Rubriche

Category Archives: politica

Greta Ramelli e Vanessa Marzullo libere. Erano state rapite il 31 luglio in Siria

Greta-e-Vanessa-675[1]

Ad annunciarlo fonti dell’opposizione siriana. La conferma arriva da Palazzo Chigi: “Torneranno presto in Italia”, si legge sul profilo Twitter del governo. Ministro Boschi dà l’annuncio alla Camera. Stampa araba: “Pagato un riscatto di 12 milioni”. Fonti dell’intelligence smentiscono. Le due giovani attese nella notte a Ciampino
Vanessa Marzullo, 21 anni, di Brembate (Bergamo) e Greta Ramelli, 20, di Besozzo (Varese), sono state liberate. Le due volontarie italiane erano state rapite il 31 luglio ad Aleppo. Ad annunciarlo fonti dell’opposizione siriana. La conferma della liberazione arriva da Palazzo Chigi: “Sono libere, torneranno presto in Italia”, si legge in un tweet del governo. Secondo quanto riportato dall’account Twitter @ekhateb88, ritenuto vicino ai ribelli anti-Assad, sarebbe stato pagato un riscatto di “12 milioni di dollari“. Il tweet è stato rilanciato dalla tv satellitare araba Al Aan, sede a Dubai, negli Emirati Arabi. La notizia della liberazione era stata data via social network da account vicini alla resistenza siriana e ripresa dai media. Fonti dell’intelligence smentiscono. Sarà il ministro degli Esteri Paolo Gentiloni, a quanto si apprende da fonti governative, ad aspettare in nottata, all’aeroporto militare di Ciampino, il rientro in Italia delle due giovani.
Le ultime notizie sulle due cooperanti risalgono al 1° gennaio, giorno in cui sono comparse in un video pubblicato su YouTube e intitolato “Il Fronte Al Nusra detiene due italiane a causa della partecipazione del loro governo alla coalizione”. “Supplichiamo il nostro governo e i suoi mediatori di riportarci a casa prima di Natale. Siamo in estremo pericolo e potremmo essere uccise“, scandiva Greta, mentre Vanessa reggeva un cartello che riportava la data del 17 dicembre 2014. Nel filmato entrambe indossano l’abaya, una tunica nera lunga che copre loro il corpo e i capelli, ma lascia libero il volto. “Il governo e i suoi mediatori sono responsabili delle nostre vite”, concludeva Greta senza mai guardare la telecamera, mentre l’altra giovane italiana la fissava per pochi secondi. Rispetto alle fotografie circolate sul web prima del rapimento, le ragazze apparivano molto dimagrite e dai tratti particolarmente tirati. Quel giorno Abu Fadel, un esponente del Fronte al Nusra, jihadisti vicini ad Al Qaeda che operano in Siria e Libano, cui era stato chiesto di commentare il video ha dichiarato all’agenzia tedesca Dpa, commentava: “E’ vero, abbiamo le due donne italiane perché il loro paese sostiene tutti gli attacchi contro di noi in Siria”. Sabato l’ultimo video arrivato in Italia, poi la gioia
Nelle lunghe trattative per la liberazione intessute per mesi dagli 007 e dalla diplomazia, la giornata più lunga e difficile è stata domenica scorsa: è stato in quel momento che la trattativa è arrivata a un passo dalla conclusione. Il giorno prima, infatti, sarebbe arrivato in Italia un nuovo video, dopo quello pubblicato in rete il 31 dicembre: il “segnale positivo” che le autorità italiane aspettavano, l’ultima prova che le due ragazze erano in vita e che si poteva procedere alla serie di iniziative concordate per il rilascio. Se però il video fosse stato pubblicato in rete o fossero uscite notizie in merito, il rischio che la trattativa saltasse era molto alto. Sono state ore di tensione, in Italia e in Siria. Gli 007 e la diplomazia hanno atteso che la situazione si stemperasse, mantenendo sempre i contatti con gli intermediari, per arrivare finalmente alla conclusione della vicenda.

Greta e Vanessa presto in Procura
Le due volontarie saranno ascoltate dai pm di Roma non appena torneranno in Italia. I magistrati del pool antiterrorismo della capitale sono in attesa in queste ore di un’informativa da parte dei carabinieri del Ros e della Digos.

Boschi dà l’annuncio alla Camera. M5S e FI: “Gentiloni riferisca”
Il ministro per le Riforme e i Rapporti con il Parlamento Maria Elena Boschi, ha dato la notizia della liberazione in aula alla Camera. L’aula ha salutato l’annuncio con un applauso. Quindi il M5S e Forza Italia hanno chiesto che il ministro degli Esteri, Paolo Gentiloni, riferisca in Aula sulla liberazione. Renato Brunetta ha chiesto la sospensione della seduta per consentire al capo della diplomazia di riferire. Non c’è nessun motivo di sospendere la seduta, diamo un minuto a gruppo per commentare la notizia e informiamo il governo della richiesta”. ha risposto il vicepresidente di turno Marina Sereni.

Fdi e Lega: “Governa dica se è stato pagato un riscatto”
“Greta e Vanessa hanno esposto loro stesse e l’intero Stato italiano a una situazione di rischio e difficoltà coscientemente con la loro volontaria presenza in un Paese in gravi condizioni e una pesante presenza del terrorismo. Finita la fase di legittima soddisfazione, serve che il ministro Boschi ci dica se è in grado di escludere che da qualunque fonte di finanziamento pubblico sia stato un centesimo per riportare le due ragazze a casa”, ha detto nell’Aula della Camera Massimo Corsaro di Fdi. “La liberazione delle due ragazze mi riempie di gioia”, ma “presenteremo oggi stesso un’interrogazione al ministro degli Esteri per appurare se sia stato pagato un solo euro per la liberazione delle due signorine”, fa sapere Matteo Salvini, segretario della Lega Nord.

Il padre di Vanessa: “Gioia immensa”
Dopo “un’angoscia unica”, è arrivata “una gioia immensa che aspettavamo da mesi e che non si può descrivere”. E’ la prima reazione di Salvatore Marzullo, papà di Vanessa. “Momenti di sfiducia? No – ha risposto intervistato dalla Rai – c’era preoccupazione e tristezza, ma abbiamo avuto sempre fiducia nel risultato”. “Matteo Renzi ci ha telefonato per darci la notizia”, ha detto Matteo Ramelli, fratello di Greta. “La Farnesina ha fatto un lavoro fantastico – ha aggiunto – li ringrazio e ringrazio anche i nostri concittadini che sono stati meravigliosi”. “E’ l’ora della gioia ora aspettiamo Greta a casa”.

Chi sono Greta e Vanessa
Sul suo profilo Facebook Vanessa scrive di essere una “studentessa di Mediazione Linguistica e Culturale, curriculum Attività Internazionali e Multiculturali – lingue: Arabo e Inglese”. Vanessa, si legge ancora sulla pagina, è “volontaria presso Organizzazione Internazionale di Soccorso. Dal 2012 si dedica alla Siria, dalla diffusione di notizie tramite blog e social network all’organizzazione di manifestazioni ed eventi in sostegno del popolo siriano in rivolta. Questo culmina nell’organizzazione e nella nascita del Progetto ‘Assistenza Sanitaria in Siria’”.
Greta, 20 anni, di Gavirate (Varese), è invece una “studentessa di Scienze Infermieristiche”. Diplomata al liceo linguistico Rosetum dove ha studiato inglese, spagnolo e tedesco, è volontaria presso l’Organizzazione Internazionale di Soccorso. Nel maggio 2011 trascorre quattro mesi in Zambia, nelle zone di Chipata e Chikowa. Nel dicembre 2012 è stata per tre settimane a Calcutta, in India, dove ha svolto volontariato presso la struttura Kalighat delle suore missionarie della carità . Si è occupata poi di Siria e al momento del rapimento collaborava con il Comitato S.O.S. Siria di Varese, l’Associazione delle Comunità Arabe Siriane e IPSIA Varese nel progetto ‘Assistenza Sanitaria in Sirià”.

I viaggi umanitari in Siria e il rapimento
E’ il gennaio 2013 quando le due cooperanti fondano assieme al 47enne Roberto Andervill una organizzazione, il progetto Horryaty, per raccogliere aiuti destinati alla popolazione civile in Siria. I tre si erano conosciuti a manifestazioni a sostegno dei civili siriani. A febbraio 2014 le due ragazze un primo breve viaggio per portare aiuti in Siria. Cinque mesi dopo, a luglio, tornano nel Paese mediorientale con nuovi aiuti, dopo aver attraversato il confine turco con il giornalista de Il Foglio Daniele Raineri. Il 31 luglio, tre giorni dopo il loro ingresso, vengono rapite nella località di Abizmu, dopo essere state attirate nella casa del “capo del Consiglio rivoluzionario” locale. Secondo le prime informazioni diffuse allora dal quotidiano giordano Assabeel, a sequestrarle sarebbe stato un gruppo armato che già aveva preso in ostaggio diversi attivisti e giornalisti. Insieme a loro c’è Raineri, che è riuscito a fuggire e ha dato l’allarme.

Il Guardian ad agosto: “Sono nelle mani dell’Isis”
Ad agosto il quotidiano britannico Guardian pubblica un articolo secondo il quale le due ragazze sarebbero nelle mani degli jihadisti dello Stato Islamico. Fonti dei servizi italiani hanno però sempre smentito questa ipotesi. Negli stessi giorni il quotidiano arabo stampato a Londra al-Quds al-Arabi, scriveva che le due ragazze stavano bene e ipotizzava il loro rilascio a breve. Le ultime informazioni sulle due ragazze risalivano al 20 settembre. Allora si era diffuso il timore che fossero cadute nelle mani dei jihadisti dell’Isis.

“Ingannate e vendute ad un gruppo armato”
A smentire questa possibilità era Al Akhbar, un quotidiano libanese vicino al movimento sciita Hezbollah, alleato del regime di Damasco. Scriveva che le due ragazze erano state attirate ad Abizmu da un attivista siriano conosciuto su Internet nell’ambito di un piano organizzato per rapire le due ragazze chiedere un riscatto. Dopo il sequestro le due ragazze sarebbe state vendute ad un altro gruppo armato, prosegue la fonte del giornale, escludendo che siano finite nelle mani dello Stato Islamico. Alla luce del video diffuso su YouTube e della conferma del gruppo jihadista, le due ragazze sono nelle mani di Al Nusra.

Due gli italiani di cui non si hanno ancora notizie
Restano due gli italiani scomparsi all’estero e dei quali da tempo non si hanno più notizie: il cooperante palermitano Giovanni Lo Porto e il gesuita romano padre Paolo Dall’Oglio. Di Lo Porto si sono completamente perse le tracce dal 19 gennaio 2012, quando scomparve nella provincia pachistana di Khyber Pakhtunkhwa. L’uomo, 39 anni, si trovava nella regione per la ong Welt Hunger Hilfe (Aiuto alla fame nel mondo) e si occupava della costruzione di alloggi di emergenza nel sud del Punjab. Per padre Dall’Oglio, 60 anni, rapito in Siria a fine luglio 2013, le ultime informazioni risalgono a circa un mese fa, quando fonti siriane lo davano per detenuto in una delle prigioni dell’Isis a Raqqa. Una circostanza che non aveva trovato conferme da parte del ministro degli Esteri, Gentiloni.

Leggi ...

Renzi: “Il nuovo Presidente sarà eletto a fine mese”. Parlamento convocato il 29

054007884-dae00f1e-4c20-4b5f-b194-cd9dbe901d19[1]Giorgio Napolitano lascia il Quirinale tra gli applausi della folla. A Grasso il ruolo di reggente. Il premier: entro gennaio l’elezione del successore. Berlusconi: basta poltrone decise dalla sinistra. La replica del premier: facciamo da soli.
“Ragionevolmente a fine mese potremo avere il nuovo presidente della Repubblica”. Giorgio Napolitano ha appena lasciato il Quirinale (foto – video) e Matteo Renzi, dopo il tweet di ringraziamento al capo dello Stato dimissionario, si lancia subito verso il prossimo ostacolo. Con un primo obiettivo che spiega così: “Due anni fa la politica non ha brillato, questa volta non possiamo fallire”. E se alla fine, garantisce Renzi “se Berlusconi dice no ce lo eleggiamo da soli”. Questo risultato passa attraverso in primis attraverso l’unità del Pd e sconfiggendo quelli che, a destra come a sinistra, giocano la partita del Quirinale per “affossare” il Patto del Nazareno.
Per questo, ieri mattinata alla segreteria del Pd, Renzi, ha spiegato che bisogna cercare “una larga condivisione” sul nome del futuro presidente della Repubblica. Condivisione che si potrà trovare su “un profilo dentro il Pd che proporremo agli alleati e a tutti coloro che vorranno sostenerlo”. Anche al M5S: “Anche questi parlamentari di Grillo è giusto che partecipino, non possono stare in Parlamento solo a parlare delle cose che non vanno”, dice il premier. Comunque, assicura il premier “ci sono tanti nomi, non uno solo. Ho tanti nomi in mente
La tempistica di Renzi prevede che il voto “buono” scatti alla quarta tornata. Un progetto che però non convince Pierluigi Bersani: “Se c’è la volontà di arrivare a una intesa con tutti, che sia con tutti, perché aspettare la quarta votazione e lasciar perdere la prima, la seconda e la terza?”, chiede l’ex segretario. Naturalmente il percorso disegnato a Palazzo Chigi si incrocia con i progetti di Berlusconi.
Ieri l’ex Cavaliere ha partecipato ad un affollato raduno dei club Forza Silvio “vietato” ai suoi parlamentari. In serata invece ha incontrato i senatori. E sulle dimissioni di Napolitano ha detto di “avere il massimo rispetto per l’ex capo dello Stato, ma lui con noi non si è comportato bene. Ha perso la grande occasione di essere il presidente della pacificazione”. Del futuro inquilino del Quirinale, il leader Forza Italia ha detto: “Ci vuole il nostro sì “. L’identikit di Berlusconi prevede che il nuovo presidente “non sia il seguito dei tre presidenti della Repubblica di sinistra che ci hanno portato nella condizione di non democrazia. Noi insisteremo su questo e saremo lieti di sostenere un candidato super partes”.

Leggi ...

Alla vigilia delle dimissioni di Giorgio Napolitano, si pensa solo al suo successore

1420869604-ipad-327-0[1]Re Giorgio se ne va. Renzi: “Sceglieremo un arbitro non un giocatore”. Si apre il mercato per decidere il successore
Un addio che da mesi era nell’aria e che negli ultimi giorni si è concretizzato. Dopo la consegna della lettera, al Quirinale inizieranno per Napolitano le cerimonie di saluto.
Alle 12, quello che sarà ormai l’ex Presidente della Repubblica, lascerà il Colle per dirigersi nella sua residenza privata dove si dice felice di tornare. “Qui si sta bene, è tutto molto bello – ha commentato Napolitano – ma è un po’ una prigione. A casa starò bene e passeggerò”.

La formalità conterrà il momento dell’abdicazione, mentre fuori dal Palazzo echeggerà un grosso sospiro di solievo. Perché, si sa, ormai Napolitano non era più gradito. Nè alla politica, nè ai cittadini.

Quello che preoccupa è il post, quello che accadrà dopo l’addio di Napolitano. L’elezione del nuovo Capo dello Stato è la vera partita politica aperta in Italia. Il nocciolo della questione è tutta in un nome. Perchè il profilo del successore già c’è, almeno a parole. I fatti, si sa, sono tutt’altra cosa. E Matteo Renzi ne è consapevole e vuole chiudere in fretta la partita del Colle: già il primo febbraio, il premier di poter eleggere il successore di Napolitano. Sembra che le votazioni possano iniziare il 28 gennaio, 14 giorni dopo. Il suo successore- ha ribadisce il presidente del Consiglio rispondendo alle domande di giornalisti a Strasburgo- dovrà essere un “arbitro”. “La Costituzione – ha detto – descrive per la presidenza della Repubblica il “profilo di un arbitro saggio”: il capo dello Stato “non è il giocatore di una delle due squadre ma ha rilevanti responsabilità nella vita quotidiana, rilevantissime in alcuni momenti storici, servirà una personalità di grande livello”.

Ogni giorno, ormai, è toto-nomi. Sempre in pole position c’è la candidatura di Romano Prodi, rilanciata recentemente da Pierluigi Bersani. Di male in peggio, insomma. Risalgono nelle quotazioni anche le candidature di Pier Carlo Padoan, attuale ministro dell’Economia, e quella di Ignazio Visco, governatore della Banca d’Italia. Ma c’è anche chi considera Walter Veltroni come papabile capo dello Stato, mentre continuano a girare i nomi di Dario Franceschini e Pier Ferdinando Casini, che potrebbe saltar fuori dal cilindro qualora la situazione si facesse spinosa.

Le tappe istituzionali del dopo Napolitano sono ormai chiare. Le sue veci saranno assunte dalla seconda carica dello Stato, il presidente del Senato, Pietro Grasso, che si trasferirà a palazzo Giustiniani, sede della supplenza presidenziale. Grasso eserciterà il suo ruolo con il supporto degli uffici del Quirinale, mentre le sue funzioni di presidente del Senato passeranno nelle mani della vicepresidente Valeria Fedeli.
Nel frattempo, la presidente della Camera, Laura Boldrini, avrà proceduto alla convocazione della platea che eleggerà il nuovo Capo dello Stato. Platea composta da: 630 deputati, 315 senatori più i senatori a vita, i delegati delle Regioni (tre per ogni Regione tranne la Val d’Aosta che ne indicherà uno solo). Per fare in modo che le Regioni eleggano i loro delegati, l’elezione del successore del Capo dello Stato non potrà essere convocata prima di 15 giorni dalla data delle dimissioni. Una tempistica che può essere modificata: del resto, accadde anche nel 2013 che le votazioni ebbero inizio dopo 13 giorni.
L’elezione del Presidente della Repubblica, prescrive la Costituzione, ha luogo per scrutinio segreto a maggioranza di due terzi dell’assemblea. Dopo il terzo scrutinio è sufficiente la maggioranza assoluta. Mentre, è ormai noto, che le trattative per individuare ‘il nome’ sono state storicamente tra i momenti più affannosi della vita politica italiana. Pochi i requisiti previsti dalla Costituazione per essere eletto come Presidente: “può essere eletto Presidente della Repubblica ogni cittadino che abbia compiuto cinquanta anni d’età e goda dei diritti civili e politici. L’ufficio di Presidente della Repubblica è incompatibile con qualsiasi altra carica” recita l’articolo 84.

Leggi ...

“Renzi e famiglia a sciare a Courmayeur con un volo di Stato”. Denuncia M5S

renzi-courmayeur-675[1]

Il deputato Paolo Romano pubblica sul web tracciati radar e piani di volo del Falcon 900 che, il 30 dicembre, ha portato da Firenze ad Aosta il premier con moglie e figli. “Quanto ci è costata la sua vacanza?”. La replica: “Non mia scelta, ma protocollo di sicurezza”
Quanto è costata alle case pubbliche la vacanza di Capodanno della famiglia Renzi a Courmayeur? Lo chiede sul suo sito il deputato 5 Stelle Paolo Romano. Il premier, afferma Romano, si è spostato da Firenze ad Aosta con un volo di Stato, in particolare un Falcon 900 il cui costo operativo è di “9mila euro l’ora”. Romano annuncia un’interrogazione parlamentare al rientro dalle vacanze, e intanto pubblica sul web tutti i dettagli, dal tracciato radar ai piani di volo. Renzi risponde qualche ora dopo su twitter, non sui costi ma sull’uso del volo di Stato: “Gli spostamenti aerei, dormire in caserma, avere la scorta, abitare a Chigi non sono scelte ma frutto di protocolli di sicurezza“. In realtà giusto un anno fa il premier Enrico Letta partiva per le vacanze di Capodanno, con famiglia al seguito, con un normalissimo volo di linea e un’auto a noleggio.
Martedì 30 dicembre, scrive il deputato M5S, un Falcon 900 “riporta a casa da Tirana il nostro SuperPremier”. E fin qui la finalità istituzionale c’è tutta. “Secondo i piani di volo il Falcon dovrebbe far rotta su Roma, ma evidentemente il premier ha fretta. Deve andare in vacanza” Così l’aereo viene “dirottato su Firenze”, dove “imbarca moglie e figli del Presidente del Consiglio e riparte alla volta di Aosta”. L’aeroporto della città alpina, tra l’altro, è una “cantiere abbandonato”, una grande opera mai entrata in funzione dopo milioni di euro  spesi.
“E il Falcon con Renzi e famiglia atterra alle 21,25″, continua Romano. “Vacanze a Courmayeur. All’insegna del risparmio ovviamente. Di chi? Di Renzi e famiglia che alloggia nella caserma degli Alpini a spese della comunità (noi)”. E questo mentre “da mesi e mesi si chiede dall’alto agli italiani di fare sacrifici… Poi si assiste ad uno scialo di mezzi pubblici del genere”.
In realtà i piani di volo pubblicati sul sito fanno risultare un Airbus A319 da Tirana (codice: LATI) a Ciampino (LIRA) e un successivo volo da Firenze (LIRQ) ad Aosta (LIMW) fatto con un Falcon 900. “I piani di volo sono fatti prima della partenza, a noi risulta che il velivolo sia decollato a Tirana e atterrato a Firenze”, dice Romano a ilfattoquotidiano.it. E la sigla A319 sul tracciato radar da Firenze ad Aosta, sempre secondo il deputato, “è un errore di trascrizione”. Nel pomeriggio Palazzo Chigi ha diffuso una precisazione secondo la quale il Presidente del Consiglio non ha raggiunto Aosta con il volo di Stato con cui si è recato a Tirana, in visita ufficiale in Albania (regolarmente atterrato a Roma), ma con un Falcon 900, “nel pieno rispetto della normativa e dei protocolli di sicurezza che regolano questo tipo di spostamenti”. Ciò riguarda “anche la famiglia del premier quando si muove con lui, sottoposta agli stessi obblighi di sicurezza e a norma di legge”. Palazzo Chigi rimarca inoltre che il premier ha pagato di tasca propria l’alloggio in caserma per sé e per i propri familiari “secondo le tariffe previste all’interno delle strutture militari”, nonché “l’attrezzatura da sci noleggiata e pagata da Renzi da un privato per la somma di 450 euro per tutta la famiglia” e “lo skipass, sempre per tutta la famiglia, costato 485 euro al giorno complessivi”, così come “le spese per mangiare nei rifugi”.
L’uso dei voli di Stato è regolamentato dal decreto 98 del 6 luglio 2011, poi convertito in legge, che in effetti attribuisce al presidente del consiglio, oltre che al presidente della Repubblica e ai presidenti delle Camere e della Corte costituzionale, la possibilità di utlizzare i voli di Stato, mentre le altre figure istituzionali, come i ministri, devono essere preventivamente autorizzati. Una successiva circolare della presidenza del Consiglio dei ministri, del 10 maggio 2013, rimarca che per queste cariche “il trasporto aereo di Stato è
sempre disposto, in relazione al rango della carica rivestita oppure in quanto destinatarie di un elevato livello di sicurezza”. Il deputato M5S solleva piuttosto una questione di opportunità sulle vacanze di Capodanno di tutta la famiglia Renzi caricate sulle spalle del contribuente. Questione che, a quanto annuncia Romano, sarà formalizzata nei prossimi giorni sotto forma di interrogazione parlamentare. Il ritorno del premier e della famiglia è previsto oggi, si vedrà con quali mezzi. (ha collaborato Fiorina Capozzi).

Leggi ...

Napolitano: “Sto per lasciare. Paese unito contro corruzione di italiani indegni” ( Video )

napolitano-6754[1]

Ultimo discorso del presidente della Repubblica: “Non posso sottovalutare età e affaticamento”. Un messaggio, dice, diretto anche al suo successore, la cui elezione sarà la “prova di maturità destinata a chiudere la parentesi di un’eccezionalità costituzionale”
L’annuncio delle dimissioni e le sfide del Paese: la crisi economica e del lavoro, il ruolo dell’Italia in Europa, il confronto democratico, il “sottobosco marcio” della corruzione, la necessità dell’impegno di ciascuno. Ventidue minuti per comunicare agli italiani che ormai è la decisione è presa: “Sto per lasciare le mie funzioni rassegnando le dimissioni” scandisce a reti unificate, a sottolineare il messaggio diretto agli spettatori-cittadini. E’ una scelta personale, dice, lo prevede la Costituzione, non ce la faccio più, sembra dire. La forma è quella a cui ha abituato i concittadini, ma il concetto è chiaro: “A ciò mi spinge l’avere negli ultimi tempi toccato con mano come l’età da me raggiunta porti con sé crescenti limitazioni e difficoltà nell’esercizio dei compiti istituzionali, complessi e altamente impegnativi, nonché del ruolo di rappresentanza internazionale, affidati dai Padri Costituenti al capo dello Stato”.

E’ il nono discorso del presidente della Repubblica Giorgio Napolitano da quando fu eletto nel 2006 (qui il testo integrale), l’ultimo prima delle sue annunciate dimissioni che saranno formalizzate a metà gennaio, in concomitanza con la fine del semestre della guida italiana dell’Unione Europea. Napolitano parla già lontano dalla sua scrivania che resta sullo sfondo, qualche metro dietro. Il capo dello Stato è seduto al tavolino di lavoro del suo studio. Alle sue spalle, come quasi sempre è accaduto nei precedenti otto discorsi, campeggia l’arazzo di Lille e le tre bandiere: italiana, europea e del Quirinale. Un discorso “speciale e un po’ eccezionale”, spiega subito, tra i cui destinatari c’è anche “chi presto sarà al mio posto”.
Anzi, proprio l’elezione del suo successore sarà “una prova di maturità e responsabilità nell’interesse del Paese” che potrà “chiudere la parentesi di un’eccezionalità costituzionale”, cioè la sua rielezione al Colle del 20 aprile 2013, quando Pd, Scelta Civica e Pdl gli chiesero la disponibilità a restare al Quirinale. Ma ora basta. “Ho il dovere di non sottovalutare i segni dell’affaticamento e le incognite che essi racchiudono, e dunque di non esitare a trarne le conseguenze. Ritengo di non poter oltre ricoprire la carica cui fui chiamato, per la prima volta nel maggio del 2006, dal Parlamento in seduta comune. Secondo l’opinione largamente prevalente tra gli studiosi, si tratta di una valutazione e di una decisione per loro natura personali, costituzionalmente rimesse al solo presidente, e tali da non condizionare in alcun modo governo e Parlamento nelle scelte che hanno dinanzi né subendone alcun condizionamento”.

“L’elezione del nuovo capo dello Stato sarà una prova di maturità e responsabilità nell’interesse del Paese. E’ destinata a chiudere la parentesi di un’eccezionalità costituzionale

Un passaggio del messaggio agli italiani è stato dedicato anche alla lotta alla corruzione contro la quale il Paese deve combattere unito. E’ una delle “patologie” del Paese. “A cominciare da quella della criminalità organizzata e dell’economia criminale; e da quella di una corruzione capace di insinuarsi in ogni piega della realtà sociale e istituzionale, trovando sodali e complici in alto: gli inquirenti romani stanno appunto svelando una rete di rapporti tra ‘mondo di sotto’ e “mondo di sopra”. Sì, dobbiamo bonificare il sottosuolo marcio e corrosivo della nostra società. E bisogna farlo insieme, società civile, Stato, forze politiche senza eccezione alcuna. Solo riacquisendo intangibili valori morali la politica potrà riguadagnare e vedere riconosciuta la sua funzione decisiva.

““Sì, dobbiamo bonificare il sottosuolo marcio e corrosivo della nostra società. E bisogna farlo insieme, società civile, Stato, forze politiche”

Napolitano ha, subito dopo, per contrasto elencato gli esempi nobili di italiani che danno lustro al Paese (e su questo la voce del presidente si è rotta). In contrasto con “gli italiani indegni” ci sono dunque “figure esemplari”. Come Fabiola Gianotti, diventata direttore generale del Cern, l’astronauta Samantha Cristoforetti, Serena Petriucciuolo, ufficiale della guardia costiera che sulla nave Etna, la notte di Natale, ha aiutato una profuga nigeriana a partorire. E ancora Fabrizio (citato solo per nome verosimilmente per motivi di privacy), il medico di Emergency che si è ammalato di ebola durante il suo servizio in Sierra Leone. E infine un accenno ai soccorritori italiani che hanno portato in salvo centinaia di passeggeri del traghetto Norman Atlantic, nel mare Adriatico, tra la Puglia e l’Albania.

““Valori morali, valori di cultura e di solidarietà. Non lasciamo occupare lo spazio dell’attenzione pubblica solo a italiani indegni”

Lungo il passaggio sulla funzione dell’Unione Europea e degli sforzi, anche del presidente del Consiglio Matteo Renzi, di migliorare “da dentro” le politiche comunitarie. Con un messaggio indiretto a forze politiche euroscettiche, come Movimento Cinque Stelle e Lega Nord. “Sono pericolosi gli appelli al ritorno a monete nazionali” ha detto Napolitano.

““Ciascuno faccia la sua parte al meglio. Io stesso ci proverò, nei limiti delle mie forze e dei miei nuovi doveri”

Napolitano ha chiamato dunque a raccolta tutta quella che ha chiamato “comunità nazionale”. “Mettiamocela dunque tutta, con passione, combattività e spirito di sacrificio – ha affermato il capo dello Stato – Ciascuno faccia la sua parte al meglio. Io stesso ci proverò, nei limiti delle mie forze e dei miei nuovi doveri, una volta concluso il mio servizio alla presidenza della Repubblica, dopo essermi impegnato per contribuire al massimo di continuità e operosità costituzionale durante il semestre di presidenza italiana del Consiglio dell’Unione Europea. Resterò vicino al cimento e agli sforzi dell’Italia e degli italiani, con infinita gratitudine per quel che ho ricevuto in questi quasi nove anni non soltanto di riconoscimenti legati al mio ruolo, non soltanto di straordinarie occasioni di allargamento delle mie esperienze, anche internazionali, ma per quel che ho ricevuto soprattutto di espressioni di generosa fiducia e costante sostegno, di personale affetto, direi, da parte di tantissimi italiani che ho incontrato o comunque sentito vicini. Non lo dimenticherò”.

Leggi ...

Grillo: “Ecco il regolamento M5s. Nasce comitato per ricorso contro espulsioni”

beppe-grillo-675[1]

Dopo le richieste di chiarimento degli uffici parlamentari sulla struttura dei 5 stelle, il leader pubblica le norme che regolano il Movimento. Tra le novità: la scelta di un ente che certifica il voto online e la possibilità per un quinto degli iscritti di chiedere una consultazione in rete
Un comitato d’appello per fare ricorso contro le espulsioni, un ente che certifica le votazioni online e la possibilità per un quinto degli iscritti di chiedere l’indizione di una consultazione in rete. E’ il nuovo regolamento M5S, pubblicato sul blog di Beppe Grillo: un cambio radicale nell’organizzazione interna e che struttura ancora di più il Movimento. Tante le novità introdotte: ad esempio la nascita di delegati territoriali (nominati) per autorizzare l’utilizzo del simbolo o la possibilità di chiedere un voto in contrasto con il parere del capo politico. L’organizzazione interna dei 5 stelle fa un passo in avanti e dà qualche risposta alle tante richieste di critici e dissidenti degli ultimi mesi. Anche se resta il potere centrale del leader 5 Stelle e i nomi tra cui eleggere i membri del comitato saranno scelti dal direttivo dell’associazione M5s (Grillo, il suo avvocato-nipote e il suo commercialista). Nelle scorse ore ci sono state tre ennesime dimissioni tra i parlamentari (Vacciano, Simeoni e Iannuzzi) e ancora una volta si sono aperte le discussioni sui problemi interni del gruppo. Grillo contrattacca con un testo scritto dallo staff e concordato con i 5 membri del direttorio. “Siamo obbligati”, scrive il leader sul blog, “a depositare un testo che attesti alcune modalità operative in particolare con riferimento alla cosiddetta democrazia interna (molte già esistenti) entro il 28 dicembre 2014. Non ottemperarvi potrebbe portare a contestazioni sulla possibile partecipazione a elezioni politiche”. La richiesta di alcuni chiarimenti infatti è stata fatta dagli uffici della Camera ai 5 stelle: secondo il decreto Letta sui rimborsi elettorali, i gruppi parlamentari devono avere un regolamento preciso a prescindere dal fatto che prendano i finanziamenti o meno.“Luigi Di Maio: “E’ una rivoluzione copernicana“Avrei preferito”, scrive su Facebook la parlamentare critica Silvia Benedetti, “che i colleghi del direttorio ci avessero avvertito prima. Dopo anni di questioni spesso risolte col ‘taglio di una mano per il furto di una mela’, per stare sul metaforico, oggi si risponde ad un adempimento di legge. Mi sarebbe piaciuto che a rispondervi fossimo stati tutti, per seguire lo stesso metodo utilizzato per scegliere la legge elettorale, metodo di cui andare fieri. Spero che i nomi del comitato non siano un listino bloccato”. Anche in questo passaggio non mancheranno le polemiche interne. Ma quello che affrontano i 5 stelle è comunque un nuovo cambiamento strutturale: dopo la nascita del direttorio di 5 parlamentari incaricati di guidare l’M5s e di assumersi responsabilità oltre Grillo e Casaleggio, ecco la tappa del regolamento. Sui social network commenta anche il vicepresidente della Camera e membro del direttorio Luigi Di Maio: “È una rivoluzione copernicana che darà ancora maggiori garanzie agli iscritti e soprattutto più nessuna scusa ai nostri detrattori”.

“Nasce un comitato d’appello a cui fare ricorso contro le espulsioni

Una delle novità più consistenti (articolo 4) è quella della nascita di un comitato d’appello. Il 24 dicembre (dalle 10 alle 19) gli iscritti potranno scegliere due dei tre componenti del nuovo comitato tra una lista di cinque nomi proposti dal consiglio direttivo dell’associazione Movimento 5 stelle, composto da Grillo, suo nipote (avvocato) e il suo commercialista. Il terzo sarà nominato direttamente dallo stesso consiglio dell’associazione. Tra le funzioni del nuovo organo, i cui componenti rimangono in carica cinque anni, l’intervento in caso di espulsione: tramite mail “l’interessato può proporre ricorso” che “viene esaminato entro il mese successivo. Il Comitato d’appello ha facoltà di acquisire informazioni o chiarimenti, nel rispetto del contraddittorio. Se il Comitato d’appello ritiene sussistente la violazione contestata, conferma l’espulsione in via definitiva. Altrimenti i tre esprimono il proprio parere motivato al capo politico del Movimento 5 Stelle, che se rimane in disaccordo rimette la decisione sull’espulsione all’assemblea mediante votazione in rete di tutti gli iscritti, la quale si pronuncia in via definitiva sull’espulsione”. Il comitato d’appello (articolo 5) decide anche “sulla compatibilità con l’impostazione del programma del Movimento 5 Stelle ed i principi del ‘non statuto’ delle eventuali proposte di modifica del presente regolamento, preventivamente alla sottoposizione delle proposte all’assemblea mediante votazione in rete”.

beppe-grillo-675[1]

“Introdotta la figura dei delegati territoriali che autorizzano l’uso del simbolo M5s

All’articolo 1 si regolamenta il ruolo degli iscritti al Movimento 5 stelle e i loro diritti: possono partecipare alle discussioni sul blog di Grillo e “contribuire alla determinazione dell’indirizzo politico degli eletti sotto il simbolo”; partecipare alle votazioni in rete; candidarsi alle elezioni secondo le regole e le procedure. Gli iscritti invece non possono usare il simobolo M5S per iniziative o manifestazione se non sono autorizzate da Grillo o da delegati territoriali.

L’articolo 2 invece determina quando e perché si può chiedere il voto della rete: programmi politici, scelta dei candidati, modifica al regolamento, nomina dei membri del comitato d’appello, espulsioni e soprattutto qualsiasi argomento che venga sottoposto dal capo politico dell’M5s o da un quinto degli iscritti. Il voto sulle questioni regionali o locali è limitato agli iscritti residenti in un determinato territorio: entro 10 giorni dalla consultazioni in rete Grillo o un quinto degli iscritti possono chiedere la ratifica dell’assemblea nazionale. “Il voto”, si legge nel regolamento, “è valido indipendentemente dal numero dei votanti”. A meno che non si sia chiamati ad esprimersi per la modifica del regolamento o del programma: in questi casi serve la partecipazione di almeno un terzo dell’assemblea. E’ possibile chiedere un voto su un punto sui cui il comitato ha espresso parere negativo, ma serve la maggioranza dei 2/3 dell’assemblea. “Le decisioni sono vincolanti per gli eletti e per il capo politico”.

“Il voto sarà certificato da un organismo tecnico indipendente

L‘articolo 3 si concentra sui voti online ovvero “la convocazione dell’assemblea M5s”. Questa è indetta con una email di avviso 24 ore prima della consultazione in cui si spiegano i punti che saranno posti in discussione. Il risultato viene pubblicato sul sito “entro il giorno successivo al termine del voto”. Ma soprattutto: “La regolarità di funzionamento del sistema sarà verificata e certificata da un organismo tecnico indipendente, nominato con cadenza triennale dal consiglio direttivo dell’associazione”.

Leggi ...

Legge di stabilità: benefici per famiglie e imprese

310x0_1417162692088_310x0_1416850922859_medium_141124_163206_to241114pol_0501[1]

Vantaggi soprattutto per i redditi al di sotto dei 26 mila euro: confermato il bonus da 80 euro. Penalizzate le pensioni integrative. Sconto sull’Irap per le imprese: introdotta la possibilità di detrarre dal calcolo dell’imposta il costo del lavoro

21 dicembre 201432 miliardi è il valore della manovra che il governo Renzi ha varato e che sarà convertita in legge al più tardi entro martedì mattina. Si tratta di una legge di stabilità che dispone riduzioni di tasse per i redditi più bassi e per le  imprese che assumono. Una riduzione che dovrebbe valere all’incirca 18 miliardi. I vantaggi saranno soprattutto per le famiglie e i lavoratori con reddito al di sotto dei 26 mila euro. Penalizzate – ma questo era stato ampiamente anticipato – le pensioni integrative.

Famiglie e casa
Per quanto riguarda le famiglie, uno tra i benefici più importanti è la conferma del bonus Irpef da 80 euro per tutti i redditi al di sotto dei 26mila euro. Una misura che diventa permanente, ha assicurato il ministro Padoan, strutturale. Altri 80 euro mensili saranno erogati alle famiglie con un Isee inferiore a 25mila euro sotto forma di bonus-bebè per ogni figlio nato o adottato tra il primo gennaio 2015 e il 31 dicembre del 2017. Sotto i 7 mila euro di Isee, il bonus poi raddoppia. Per il 2015 sono previsti inoltre 45 milioni di euro per un buono acquisto da 1.000 euro a favore delle mamme con almeno 4 figli e un Isee al di sotto degli 8.500 euro. Da marzo ci sarà inoltre la possibilità di sospendere per 3 anni il rimborso delle quote capitale delle rate dei mutui. Poi si portà chiedere l’anticipo di circa 3 anni del Tfr, naturalmente con una tassazione ordinaria e non più agevolata. Sul fronte casa, vengono congelate Imu e Tasi. Per la Tassa sui servizi indivisibili viene confermato il tetto del 2,5 per mille fissato per il 2014 con un aggiuntivo 0,8 per mille nel caso in cui il Comune conceda apposite detrazioni. Congelato (a quota 113,5 euro) anche il canone Rai per il quale era stato inizialmente prospettato l’inserimento in bolletta. Se si utilizza il pellet per scaldare casa, l’iva sale dal 4 al 22%. Si punta a incassare 96 milioni di euro. Sul fronte delle detrazioni confermati sia il credito di imposta per i lavori pari al 50% di recupero abitativo e quello del 65% per interventi di efficentamento energetico, stesso “sconto” anche per gli interventi di prevenzione per i terremoti.

Lavoro
Per quanto riguarda il lavoro, la novità è data dalla piena deducibilità, ai fini del calcolo dell’Irap, del costo del lavoro per i lavoratori assunti contratto a tempo indeterminato (quello a tutele crescenti). Il credito d’imposta Irap per le imprese senza dipendenti, quindi prive di costo del lavoro: sarà pari al 10% dell’Irap. Si recupera così quanto perso con l’abolizione del taglio dal 3,9% al 3,5% previsto dal dl Irpef. La misura vale per 1,4 milioni di lavoratori autonomi e costa 163 milioni. Per il finanziamento degli ammortizzatori sociali sono stati stanziati 400 milioni e saranno garantiti per due anni gli stipendi dei lavoratori delle province in via di ricollocazione in altri uffici pubblici di Comuni e Regioni. Poi, dal 2017, scatteranno le procedure di mobilità. 30 milioni di euro in più per la contrattazione di secondo livello.

Partite Iva
Per le partite Iva cambia il regime dei minimi: se i redditi di impresa o di lavoro autonomo sono prevalenti rispetto a quelli da lavoro dipendente o pensione, è possibile beneficiare di un regime forfettario con un’imposta sostitutiva al 15%. Esclusi dal forfait al 15% coloro il cui reddito supera i 20.000 euro. Il regime agevolato (del 5%) può durare fino alla naturale scadenza (5 anni di attività o 35 anni d’età).

Pensioni
Arriva un tetto pari all’80% dello stipendio sugli assegni futuri, compresi quelli in essere, per quei soggetti (magistrati, professori, ecc.) che potendo continuare a lavorare oltre i 65 anni. Cancellate le penalizzazioni per chi anticipa il pensionamento avendo maturato 42 anni di contributi al 31.12.2017 senza però aver compiuto 62 anni di età. Aumentando la tassazione dei fondi pensione – salita dall’11,5 al 20% – e sulle casse di previdenza (il cui prelievo passa dal 20 al 26%), le pensioni integrative saranno penalizzate. Previsto un credito di imposta con tetto di 80 milioni per le casse previdenziali (del 6%) e i fondi pensione (del 9%) per gli investimenti in economia reale, per compensare l’aumento della tassazione. Penalizzate le pensioni anche per i lavoratori che decidono di dirottare in busta paga il Tfr.

Imprese
Per le imprese, cambia lo sconto sull’Irap: l’esecutivo ha deciso che, anziché ridurre le aliquote, che retroattivamente vengono riportate dal 3,4 al 3,9%, introdurrà la possibilità di detrarre dal calcolo il costo del lavoro. E’ stata infatti aggiunta una detrazione fiscale del 10% a favore delle imprese senza dipendenti, per lo più commercianti ed artigiani, un totale di circa 1,4 milioni di attività. Poi c’è il bonus assunzioni per le imprese, l’estensione del fondo di garanzia per le Pmi sino a 499 dipendenti, la possibilità di compensare crediti con le pubbliche amministrazioni e debiti col fisco, il raddoppio dei fondi della legge Sabatini bis che finanzia l’acquisto di beni strumentali. – See more at: http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/legge-di-stabilita-la-scheda-bonus-irpef-imprese-famiglie-benefici-6229b3e8-1b0e-4f69-8c4d-ebffa8545c46.html?refresh_ce#sthash.KBTLGtFe.dpuf

Leggi ...

Stabilità, caos al Senato. Fiducia al maxiemendamento a tarda notte

 

 

 

 

Pier Carlo Padoan interviene alla 52ma riunione plenaria della COSACScarpe sui banchi e proteste della Lega. Seduta su maxiemendamento aggiornata alle 2. Poi il Cdm e una nuova capigruppo per incardinare l’Italicum. M5S attacca: “Ci sono norme marchetta”. I sindacati lanciano una mobilitazione generale a favore dQuattro rinvii, bagarre in aula, imbarazzo. E, alla fine, slittamento di 24 ore sui tempi di approvazione, con la fiducia del Senato al maxiemendamento alla legge di Stabilità (provvedimento che la sostituisce integralmente) che arriva in aula alle due di notte. E con l’incardinamento dell’Italicum previsto all’alba pur di rispettare i tempi previsti da governo e maggioranza. Giornata ad alta tensione a Palazza Madama, dove le proteste sono diventate caos quando il ministro Maria Elena Boschi ha annunciato la questione di fiducia, con i senatori leghisti che hanno tolto le scarpe e le hanno sbattute sui banchi, riproponendo la famosa protesta di Nikita Kruscev all’Assemblea delle Nazioni Unite. Già nel pomeriggio, però, le opposizioni avevano incalzato il governo per l’andamento dei lavori, chiedendo che il ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan venisse a riferire Parlamento. “Non siamo perfetti”, è stata la replica del premier Renzi, che poi ha promesso di lavorare affinché “la Legge di stabilità non sia quel monstrum di norme con magari le varie leggi marchetta”. ei dipendenti delle provinceUn riferimento non casuale. Perché proprio il pacchetto di norme microsettoriali e territoriali, (concordate tra governo e senatori in commissione Bilancio ma non approvate a causa dell’interruzione dei lavori senza aver terminato l’esame della manovra) sono state una delle ragioni principali del ritardo dell’approdo in Aula. Un elenco nel mirino in particolare del M5S: “Nella manovra – è la denuncia del movimento – sono stati infilati all’ultimo momento emendamenti per assecondare gli interessi dei lobbisti che affollano in queste ore il Parlamento“. A cosa si riferivano i grillini. L’elenco è lungo: rincaro Pellet, Istituto tecnologico Genova, Italia Lavoro, Salva Piemonte, Italia Expo, Tempa Rossa, deroghe per i dirigente Mef, Telesina, siti di interesse nazionale e altro.

La minaccia di ostruzionismo a oltranza ha quindi costretto il governo a riprendere in mano il testo del maxiemendamento e a correggerlo. Alla fine, sono un pò meno di venti le misure che sono state cancellate durante l’esame incrociato di Palazzo Chigi-Tesoro-Ragioneria dello Stato. E per alcune norme saltate altre però sono rimaste, nonostante le polemiche. Non solo. Le difficoltà legate a cosa lasciare fuori dal testo si sono poi sommate a quelle della necessaria relazione tecnica a firma della Ragioneria. Al terzo rinvio, lo stesso viceministro all’Economia Enrico Morando si è trovato costretto a annunciare ai senatori la mancanza del dossier di accompagnamento spiegando di non essere “in grado di prendere un impegno preciso sui tempi”, non avendo ancora ricevuto il testo bollinato. Bollinatura che poi a sera è finalmente arrivata. La speranza – fanno sapere fonti governative – è che il compromesso sia sufficiente per evitare che in Aula i lavori vadano per le lunghe, facendo slittare l’ok a dopo Natale. La certezza, tuttavia, è che il voto finale al provvedimento arriverà a notte fonda, non prima delle 3 di notte. L’aula, del resto, ha iniziato l’esame del provvedimento solo alle 23.45 (dopo altri due rinvii). Oltre alle 24 ore di ritardo, però, l’altra conseguenza della giornata interminabile a Palazzo Madama è stato lo slittamento dell’avvio della riforma elettorale a Palazzo Madama. L’incardinamento dell’Italicum è destinato ad essere esaminato alle prime luci dell’alba (non prima delle 5 fanno sapere da Palazzo Madama), dopo il voto di fiducia sulla stabilità. Un avvio non certo trionfale, ma che consentirà comunque di rispettare i tempi con l’approvazione a gennaio.

LA GIORNATA

Il governo perde tempo, opposizioni sul piede di guerra – Anche Quando Maria elena Boschi è entrata nell’aula di Palazzo Madama e ha annunciato che il governo avrebbe posto la fiducia sul maxiemendamento si è scatenato il caos. Anche prima, però, le opposizioni avevano dato segni di insofferenza per la continua perdita di tempo. Il leghista Roberto Calderoli ha chiesto di prendere una decisione: “O si sposta il concerto di Natale, o si decide che ci si rivede qui lunedì”. Alberto Airola, capogruppo M5S, si è scagliato contro una “procedura inaccettabile” per cui i parlamentari vengono riconvocati di ora in ora. Mario Ferrara (Gal) ha accusato il governo di “nascondere la verità” perché a Bruxelles, durante il Consiglio europeo, il premier avrebbe avuto indicazioni per correggere la legge di Stabilità per importi ben diversi da quei 600 milioni indicati dall’esecutivo come motivo per il ritardo nella presentazione del maxiemendamento. Il capogruppo Fi Paolo Romani ha insistito per avere spiegazioni rapide dal governo. “Fra cinque minuti, non fra un’ora…” ha detto, aggiungendo di volere in aula “il ministro del Tesoro o il presidente del Consiglio a spiegare che intenzioni hanno”. Per Romani, poi, è “risibile” la “scusa che la relazione tecnica non è pronta, perché la Ragioneria dello Stato è in grado di farla in cinque minuti ed è da ieri sera che ce lo raccontano”. Anche Ferrara e Raffaele Volpi (Lega Nord) hanno chiesto che il titolare del Tesoro, Pier Carlo Padoan, vada a riferire in aula. Il senatore di Fi Maurizio Gasparri ha detto che quanto sta avvenendo al Senato è “indegno, indecoroso e offensivo delle istituzioni” e sollecitato un intervento del capo dello Stato: “Il presidente Napolitano deve intervenire su quello che sta succedendo e lo stesso Senato non può tollerare un comportamento simile, di un governo indecente che mortifica l’Italia intera. Altro che semestre europeo”. Ma contro il governo c’è stato anche il fuoco amico: Luigi Luigi Zanda (Pd) e Maurizio Sacconi (Ncd) si sono detti favorevoli al rinvio alle 18.30 ma hanno comunque sollecitato il governo a completare quanto prima la relazione tecnica. 

 

 

 

Leggi ...

Isis, 150 donne uccise e gettate in fossa comune: non volevano sposare jihadisti

isis-675[1]

Le donne, che vivevano nella città di al-Wafa, nel nord della provincia di al-Anbar, sono state catturate e poi uccise. Centinaia di persone stanno fuggendo dai paesi limitrofi per paura delle ritorsioni del califfato
Si erano rifiutate di diventare le spose di jihadisti e per questo sono state giustiziate e gettate in una fossa comune. Sono state uccise così 150 donne che i militanti dell’Isis volevano in spose, alcune delle quali incinte, ma che si sono rifiutate di passare il resto della loro vita al fianco dei fondamentalisti. A dare la notizia è il ministero per i Diritti umani di Baghdad, citato da Al Arabiya.
Dal ministero spiegano che altre famiglie in tutta la zona sono state minacciate di morte dai miliziani fedeli all’autoproclamato califfo, Abu Bakr al-Baghdadi, e sono state costrette a fuggire dalle loro case: “Molte famiglie – dicono – sono state obbligate a migrare dalla città di al-Wafa dopo che centinaia di residenti hanno ricevuto minacce di morte“. Lo Stato Islamico sta continuando a guadagnare terreno nella provincia, espandendo il loro controllo verso ovest, e tutte le città che toccano entrano sotto il loro controllo e rispondono alle loro leggi, per questo in tutta l’area si assiste spesso a migrazioni di massa dalle città.
Intanto, i peshmerga sono riusciti a respingere l’assedio del monte Sinjar, nel nord dell’Iraq, da parte dei miliziani del califfato. Nella città si trovavano intrappolate centinaia di famiglie della minoranza degli Yazidi, perseguitati dallo Stato Islamico. A dare la notizia è stato il figlio del presidente del Kurdistan iracheno Massoud Barzani, Masrour, che è a capo del consiglio di sicurezza.

Le esecuzioni, inoltre, sono molto frequenti nelle città controllate dallo Stato islamico. Un mese fa, 50 uomini, donne e bambini sono stati fucilati. In altre zone controllate dal califfato vengono eseguite anche decapitazioni pubbliche di massa contro oppositori o “miscredenti”. Queste persone vengono spesso convertiti con la forza, ridotte in schiavitù e costrette (le donne) a sposarsi con i jihadisti.

Leggi ...

Fitch: “Venezuela a un passo dal crac, col crollo del petrolio. Rating Ccc”

maduro-6751[1]

Per l’agenzia Caracas è messa a rischio dalla vertiginosa caduta dei prezzi petroliferi che erode la principale fonte di valute per l’economia di un Paese con poche riserve e bassa liquidità
Fitch ha tagliato il rating del Venezuela di due gradini da B a CCC, una categoria che contraddistingue i Paesi che vedono una “reale possibilità” di default. Lo comunica l’agenzia di rating, secondo cui il Paese latinoamericano è messo a rischio dalla vertiginosa caduta dei prezzi petroliferi che “erode la principale fonte di valute per l’economia” di un Paese con poche riserve e bassa liquidità. La decisione dell’agenzia è arrivata proprio nel giorno in cui le quotazioni del petrolio hanno registrato un rimbalzo che ha frenato per un attimo la caduta con il Wti che ha toccato un massimo di 59,29 dollari al barile per poi ripiegare a 56 dollari. Valori comunque proibitivi per Caracas che deve il 96% delle sue entrate in valuta estera proprio all’export di greggio e nei prossimi due anni dovrà rimborsare 10 miliardi di dollari agli investitori che hanno in pancia i suoi titoli di Stato e per riuscirci ha bisogno del prezzo del petrolio ad almeno 117-120 dollari al barile.

Prima ancora di Fitch a fotografare la situazione del Paese con analoghe previsioni era stata Moody’s che nel dicembre 2013 aveva tagliato di due gradini il merito di credito del Venezuela, abbassandolo da B2 a Caa1 (l’equivalente delle tre C di Fitch) mantenendo un outlook negativo e citando i crescenti rischi di un collasso economico e finanziario. “Il downgrade riflette l’opinione di Moody’s che il Venezuela debba fronteggiare squilibri macroeconomici crescentemente insostenibili, tra cui un’inflazione alla stelle e un profondo deprezzamento del tasso di cambio parallelo”, scriveva l’agenzia allineando le proprie valutazioni a quelle dei colleghi di Standard & Poor’s che per prima aveva puntato il dito contro la “radicalizzazione” della politica economica di Maduro e il declino delle riserve internazionali.

Leggi ...

Archivio