Tag Archives: napoli

Napoli, 20enne ucciso in strada da tre sicari

AAkQeVf[1]Aveva un passato da calciatore, nelle giovanili del Napoli, Renato Di Giovanni, 20 anni, ucciso in quello che sembra avere le caratteristiche di un agguato di stampo camorristico, nella tarda mattinata in via Epomeo, periferia occidentale di Napoli.

Il giovane era il figlioccio di un noto ultrà del Napoli, Alberto Mattera, che lo aveva allevato. Di Giovanni è stato colpito da un numero non ancora precisato di sicari davanti alla chiesa di S. Maria di Montevergine.

La vittima, che aveva precedenti per spaccio di droga, era sottoposto ad obbligo di presentazione alla Polizia giudiziaria.

Sul posto sono intervenuti i Carabinieri

Napoli, vigili senza assicurazione: verso dieci giorni di sospensione

 

 

 

I sei vigili urbani motociclisti pizzicati con le loro moto private prive di assicurazione rischiano fino a dieci giorni di sospensione. I vigili, che per lavoro sono chiamati a sanzionare i cittadini per reati legati al codice della strada, dunque anche quelli senza assicurazione, erano i primi a non essere in regola con l’assicurazione sui propri mezzi privati. A loro si aggiunge anche un dipendente comunale – un amministrativo in servizio presso gli uffici di Santa Maria del Pianto – mentre un ottavo mezzo (per il quale è stato già elevato il verbale) sembrerebbe non legato ad agenti, né a dipendenti del Comune. Si sta cercando comunque di chiarire il perché si trovasse insieme agli altri sette, all’esterno della sede dei motociclisti. Un doppio schiaffo per il corpo della Municipale visto il ruolo ricoperto dai sei agenti, tra i quali un sindacalista della Cgil.

I vigili rimarranno comunque in servizio fino alla presentazione delle controdeduzioni del caso. Ma quale sarà l’iter che potrebbe portare i sei agenti ad essere sospesi? Innanzitutto saranno ascoltati dalla commissione disciplinare del comando. E sarà curioso capire quale motivazione addurranno per il mancato pagamento dell’assicurazione. A quel punto la commissione dovrà decidere, qualora venissero considerati colpevoli, quale sanzione comminare. Si va dal rimprovero verbale, alla censura, alle quattro ore di multa, ad un giorno di sospensione, fino ad un massimo di dieci. Se la disciplinare reputasse il reato di maggiore gravità l’incarto passerebbe agli uffici del personale di Palazzo San Giacomo.

Nel 2015 sono stati 170 i vigili sottoposti a controlli disciplinari, nel 2016, fino a questo momento, circa un centinaio. Un caso che ha scatenato diverse reazioni: «Devono essere cacciati altro che sospesi» tuonano i Verdi, che incalzano: «Bene la denuncia dei colleghi che hanno dimostrato che il corpo è sano e ha ottimi anticorpi contro le “mele marce”».

Napoli, l’alba dei 466 migranti maxi sbarco al molo 21

 

 

 

 

 

Occhi colmi di dolore e persi nel vuoto di un giorno ancora non iniziato. Sono le 8.20 quando il sole è appena sorto, quando i primi migranti, trasportati dalla nave «Bruno Gregoretti» mettono piede sul suolo partenopeo. A sbarcare, al molo 21 dello scalo partenopeo, sono 466 profughi, partiti dal nord Africa alla volta dell’Europa. Uomini, donne, anziani e una ventina di bambini, provenienti da operazioni di salvataggio lungo le coste libiche. Sono tutti lì, pronti ad afferrare la speranza in un futuro migliore, che arriva con la mano dei soccorritori che li accolgono. Con loro anche una ragazza di 25 anni, incinta, che purtroppo è morta durante la traversata.

Napoli, Sarri rompe il silenzio «Daremo il 101% su ogni campo»

1920413_ms.jpg.pagespeed.ce.XsGUExL-x9[1]

 

 

 

 

«Questo Napoli ha tanti giovani di qualità, una squadra che mi intriga ad allenarla», dice Sarri alla sua prima conferenza. L’addio di Higuain. «Niente alibi, uno come lui non c’è al mondo, vorrà dire che tutti quanti gli altri dovranno dare quel 5 per cento in più che possono tirare fuori. Gli altri dovranno segnare più gol. Comunque, non voglio parlare di Higuain perchè mi ha dato fastidio quando altri hanno parlato di lui quando era anora un giocatore del Napoli».

In attacco Gabbiadini e Milik. «Gabbiadini dà più profondità, Milik va più incontro alla palla a giocare per la squadra. Soprattutto Gabbiadini merita fiducia perché è uno che ha tanti gol nel proprio bagaglio».

La scala in avvio. «La Juve è più avanti a tutte, lo era l’anno scorso e lo è ancora di più adesso. Però per fortuna nel calcio i valori non sono sempre rispettati. Il nostro obiettivo dovrà dare sempre il 101 per cento».

L’esordio a Pescara. «Partita da non sottovalutare perché affrontiamo una squadra che all’esordio ci metterà tanto entusiasmo».

Napoli, festa della musica

1810399_osanna.jpg.pagespeed.ce.m2b3uhjBtY[1]

 

 

C’è solo l’imbarazzo della scelta. È meglio girovagare in strada nel cuore del centro storico tra San Pietro a Majella e San Biagio de’ Librai o aspettare che le note invadano sale museali e luoghi storici come Palazzo Reale, Capodimonte o San Martino?

Per la prima volta quest’anno Napoli onora la Festa Europea della Musica con un cartellone unico coordinato dal Comune, un cartellone che coniuga poco rock a tanta classica e pop, popolare e colta. Una serie di eventi gratuiti, aperti a tutti, che coinvolge decine e decine di gruppi e – come annuncia il ministero della Cultura – 8200 musicisti nelle piazze, nelle strade e nei luoghi della cultura di oltre 280 città italiane.

Napoli capitale della melodia non poteva mancare. Con un gran finale nel cortile del Maschio Angioino. È qui, infatti, che dalle 21 parte la «Kermesse musicale Napoli live» presentata da uno dei volti più noti di «Made in Sud»: Alessandro Bolide. Nel corso della serata, curata dalla sezione Editoria, Cultura e Spettacoli dell’Unione Industriali, si esibiranno, tra gli altri, Diego Moreno, Ciccio Merolla (nella foto), Federico Tueff, Lino Vairetti e gli Osanna, Giardino dei Semplici, Tartaglia e Aneuro, The Cottonfield, Nato Sound, Claudio Cimmino, Luigi Lubra, Mimmo Di Domenico, Marco D’Anna, Tommaso Primo, Brunello Canessa, Antonio Onorato, Giovanni Block, Terza classe, i Chiodo Fisso.

Musica non stop per passare insieme la notte più breve dell’anno come nel cortile di San Domenico Maggiore, altro fulcro della festa, dove dalle 22 è in programma «Musica popolare tradizionale del Sud» a cura di Popolo Vascio. Anche il San Carlo scende in campo proponendo una maratona tra Teatro di Corte di Palazzo Reale e Giardino Romantico dove, a partire dalle 17, si alterneranno il coro di voci bianche, l’orchestra del San Pietro a Majella e del conservatorio di Benevento, l’Orchestra dei Quartieri Spagnoli e la neonata Orchestra Academy, frutto dei corsi di perfezionamento tenuti dalle prime parti dell’ensemble sancarliano. Nuove generazioni di musicisti saranno protagonisti della festa anche alla Certosa di San Martino dove, a partire dalle 16.30, i visitatori saranno accompagnati dalle performance di studenti del liceo Pansini. Stessa cosa a Capodimonte dove, dalle 11 alle 19 turisti e appassionati si troveranno di fronte non solo le meraviglie del museo e dell’appartamento storico, ma anche i concerti degli allievi del conservatorio.

Altri giovani allievi, quelli del master di pianoforte di Orazio Maione, si esibiranno alle 18 nella Sala Chopin di Palazzo Mastelloni, a piazza Carità. Per chi ama il by night, poi, una proposta american style sulle terrazze del Circolo Ufficiali con una «Nights in Harlem» proposta dagli ex allievi del San Pietro a Majella con Marco Sannini, Oscar Montalbano, Marco De Tilla.

L’Orchestra San Pietro a Majella inaugurerà la Festa della musica alle 10.30 in Sala Scarlatti con prove aperte insieme al pianista Marco Pasini. Contemporaneamente il tratto di strada tra il conservatorio e il policlinico si trasformerà nella “Via della Musica” con formazioni musicali che si avvicenderanno dalla mattina alla sera (11-13 e 16-20).

Napoli, s’arrampica sull’obelisco e cade muore a 23 anni – (Video)

hqdefault[1]

Sembra di riviverla, questa tragedia, attraverso i video girati nella notte scorsa in piazza San Domenico Maggiore, a Napoli. Nei filmati si vede Emmanuele Pirozzi, lo studente 23enne del Conservatorio San Pietro a Majella che si arrampica sull’obelisco, arriva abbastanza in alto: è aggrappato al monumento. Poi si sentono le urla, i fischi e i commenti degli altri ragazzi, che fissano la telecamera del telefonino sempre più preoccupati: in tanti assistono alla morte in diretta, e riprendono anche la caduta. Già pochi istanti dopo, le immagini finiscono sui social network, in particolare su Facebook, ma vengono tagliate, con un gesto di pietà, e acquisite dai carabinieri che indagano.

Napoli, come ti spreco lo scudetto: sconfitta per 3-1, Higuain espulso, Juve a +6. È «fatal Udine»

SPORT UDINESE NAPOLI ESPULSIONE HIGUAIN FOTO MOSCA - SPORT UDINESE NAPOLI FOTO MOSCA

Udine. Il Napoli travolto a Udine (3-1) resta a meno sei dalla Juve e lascia qui quasi per intero le speranze scudetto: a sette partite dalla fine la rimonta ai bianconeri di Allegri diventa ora quasi impossibile. Una giornata maledetta: azzurri giù di corda, molti uomini chiave fuori forma, Udinese di De Canio invece motivatissima e al top dal punto di vista atletico. Napoli innervosito ulteriormente dalla direzione dell’arbitro Irrati: due rigori in dieci minuti il primo segnato da Fernandes, quello dell’1-0 e il secondo dello stesso centrocampista parato da Gabriel. L’arbitro espelle Sarri e Higuain, estrae una marea di cartellini gialli e sbaglia altre decisioni. Partita decisamente segnata dall’inizio, l’unico sprazzo il gol del momentaneo 1-1 di Higuain, al gol numero 30 in stagione. Poi un monologo bianconero: il 2-1 arriva nel minuto di recupero del primo tempo ad opera di Fernandes, rete che nasce da una clamorosa incertezza di Gabriel, schierato al posto di Reina non ancora al meglio per un affaticamento muscolare. Troppi azzurri fuori condizione che hanno pagato la sosta e gli impegni con le varie nazionali: inguardabili Ghoulam, Jorginho, Insigne, in grandissima sofferenza Koulibaly, l’ex Allan. Problemi enormi soprattutto sulla fascia sinistra dove sono sorti i più grandi pericoli per la squadra azzurra. Non va meglio nella ripresa: l’Udinese colpisce in contropiede con Thereau e resta viva, il Napoli invece crea pochissimo. Nel finale gli azzurri restano in dieci per l’espulsione di Higuain, punito con l’ammonizione per un intervento su Felipe, furioso per la decisione del’arbitro e mantenuto a fatica dai compagni di squadra.

Napoli, continua il periodo «no»: 1-1 al San Paolo col Villarreal e fuori dall’Europa League

SPORT Napoli Villareal esultanza gol hamsik higuain raccoglie il pallone (RENATO ESPOSITO NEWFOTOSUD)

SPORT Napoli Villareal esultanza gol hamsik higuain raccoglie il pallone (RENATO ESPOSITO NEWFOTOSUD)

 

 
Il Napoli è fuori dall’Europa League: finisce 1-1 al San Paolo il ritorno dei sedicesimi di finale. Passano gli spagnoli del Villarreal che avevano vinto di misura all’andata (1-0) al Madrigal. Azzurri in vantaggio con Hamsik, un super gol dello slovacco al 17′ del primo tempo, un tiro al volo di destro forte e preciso nell’angolo dopo respinta corta di Victor Ruiz. Pari beffardo di Pina al quarto d’ora della ripresa: un cross che si trasforma in un tiro maligno che sorprende Reina. Il gol del vantaggio degli azzurri dopo le due palle gol pulite costruite dagli spagnoli: il colpo di testa di Musacchio furi di un soffio e la ripartenza di Bakambu fermato in uscita da Reina. In vantaggio di un gol il Napoli confeziona il pericolo più grosso con un tiro-cross d Mertens che Musacchio intercetta sfiorando l’autogol con il pallone che sbatte sul palo.

Sarri cambia cinque pedine rispetto al match contro il Milan ma in attacco conferma Higuain e Insigne. Il Pipita conferma di non attraversare il suo momento migliore, manca la necessaria lucidità al tiro, come in occasione della grossa chance non sfrutttata nella ripresa. Buone le risposte delle seconde linee, soprattutto del terzino sinistro Strinic e del regista Valdifiori, tra i migliori in campo con Hamsik. Nel finale Sarri lancia anche Gabbiadini affidandosi a un super attacco con quattro punte, il Napoli tira tantissimo in porta (22 a 6 per gli azzurri lo score dei tiri in porta) ma non arrivano altri gol. Finisce 1-1 e il Napoli è fuori: ora resta l’obiettivo più importante, la corsa scudetto riprende da Firenze.

Napoli, le carte segrete per lo scudetto: riparte la corsa, nervi saldi e insidia coppe

 

 

 

 

 

 

SPORT JUVENTUS NAPOLI HIGUAIN FOTO MOSCA

SPORT JUVENTUS NAPOLI HIGUAIN FOTO MOSCA

La corsa scudetto lunga 13 partite: volata avvincente da qui a maggio. Insidie, trabocchetti, fattore fisico e mentale, l’incognita delle coppe europee. Juve adesso capolista a più uno sul Napoli, sorpasso alla giornata numero 25, gli azzurri cedono il comando dopo sei turni, l’avevano conquistato a Frosinone nell’ultima partita del girone d’andata.

Il fattore psicologico. La Juve adesso gode di un umore decisamente migliore, la vetta conquistata dopo un lungo inseguimento, le quindici vittorie consecutive, l’abitudine a lottare da sempre ad alti livelli. I bianconeri possono contare sull’aspetto emotivo di una grande rimonta, l’esatto contrario del Napoli che dovrà invece tirare fuori il carattere di fronte a una delusione enorme. In tal senso è fondamentale l’opera svolta dalla società, dall’allenatore e dai tifosi: decisiva la compattezza tra le componenti e la capacità da parte di tutti a trasferire sensazioni positive. Nervi saldi, capacità di gestire la tensione: il Napoli dovrà superare il contraccolpo psicologico del sorpasso e dimostrare di poter competere alla pari contro una squadra che indubbiamente è più abituata a lottare per il vertice.

L’aspetto fisico e le coppe. Decisiva sarà anche la condizione atletica: Juve e Napoli stanno bene da questo punto di vista ma dovranno restare su questi livelli fino a maggio. Sulla condizione fisica peseranno moltissimo le coppe europee: da questa settimana ricominceranno Champions ed Europa League. Toccherà prima al Napoli contro il Villarreal, le due partite alla vigilia delle prossime due sfide di campionato contro Milan e Fiorentina. Sicuramente un’insidia che Sarri potrà governare ricorrendo al turnover anche se la forza della squadra spagnola è di molto superiore a quella delle formazioni del girone eliminatorio: per passare il turno ci vorrà quindi una consistenza sicuramente maggiore nelle due prestazioni. Impegno sicuramente più gravoso per la Juventus contro il Bayern Monaco, due partite dal dispendio enorme contro lo squadrone tedesco: gara d’andata martedì prossimo allo Juventus Stadium e ritorno mercoledì 16 marzo in Germania. Due match che per la Juve capitano tra la trasferta di Bologna e l’impegno casalingo con l’Inter e in mezzo al match interno con il Sassuolo e il derby contro il Torino. Per i bianconeri, quindi, non sarò esattamente agevole gestire le energie tra campionato e Champions League nel momento decisivo della stagione.

Il calendario. Il Napoli gioca con tre big in trasferta, insidiose le partite fuori casa con Fiorentina, Roma e Inter, almeno sulla carta quelle decisamente più complicate in programma nelle ultime tredici giornate. Per la Juve le due gare esterne più pericolose sono con Milan e Fiorentina, le altre sfide lontano dalla Juventus Stadium si presentano invece decisamente come meno insidiose.

Napoli, Trapattoni: «Non si decide per il titolo ma se gli azzurri vincono…»

1540411_20120610_c4_trapattoni.jpg.pagespeed.ce.rY4TSaQONa[1]

«Il Napoli di Sarri mi ricorda il Napoli di Maradona, Giordano e Careca. Capace di andare in gol in qualsiasi momento, capace di regalare attimi di autentico calcio spettacolo». Giovanni Trapattoni racconta la supersfida di sabato sera. «Bella, affascinante, strana. Quasi unica nel suo genere: è la nostra Real-Barcellona». Ne ha viste e vissute tante, il grande Trap, dalla panchina della Juventus che ha guidato, senza interruzioni dal 76 all’86 e poi di nuovo dal 91 al 94.

È la gara che decide lo scudetto?
«Ma no, però se il Napoli dovesse vincere darebbe una bella botta alle speranze bianconere. Non sarebbe una questione di distacco, perché cinque punti non sono nulla, ma gli azzurri diventerebbe imbattibili nella testa. Si convincerebbero che è davvero l’anno giusto. E nessuno li fermerebbe più».

Vincere a Torino non è mai stato semplice?
«Credo che sarà una partita molto gelida di emozioni, dove le attenzioni maniacali dei due allenatori porteranno come conseguenza a vedere pochissimi gol».

Dice?
«Mi immagino già la settimana di Allegri e Sarri: lì a vedere e rivedere i movimenti degli avversari su calci piazzati, lo studio delle contromosse, le tattiche per aggirare i rivali… ah io prima di una gara del genere non dormivo una settimana intera».

Faranno lo stesso pure Allegri e Sarri?
«Se chiudono occhio vado da loro a farmi spiegare come si fa. Perché sabato tutti vedranno la partita, e loro hanno anche la responsabilità di mostrare all’Europa intera che tanto fa la snob quando guarda il nostro calcio, lo spettacolo che siamo in grado di offrire».

Bella responsabilità, non trova?
«Beh, io le vedo le partite estere: anche le big fanno tanti di quegli svarioni tattici… andassero a lezione da Sarri. Uno che abbina la metodicità del lavoro difensivo al gioco spumeggiante in attacco».

In Juve-Napoli ci sono due filosofie: ovvero, meglio subire meno gol o farne più degli altri?
«Boniperti che prima di essere stato il presidente della Juve, è stato l’attaccante italiano più forte di tutti, diceva: giochiamo per vincere, però dopo che abbiamo fatto gol, meglio che ci mettiamo lì a difenderlo».

Facciamo un viaggio a ritroso. Cosa è stato per lei Juve-Napoli?
«Senza dubbio Maradona contro Platini. Non parlo solo del loro talento da numero 10 con una classe unica, ma della personalità che avevano. Né prima, né dopo, ci sono stati giocatori capaci di essere il simbolo di una squadra. In quegli anni fantastici Maradona era il Napoli. E la Juventus era Platini».

Il suo ricordo più bello?
«Nel 1981, nella volata a tre con Roma e Napoli, fu decisiva la nostra vittoria al San Paolo a due o tre giornate dalla fine. Non giocammo contro una squadra, ma contro tutta una città».

Chi decide sabato la supersfida?
«Higuain ha fatto 24 gol in 24 partite. Facile fare il suo nome. Ma nella Juventus c’è Dybala che mi pare stia vivendo un momento d’oro…».

Le ricorda qualcuno Higuain?
«Faccio un nome diverso dagli altri e che magari farà storcere il naso a molti: è Edmundo!»

E certo, lei ha perso uno scudetto a Firenze a causa sua.
«Lasci stare l’aspetto caratteriale. Ma aveva un potenziale fisico che tanto mi fa venire a mente il brasiliano. Poi come spietatezza e concretezza, se dico Paolo Rossi non credo che l’argentino si offenderà».

E Batistuta?
«Differenti. Molto. Io lo adoravo. Ma mi sembra diverso da Higuain. Poi i paragoni sono sempre poco generosi. Agnelli mi ripeteva sempre che davanti ai giocatori moderni non si poteva mai dire ah, ai nostri tempi. Noi andavamo a dormire alle 9 di sera. Il calcio di oggi, con i campioni di oggi, è eccezionale perché vive su ritmi eccezionali».

Quali le caratteristiche di Juve e Napoli?
«Quando tutto funziona la squadra di Sarri è bella, imprevedibile. E sviluppa un calcio corale come pochi in Europa. Nella Juventus la prerogativa è la cattiveria agonistica: ha nel Dna la vittoria. E non è una cosa di poco conto per vincere i campionati»

Con Allegri e Sarri è il riscatto della scuola italiana?
«In modo diverso sono riusciti nello stesso intento: sono arrivati tra lo scetticismo dell’ambiente, facendo i pungiball. Ma piano piano tutti sono andati dietro di loro, riuscendo a saldare giorno dopo giorno due gruppi fantastici».

Archivio