Rubriche

Category Archives: politica

La manovra sale a 30 miliardi, 18 andranno a ridurre le tasse

Per le imposte sulla casa allo studio il ritorno delle detrazioni generalizzate: 200 euro per tutti più 50 a figlio. Prevista una riserva speciale di 2,5 miliardi per far fronte a eventuali contestazioni della UeROMA – La legge di Stabilità 2014 sale a 30 miliardi. Serviranno per tentare di rilanciare il paese allo stremo, al terzo anno di recessione consecutiva, e per fare un’operazione di riduzione di tasse, come annunciato ieri dal presidente del Consiglio, “mai tentata”, da 18 miliardi. L’Italia si gioca il tutto per tutto perché buona parte della manovra sarà in deficit: spinta positiva per moltiplicare la crescita e arrestare la deflazione, ma fumo negli occhi a Bruxelles.

Il pacchetto, che sarà varato dal consiglio dei ministri di domani, è pronto: il premier ne ha annunciato l’architettura ieri parlando agli industriali a Bergamo e i tecnici sono al lavoro al ministero del Tesoro per limare gli ultimi dettagli della prima manovra del governo firmata Renzi-Padoan.
L’entità delle risorse che il governo ha deciso di immettere nell’economia è rilevante e, per evitare – come ha spiegato Padoan – di aggravare ancora di più la recessione si basa sostanzialmente per meno della metà su tagli (circa 13,3 miliardi), in parte sul ricorso al deficit (11,5 miliardi) e in misura minore su entrate fiscali di vario genere (circa 5 miliardi).

Dove andranno le risorse? In primo luogo serviranno alla conferma del taglio dell’Irpef sui bassi redditi: il celebre bonus di 80 euro per chi guadagna sotto i 1.500 euro al mese che costa 10 miliardi e che ci sarà anche nel 2015. Misura che potrebbe essere affiancata da quella, a costo zero, dell’anticipo delle liquidazioni dei lavoratori in busta paga a neutralità fiscale. Obiettivo: spinta ai consumi.

In seconda battuta nelle priorità della “Stabilità” ci sono le aziende: Renzi ha annunciato che il taglio dell’Irap sarà più consistente di quanto si è pensato fino ad oggi, e raggiungerà i 6,5 miliardi. Sara probabilmente una operazione che inciderà sulla componente lavoro dell’imponibile fino ad azzerarlo: un aspetto che ha sempre sollevato malumori e contestazioni di vario genere. L’altra misura, volta a favorire le assunzioni di giovani, riguarda una sorta di fiscalizzazione degli oneri sociali che consentirà alle imprese di pagare zero contributi sui nuovi assunti per un triennio (1,5 miliardi).

L’emergenza che viene dai territori e dai Comuni ormai a secco di risorse per gli investimenti dovrebbe essere fronteggiata con un miliardo: sarà allargato il cosiddetto “patto di stabilità interno” nella parte che pone un tetto a investimenti dei Comuni. Stessa filosofia per la scuola: un miliardo per docenti e interventi straordinari di manutenzione. Nel capitolo emergenze, quella più importante del lavoro: a 1,5 miliardi per il decollo del nuovo sussidio di disoccupazione universale. Uno sforzo viene fatto anche nei confronti delle famiglie numerose che avranno circa 500 milioni probabilmente in termini di assegni ai figli o detrazioni Irpef.

Resta invece in bilico ma non è detto che non possa entrare una misura dell’ultima ora: la reintroduzione della detrazione generalizzata sulla tassa sulla casa, com’era con l’Imu nel 2012, pari a 200 euro per tutti con l’aggiunta di 50 euro a figlio. L’operazione avverrebbe a ridosso del pagamento della rata Tasi del 16 ottobre che sta provocando nuovi disagi ed esborsi.

Da dove arriveranno le risorse? Il perno della manovra è lo spostamento dell’asticella del deficit dal 2,2 previsto al 2,9 per cento: con questa operazione si liberano 11,5 miliardi. Prudenzialmente il ministro dell’Economia Padoan ha previsto una riserva speciale di 2,5 miliardi per eventuali contestazioni da parte della Commissione europea a fronte del rinvio di due anni al 2017 del pareggio di bilancio. Ieri comunque l’Ufficio parlamentare di bilancio, organismo previsto dal Fiscal compact, ha dato il disco verde al Def e ha riconosciuto l’esistenza di “circostanze eccezionali” per il rinvio del pareggio.

Il capitolo dei tagli o spending review, investe l’intera pubblica amministrazione, centrale e periferica. In tutto per quest’anno circa 13,3 miliardi: cinque verranno dai ministeri, 3 dalle Regioni, 1,8 dai Comuni e 3,5 dalle Province. Non è escluso un intervento sulle municipalizzate e un piccolo intervento sulla sanità al di fuori del pacchetto gestito dalle regioni.

Le tasse non aumenteranno, ha garantito Renzi. Ma questo non significa che il comparto fiscale non sarà toccato. La vecchia partita delle detrazioni fiscali dovrebbe dare 1,2 miliardi: si lavora al taglio progressivo, in base a fasce di reddito, della percentuale del 19 per cento per alcuni oneri detraibili a partire dalle spese mediche e sanitarie.

La lotta all’evasione dovrebbe far conto del dispositivo elettronico messo a punto da Rossella Orlandi all’Agenzia delle entrate oltre a nuove norme come la reverse charge cioè l’autofatturazione dell’Iva a carico dell’acquirente di grandi servizi e dell’edilizia. Aumento delle tasse anche per le slot machine, le macchinette mangiasoldi dalle quali Renzi è intenzionato a prelevare 1,5 miliardi.

Leggi ...

Governo, Bellanova e la bugia sulla firma: “Non è mia”. Ma aveva detto il contrario

bellanova-640[1]

Ex sindacalista e ex relatrice della legge Fornero che ha cancellato le “finte” partite Iva, la sottosegretaria al Lavoro del Pd è stata portata in tribunale dall’ex addetto stampa del partito a Lecce che dice di non aver lavorato in nero. Lei nega. E in tv, alla “Gabbia”, nega anche che sia stata lei ad aver sottoscritto una lettera “di referenze”. Ma davanti al giudice aveva detto il contrario

“Questa è la sua firma? È la sua firma o no?”. “Io non lo so, se lei è in grado di dimostrare che quella è la mia firma, faccia”. “Sottosegretario, è la sua firma o no?”. “Non è la mia firma. No. Non è la mia firma”. Domenica 12 ottobre, alla Gabbia va in onda la bugia del sottosegretario al Lavoro Teresa Bellanova (Partito democratico), portata in tribunale da Maurizio Pascali, ex addetto stampa del Pd in Puglia, come ilfattoquotidiano.it ha già raccontato un mese fa. Lui dice che ha lavorato a lungo anche come collaboratore della stessa Bellanova (da anni parlamentare Pd) ma senza contratto. Lei, relatrice della legge Fornero che ha cancellato le false partite Iva, nega. E nega anche che la firma su un documento sia la sua. Mentre davanti al giudice aveva affermato il contrario. Una bugia che in altri Paesi avrebbe portato a lasciare La vicenda nasce nel 2010. Pascali accetta un posto da addetto stampa per il Pd di Lecce. Le condizioni non sono tra le più vantaggiose: impegno full time, fine settimana compresi, pagamento con partita Iva, 600 euro netti al mese. Il contratto è siglato con una semplice stretta di mano. Niente firme. Da quel momento e per 39 mesi il lavoro è intenso, quanto l’impegno politico della Bellanova. Comunicati stampa, disegni di legge, relazioni di accompagnamento ai ddl, reperimento di temi di discussione e tutto ciò che serve a un politico e a un partito che si apprestano a vivere le competizioni elettorali regionali, comunali, politiche.l’incarico.A fine mese Pascali fattura. Al netto di tasse e quant’altro restano circa 600 euro. Paradosso nel paradosso, Bellanova – ora sottosegretario al Lavoro e in precedenza anche sindacalista – nel 2012 è anche relatrice della legge Fornero, che tra l’altro dichiara “finte” le partite Iva aperte per ricevere un compenso derivante da un solo datore di lavoro, per il quale si presta servizio almeno 8 mesi all’anno, per almeno due anni consecutivi e con tanto di postazione fissa in un ambiente legato al committente. Proprio il caso del suo addetto stampa, Pascali. Con il quale comunque nel 2013 il rapporto di lavoro cessa.

Tra i due si tenta una conciliazione che non porta a nulla. Pascali insiste nel pretendere il riconoscimento di un rapporto di lavoro subordinato, con contratto nazionale di categoria e relativa differenza economica. Il sottosegretario resta ferma sulla sua posizione: era una collaborazione con null’altro a pretendere. Inizia, così, la diatriba legale che li vede tuttora contrapposti davanti al giudice. Tra i documenti depositati anche un documento con la firma di Teresa Bellanova nel quale la deputata tesseva le lodi di Pascali, ritenendo la collaborazione “proficua” e fondata sulla “serietà, puntualità e professionalità con cui ha sempre svolto la sua attività”. Ma se fino ad oggi la sottosegretaria accusava Pascali di aver utilizzato la lettera di referenze come testimonianza del lavoro subordinato e, quindi, estorta “con inganno e con raggiro perché sottoscritta in buona fede”, ora ne disconosce persino la firma. Eppure, in calce al documento di referenze stilato su carta intestata Camera dei Deputati, si legge proprio il suo nome. E nella deposizione davanti al giudice ha confermato di aver “sottoscritto” quella lettera.

Intanto all’ex addetto stampa non resta che farsi due conti in tasca. Il tesoriere del Pd di Lecce, nonché suo commercialista nei tre anni di lavoro, gli ha presentato il conto: 15mila euro di parcella. Che sottratti ai 27mila euro guadagnati all’epoca, ne lasciano a Pascali solo 12mila. Lordi, naturalmente.

 

 

 

 

 

Leggi ...

Vitalizi, la lunga lista degli ex onorevoli pagati dallo stesso Stato a cui hanno rubato

senato-6401[1]

Più volte in Parlamento si è parlato di abolirla, ma i provvedimenti si sono sempre arenati: da Tangentopoli alle condanne per concorso esterno in associazione mafiosa, corruzione in atti giudiziari, ricettazione e persino inquinamento delle falde, ecco la lista dei condannati in via definitiva che prendono la pensione da onorevole

Gode di ottima salute l’esercito dei puniti dalla legge premiati in Parlamento. L’Italia che non spende perché in deflazione, quella che s’attaccata agli 80 euro e alla promessa del tfr in busta paga ne ha in quantità. E imperterrita continua a versare pensioni ai tangentari di ogni legislatura. Nessuno in vent’anni ha impedito la beffa che ormai è storica, sistemica e ciclicamente vien fuori a sfidare la resistenza dei cittadini.

Quando dall’inchiesta sugli appalti Expo è rispuntato il suo nome, provocò sorpresa e sdegno: ecco, a volte tornano. Poi si è scoperto che Gianstefano Frigerio, classe 1939 e diverse condanne sul gobbo, in realtà non se n’era mai andato. E che dallo Stato ha continuato a percepire un vitalizio per i suoi cinque anni da deputato. Soldi che perfino oggi, tornato in cella per via della corruttela che accompagna la manifestazione milanese, gli vengono versati puntualmente, ogni mese. Ora si sa anche la cifra: riceve più di duemila euro al mese, 2.142,19 per la precisione. La notizia della pensione era circolata dopo l’arresto e aveva suscitando un certo clamore. Perfino il presidente del Senato Pietro Grasso aveva avanzato, e non per primo a dire il vero, la proposta di abolire i vitalizi agli ex parlamentari che hanno riportato condanne. La cosa, manco a dirlo, è finita sul binario morto con vari pretesti: le tecnicalità dell’abolizione (interrompere alla prima condanna o all’ultima?) e il rischio di incorrere nei rincorsi dei condannati pronti a far valere in aula un diritto acquisto e dunque intoccabile. Qualcuno che abbia rinunciato spontaneamente al beneficio? Nessuno. Gli onorevoli condannati e super-pensionati resistono a tutto. Eccoli

Mani ripulite e vitalizi assicurati

A scandagliare la lista dei vitalizi dei parlamentari “cessati” pubblicata da ilfattoquotidiano.it si scopre che Frigerio è in buona compagnia. C’è un pezzo intero di Tangentopoli che riesce a conservare uno stile di vita ben oltre il dignitoso grazie a una manciata d’anni in Parlamento. Partiamo dagli ex socialisti. Scorrendo l’elenco si incontra l’assegno previdenziale che Montecitorio versa ancora all’ex ministro Claudio Martelli, una degli ultimi politici ad affondate in Mani Pulite. Condannato in via definitiva nel 2000 resuscita nei panni del filantropo, di consulente di ministri e del giornalista televisivo. Ma soprattutto pensionato di lusso: potrà permettersi di sperimentare tutti i suoi talenti anche grazie al vitalizio da 4.992,2 euro.

L’assegno in conto Tangentopoli va avanti con i nomi dei craxiani Giuseppe La Ganga (5mila euro), dell’ex ministro del Bilancio Pietro Longo (4.992) e poi l’ex sindaco di Milano, Gianpaolo Pillitteri. Mentre scontava la sua condanna per ricettazione, la Procura non gli consentì di presenziare al funerale del cognato Craxi. Ma nessuno gli ha mai impedito d’incassare la pensione da onorevole: 3.016 euro. Stesso trattamento è riservato al sodale Carlo Tognoli, pure ex sindaco di Milano e più volte ministro della Repubblica. Gianni De Michelis, condannato a un anno e sei mesi patteggiati per corruzione nell’inchiesta sulle tangenti autostradali del Veneto, incassa 5.517,59 euro. Tra i democristiani doc spicca il pensionato Forlani Arnaldo, delfino di Fanfani scivolato sulla maxitangente Enimont che gli costerà una condanna a due anni e quattro mesi per finanziamento illecito. Ma non smetterà mai di guadagnare, grazie alla pensione da 6.062 euro, sempre nette. La stessa tangente costerà a Paolo Cirino Pomicino un anno e otto mesi cui si aggiunge la condanna a due mesi per corruzione nell’inchiesta su fondi Eni: la sua pensione costa invece oggi ai contribuenti italiani 5.573,22 euro (netti) al mese. Una delle foto che fecero scalpore negli anni di Tangentopoli ritraeva il deputato Dc Enzo Carra con le manette ai polsi. Era il 4 marzo del 1993. L’esposizione mediatica del parlamentare in manette scatenò l’indignazione antigiustizialista. Sarà condannato in via definitiva a 1 anno e 4 mesi per false dichiarazioni a pubblico ministero. Riabilitato, passerà nella fila del Pd e poi dell’Udc. Lasciato lo scranno, riceve 3.979 euro netti di pensione al mese. E nessuno si è indignato mai.

Di Renato Altissimo, vent’anni in Parlamento e gran collezionista di ministeri nella Prima Repubblica, si è tornati a parlare proprio quest’anno, quando insieme a Carlo Scognamiglio e Alfredo Biondi ha annunciato il vago e mai del tutto pervenuto movimento de “I Liberali”. Si riaffacciava alla politica pensando di aver chiuso i conti con la giustizia che a seguito di Mani Pulite gli aveva inflitto una condanna a 8 mesi per finanziamento illecito diventata definitiva nel 1998. La tesoreria della Camera dei Deputati gli versa la bellezza di 5.175 euro al mese. Altro liberale con la pensione d’oro è l’ex ministro Francesco De Lorenzo. Coinvolto nello scandalo di Tangentopoli, per il quale ha avuto una condanna definitiva (5 anni) per associazione a delinquere finalizzata al finanziamento illecito ai partiti, poi annullata dalla Cassazione per vizio di forma. Confermato invece il danno di immagine al ministero per 5 milioni di euro, soldi che lui sta ancora pagando allo Stato ma che dallo Stato, a ben vedere, arrivano: dopo 15 anni in Parlamento incassa una pensione da 4mila euro netti al mese.

 

Condannato per mafia, ma lo Stato paga ancora

Forse la pietra della scandalo sono loro. Quelli che anche se lo Stato li condanna per mafia come nemici, salvo trattative, poi li paga. Prendiamo tre parlamentari “eccellenti”. Marcello Dell’Utri, fuggiasco in Libano senza fortuna, attualmente soggiorna nella casa circondariale di Parma. Sconterà una condanna definitiva a 7 anni per concorso esterno in associazione mafiosa e altri procedimenti a suo carico sono pendenti. I magistrati di Palermo che indagano sulla “Trattativa” danno ora la caccia alle ricchezze che avrebbe fatto sparire per garantirsi una latitanza dorata. Ma non sarà mai povero in canna. Perché anche se poi trovassero il suo tesoro lui potrà contare su un paracadute lanciato dalle istituzioni democratiche: per tutto questo tempo in cella, lamentando l’assenza di libri, continuerà ad accumulare il vitalizio che non decade mai e a lui garantisce ogni mese 4.985,11 euro netti. Così si realizza il paradosso per cui quella parte di Stato che si contrappone alla mafia si trova contra un altro pezzo di Stato, le istituzioni, che ne foraggia gli ufficiali di collegamento passati per sentenza.


 

Dell’Utri non è mica il solo. Senza un intervento legislativo l’andazzo sarà lo stesso per i Matacena, i Totò Cuffaro e tanti altri che la legge punisce e il Parlamento premia. Tra gli altri, Cesare Previti che ha subìto una condanna per corruzione in atti giudiziari e riceve un vitalizio di 4.235,89 euro. C’è anche Vito Bonsignore (3.162,24), condannato definitivamente a due anni per tentata corruzione. L’ex ministro Alfredo Biondi che ha patteggiato due mesi per evasione fiscale e lo Stato lo ripaga per questo “rendendogli” ogni mese 6.939,81 euro.

Se proprio non si vuole l’abolizione, così iniqua verso il giusto diritto alla riabilitazione del condannato, si potrebbe almeno modulare il beneficio secondo la pena o il reato accertato. Anche perché l’effetto di questo sistema perverso, alla fine, è il trionfo del politico con l’inclinazione a delinquere: più anni passa in Parlamento e più a lungo beneficia dell’immunità, più resiste alla legge, al tempo, alle pressioni per mollare la poltrona e maggiore sarà il suo vitalizio. E infatti quella propensione si sbizzarrisce mentre le cifre erogate restano saldamente ancorate ai soli anni di permanenza o di contribuzione. La collezione dei reati messa insieme dagli onorevoli vanta specie d’ogni tipo. Aldo Brancher, ex manager Fininvest e falco di Forza Italia poi condannato per ricettazione e appropriazione indebita. Brancher, già beneficiario dell’indulto 2006, nel 2010 a 5 giorni dalla nomina ufficiale tentò di far valere il legittimo impedimento per non presentarsi all’udienza del processo sulla scalata ad Antonveneta che lo vedeva imputato. Sarà il ministro più breve della storia. Per lui ci sono comunque 3.444 euro netti al mese. Il triestino Giulio Camber, militante nelle fila della destra integralista cattolica, è stato 26 anni in Parlamento, una vita di lavoro. Militante, ma condannato a 8mesi per millantato credito. La Cassazione ha stabilito che il senatore, nel 1994, si era fatto dare cento milioni di lire da una banca decotta sostenendo che “servivano a comprare il favore di pubblici ufficiali” ed evitare il commissariamento dell’istituto. Non è millantato ma effettivo, invece, l’accredito di 6.409,96 euro che riceve ogni mese dal Senato. In fondo alla classifica l’ex sindaco di Asti ed ex deputato Fi Galvagno Giorgio. Era stato condannato a sei mesi per inquinamento delle falde acquifere, omissione di atti d’ufficio e falso ideologico. Ha un vitalizio di 1.645,38 euro

 

Leggi ...

Hong Kong, scontri tra studenti e filo-cinesi: 19 arresti, tra di loro anche affiliati alle triadi

[1rfrfr

Non si placa la protesta, proseguono le risse e si blocca il dialogo. Il governatore: “Ristabilremo l’ordine”. Tra le persone fermate dalla polizia, alcune farebbero parte di organizzazioni mafiose del sud, tradizionalmente favorevoli a Pechino. Amnesty International denuncia molestie sessuali nei confronti delle donne che manifestano per la democrazia

HONG KONG – Nuovi scontri in mattinata a Hong Kong tra i manifestanti anti-governativi e quelli filo-cinesi. Ci sarebbero 18 feriti, tra cui 6 poliziotti. Il capo dell’esecutivo di Hong Kong, Leung Chun-ying, ha esortato i manifestanti pro-democrazia a porre fine al blocco delle strade principali entro lunedì, precisando che il governo e le forze di polizia prenderanno “tutte le misure necessarie per ristabilire l’ordine sociale”. In un video messaggio, Leung ha affermato che le strade di accesso alla sede centrale del governo devono essere riaperte entro lunedì, per consentire ai funzionari pubblici di tornare a lavoro, e le strade dell’isola di Hong Kong devono essere liberate, così da consentire alle scuole di riaprire.

La polizia intanto ha arrestato 19 persone e ha dichiarato – secondo quanto ha riferito l’alto sovrintendente di polizia Patrick Kwok Pak-chung – che otto di loro fanno parte delle ‘triadi’ cinesi, le organizzazioni mafiose del sud della Cina, alcune delle quali sono tradizionalmente favorevoli al governo di Pechino. Una circostanza, questa, che gli studenti in lotta per la democrazia avevano già denunciato ieri, al sesto giorno di protesta (video).

Dietro le tensioni, infatti, era spuntato il sospetto del coinvolgimento delle organizzazioni mafiose. La versione era stata sostenuta anche da Benny Lai, il professore di legge fondatore del gruppo Occupy Central e leader del dissenso, secondo il quale gli aggressori, che ieri hanno ferito una decina di giovani, erano membri delle ‘triadi’. Ecco perché gli studenti hanno deciso di annullare il previsto dialogo col governo. I funzionari, tuttavia, hanno negato con forza le voci secondo le quali si sarebbero coordinati con delle bande per sgomberare le strade. “Queste voci che ci collegano alle società nere sono totalmente ingiuste”, ha detto ai giornalisti il capo della sicurezza Lai Tung-Kwok, visibilmente agitato.

Leggi ...

Napoli, De Magistris primo giorno da ‘sospeso’: ‘Serve plutonio per abbattermi’

173324606-445a9585-5b21-4f61-bb63-719beaef462a[1]

“Si stanno saldando tutti per cercare di farmi cadere e per farmi dimettere, ma dovranno usare i proiettili al plutonio per farmi cadere”. Così Luigi de Magistris, nel suo primo giorno da sindaco ‘sospeso’, nel corso di una visita a una fiera a Napoli. “Da oggi sarò molto di più per strada tra i cittadini, a loro dimostrerò che questa brutta vicenda non scalfisce in alcun modo la continuità dell’azione amministrativa e politica della giunta”. Una brutta vicenda alla quale ora rischia di aggiungersene un’altra: secondo indiscrezioni di stampa, a breve de Magistris potrebbe essere raggiunto da un provvedimento di rinvio a giudizio (insieme, tra gli altri, anche al Governatore campano Stefano Caldoro, ndr), per abuso d’ufficio in una vicenda riguardante l’organizzazione dell’America’s Cup. “Una cosa che ho appreso a mezzo stampa nel giorno della sospensione, ma non mi scalfisce per nulla, non so neanche di che si tratta. Sono sereno – prosegue -, in questi giorni mi sento un sindaco sospeso liberato, più sereno e libero di prima. Certo – aggiunge – il problema serio è che ormai non riesco più a pagare il mio collegio difensivo“. De Magistris, che incontrando cittadini ha assicurato che la sospensione durerà pochissimo (“mangerò il panettone”, ha detto), ha poi risposto anche a una domanda sulla questione dei lavoratori licenziati dell’Opera di Roma: “Loro mi nominarono presidente onorario dell’Opera di Roma. Io da sindaco sospeso posso dare loro asilo politico culturale nella nostra città. Quando diventerò di nuovo Presidente del San Carlo – conclude -, faremo un’ensemble misto tra Opera di Roma e San C.

 

Leggi ...

Draghi: “Mille miliardi per far ripartire l’economia”. Ma finanza e Germania lo attaccano

 

draghi-napoli-640[1]

l governatore della Bce illustra il piano di acquisto di obbligazioni garantite e titoli cartolarizzati che partirà a metà mese. E includerà Paesi “spazzatura” come Grecia e Cipro. Ma ai mercati non basta e gli avvoltoi affondano le Borse europee, Milano in testa (-3,9%), mentre Berlino attacca: “L’Eurotower non sia bad bank d’europa”

Fino a 1.000 miliardi di euro di liquidità immessa sul mercato. E’ questa la potenza di fuoco che la Banca centrale europea metterà in campo a breve per risollevare l’inflazione, favorire l’offerta di credito e in ultima analisi far ripartire la crescita. Il presidente della Bce Mario Draghi lo ha annunciato nel suo discorso al termine del consiglio direttivo dell’Eurotower che si è svolto giovedì a Napoli: Francoforte darà il via agli acquisti di covered bond (obbligazioni garantite) da metà ottobre e a quelli di Abs (titoli cartolarizzati) nel quarto trimestre. ”Questi acquisti dovrebbero rinforzare i tassi d’interesse”, ha spiegato Draghi, precisando appunto che il valore potenziale massimo dell’operazione sarà di 1.000 miliardi di euro e il metro per valutare se varare nuove misure “non convenzionali” saranno le aspettative d’inflazione “nei prossimi mesi, non anni”. Quindi, nonostante le banche non abbiano partecipato in modo massiccio alla prima maxi asta di liquidità a loro riservata (Tltro), la Bce è sì pronta a prendere in considerazione altre mosse, ma non nel breve periodo. Anche perché, ha ricordato il presidente, Francoforte ha fatto la sua parte e ora sta agli istituti di credito fare la loro: “Abbiamo portato i tassi a zero, ora è necessario che le banche trasferiscano queste condizioni alle imprese e famiglie”. Cioè prestino il denaro alle stesse condizioni ricevute dalla Bce.

LA FINANZA CERCA DI FORZARE LA MANO A DRAGHI – Sui mercati, però, serpeggia un forte nervosismo e gli annunci di Draghi non sono bastati ai signori della finanza, tanto che le borse europee sono sprofondate nel rosso. A partire da Milano che ha chiuso la giornata con un crollo del 3,9 per cento seguita da Lisbona (-3,3%), Madrid (-3,12%), Amsterdam (-2,54%), Parigi (-2,81%) e Francoforte (-1,99%). Colpa di “mani forti” secondo l’agenzia Ansa, che ha citato fonti delle “sale operative” in base alle quali a causare il tracollo delle borse è stata l’entrata in azione di fondi speculativi che hanno forzato il listino al ribasso agendo sul future sull’indice. Gli operatori, spiega l’agenzia di stampa, si attendevano toni più decisi sugli Abs e su un eventuale “vero” programma di quantitative easing (acquisto di titoli di Stato) simile a quello messo in campo dalla Fed statunitense e ora in fase di esaurimento. Da qui la reazione che viene dunque letta come un tentativo di forzare la mano a Francoforte. Arrivata proprio mentre la Bce è messa nuovamente sotto accusa dai “falchi” tedeschi, per i quali al contrario, il piano Draghi è già ben oltre il mandato della Banca centrale europea. Tanto più che lo stesso governatore ha confermato nel corso del suo discorso che l’Eurotower ammetterà agli acquisti anche prodotti con una valutazione del merito di credito (rating) ad alto rischio o, come si dice in gergo, “spazzatura”. Come quelli emessi da istituzioni finanziari di Grecia, Cipro o altri Paesi che potrebbero in futuro non avere un rating entro la fascia di “sicurezza”.

I TEDESCHI: “DRAGHI TRASFORMA LA BCE NELLA BAD BANK D’EUROPA” – A poco vale che Draghi abbia precisato che i titoli spazzatura, già stigmatizzati dalla stampa tedesca in mattinata, saranno ammessi al programma di acquisto attraverso “specifiche misure per la riduzione del rischio” e che ”vogliamo essere più inclusivi possibili, ma con cautela”. D’altronde “ci sono una serie di misure che attenuano rischi per gli acquisti in questi Paesi così che siano risk-equivalent”, cioè che abbiano un livello di rischio equivalente a quelli degli altri Stati.  Secondo il presidente dell’istituto di statistica berlinese Ifo, Hans-Werner Sinn – lo stesso che qualche giorno fa aveva chiesto al governo di Angela Merkel di intervenire per fermare il programma di acquisti avversato anche dal governatore della Bundesbank Jens Weidmann – comprando titoli spazzatura “la Bce si trasformerà completamente in un’autorità di bail-out (salvataggio, ndr) e nella bad bank d’Europa”. Cioè la lavatrice comunitaria di tutti i crediti non più riscuotibili dalle banche di Paesi in difficoltà. Non solo: per Sinn “l’acquisto di tali attività rischiose non è consentito sotto il mandato della Bce e secondo il governo tedesco la Corte Costituzionale tedesca ha l’obbligo di opporsi a operazioni simili, vale a dire operazioni che oltrepassano il mandato. Se non riesce a farlo, ogni cittadino tedesco può presentare ricorso dinanzi alla Corte per costringerla ad agire”.

Per il settimanale tedesco Spiegel on line, poi, “il piano” di Draghi “è più un atto di disperazione” e un tentativo di arginare la stretta del credito. Citando i rischi assunti così dalla Banca centrale europea, quindi, il settimanale solleva il dubbio che queste misure possano essere efficaci: “Ma davvero le banche deboli inizieranno a concedere più crediti, se la Bce si accolla un paio di pesi? O manca anche la domanda del credito da parte delle imprese sofferenti?”. Infine la stoccata più dura: “Anche Mario Draghi sembra sapere che senza politica nulla può andar bene – continua l’analisi -. E così suona quasi disperato il continuo appello ai governi, perché affrontino i problemi dell’eurozona. Senza fare nomi, Draghi ammonisce Spagna e Grecia affinché non arretrino dalle riforme messe a punto, sollecita stati come Francia e Italia a farne finalmente qualcuna. E chiede alla Germania di spendere un po’ più di soldi, per rafforzare la domanda europea. Ma raramente trova ascolto”.  E qui, nel braccio di ferro con i tedeschi, sta il nodo secondo Claudia Segre, segretario generale di Assiom Forex, l’associazione degli operatori finanziari: “Ci aspettavamo toni più forti e maggiori specifiche ‘numeriche’ – ha detto all’Ansa – La sensazione è che il braccio di ferro tra la Bundesbank e la Bce abbia creato un impasse politico che frena la Bce sul quantitative easing. Oggi c’è stata delusione, non piace la posizione attendista che traspare dal discorso di Draghi”.

IL PROGRAMMA DI ACQUISTI BIENNALE – Nel dettaglio il programma di acquisto di Asset backed securities e covered bond durerà “almeno due anni“. Per il resto il “sistema di garanzie dell’eurosistema è principio guida per l’ammissibilità delle attività per l’acquisto” e, sottolinea l’Eurotower, le operazioni “sosterranno il credito all’economia reale”. Tanto più che, ha ricordato Draghi, gli ultimi dati macroeconomici “indicano un indebolimento del ritmo di crescita” e “nel 2015 si dovrebbe registrare una ripresa moderata”. Ma soprattutto, ha ribadito anche in risposta alle proteste che hanno infiammato Napoli, l’economia reale fatica a beneficiare degli effetti delle misure decise a Francoforte: ”Le nostre misure per facilitare i finanziamenti arrivano in maniera dolorosamente lenta all’economia reale. Capisco i motivi della protesta, ma la colpa della crisi non è della Bce, pensare che la Bce è la colpevole della situazione attuale è un’idea che andrebbe cambiata. Quello che una banca centrale può fare è migliorare i canali di finanziamento per gli intermediatori: è il nostro compito e lo stiamo facendo molto, basta ricordare dove eravamo 3 anni fa”. Ma “certo servono altre misure”.  Per quanto riguarda gli Abs, sui mercati primari e secondari saranno acquistate solo le tranche più sicure (in gergo senior) e quelle “mediane” (mezzanine). Le senior dovranno rispondere a precisi parametri: dovranno rispettare i requisiti di collaterale previsti dalla Bce, essere denominate in euro, essere garantite contro il rischio di credito da entità non finanziarie private presenti almeno al 95% nell’Eurozona e avere un rating equivalente a BBB-/Baa3/BBBI. Salvo la deroga per gli Abs emessi da entità con rating inferiore, come quelle greche o cipriote, purché si rispettino precise garanzie.

Leggi ...

Energia, le tensioni nell’Est Europa rischiano di pesare due volte sulle bollette

gas-nuova-640[1]

Elettricità e gas subiranno rincari non solo in seguito alle potenziali interruzioni dei flussi di approvvigionamento dalla Russia, ma anche a causa degli incentivi introdotti dal governo per aumentare l’indipendenza energetica del Paese. Aiuti che si tradurranno in nuovi oneri per i consumatori. Secondo Federica Guidi, ministro dello Sviluppo, nel caso Mosca chiuda i rubinetti in questo momento abbiamo riserve per non più di tre mesi

Gli italiani non resteranno al freddo e al buio questo inverno, ma si ritroveranno con le tasche più vuote. Le bollette di luce e gas saranno più salate, vuoi per la crisi russo-ucraina, vuoi per gli oneri legati alle nuove norme del decreto Sblocca Italia per aumentare l’indipendenza energetica. Nel frattempo, in sordina, già da un mesetto i flussi di gas dalla Russia all’Italia sono inferiori alle richieste, come denunciano anche Polonia, Germania, Austria e Slovacchia. Il 22 settembre, secondo i dati di Snam Rete Gas, sono arrivati al nodo di Tarvisio, punto di ingresso in Italia del metano russo, 51,4 milioni di metri cubi, 1,7 milioni in meno rispetto alle previsioni. E nei giorni precedenti l’ammanco ha sfiorato i 12 milioni. Non sono grandi numeri ed è difficile stabilire un nesso causale con la crisi dell’Ucraina, ma è comunque un fenomeno da tenere sotto controllo. Il ministro dello Sviluppo economico, Federica Guidi cerca di rassicurare: “C’è un piano di emergenza già collaudato per far fronte a emergenze determinate da possibili interruzioni di gas dalla Russia”. E se Mosca dovesse chiudesse totalmente i rubinetti, l’Italia sarebbe in grado di fronteggiare la situazione “fino anche a tre mesi”. Gli stoccaggi italiani sono infatti “al 94%” ed entro la fine del mese “saranno al massimo con 11,4 miliardi di metri cubi di stoccaggio”.

Tuttavia, ha aggiunto il ministro, “non ci possiamo nascondere che eventuali interruzioni potrebbero avere inevitabili conseguenze sui prezzi” della materia prima, con tutte le relative conseguenze sulle bollette. I motivi dei potenziali aumenti li ha spiegati bene il viceministro allo Sviluppo economico, Claudio De Vincenti, in un’intervista rilasciata a Quotidiano Energia: “Nel caso di una prolungata interruzione dei flussi di gas russo il sistema italiano, per evitare tagli alla domanda, dovrebbe ricorrere a un forte aumento delle importazioni dall’Algeria, a un maggiore apporto dal Nord Europa e a importazioni addizionali di gas naturale liquefatto, che però sarebbero possibili solo scontando un aumento di prezzo del gas sul mercato italiano a livelli prossimi a quelli del Gnl sui mercati asiatici”. In verità, già a luglio i prezzi del gas sono saliti del 35% proprio per la minaccia di una riduzione delle forniture. E anche quelli delle bollette dal primo ottobre mostrano il segno più.

Il consueto aggiornamento trimestrale dell’Autorità per l’energia e il gas segnala infatti un +5,4% per il gas e un +1,7% per l’energia elettrica, con una maggiore spesa a famiglia di rispettivamente di 19 e 2 euro. Aumenti che, dice il regolatore, sono dovuti in buona parte alle tensioni tra Russia e Ucraina. Tra gli imputati c’è però anche l’articolo 37 del decreto Sblocca Italia, che punta a velocizzare la realizzazione di nuove infrastrutture per il gas e per raggiungere l’obiettivo prevede incentivi agli investimenti. Pur condividendo la necessità di una maggiore indipendenza energetica, l’Autorità per l’energia sottolinea che un investimento aggiuntivo sugli stoccaggi pesa sui clienti finali del gas per il “15% annuo di tale importo”. Il regolatore consiglia quindi due misure aggiuntive: limitare gli incentivi “esclusivamente alle nuove iniziative” e attuare “meccanismi di verifica ex post delle performance, al fine di responsabilizzare gli operatori su basi contrattuali e di corrispettivo”. E anche Bankitalia invita a esaminare “l’effettiva sostenibilità economica di alcuni degli interventi previsti nel provvedimento”. Infine, l’Antitrust sottolinea che il decreto non fa nulla per “evitare una eccessiva socializzazione dei costi delle opere di infrastrutturazione ritenute prioritarie, ciò al fine di non far pesare tali costi su una bolletta energetica dei consumatori finali e già gravata da eccessivi oneri generali”. Al momento l’Italia importa dalla Russia il 49% del suo fabbisogno di gas, con punte giornaliere che arrivano a toccare il 65%, e il 26,1% di quello petrolifero, come ha ricordato il ministro Guidi.

Leggi ...

Vitalizi: tra imprenditori, giornalisti e vecchie glorie della politica. Ecco l’elenco

senato-640[1]

 

Pubblichiamo la lista completa degli ex deputati e senatori che percepiscono la pensione da ex onorevoli. Nomi noti come Massimo D’Alema e Walter Veltroni, con cifre intorno ai 5mila euro, e imprenditori come Cecchi Gori, Benetton e Versace. In tutto un esborso per lo stato di 236 milioni l’anno

Sarà anche molto arrabbiato l’ex presidente del Consiglio Massimo D’Alema con il premier in carica Matteo Renzi. E deluso per la mancata designazione a commissario europeo. Ma certamente ha di che gioire guardando la cifra del suo vitalizio parlamentare: 5.674 euro al mese dopo sette legislature trascorse a Montecitorio.

Neanche Walter Veltroni, ex segretario del Partito Democratico ed ex vicepresidente del Consiglio, ha di che lamentarsi. Abbandonata (almeno per il momento) la politica e reduce dai fasti cinematografici con il film su Enrico Berlinguer, l’ex sindaco di Roma riscuote pure lui una pensione di tutto riguardo: ben 5.668 euro mese, naturalmente al netto.

Davvero niente male. E non solo a sinistra. Ricchi trattamenti pensionistici riscuotono anche ex parlamentari del centrodestra, a cominciare da Gianfranco Fini. L’ex leader di An, cofondatore del Pdl ed ex presidente della Camera, non rieletto alle ultime elezioni del febbraio 2013 per il flop di Futuro e libertà, incassa infatti 6.029 euro, oltre mille in più di due personaggi di spicco del berlusconismo che hanno conosciuto e conoscono l’onta delle patrie galere: l’ex ministro Claudio Scajola, attestato a 4.927 euro, e Marcello Dell’Utri, ex fondatore di Publitalia e braccio destro di Silvio Berlusconi, titolare di un vitalizio di 4.985 euro.Ecco i vitalizi pagati dalla Camera dei deputati con gli importi del mese di agosto. Nel primo elenco sono riportati gli assegni liquidati con il vecchio sistema di calcolo. Il secondo elenco comprende invece i vitalizi maturati dai parlamentari in carica anche dopo il gennaio del 2012 e calcolati per il periodo successivo con il nuovo sistema introdotto con la riforma voluta dai vertici di Montecitorio Ecco i vitalizi pagati dal Senato con gli importi del mese di agosto. Sono indicati gli anni di contribuzione, i titolari degli assegni calcolati anche con il nuovo metodo introdotto dalla riforma del gennaio 2012 (“SI”) voluta dai vertici di Palazzo Madama e l’importo netto del vitaliziolista-vitalizi-1-1-638[1]

 

 

Ecco i vitalizi pagati dal Senato con gli importi del mese di agosto. Sono indicati gli anni di contribuzione, i titolari degli assegni calcolati anche con il nuovo metodo introdotto dalla riforma del gennaio 2012 (“SI”) voluta dai vertici di Palazzo Madama e l’importo netto del vitalizio

 

lista-vitalizi-2-1-638[1]

Sono alcune delle novità che emergono scorrendo gli elenchi dei vitalizi elargiti da Camera e Senato agli ex parlamentari (a breve, dovrebbero essere messi tutti online, assicurano dai vertici di Montecitorio). Una lunga lista di fortunati che al momento non comprende il nome del defenestrato Silvio Berlusconi la cui pratica pensionistica non è stata ancora completata e che abbraccia nomi noti della più varia caratura ed estrazione. Ci sono le vecchie glorie della politica per cominciare: si va da Pietro Ingrao (6.061 euro) e Armando Cossutta (6.939), a Arnaldo Forlani (6.062) e Fausto Bertinotti (4.987); da Oliviero Diliberto (4.992) e Claudio Martelli (4.992) a Romano Prodi (3.022) e Stefano Rodotà (4.992). Ma ci sono pure Francesco Rutelli, non rieletto dopo il naufragio della sua Alleanza per l’Italia (Api), che incassa 6.408 euro netti mensili; l’ex ministro degli Interni Enzo Bianco, attuale sindaco di Catania (5.601); l’ex leader di Italia dei valori Antonio Di Pietro (3.992); per non parlare di Luciano Violante (6.015), ex presidente della Camera e aspirante a una poltrona alla Corte costituzionale, e Nicola Mancino, ex presidente del Senato ed ex vicepresidente del Csm, che dopo varie legislature collezionate nel centrosinistra riscuote 6.939 euro al mese.

Sfogliando le liste dei parlamentari in pensione (la spesa complessiva per i vitalizi tra Camera e Senato ammonta a ben 236 milioni di euro l’anno) si scopre anche come la società civile e le categorie professionali siano tutte degnamente rappresentate. Dagli avvocati come Gaetano Pecorella (4.372 euro) e Carlo Taormina (2.150); ai sindacalisti come Pierre Carniti (2.381), Sergio D’Antoni (3.958) e Giorgio Benvenuto (4.581); dai giornalisti come Rossana Rossanda (2.124), Eugenio Scalfari (2.270) e Demetrio Volcic (2.934); ai magistrati come Giuseppe Ayala (5.692), i registi alla Franco Zeffirelli (3.408), i critici d’arte come Vittorio Sgarbi (5.007) e i capitani d’industria della più svariata levatura: tra gli altri, Vittorio Cecchi Gori (3.408), Luciano Benetton (2,.381) e Santo Versace (1.589).

A fronte di queste cifre una cosa va precisata. A partire dal gennaio 2012, Camera e Senato hanno riformato lo scandaloso sistema dei vitalizi. Fino a quella data l’importo della pensione degli eletti veniva calcolato in base al numero degli anni di permanenza in Parlamento. In tal modo, con più di 35 anni di militanza si arrivava a riscuotere fino all’85,5 per cento dell’indennità lorda (adesso pari a 10.435 euro a Montecitorio). Le proteste dei cittadini e le richieste di abolizione dei vitalizi avanzate da più parti hanno favorito l’introduzione di un sistema contributivo del tipo di quello in vigore per i dipendenti della pubblica amministrazione. Secondo questo sistema, versando poco meno del 10 per cento dell’indennità, a 65 anni di età e con cinque anni di mandato il parlamentare riscuoterà circa 1.500 euro di pensione lorda, mentre con il vecchio sistema, sempre per 5 anni di mandato, avrebbe potuto continuare a incassare fino a quasi 2.500 euro.V

Leggi ...

Pd, crolla il tesseramento al partito: nel 2014 persi più di 400mila iscritti

pd-bandiere-640[1]

La previsione per la fine dell’anno è quella di raccogliere circa 100mila tessere (erano 539.354 nel 2013). E dopo il flop alle primarie dell’Emilia Romagna di domenica 28, crescono le preoccupazioni dei dirigenti. Guerini: “Non diffondere dati a caso”E’ emergenza iscritti nel partito di Matteo Renzi. Come riporta Repubblica, saranno meno di 100mila le tessere nel 2014 per il Partito democratico. Per ora è una semplice previsione, ma difficile che in pochi mesi si possa arrivare al dato del 2013, quando le iscrizioni furono in totale 539.354. Che le cose non stessero andando per il verso giusto in termini di raccolta fondi e nuovi iscritti si è capito domenica 28 settembre a Bologna. Le primarie per la scelta del candidato alla Regione hanno portato alle urne solo 58mila elettori, con un flop senza precedenti soprattutto nella terra rossa di volontari e feste dell’unità. 

I dati però scoraggiano in tutta Italia. Si è vicini al numero di zero tessere in Puglia, Sardegna, Molise, Basilicata e Sicilia. A Napoli nel 2013 gli iscritti erano 70mila, oggi guardando anche alle province si arriva a malapena all’ordine delle centinaia. Torino conta per ora 3mila aderenti, mentre solo l’anno scorso erano 10mila. Venezia non è da meno: in dodici mesi si è passati da 5500 tessere a 2mila. In Umbria erano 14mila, oggi sono meno della metà. Un risultato preoccupante per i 7200 circoli presenti in Italia e gli 89 all’estero.

Il partito “rottamato” che da tempo Matteo Renzi predica, comporta anche un cambio nella struttura che spaventa i dirigenti. La testa è già al bilancio. La riduzione del finanziamento pubblico ai partiti (che per il 2017 arriverà a zero) comporta che i soldi arrivati in cassa dallo Stato siano quest’anno 12,8 milioni (nel 2011 ad esempio erano 60). E se gli aderenti non contribuiscono almeno con le tessere, il futuro per la cassa del partito sarà sempre più nero. “Sarebbe bello”, ha scritto il vicesegretario del Pd Lorenzo Guerini, “che sui tesseramenti non venissero diffusi dati a caso

Leggi ...

Salerno: Corte d’Appello decide su decadenza Sindaco De Luca

 
tribunale_appello_salerno_de_luca_decadenzaSi è svolta questa mattina, in Corte d’Appello a Salerno l’udienza decisica sulla decadenza del Sindaco De Luca. Il primo cittadino era stato già condannato in primo grado per l’incompatibilità tra le cariche di Sindaco e Vice Ministro alle Infrastrutture ed ai Trasporti che aveva durante il suo mandato del Governo di Enrico Letta.Questa mattina si è chiusa la fase del primo ricorso, quello presentato dai parlamentari grillini, con gli interventi degli avvocati di De Luca. La difesa ha puntato ad un ulteriore rinvio nel tentativo di spostare la sentenza al prossimo anno, in prossimità delle dimissioni dalla carica di sindaco di De Luca. In questo modo si andrebbe a scadenza naturale senza alcun problema. A breve aggiornamenti sulla decisione destinata a slittare di qualche settimana

Leggi ...

Archivio