Rubriche

Category Archives: cronaca

I Carabinieri della compagnia di Amalfi hanno arrestatto un pregiudicato di Salerno per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente del tipo eroina e cocaina

 

 

 

AAkQeVf[1]Nella serata di ieri, i CARABINIERI dell’Aliquota Radiomobile della COMPAGNIA DI AMALFI, hanno tratto in arresto M.V., classe 1971, pregiudicato di Salerno per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente del tipo eroina e cocaina. I militari, durante un posto di controllo a Maiori (SA),  hanno fermato l’uomo che viaggiava a bordo del suo scooter per un ordinario accertamento dei documenti, ma subito si sono insospettiti per l’atteggiamento anomalo dell’uomo decidendo di approfondire il controllo con una perquisizione personale e veicolare. La perquisizione dava esito positivo in quanto venivano rinvenute 6 bustine di cellophane contenenti altrettante dosi di EROINA, e 2 bustine della stessa fattura contenenti COCAINA, destinate allo spaccio, presumibilmente ad uno o più  acquirenti/clienti della Costiera Amalfitana. L’uomo, oltretutto alla guida privo di patente e senza copertura assicurativa, è stato condotto in caserma per gli accertamenti del caso e successivamente dichiarato in arresto, mentre la sostanza stupefacente ed il motociclo cono stati sottoposti a sequestro. Nel primo pomeriggio di oggi si terrà il giudizio direttissimo presso il Tribunale di Salerno.

Leggi ...

E’ morto Danilo Mainardi, l’etologo della TV Aveva 83 anni, grande amico di Piero Angela

 

 

Roma, 8 mar. (askanews) - È morto Danilo Mainardi, uno dei più conosciuti etologi italiani. Aveva 83 anni. Lo ha reso noto il Corriere della Sera, del quale Mainardi è stato a lungo collaboratore. Mainardi era docente emerito di Biologia e di Ecologia comportamentale all`università veneziana di Ca` Foscari. Grande amico di Piero Angela, al grande pubblico era noto anche per la sua partecipazione a diverse puntate di Quark e SuperQuark. È stato direttore della Scuola internazionale di etologia di Erice, presidente onorario della Lipu (la Lega per la protezione degli uccelli), membro dell`Accademia Nazionale delle Scienze e dell`International Ethological Society, di cui è stato anche presidente. Autore di numerosi libri sulla natura e sugli animali, sua grande passione fin dagli anni della adolescenza, ha raccontato con rigore scientifico e semplicità di linguaggio tutti gli aspetti dell`etologia e della zoologia.

È morto Danilo Mainardi, uno dei più conosciuti etologi italiani. Aveva 83 anni.  Mainardi è stato a lungo collaboratore Corriere della Sera.

Autore di numerosi libri sulla natura e sugli animali, sua grande passione fin dagli anni della adolescenza, ha raccontato con rigore scientifico e semplicità di linguaggio tutti gli aspetti dell’etologia e della zoologia.

Leggi ...

Valanga fuoripista a Courmayeur: tre morti, molti feriti

2292248_valanga_56.jpg.pagespeed.ce.OlAXwm80-y[1]

 

Una valanga è caduta poco prima delle 13 in Val Veny, nel comune di Courmayeur. L’evento si è verificato in un canalone dove si pratica il fuoripista nella zona del Plan de la Gabba/La Visaille. Nella slavina sono stati coinvolti una decina di freerider. Il bilancio provvisorio parla di tre morti e numerosi feriti, alcuni dei quali in gravi condizioni. Lo ha comunicato la guardia di finanza che sta operando sul posto. La slavina si è staccata nel canale dello Spagnolo, al Plan de la Gabba.

Sono giunti anche due elicotteri della protezione civile valdostana che hanno portato in quota due medici del 118 e numerose guide alpine con le unità cinofile. Alle operazioni partecipa anche la guardia di finanza di Entreves. Secondo quanto si è appreso, i primi ad intervenire dopo il distacco della valanga sono stati alcuni sciatori ‘freeriders’ che si sono messi a scavare nella neve per cercare eventuali persone rimaste sepolte.

Nella zona sono stati segnalati molti accumuli di neve, in particolare nei canaloni, a causa del vento che ha soffiato in quota nelle ultime ore. Il pericolo valanghe è ‘marcatò (indice 3 su una scala di 5 punti) a causa della neve fresca e della neve ventata.

Sarebbero per ora cinque i feriti, uno dei quali è ricoverato in rianimazione, in prognosi riservata. Gli altri feriti, si apprende dal soccorso alpino valdostano, sono due belgi e due italiani. ‎

Una seconda valanga in meno di un’ora si è abbattuta in Valle d’Aosta con due persone coinvolte. Dopo la slavina in Val Veny, un secondo distacco al Colle San Carlo, tra La Thuile e Morgex. Sul posto si sta dirigendo un elicottero del soccorso alpino valdostano. In questo secondo evento  – spiegano i soccorritori – non si registrano persone coinvolte.

Leggi ...

Sale sulla vettura di cortesia, per sbaglio investe il marito e lo uccide

 

 

 

AAnIIcC[1]Non sa usare la vettura sostitutiva e per errore investe e uccide il marito. È accaduto a Campagnola Emilia, nel Reggiano, dove un uomo di 60 anni è deceduto investito dalla moglie.

La donna, Manuela Tonini, di 56 anni, avrebbe perso il controllo della macchina che, partendo all’improvviso, si è diretta verso il marito, Edoardo Ghizzoni. La Tondini non sarebbe stata abituata alla guida dell’automobile, in uso da pochissimo dopo che la sua si trovava in riparazione dal meccanico.

La stessa donna ha chiamato immediatamente i soccorsi che sono arrivati immediatamente insieme alla polizia. Purtroppo per il marito non c’è stato nulla da fare ed è morto poche ore dopo il ricovero in ospedale.

 

 

 

Leggi ...

Salerno-choc, cane ucciso a calci Un video lo incastrata

2262824_cucciolo_pixellato.jpg.pagespeed.ce.w-3KeV_DRU[1]

 

La furia di un mostro. Scatenata su una creatura indifesa. Uno scricciolo. Massacrato a calci. Senza un perché. Accade nel quartiere di Pastena a Salerno. Nel parcheggio di via Flacco. Alcuni passanti hanno visto. E hanno urlato cercando di fermare l’uomo. Senza riuscirci.

Un gruppo di ragazzi ha ripreso la scena con uno smartphone. E ha consegnato le immagini ai Vigili urbani che sono accorsi sul posto. Ma era troppo tardi. Sul marciapiede di via Amendola restava quel corpicino devastato. Il video però è stato fondamentale per incastrare il colpevole A. F. 59 anni che, a quanto pare, è già noto alle forze dell’ordine.

Disturbi mentali? Effetto-droga? O semplice crudeltà assassina. Anche se non si è riusciti a salvare quel povero cane, almeno stavolta qualcuno non si è girato dall’altra parte. E ha ascoltato la propria coscienza. Denunciando.
Mentre si allunga la lista di piccole vittime mute che ogni giorno hanno la sfiga nera di imbattersi nel Male dalle sembianze umane.

Leggi ...

Quattro scalatori morti per il crollo di una cascata di ghiaccio

 

20170216_132015_F9591914[1]Il crollo di una cascata di ghiaccio in Val d’Aosta è costato la vita a 4 scalatori, un quinto è sopravvissuto ed è stato trasportato in ospedale. L’incidente è avvenuto “attorno alle 11” di questa mattina a Gressoney-Saint-Jean, sulla cascata “Bonne Anné”.

Con tutta probabilità il crollo “da un’altezza di circa un centinaio di metri, è avvenuto a causa delle temperature più alte”, ha spiegato ad Askanews il portavoce del Soccorso alpino valdostano Adriano Favre.

Leggi ...

Napoli, 20enne ucciso in strada da tre sicari

AAkQeVf[1]Aveva un passato da calciatore, nelle giovanili del Napoli, Renato Di Giovanni, 20 anni, ucciso in quello che sembra avere le caratteristiche di un agguato di stampo camorristico, nella tarda mattinata in via Epomeo, periferia occidentale di Napoli.

Il giovane era il figlioccio di un noto ultrà del Napoli, Alberto Mattera, che lo aveva allevato. Di Giovanni è stato colpito da un numero non ancora precisato di sicari davanti alla chiesa di S. Maria di Montevergine.

La vittima, che aveva precedenti per spaccio di droga, era sottoposto ad obbligo di presentazione alla Polizia giudiziaria.

Sul posto sono intervenuti i Carabinieri

Leggi ...

18 anni di Agerola muore con la febbre alta: sospetta meningite: scatta la profilassi chiuso il pronto soccorso di Castellammare

2164813_cava-jpg-pagespeed-ce-eniwuyzx-_1

Castellammare. Caso di sospetta meningite all’ospedale San Leonardo: muore un 18enne di Agerola, Sebastiano Petrucci. Nel pomeriggio di oggi un 18enne agerolese è arrivato con febbre alta al pronto soccorso del nosocomio stabiese e nel giro di poco tempo il ragazzo è deceduto nonostante il massimo sforzo da parte dei medici. Dai primi pareri dei sanitari sembra che il ragazzo abbia avuto i chiari sintomi della meningite, tra cui la febbre alta appunto. Immediatamente è scattata la profilassi per il personale medico e infermieristico, mentre il pronto soccorso è stato chiuso momentaneamente.

Leggi ...

Sanità, livelli di assistenza: la Campania all’ultimo posto

 

 

2164290_sani-jpg-pagespeed-ce-zeop5yawt71

 

 

Livelli essenziali di assistenza (Lea) in caduta libera in Campania, precipitati all’ultimo posto nella classifica delle Regioni italiane e per la prima volta sotto la soglia dei 100 punti nella pagella che il ministero della Salute stila ogni anno per valutare le regioni in Piano di rientro. Mai nessuna regione è rimasta così indietro sui livelli di cura. Scarse, anzi scarsissime, le performance dei vari parametri di qualità sotto osservazione, lontane anni luce dai 160 punti necessari a scalare la sufficienza. Il 99 attribuito nell’ultima verifica di metà novembre dai ministeri vigilanti Salute ed Economia – di cui Il Mattino anticipa i risultati – alle attività di cura erogate da Asl e ospedali nel 2015 (compresi i primi mesi del 2016), è addirittura meno dei 101 punti assegnati nel 2009, quando la Campania, già commissariata nel 2007, ha iniziato il difficile percorso per il rientro dal deficit, ben 40 punti sotto i 139 guadagnati appena due anni orsono, nel 2014, quando la nostra regione sembrava aver iniziato a scalare non solo il fronte contabile, con bilanci finalmente in pareggio, ma anche il versante dei livelli di assistenza assicurati ai cittadini.
Un viaggio in un tunnel, quello del Piano di rientro, che oggi si rivela un infernale gioco dell’oca. La Campania, in sette anni dopo aver tagliato dove ha potuto i servizi sanitari, disarticolato ambulatori e reparti, applicato ticket e tasse (aliquote di Irpef e Irap ai valori massimi) e lasciato sul campo 14 mila camici bianchi non rimpiazzati sconta un debito organizzativo per nulla intaccato dal commissariamento. Anzi, anche alcuni grandi ospedali delle reti cittadine a Napoli come a Salerno e Caserta, su cui ricade gran parte del peso assistenziale, mostrano un preoccupante logoramento in cui barelle e affollamenti perenni sono la spia accesa su un problema irrisolto. Disordine organizzativo del 118, piante organiche della rete dell’emergenza non rispettate, profili di personale squilibrato, procedure disomogenee, tante unità (troppe), inquadrate con contratti precari nonostante i piani per la stabilizzazione e il passaggio alla dipendenza, avvisi per la mobilità interregionale e concorsi per il reclutamento di nuovo personale che procedono al ralenti. E poi il nodo irrisolto dei policlinici universitari non ancora ospedalizzati come in tutte le altre regioni e per larghe fette assistenziali ancorati a modelli di cura e tempistiche risalenti a un secolo fa. Procedure non più compatibili con i parametri di qualità fissati dalle linee guida nazionali né tantomeno con le esigenze di salute della popolazione e che rendono conto di una sanità ancora tutta da ricostruire nei pilastri fondamentali.

Leggi ...

Brasile, italiano ucciso in una favela: polizia cattura 7 sospetti. “Colpito perché scambiato per un poliziotto”

(150807) -- RIO DE JANEIRO, Aug. 8, 2015 (Xinhua) -- Photo taken on Aug. 7, 2015 shows a favela (front) and downtown buildings during sunrise in Rio de Janeiro, Brazil. (Xinhua/Xu Zijian)

RIO DE JANEIRO

Il Gps ha guidato le moto di Roberto Bardella e del suo amico Rino Polato verso l’ingresso di Morro dos Prazeres, dove una dozzina di persona ha cominciato a sparare confondendoli per agenti. Bardella, che aveva una telecamera sul casco, è stato colpito mortalmente da due proiettili. Il cugino è rimasto ostaggio per due ore prima di essere liberato È finito per errore in una favela di Rio de Janeiro guidato dal navigatore Gps del cellulare ed è stato ucciso con uno colpo alla testa. È morto così Roberto Bardella, il turista italiano di 52 anni trovato senza vita giovedì 8 dicembre. Con lui nella favela di Morro dos Prazeres è finito anche il cugino Rino Polato, 59 anni, che si è però salvato. Secondo le indagini, i rapinatori li hanno scambiati per poliziotti. Hanno sparato un colpo alla testa a Bardella, che aveva una telecamera sul casco, mentre hanno deciso dopo quasi due ore di liberare Polato. La polizia brasiliana ha arrestato sei persone e disposto il fermo di un adolescente accusati di aver partecipato all’omicidio. I sette sospetti sono stati riconosciuti dal cugino della vittima grazie alle foto segnaletiche. Altri due persone, riferiscono fonti investigative, sono state identificate e nei loro confronti è stato richiesto un ordine di carcerazione. I due stavano facendo un viaggio in motocicletta in Sudamerica, e prima di arrivare a Rio erano già stati in Paraguay e Argentina. A Rio avevano alloggiato in un hotel di Copacabana, in modo da vedere i siti più turistici. Dopo aver visitato il Cristo Redentore, si stavano dirigendo verso Morro dos Prazeres, la “Montagna dei piaceri”, favela del quartiere di Santa Teresa. Una zona considerata “pacificata” e per la sua altitudine, 275 metri, segnalata sulle guide come un punto di osservazione privilegiato delle bellezze di Rio. La violenza nelle favelas è però aumentata proprio negli ultimi mesi a causa della guerra aperta fra bande per il controllo del narcotraffico e della crisi economica che attraversa lo Stato, che si è tradotta in una minore presenza della polizia.
Forse per un errore del navigatore Gps, Bardella e Polato hanno imboccato in moto l’ingresso più pericoloso di Morro dos Prazeres. Una volta entrati sono stati subito accolti dagli spari di una dozzina di persone, riferisce la polizia. Bardella, che aveva una piccola telecamera sul casco, secondo gli inquirenti è stato scambiato per un poliziotto: due proiettili lo hanno colpito alla testa e al braccio, uccidendolo sul colpo. Polato è rimasto invece per due ore nelle mani dei banditi, rinchiuso dentro un’auto nel cui bagagliaio era stato gettato il cadavere della vittima. Poi i rapinatori hanno deciso di liberarlo. Il corpo di Bardella è stato trovato in una delle strade della favela, mentre Polato, secondo i media locali, è stato salvato in uno degli ingressi alla zona da parte degli agenti dell’unità di peacekeeping della polizia (Upp).
Roberto Bardella era proprietario a Jesolo di un’agenzia di affitti e di amministrazione condominiale che gestiva insieme alla moglie. La coppia ha un figlio, giocatore di rugby. I suo amici raccontano che i viaggi in moto erano la sua passione e lo avevano portato a girare tutto il mondo. “Eravamo amici dal ’94 – racconta l’assessore comunale Ennio Valiante – lo avevo visto proprio il giorno prima della sua partenza. È sconvolgente quello che gli è successo perché era uno sportivo ed un uomo prudente. Ogni anno acquistava il biglietto aereo e poi si organizzava da solo l’intero viaggio”.

Leggi ...

Archivio