Rubriche

Category Archives: politica

De Magistris: «Sospeso? Spazio al vicesindaco. Ringrazio Putin e Obama. Nell’ultimo anno attacchi perfidi»

«Ringrazio Putin e Obama che non sono intervenuti nella vicenda che mi ha visto protagonista oltre al Santo Padre e al comandante della Nato». Luigi de Magistris, sindaco di Napoli, è ironico su quelle che sono state le posizioni espresse da più parti per la condanna dell’inchiesta Why not e dice: «Mi pare che siano intervenuti tutti». L’ex pm fa un parallelo con la sua vita da magistrato e si domanda perché  «se faccio così pena, tutto questo interesse?». sindaco di napoli«Voglio chiarire che non ci sarà un sindaco facente funzione, qualora malauguratamente dovessi essere sospeso, ma ci sarà un vicesindaco che formalmente rappresenta il sindaco, altrimenti per quanto mi riguarda quest’esperienza è conclusa perché, può piacere o no, il popolo napoletano ha eletto Luigi de Magistris». Mette in chiaro, il sindaco, condannato con pena sospesa per l’inchiesta  Why not,  cosa succederà qualora fosse applicata la legge Severino che prevede la sospensione dalla carica per chi è condannato. Se sarà sospeso, in applicazione della Legge Severino, il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, farà questo: «Una cosa che mi piace e mi entusiasma moltissimo: andrò ad adottare, giorno dopo giorno, deluso per deluso». Così come fece in campagna elettorale, nelle due settimane del ballottaggio per la corsa a sindaco di Napoli quando «adottammo un astenuto per astenuto». «Se qualcuno vuole lanciare la sfida col cavillo giuridico – avverte – io la rimbalzo con l’entusiasmo politico». «E quando finirà la sospensione, che mi auguro che non ci sarà perchè non ci sono le condizioni, noi saremo ancora politicamente più forti – afferma – Non è che scompaio da palazzo San Giacomo, nè sarò un fantasma o uno spirito nè un convitato di pietra». «Sarò il sindaco – ripete finalmente potrò fare quello che più mi piace: guardare in faccia i miei concittadini e avere un rapporto fisico e psicologico con loro». «Perfidi, violenti, brutti, malcelati e visibili allo stesso tempo»: sono le parole che il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, usa per definire «gli attacchi dell’ultimo anno». «Mettiamoli uno dietro l’altro», invita e comincia a fare l’elenco di questi «attacchi». A cominciare da «quella decisione francamente discutibile della sezione regionale della Corte dei Conti, il commissariamento del San Carlo, il tentativo di farci cadere sul bilancio consuntivo». E «adesso il commissariamento strisciante attraverso Bagnoli». Ancora: «L’attacco per far cadere nelle ultime ore l’Amministrazione. Potrei continuare». «È qualcosa di particolarmente preoccupante perchè io credo che rappresentanti di interessi non solo politici, ma anche affaristici e finanche, secondo me, criminali – afferma – stanno cercando di portare l’assalto finale a una esperienza democratica cercando di circondarla e di commissariarla». L’Anm «deve difendere la magistratura come sa fare» ma deve anche «saper riconoscere gli errori di alcuni magistrati, altrimenti diventa corporativismo fine a se stesso» dichiara de Magistris, replicando alla nota dell’Associazione nazionale magistrati che ha definito «inaccettabili» le sue dichiarazioni sulla sentenza del processo Why not. «Parole dure le mie e parole dure quelle dell’Anm – aggiunge de Magistris – sono un uomo delle istituzioni ferito cui è stata strappata la toga di pm per aver fatto il mio lavoro e, a distanza di 7 anni vengo accusato per un’assurdità. Sono un uomo delle istituzioni ma sono anche un uomo libero e gli uomini, quando le istituzioni fanno schifezze, devono dirlo». De Magistris spiega di aver ricevuto messaggi da «alcuni magistrati che mi hanno detto delle belle cose, che a me servono perché ho bisogno di un sostegno. Come diceva Pasolini, autonomia indipendenza e libertà sono un elemento di forza ma anche di debolezza, se si rimane isolati».

Leggi ...

de Luca

Processione di San Matteo: per De Luca è il momento del silenzio

de Luca

Contrito, quasi sofferente e sorprendentemente dai toni bassi, l’intervento del sindaco di Salerno Vincenzo De Luca, ospite di “S come Salerno” trasmissione di Radio Alfa in onda ogni martedì alle 12,45. O almeno quando, ad inizio trasmissione, affronta lo spinoso tema della processione di S.Matteo e di quanto avvenuto domenica pomeriggio tra la rivolta dei portatori delle statue dei Santi, i fischi al Vescovo Moretti e i cori da stadio della gente. “Mi chiedo se con la pesantezza della vita, era proprio necessario tutto questo?” Così inizia De Luca rispondendo alle molteplici domande degli ascoltatori giunte, su questo argomento, alla segreteria telefonica della radio. Dichiarando di aver poco da dire sulla questione perchè non presente alla Processione (e svicola più volte alla domanda sul perchè della sua assenza, n.d.r.) Vincenzo De Luca riassume la vicenda partendo dalla decisione del Vescovo Moretti, aderendo ad una direttiva della CEI, di predisporre una festa più intima e sobria e non popolare.

“Noi abbiamo rispettato la decisione della Curia che ha la responsabilità della manifestazione”. Il momento di tensione secondo De Luca sarebbe nata dalla decisione (…De Luca sostiene di “non sapere” chi ha preso questa decisione n.d.r.) di far partire le statue dal cortile e non dall’interno del Duomo. “Questo è tutto, non c’è da fare delle dietrologie, non ho lo stato d’animo di rispondere a tutte le sciocchezze”. Questa è l’affermazione netta del sindaco all’ipotesi di una “regia unica” avanzata da molti in riferimemento alle proteste. Il sindaco conclude che è il momento di fare silenzio su questo argomento e in “unità” fare una serie riflessione sulle scelte e su quanto accaduto. Sulla vicenda degli inchini, il sindaco non ha dubbi che anche in questo caso dietro il paragone tra gli “inchini” di Salerno e quelli ai malavitosi in Calabria e Sicilia, ci siano persone “indegne” che non perdono l’occasione per offendere la città.

Nel corso della trasmissione De Luca torna anche sulle candidature provinciali ironizzando sulla presenza di Giovanni Romano. “Sindaco, assessore regionale e ora candidato alla Provincia. Se c’è un posto per fare il tappo della Coca Cola, candidano questo! Paese bizzarro il nostro”

Leggi ...

I ragazzi del 5 stelle ci avevano già avvisati…

Oggi Descalzi, nel frattempo nominato da Renzi nuovo AD di ENI, e’ finito ufficialmente nel registro degli indagati della Procura di Milano per una maxi-tangente in Nigeria. Le maxi-tangenti nei paesi africani hanno due conseguenze: l’impoverimento del paese che paga (noi italiani) e l’impoverimento delle popolazioni africane che non godono delle loro ricchezze perché queste sono controllate da delinquenti locali finanziati dalle multinazionali straniere.

 

Leggi ...

Archivio