bandiere-grecia-ue-675[1]

CRONACA ORA PER ORA – I ministri delle Finanze dell’area euro devono decidere sulla nuova richiesta arrivata martedì da Alexis Tsipras, che vuole un terzo piano di salvataggio e un allungamento del rimborso del debito attuale. Intanto dalla mezzanotte il Paese è “in arretrato” nei confronti del Fondo monetario perché non ha pagato la rata di rimborso dovuta. Dopo la chiusura delle banche salita dal 30 al 37% la percentuale di popolazione favorevole all’intesa con i creditori Il premier greco, Alexis Tsipras, si avvia ad accettare tutte le condizioni dei creditori internazionali che erano sul tavolo dei negoziati lo scorso weekend con pochi cambiamenti minori. In una lettera di due pagine inviata la notte scorsa alla ex troika e pubblicata dal Financial Times, il leader di Syriza spiega infatti quali misure fiscali e di riforma è disposto a mettere in campo in cambio di un terzo piano di salvataggio da 30 miliardi a carico del fondo salva-Stati Esm e di una rinegoziazione del debito già accumulato. Cioè le richieste avanzate in un’altra lettera martedì pomeriggio (LEGGI LA LETTERA che chiede l’intervento dell’Esm).
Nel documento si legge che Atene “accetterà in toto la riforma dell’Iva tranne che su un punto: uno sconto speciale del 30% per le isole greche, molte delle quali si trovano in regioni remote e difficili per l’approvvigionamento”. Per quanto riguarda la riforma delle pensioni, il governo greco chiede che “slitti a ottobre”, anziché partire subito, l’innalzamento dell’età di uscita a 67 anni entro il 2022. Tsipras parla anche del sussidio per i pensionati più poveri (Ekas), che promette di eliminare entro il 2019, ma più gradualmente di quanto richiesto dai creditori. I tagli alla spesa militare dovrebbero poi limitarsi a 200 milioni di euro, contro i 400 proposti dalla ex troika. La lettera sarebbe dovuta servire a ottenere anche una proroga del secondo programma di assistenza, che è però scaduto nella notte.
Intanto l’Eurogruppo, che martedì sera ha bocciato la richiesta di un’estensione del programma terminato alla mezzanotte, è slittato al pomeriggio per “la richiesta di numerosi ministri”, come riferito dal presidente Jeroen Dijsselbloem. Al centro del negoziato c’è ora la controproposta del premier greco a Jean Claude Juncker, Mario Draghi, Christine Lagarde, Jeroen Dijsselbloem e Klaus Regling, direttore dell’Esm. Tsipras chiede un terzo salvataggio, cioè nuovi prestiti stavolta a carico del fondo europeo salva Stati (Esm), e un allungamento del rimborso del debito attuale nei confronti dell’Efsf e dei Paesi partner. Il premier italiano Matteo Renzi, che da tempo Roma non siede al tavolo dei negoziati ad alto livello, è a Berlino per una conferenza sull’Europa e nel pomeriggio incontrerà la Cancelliera.
Da mezzanotte Atene è insolvente nei confronti del Fondo monetario internazionale: “Il pagamento di 1,2 miliardi di dollari dovuto non è stato ricevuto”, ha ufficializzato il portavoce del Fmi Gerry Rice. Tutto questo mentre nei sondaggi, in vista del referendum di domenica, resta in testa il no, ma il sì sta recuperando. Secondo l’istituto Prorata in una rilevazione per il giornale Efimerida ton synatkton, prima dell’annuncio della chiusura delle banche, da lunedì, i sì erano al 30% e i no al 57%. Dopo l’introduzione di tetti ai prelievi bancomat e lo stop alle transazioni verso l’estero, i sì sono saliti al 37% e i no sono scesi al 46, riducendo il divario dal 27% al 9. Circa l’86% degli intervistati ha detto che domenica andrà a votare: secondo gli analisti è un segnale che i greci ritengono cruciale l’esito della consultazione sull’ultima proposta , che in caso di vittoria del no potrebbe sfociare nell’uscita del Paese dall’Eurozona.

In attesa del nuovo vertice dei ministri finanziari, la Borse europee hanno aperto tutte in recupero dopo due giorni di vendite. Milano in avvio di seduta guadagnava lo 0,74% e ha poi rafforzato i guadagni. Maglia rosa Parigi, che è partita a +0,96%. Dopo la diffusione della lettera di Tsipras Il differenziale di rendimento (spread) tra i titoli di Stato decennali italiani e quelli tedeschi è sceso a 152 punti contro i 156,5 registrati in chiusura martedì.

CRONACA ORA PER ORA

12.11 – Schaeuble: “Lettera di Tsipras non è una base per parlare di misure serie”
Il negoziato con la Grecia non può tornare allo “status quo: siamo in una situazione completamente nuova”. Lo dice il ministro delle Finanze tedesco Wolfgang Schaeuble, spegnendo gli entusiasmi dopo l’ultima lettera del premier ellenico Alexis Tsipras che “non è una base per parlare di misure serie”.

11.49 – Renzi: “C’è terza via tra irresponsabilità e austerity”
“C’è una terza via tra irresponsabilità e austerity”. Lo ha detto a Berlino, intervenendo all’Università Humboldt, il presidente del Consiglio Matteo Renzi. “Questa terza via non sta nella scheda del referendum greco ma deve stare nell’agenda del Consiglio europeo”. Il premier ha sottolineato la necessità di trovare “il coraggio della crescita e non solo il totem dell’austerity”.

11.19 – Financial Times: “Tsipras vicino al sì”
Il premier greco Alexis Tsipras “accetterà tutte le condizioni dei creditori che erano sul tavolo nel weekend con solo alcuni cambiamenti minori”. Lo scrive il Financial Times che cita la lettera inviata da Tsipras ai creditori la notte passata. “La Repubblica ellenica è pronta ad accettare questo accordo tecnico con i seguenti emendamenti, addizioni e chiarimenti, nell’ambito di un’estensione del programma Efsf e del nuovo prestito Esm per il quale è stata avanzata richiesta oggi, 30 giugno”, si legge nella missiva di Tsipras di due pagine risalente alla scorsa notte.

10.32 – S&P: “In caso di Grexit rischio di contagio meno elevato rispetto al 2010-2011″
L’agenzia di rating Standard &Poor’s ritiene che “nello scenario peggiore, di un’uscita della Grecia dall’eurozona i rischi di contagio ad altri paesi della zona euro siano meno elevati rispetto al 2010-2011. Tuttavia, un tale impatto potrebbe portare a una maggiore avversione al rischio da parte degli investitori, finanziatori, e dei consumatori”.

10.14 – Dbrs taglia il rating greco da CCC a CC: “Senza accordo Grexit sempre più probabile”
L’agenzia di rating Dbrs ha ridotto la valutazione sulla Grecia a ‘CC’ da ‘CCC (high)’. “Il downgrade – spiega una nota – è stato alimentato dal recente fallimento dei negoziati tra la Grecia e i creditori internazionali circa i termini del programma di sostegno finanziario che avrebbe potuto tamponare la grave crisi di liquidità della Grecia”. In assenza di un accordo e di un nuovo sostegno finanziario Dbrs vede “un’uscita della Grecia dalla zona euro e un default del debito del settore privato come uno scenario sempre più probabile”.

9.53 – Ryanair accetta solo contanti
La compagnia irlandese Ryanair offre ai clienti greci la possibilità di acquistare i biglietti aerei in contanti presso le sue biglietterie negli aeroporti del Paese. La decisione è una conseguenza della chiusura delle banche e del controllo dei capitali imposti dal governo di Atene a partire da lunedì. I cittadini ellenici non possono usare carte di credito o di debito per fare acquisti via internet e tra le attività più penalizzate, riferisce Protothema online, ci sono anche le compagnie aeree. Ryanair. che vola da e per 11 aeroporti in Grecia, ha già registrato “una pesante diminuzione” delle transazioni da parte di clienti greci.

9.38 – Migliaia in fila per la pensione
Migliaia di pensionati greci non in possesso di bancomat o carte di credito si sono messi in fila da questa mattina già prima delle 8 davanti alle banche aperte per il solo pagamento in contanti delle pensioni. Le principali banche elleniche hanno detto che i pagamenti – per un massimo quotidiano di 120 euro – verranno fatti secondo un ordine alfabetico, anche se alcuni istituti hanno detto che i pensionati verranno serviti secondo l’ordine con cui si sono messi in fila, per evitare tensioni e caos.

9.36 – Deputato opposizione: “Pronto team per ritorno a dracma”
Haris Theoaris, deputato del partito di opposizione greco To Potami, ha detto che il governo ha creato una squadra che sta preparando il ritorno del paese alla dracma. Un’affermazione che è stata seccamente smentita da un esponente dell’esecutivo, che ha parlato di “fantasie” e di affermazioni “irresponsabili” e “vergognose”.

8.33 – Atene: “Referendum costerà 20 milioni”
Il referendum sugli accordi tra i creditori internazionali e la Grecia costerà “fino a 20 milioni di euro”: lo ha detto il ministro dell’Interno Nikos Voutsis, spiegando che nell’approssimarsi del voto, una commissione informale ‘bipartisan’ si è incontrata ieri con i rappresentanti di tutti i partiti, inclusi quelli rappresentati all’Europarlamento. Voutsis ha detto che non ci sarà alcun finanziamento pubblico ai partiti impegnati nella campagna referendaria. Il ministro ha ricordato che per essere valido, il referendum deve essere votato da almeno il 40% degli aventi diritto. Circa 8 milioni di greci sono chiamati ad esprimersi, su una popolazione attorno agli 11 milioni.

00.35 – Fmi: “Richieste Grecia saranno esaminate a tempo debito”
Il Fondo monetario internazionale conferma di aver ricevuto una richiesta da parte della autorità greche per una proroga dei pagamenti che Atene avrebbe dovuto versare all’Fmi entro la mezzanotte di ieri. Tale richiesta – ha quindi sottolineato il portavoce del Fondo, Gerry Rice – “andrà al board esecutivo dell’Fmi a tempo debito”.

00.21 – Fmi conferma: “Grecia non ha pagato”
Il pagamento della Grecia che era oggi in scadenza non è arrivato: la conferma ufficiale arriva dall’Fmi, che sottolinea come ora Atene non potrà ricevere nuovi finanziamenti fino a che non avrà pagato gli arretrati. “Confermo – scrive in una nota il portavoce del Fondo monetario, Gerry Rice – che il pagamento di 1,2 miliardi di dollari (circa 1,5 miliardi di euro) dovuto nella giornata di oggi dalla Grecia all’Fmi non è stato ricevuto”. “Abbiamo informato il nostro board esecutivo – aggiunge il portavoce – che la Grecia è ora in arretrato e potrà ricevere finanziamenti dall’Fmi solo se gli arretrati saranno pagati”.