la forza della preghiera di tutta la Chiesa. E con la grazia di Dio può sempre avvenire il miracolo. Penso a Gorbaciov che ha chiuso l’era dell’Unione Sovietica. Il Papa è “Pietro dei nostri tempi” e grazie al suo carisma spirituale è in grado di contribuire a cambiare i cuori dei due presidenti e dei due Paesi.

I missili, però, continuano a cadere.

Una tregua è fondamentale. La guerra ha fatto perdere il sorriso alla gente: è sufficiente osservare i volti per strada. I lutti si moltiplicano. La povertà cresce perché si fatica a trovare il lavoro. Si ipotizza una nuova ondata di sfollati verso Leopoli, in fuga dalle bombe e dal freddo, soprattutto se mancheranno elettricità, gas e acqua a causa degli attacchi russi alle infrastrutture energetiche che da giorni si stanno moltiplicando. A cinquanta chilometri da qui, a Brzozdowce, una nostra chiesa è stata danneggiata da un missile piombato sulla vicina stazione elettrica: sono state distrutte le finestre, il tetto e gli intonaci. Come comunità ecclesiale siamo già pronti a intervenire nell’emergenza. E da cristiani ci affidiamo all’arma della preghiera: abbiamo dedicato il mese di ottobre al Rosario per la pace, accompagnato dal digiuno.

In Italia si manifesta per la pace. Come si vedono dall’Ucraina i cortei?

Sono considerati segni di vicinanza e solidarietà al nostro Paese sotto attacco che desidera la fine delle ostilità. È un grido perché Putin si ravveda, non un sostegno a lui.

La gente ucraina vuole i negoziati?

Non penso sia pronta a un compromesso. Il popolo chiede giustizia e un’Ucraina che conservi tutti i suoi territori, compresa la Crimea. Per questo vogliamo riflettere sulla misericordia. È Cristo stesso che ci chiede di amare il nemico, il nostro aggressore. E di perdonare: lo ripetiamo ogni volta che diciamo il Padre nostro. Occorre educare all’amore senza confini che ci apre a una vita davvero libera.

Leggi ...

San Casciano dei Bagni come Riace, il fango restituisce un tesoro nascosto per millenni: 24 statue di bronzo

Ritrovate, assieme a monete, ex voto e iscrizioni latine ed etrusche, nelle vasche sacre del santuario votivo: risalgono a un periodo compreso tra il II secolo avanti Cristo e il I dopo Cristo. Il ministro Sangiuliano: “La conferma: l’Italia è un Paese fatto di tesori immensi e unici” SAN CASCIANO DEI BAGNI – “Un ritrovamento eccezionale, che conferma una volta di più che l’Italia è un paese di tesori immensi e unici. La stratificazione di diverse civiltà è un unicum della cultura italiana”. Si lascia contagiare dall’entusiasmo il ministro della Cultura, Gennaro Sangiuliano, dopo l’annuncio della nuova scoperta a San Casciano dei Bagni, nel senese, di 24 statue bronzee di epoca etrusca e romana.

Divinità, matrone, fanciulli, imperatori. Protetto per 2300 anni dal fango e dall’acqua bollente delle vasche sacre, è riemerso dagli scavi un deposito votivo incredibile per ricchezza e qualità: insieme a migliaia di monete, ex voto e una immensa quantità di iscrizioni in etrusco e in latino, sono riaffiorate le statue, cinque delle quali alte quasi un metro, perfettamente integre. “Una scoperta che riscriverà la storia” annuncia in anteprima all’Ansa l’archeologo Jacopo Tabolli, docente dell’Università per Stranieri di Siena che dal 2019 guida il progetto con la concessione del ministero della Cultura e il sostegno anche economico del piccolo comune toscano.

Proprio ieri Sangiuliano, in occasione di una delle sue prime visite fuori Roma, era andato a Grosseto, al laboratorio dell’Istituto

centrale del restauro, dove sono in corso le attività di studio e i primi interventi sui bronzi. “Mi sono voluto personalmente complimentare con gli archeologi e il team di ricerca”, ha concluso Sangiuliano, “lo studio e la valorizzazione di questo tesoro sarà un’ulteriore occasione per la crescita spirituale della nostra cultura e per il rilancio di territori meno noti al turismo internazionale, ma anche come volano per l’industria culturale della nazione”.

(ansa)

I bronzi di San Casciano raffigurano le divinità venerate nel luogo sacro, assieme agli organi e alle parti anatomiche per le quali si chiedeva l’intervento curativo della divinità attraverso le acque termali. Dal fango caldo sono riemerse effigi di Igea e di Apollo, oltre a un bronzo che richiama il celebre Arringatore, scoperto a Perugia e nelle collezioni storiche del Museo Archeologico Nazionale di Firenze. L’eccezionale stato di conservazione delle statue all’interno dell’acqua calda della sorgente ha permesso anche di preservare meravigliose iscrizioni in etrusco e latino che furono incise prima della loro realizzazione. Nelle iscrizioni si leggono nomi di potenti famiglie etrusche del territorio dell’Etruria interna, dai Velimna di Perugia ai Marcni noti nell’agro senese.

“E’ la scoperta più importante dai Bronzi di Riace e certamente uno dei ritrovamenti di bronzi più significativi mai fatti nella storia del Mediterraneo antico”, commenta da San Casciano il direttore generale musei del Ministero della Cultura Massimo Osanna, che ha appena approvato l’acquisto del palazzo cinquecentesco che ospiterà nel borgo le meraviglie restituite dal Bagno Grande. Un museo al quale si aggiungerà in futuro un vero e proprio parco archeologico

Realizzate con tutta probabilità da artigiani locali, le 24 statue, spiega ancora Tabolli, si possono datare tra il II secolo avanti Cristo e il I dopo Cristo. Il santuario, con le sue piscine ribollenti, le terrazze digradanti, le fontane, gli altari, esisteva almeno dal III secolo a.C. e rimase attivo fino al V d.C. quando, in epoca cristiana, venne chiuso ma non distrutto. Le vasche furono sigillate con pesanti colonne di pietra, le divinità affidate con rispetto all’acqua. È anche per questo che, rimossa quella copertura, gli archeologi si sono trovati davanti un tesoro ancora intatto, di fatto “il più grande deposito di statue dell’Italia antica e comunque l’unico di cui abbiamo la possibilità di ricostruire interamente il contesto”.

Un grande santuario che sembra raccontarsi come un luogo unico anche per gli antichi. Una sorta di bolla di pace, se si pensa, come spiega Tabolli, “che anche in epoche storiche in cui fuori infuriano i più tremendi conflitti, all’interno di queste vasche e su questi altari i due mondi, quello etrusco e quello latino, sembrano convivere senza problemi”. Forse, ragiona l’archeologo, perché fin dalle origini il nume qui è sempre rimasta l’acqua con la sua divinazione, la sua forza, il suo potere: “Qui passa il tempo, cambia la lingua, cambiano persino i nomi delle divinità, ma il tipo di culto e l’intervento terapeutico rimangono gli stessi”. 

“L’importanza del metodo usato in questo scavo è rappresentata anche dalla collaborazione tra specialisti di ogni disciplina: dagli architetti ai geologi, dagli archeobotanici agli esperti di epigrafia e numismatica” afferma il Soprintendente Archeologia Belle Arti e Paesaggio del Ministero della Cultura, Luigi La Rocca. Il cantiere adesso si chiude, riprenderà in primavera. L’inverno servirà per restaurare, studiare, capire. “Sarà un lavoro di squadra, com’è stato sempre finora”, commenta con orgoglio Tabolli. Università, ministero, comune, specialisti di altri atenei del mondo. Tutti insieme, con l’occasione unica per scrivere un capitolo integralmente nuovo della storia antica.

“Per noi di San Casciano la scoperta clamorosa che arriva dagli scavi archeologici del Bagno Grande è un sogno che si avvera. Questa scoperta ci offre un’opportunità che non è solo culturale e turistica, ma è una vera e propria occasione di rinascita”, commenta commossa la sindaca Agnese Carletti che guida un gruppo di donne: la sua vice Fabiola Ambrogi che negli anni passati è stata anche lei a capo dell’amministrazione. E poi Irene Picchieri, che guida il gruppo archeologico, Ada Salvi responsabile per la soprintendenza, Federica Damiani che lavora a Milano ma sogna di tornare qui. Federica è anche l’anima de La Terrazza, un festival che dal 2016, tutte le estati, porta sulla piazza di San Casciano politici, intellettuali, attori, scienziati.

Le scoperte di Bagno Grande rappresentano una sorprendente novità sotto molteplici aspetti” spiega proprio Ada Salvi. “Proprio la pluralità delle informazioni che ci stanno giungendo dallo scavo e dallo studio dei reperti ha dato impulso a un modello di collaborazione tra Direzione Scientifica dello scavo, Concessionario e Soprintendenza, che vede ciascun attore coinvolto per le proprie competenze ed esperienze

Leggi ...

Diciassettenne accoltella e ammazza la nonna di 76 anni. Succede a Capaccio-Paestum

Diciassettenne accoltella la nonna e la uccide. E’ successo nella serata di ieri 7 novembre nel Comune di Capaccio-Paestum. Secondo le primissime informazioni al vaglio degli inquirenti sarebbe scoppiata una lite per motivi banali, culminati in una escalation di violenza con una coltellata alla schiena che ha ferito mortalmente la donna di settantasei anni.

La giovane in seguito alla furiosa lite si è riversata in strada con i vestiti ancora sporchi di sangue e ferita a causa delle colluttazione con la nonna. Successivamente è stata trasportata in ospedale dove è attualmente ricoverata per lievi danni riportati. Sul posto anche i carabinieri della Compagnia di Agropoli che la stanno piantonando. Solo nelle prossime ore si conosceranno maggiori dettagli che hanno spinto la giovane ad uccidere la nonna.

Leggi ...

Archivio