Rubriche

Category Archives: mondo

124355619-d944c7dc-aa5c-4d23-8dcf-346ae8c1e0bf[1]

Rio de Janeiro: Aguia de Ouro, regina della Samba nella prima notte del carnevale (Video – Tg tramonti)

132327315-7dd2db2a-ab31-42b4-936f-67e5719bd78e[1]

In Brasile il carnevale ha preso il via. Nonostante la crisi economica, anche quest’anno più di un milione di visitatori da tutto il mondo assisterà alla tradizionale festa animata da maschere, balli e variopinti carri allegorici. Protagoniste delle parate le scuole di samba come la Aguia de Ouro, che ha animato la prima notte di danze a San Paolo. Le scuole di samba si sfideranno per conquistare il tradizionale premio che sarà aggiudicato in base agli abiti, alla coreografia, alla scelta della musica, alla performance e al ritmo delle regine dei tamburi.
Il tema del carnevale di quest’anno è la donna brasiliana, “una guerriera che si sveglia alle 5:30 del mattino e bada ai figli”.

Leggi ...

images[3]

Italiani in fuga: è record di emigranti. Vedi, Spot Pubblicitario

 

 

 

 

 

images[3]
Le storie come queste sono all’ordine del giorno, in una Italia ormai dove lo spazio per i giovani e non  giovani  è   sempre più stretto. Enzo Rossi, 53 enne, pizzaiolo , ha tentato, la sorte emigrando in Polonia negli anni 90,  muovere i suoi primi passi nella Varsavia   in espansione  economica, Mi sono resa conto che qui non c’era una minima prospettiva. Non solo per quanto avevo intenzione di fare,  ma anche solo  per vivere. Ora sono proprietario di 5 ristoranti con 20 operai, e 20 famiglie vivono grazie al mio lavoro, ovviamente   in una terra non mia,  dove i sapori  gli odori e le tradizioni sono diverse e  dove ho fatto tanta fatica per adattarmi, specialmente la lingua e il clima rigido.Le pizzerie  si chiamano ” Bella Napoli ”  per ricordare la nostra bella città col Vesuvio. Qui mi trovo bene, sono riuscito ad acquistare anche una Ferrari testa rossa,  le tasse da pagare  sono ridotte al minimo.

 

 

Leggi ...

papa-francesco-675[1]

Papa: i cattolici debbono fare figli ma non come i conigli

imagesV757CFN3

Papa Francesco a ruota libera, dalla paternità alla corruzione, fino alle disuguaglianze. Il pontefice ne ha parlato sul volo che lo ha riportato in Vaticano dal viaggio in Asia. Ecco le principali affermazioni, alcune delle quali faranno discutere. Tre figli numero giusto «Paternità responsabile significa che si devono fare figli, ma responsabilmente. Alcuni credono che i cristiani debbono fare come i conigli». Papa Francesco ha risposto così a una domanda sull’Enciclica «Humanae vitae» di Paolo VI che proibì la contraccezione, e sulla quale anche nelle Filippine la maggior parte dei fedeli cattolici esprime riserve nelle Il Sole 24 Ore.images[10]

Il tentativo di corruzione subìto «In quel momento io ho pensato: cosa faccio?. Li insulto, gli do un calcio dove non batte mai il sole oppure faccio lo scemo. E ho fatto lo scemo». Lo ha detto il Papa ai giornalisti sul volo di ritorno dalle Filippine, raccontando come una volta, appena diventato arcivescovo di Buenos Aires, ebbe a che fare con due che volevano corromperlo. Emarginati, terrorismo di Stato? C’è sempre più assuefazione a vedere la grande povertà accanto alla ricchezza estrema. «Forse stiamo tornando alle “caste” e forse quando le persone vengono scartate e emarginate, si può parlare di “terrorismo di Stato».

Prossimo viaggio in Sudamerica Papa Francesco ha rivelato le mete dei suoi prossimi viaggi, conversando con i giornalisti nel volo di ritorno dalle Filippine, precisando che non si tratta ancora di decisioni tutte definite. A luglio di quest’anno visiterà Ecuador, Bolivia e Paraguay. In settembre andrà negli Stati Uniti, dove il viaggio includerà la capitale federale Washington, New York, perche’ e’ previsto un intervento al Palazzo di Vetro dell’Onu, e Filadelfia dove si svolgerà l’Incontro mondiale delle Famiglie ma non la California e il Messico («perché ci vorrebbero cinque giorni in piu’, due per la California e tre per il messico Ma ci sara’ un tempo per andare anche in Messico, a salutare la Madonna di Guadalupe», ha detto il papa

A novembre poi ci sara’ il primo viaggio africano: andra’ in Centrafrica e Uganda («c’e’ stato un ritardo nel decidere quando e dove, a causa dell’Ebola, abbiamo fatto molte riunioni su questo», ha rivelato). Nel 2016 poi Francesco visitera’ Cile e Peru’ e tornera’ per la prima volta dall’elezione del marzo 2013 in Argentina. Nelle mete individuate non c’e’ dunque El Salvador, dove sara’ beatificato l’arcivescovo martire Oscar Arnulfo Romero: quella per decidere chi presiedera’ il rito, «e’ una guerra che combatteranno monsignor Paglia e il cardinale Amato», ha scherzato Bergoglio.

 

Leggi ...

Scozia, domani il voto sull’indipendenza. Il fronte del “no” al 52%

ADVERTISEMENT

 

A poche ore dal referendum di domani gli ultimi sondaggi fotografano in maniera uniforme un lieve vantaggio per il fronte unionista.

Secondo la rilevazione effettuata da Opinium per il Daily Telegraph, i «no» sono al 52%, mentre i «si» all’indipendenza si attestano sul 48%. Stesso risultato per il sondaggio realizzato da Icm per lo Scotsman e per quello effettuato da Survation per l’edizione scozzese del Daily Mail.

Lettera di Salmond agli elettori. Nell’ultimo giorno di campagna prima dello storico referendum sull’indipendenza della Scozia, il leader dell’Snp Alex Salmond, in una lettera aperta, rivolge un nuovo appello agli scozzesi, esortandoli a votare “sì”.

«Facciamolo», scrive Salmond, chiedendo agli elettori di prendere le distanze dal dibattito politico e di recarsi alle urne riponendo fiducia solo in loro stessi. «Lo spazio per le parole è quasi esaurito. – scrive il leader indipendentista -. Restiamo noi, la gente che vive e lavora qui. Gli unici che votano, coloro che contano». E continua: «Il futuro della Scozia, il nostro paese, è nelle nostre mani». Tre nuovi sondaggi segnalano intanto il fronte del “No” leggermente in testa al 52%, ma con gli indipendentisti a distanza ravvicinata (48%), confermando quindi l’incertezza sul risultato.

In una intervista a Bbc Radio Salmond ha detto che la campagna per il referendum è stata la più «straordinaria campagna politica» nella storia della Scozia e che sarà un testa a testa fra i due schieramenti fino alla fine. Si dice sicuro, inoltre, che in caso di vittoria degli indipendentisti ci sarà un negoziato con Londra in un clima di «amicizia cameratesca».

E che soprattutto i leader di Westminster non saranno più contrari a una condivisione della sterlina col nuovo Paese, superando quello che lui definisce come un «atteggiamento mosso da ragioni politiche e un bluff». Salmond ha anche ricordato quello che per lui è stato il principale errore della campagna per il “no”: «Il principale errore è stato dire alla gente in Scozia che la terra di Adam Smith non è in grado di gestirsi dal punto di vista finanziario». Il primo ministro scozzese ha affermato che uno dei momenti più entusiasmanti nella campagna è stato vedere gli elettori di Dundee, considerata una roccaforte dei nazionalisti, in coda per registrarsi al voto.

Politici insultati e minacciati. A un giorno dal referendum scozzese la campagna elettorale si infiamma più che mai. Secondo l’Independent, il clima è sempre più rovente mentre i politici dei diversi schieramenti alzano i toni e alcuni di loro sono stati insultati e minacciati.

Ieri il leader laburista Ed Miliband è stato costretto a interrompere una visita in un centro commerciale di Edimburgo da un gruppo di manifestanti pro secessione, che lo hanno apostrofato come «bugiardo» e «assassino».

Il deputato George Galloway, del movimento radicale «Respect», avrebbe ricevuto la minaccia di «prendersi un proiettile» in un comizio a Glasgow. Ma anche il mite Gordon Brown, l’ex premier laburista, ha dato ai secessionisti dei bugiardi per non aver avvertito gli elettori delle conseguenze negative di una indipendenza, a partire dai tagli necessari per il servizio sanitario pubblico. Il primo ministro scozzese, il nazionalista Alex Salmond, per tutta la campagna ha accusato Londra di orchestrare una sorta di «complotto» contro l’indipendenza, coinvolgendo in questo le grandi società britanniche. Non è stata risparmiata nemmeno la Bbc, definita come di parte e prevenuta per la sua presunta copertura della campagna in favore dell’unione.

Le donne determinanti. Il destino del Regno Unito è in mano alle elettrici scozzesi. È quanto emerge da un sondaggio realizzato dall’Opinium Research per il Telegraph, alla vigilia del referendum sull’indipendenza della Scozia.

Il 52% dei 1.150 scozzesi intervistati prevede di votare «no», il 48% «sì», mentre circa l’8 è ancora indeciso. Inoltre, sarebbe in crescita il numero delle donne a favore del «no». I risultati mostrano che la campagna per il no al momento ha un vantaggio di 16 punti tra le donne. Il dato è aumentato di due punti rispetto all’ultimo sondaggio di domenica dell’Opinium.

Tra le elettrici che già hanno deciso cosa votare, il 58% ha affermato che domani voterà no, mentre il 42% si è detto a sostegno dell’indipendenza. Il 53% degli uomini intervistati, invece, voterà sì. Infine, al sondaggio Telegraph/Opinium il 91% degli intervistati si è detto certo di cosa voterà, mentre solo l’1% ha deciso che non si recherà alle urne. Il sondaggio è stato condotto online tra gli scozzesi dai 16 anni – che potranno votare al referendum – tra venerdì e lunedì scorsi.

Le forze armate britanniche: «L’indipendenza ci renderebbe più vulnerabili». L’indipendenza scozzese renderebbe tutto il Regno Unito più vulnerabile agli attacchi. In una lettera al Sun, 14 ex capi delle forze armate sostengono che un «no» al referendum di domani è «cruciale per tutta la nostra sicurezza» e dividere la Gran Bretagna «indebolirebbe tutti noi». La lettera è stata firmata da sette ex capi di Stato Maggiore della Difesa, tre ex First Sea Lords (comandanti della Royal Navy oltre che di tutto il servizio navale), tre ex capi dell’esercito e un ex capo della Royal Air Force.

Nella «lettera aperta al popolo della Scozia» vengono espresse le loro preoccupazioni sulla possibilità di un esercito scozzese distinto. «In quanto ex capi della Royal Navy, dell’esercito britannico e della Royal Air Force, sappiamo che è fantasia parlare di forze armate regionali – hanno scritto – ci addestriamo come uno, combattiamo come uno e siamo sotto un unico comando. Noi non siamo, e non siamo mai stati, strutturati per la divisione». Secondo loro un voto per la separazione «minerebbe sia la difesa scozzese che quella del resto del Regno Unito». La divisione della Gran Bretagna, conclude la lettera, «può o non può essere politicamente o economicamente sensata, ma in termini militari siamo chiari: ci indebolirà tutti».

Leggi ...

Archivio