Rubriche

Category Archives: notizie

Lutto in casa Trump: l’addio di Melania arriva via social

L’anno per la famiglia Trump inizia con un lutto: è morta all’età di 78 anni Amalija Knavs, la madre dell’ex first lady Melania. “È con profonda tristezza che annuncio la scomparsa della mia amata madre, Amalija”, ha scritto Melania Trump su X. “Amalija Knavs era una donna forte che si è sempre comportata con grazia, calore e dignità. Era interamente devota al marito, alle figlie, al nipote e al genero. Ci mancherà oltre misura e continueremo a onorare e ad amare la sua eredità”.Lutto in casa Trump: l'addio di Melania arriva via social

Leggi ...

“Lui violento, il nonno orripilante”. Cosa c’è dietro il salto nel vuoto a Ravenna

 

"Lui violento, il nonno orripilante". Cosa c'è dietro il salto nel vuoto a RavennaCominciano a emergere i primi retroscena della vicenda che questa mattina ha sconvolto la città di Ravenna, dove una donna di 41 anni anni ha tentato di togliersi la vita lanciandosi dal balcone al nono piano di un appartamento di via Dradi. L’aspirante suicida, che era seguita da un centro di salute mentale, ha trascinato con sé la figlia piccola di circa sei anni e il loro cane, un meticcio di colore nero. la bimba e l’animale sono morti sul colpo, mentre la donna, che si chiama Giulia Lavatura, è ricoverata in gravissime condizioni all’ospedale Bufalini di Cesena.

Leggi ...

Napoli, crisi senza fine. Mazzarri pronto alle dimissioni

 

Napoli, crisi senza fine. Mazzarri pronto alle dimissioni

Scorsa primavera, stesso stadio, stesso avversario: il Napoli staccò il pass per lo scudetto, una delle più alte rappresentazioni dello spettacolo spallettiano. Ieri il Torino ha spinto nel burrone i tricolori, eroi dieci mesi fa, ieri salutati con fischi e fumogeni: è il momento più critico, il cambio allenatore non ha prodotto alcun cambio di marcia, la media punti di Mazzarri è inferiore rispetto a quella di Garcia. Tanto che il tecnico avrebbe presentato le dimissioni a fine gara, respinte dal presidente De Laurentiis. Ci si chiede allora chi possa essere all’altezza perché, quel che è peggio, il problema sembra essere nella testa: la semplice voglia di vincere ha fatto la differenza ieri, il Torino s’è fatto preferire per intensità e concentrazione, ha saputo colpire al momento giusto. Non è che abbia costruito chissà quante azioni dalle parti di Gollini ma è stato giustamente premiato per il suo modo migliore di stare in campo, di essere dentro la partita. Tra la fine del primo e l’inizio del secondo tempo la svolta: vantaggio di Sanabria, espulsione sciocca di Mazzocchi appena entrato, raddoppio di Vlasic e poi tris di Buongiorno. A parte Lobotka, mai pervenuti gli altri azzurri, a partire dai big: pesano, e peseranno le assenza di Osimhen e Anguissa, ma risultano imbarazzanti le prestazioni di Kvara, Di Lorenzo, Raspadori, Rrahmani, Zielinski.  Il ds Meluso unico in sala stampa per giustificare la figuraccia: «Squadra irriconoscibile ma Mazzarri non si tocca», azzurri forse già da oggi in ritiro. Soddisfatto e onesto Juric: «Noi bravi ma non so se è stato più merito nostro o demerito loro».

 

 

Leggi ...

Fegato lacerato durante il parto, la mamma resta per un giorno senza organo. Il trapianto d’urgenza a Torino le salva la vita

Fegato lacerato durante il parto, la mamma resta per un giorno senza organo. Il trapianto d’urgenza a Torino le salva la vitaIl giorno più bello della sua vita stava per trasformarsi in una tragedia. Un parto difficile, infatti, ha messo in serio pericolo la vita di una donna di 33 anni. Oggi la neomamma, viva per miracolo, sta bene ed è stata dimessa. Durante l’operazione, però, qualcosa era andato storto. Il fegato, sotto stress, si era lacerato, nonostante la riuscita del parto. Per un giorno il personale medico ha corso contro il tempo per salvarle la vita. La 33enne è rimasta per 24 ore senza il fegato, trovato in Sicilia in poche ore. Il trapianto d’urgenza, che ha coinvolto numerosi medici, è stato eseguito all’ospedale Molinette di Torino.

Leggi ...

Ultime ore di bel tempo: in arrivo piogge torrenziali, neve e freddo

neve cervinia

Addio a sole e caldo anomalo. Nelle prossime 48 ore sull’Italia tutto cambia con l’arrivo del freddo tipico del periodo. Non solo. Andrea Garbinato, responsabile Redazione del sito iLMeteo.it, conferma infatti l’arrivo di nuvoloni e piogge torrenziali già nella giornata di domani, venerdì 5 gennaio: al mattino avremo solo qualche piovasco come antipasto del peggioramento; le regioni interessate dai primi fastidi meteorologici saranno la Sardegna, la Liguria e l’Alta Toscana, in parte anche il Piemonte e la Valle d’Aosta. Dal pomeriggio il fronte, collegato a una bassa pressione sul Golfo del Leone, spingerà poi le piogge più consistenti verso tutto il Nord-Ovest ed in seguito fino al Triveneto. La neve cadrà a quote collinari in Piemonte ed oltre i 700-800 metri altrove. Tutto il Nord, entro la serata, piomberà in una fase decisamente perturbata con il Ciclone della Befana in approfondimento sul Mar Ligure e le temperature in graduale discesa

Leggi ...

Un Natale povero il nostro, celebrato alla Stazione Ferroviaria di Napoli (Piazza Garibaldi)

TG TRAMONTI – Un Natale povero il nostro, celebrato alla Stazione Ferroviaria di Napoli (Piazza Garibaldi) con un centinaio di persone tra cui senza fissa dimora e migranti. Infatti la Stazione è un punto di riferimento per i senza fissa dimora e i profughi. Quale luogo migliore per celebrare la nascita di quel povero Gesù che nasce per strada da due poveri migranti, Giuseppe e Maria, in cammino, come oggi milioni e milioni di persone in fuga da guerre e da fame! L’ONU parla di sessanta milioni di profughi accolti, in gran parte da paesi poveri del Sud del mondo.
Mentre l’opulenta ‘Europa’ non riesce ad accogliere un milione di rifugiati che quest’anno sono entrati nel vecchio continente. Di questo abbiamo riflettuto celebrando la Messa di Natale, di questi nuovi Giuseppe e Maria che bussano alla nostra porta, ma che troviamo difficoltà ad accoglierli. “Non c’è posto per loro nell’albergo.” Quel Bimbo ‘nasce’ sempre ‘fuori’, nel villaggio di Betlemme, alla periferia dell’Impero, in una ‘mangiatoia’.
video
https://www.facebook.com/1163787864/videos/1044574560142374/
https://www.facebook.com/1163787864/videos/1044574560142374/

Leggi ...

Natale 2023: ecco le giornate critiche per il traffico. Le previsioni

Natale 2023: ecco le giornate critiche per il traffico. Le previsioni

L’ultimo fine settimana dell’anno è alle è porte e – come tutti gli anni – sulle autostrade e sulle strade italiane ci sarà un notevole aumento del traffico, con le prime code attese già nel pomeriggio di oggi, venerdì 22 dicembre 2023, segnata come giornata da bollino rosso se non nero.

Secondo i dati forniti da Federalberghi, saranno più di 19 milioni gli italiani che si sposteranno per le festività di fine anno. Di questi, 13 milioni trascorreranno il 25 dicembre fuori casa, a cui si aggiungeranno poi ulteriori 6 milioni per il capodanno. Le destinazioni più gettonate rimangono le località di mare e montagna, le città d’arte e luoghi vicini alla propria regione di appartenenza. Qualora decideste di mettervi in viaggio con la vostra moto vi invitiamo a leggere i nostri articoli dedicati all’inverno sulle due ruote per essere preparati a ogni evenienza.

Leggi ...

Mes, perché l’Italia ha detto no e quali sono i rischi: ecco cosa potrebbe cambiare

Giorgia Meloni e Matteo Salvini scrivono no sul Mes per l'Italia, ora non rimane che capirne gli sviluppi

d aver votato contro la ratifica del Mes sono stati Fratelli d’Italia e Lega. Giorgia Meloni e Matteo Salvini non hanno mai fatto mistero della loro ritrosia per quello che riguardava l’autorizzazione al Meccanismo. La premier ha ribadito più volte che finché sarà lei la numero uno del governo l’Italia non accederà al Mes. «Finché ci sarà un governo guidato da me l’Italia non potrà mai accedere al Mes. La riforma del Mes non è stata mai portata a ratifica e questo dà la misura di come questo strumento necessiti di un approfondimento», commentava rispondendo durante un question time alla camera. Un approfondimento che in poche settimane si è tramutato in un no categorico, il Mes non tornerà sul tavolo del parlamento prima di sei mesi ad elezioni europee probabilmente già incasellate.

Leggi ...

Alessandro Cecchi Paone e Simone Antolini sposi: chi c’era e chi ha officiato

Alessandro Cecchi Paone e Simone Antolini si sono sposati: ecco com'è andata

Alessandro Cecchi Paone e Simone Antolini si sono detti sì a Napoli. A sposarli non è stata Elly Schlein e neppure Emma Bonino, come aveva auspicato il giornalista e divulgatore scientifico pochi mesi fa, ma il sindaco di Napoli Gaetano Manfredi alla presenza di oltre un centinaio di invitati tra volti noti, amici e familiari della coppia.

L’annuncio al Roma Pride

Lo scorso agosto a sorpresa Alessandro Cecchi Paone, 62 anni, aveva annunciato di volere sposare il compagno, Simone Antolini, 24 anni. La notizia era arrivata a margine del Roma Pride, evento al quale la coppia aveva partecipato proprio per farsi portavoce dei diritti delle coppie omosessuali. “Ci sposi tu Elly?“, avevano chiesto Cecchi Paone davanti alle telecamere, invitando la segretaria Pd a officiare le nozze. Poi a novembre, in un’intervista rilasciata al settimanale Chi, il giornalista aveva ufficializzato la data – 22 dicembre – chiedendo a Emma Bonino di unire lui e il fidanzato in matrimonio. Ma alla fine la leader radicale ha passato il testimone e le nozze, che si sono celebrate a Napoli, sono state officiate dal primo cittadino partenopeo.

Leggi ...

In pensione a 63 anni e 5 mesi, si parte dal 2024, novità e regole del nuovo Anticipo pensionistico

pensioni 2024 ape

Ed alla fine, come si prevedeva da tempo, l’Ape sociale è stata confermata dal governo anche per il 2024. L’Anticipo Pensionistico sociale che doveva cessare il 31 dicembre prossimo, si allunga di un altro anno. Ma ci sono delle novità per la misura, che rispetto a prima ha una età anagrafica più alta e un divieto di cumulo con determinati redditi. La Legge di Bilancio sta per essere ultimata e quindi qualcosa può ancora cambiare. Ma vediamo adesso cosa dovranno raggiungere i lavoratori nel 2024 per poter accedere a questa misura visto che alcune novità sembrano ormai certe di essere inserite nella misura. “Salve, dal momento che sono un disoccupato che a marzo terminerà di percepire la Naspi, e dal momento che sempre a marzo compio 63 anni di età, volevo capire come potrò sfruttare l’Ape sociale l’anno venturo. So della proroga, ma non ho compreso bene che requisiti devo avere. C’è chi dice che serviranno 36 anni di contributi anche per i disoccupati come me, ed io ne ho 32, al netto degli ultimi mesi di Naspi che percepirà l’anno nuovo. Non è che per caso, per noi disoccupati il requisito contributivo resterà quello di adesso, che è pari a 30 anni? Perché solo in questo modo potrei andare in pensione. Porgendovi distinti saluti vi ringrazio in anticipo se potete darmi delle spiegazioni.”

Divieto di cumulo con altri redditi per i pensionati con l’Ape sociale

Infine, una novità che pochi considerano ma che potrebbe essere importante, è l’inserimenti del divieto di cumulo con i redditi da lavoro. La prestazione ottenuta con l’Ape sociale non è cumulabile con redditi diversi da quelli da lavoro autonomo occasionale nel limite di 5.000 euro per anno solare. Infatti lo stesso vincolo che oggi è caricato per chi esce dal lavoro con quota 103, viene applicato dal 2024 anche all’Ape sociale.

 

Leggi ...

Archivio