Rubriche

Category Archives: politica

Marco Esposito: “Perchè votare “MO!” in Costiera Amalfitana

Leggi ...

Renzi è a Salerno, giornata con Vincenzo De Luca

20150522_re1[1]Il Presidente del Consiglio Matteo Renzi è giunto dopo le 13 al sito di compostaggio di Sardone (Salerno) che ha visitato insieme al candidato del centrosinistra alla Presidenza della Regione Campania, Vincenzo De Luca. Si tratta della prima tappa del tour elettorale a Salerno.
Impianto compostaggio. Renzi, accompagnato anche dal sindaco di Salerno Vincenzo Napoli, si è recato successivamente al porto turistico del Marina d’Arechi. Ultima tappa all’Hotel Mediterranea per un incontro con la stampa e gli elettori del Pd. Saltato l’appuntamento all’asilo intitolato a Teresa Buonocore. La visita al sito di compostaggio è durata pochi minuti ed è stata protetta da forti misure di sicurezza. I giornalisti sono stati tenuti all’esterno dell’impianto.

Porto turistico. Giunto al Marina d’Arechi, dove è stato accolto dal presidente del porto turistico Agostino Gallozzi, il premier ha scherzato con i fotografi, che gli chiedevano di poter scattare una foto insieme con De Luca: “Ragazzi, oggi farete un album di foto con me e lui”. E poi, a chi lo chiamava “sindaco” per attirare la sua attenzione, ha detto: “Non chiamate il sindaco che ci giriamo in tre”, riferendosi alla contemporanea presenza di De Luca e Napoli. Il Presidente del Consiglio ha poi definito il Marini d’Arechi “molto bello, dà il senso delle potenzialità di Salerno e della Campania”. Piccolo imprevisto per l’europarlamentare del Pd Pina Picierno, che ha partecipato alla visita salernitana del premier: la Picierno è inciampata mentre scendeva le scale ed è stata sorretta da Renzi.
Cittadella giudiziaria. Dopo aver lasciato il Marina d’Arechi, Renzi si è recato alla cittadella giudiziaria, aggiungendo quindi una tappa all’agenda salernitana, che inizialmente non prevedeva questa visita. Intanto, all’Hotel Mediterranea, circa cinquanta aderenti dei Cobas Scuola si sono radunati in attesa dell’arrivo del premier. Al presidio si sono aggiunti poi venti esponenti dei centri sociali, che hanno mostrato uno striscione con la scritta “Renzi via da Salerno”.

Hotel Mediterranea. Il premier è poi arrivato all’Hotel Mediterranea, per tenere un comizio elettorale con De Luca. Prima dell’intervento, Renzi ha incontrato i delegati dei sindacati Fim, Fiom e Uilm dei lavoratori Whirlpool. Presente anche il sindaco di Carinaro Marianna Dell’Aprovitola.

Leggi ...

Regionali Campania, imputato per concorso esterno in lista con Caldoro

Conferenza stampa di Forza Italia su provvedimenti per la Campania

Antonio Scalzone, dei Popolari per l’Italia alleati con il governatore uscente, è sotto processo con l’accusa di aver favorito la camorra casalese negli appalti di Castel Volturno, Comune di cui era sindaco, sciolto due volte per infiltrazioni mafiose. Il pentito: “Gli imposi io il nome dell’assessore all’ambiente”

Tra i nomi appuntati sui taccuini della commissione parlamentare Antimafia che nei prossimi giorni farà i raggi x ai curriculum dei candidati in Campania, ce n’è uno segnato con l’evidenziatore. E’ quello di Antonio Scalzone, candidato nei Popolari per l’Italia, lista collegata a Stefano Caldoro, il berlusconiano governatore uscente. Scalzone è un ex sindaco di Castel Volturno, comune sciolto due volte per infiltrazioni mafiose, nel 1998 e nel 2012. In entrambi i casi le relazioni delle commissioni d’accesso hanno puntato il dito sulla sua giunta. Scalzone è tuttora imputato per concorso esterno in associazione camorristica. E’ il processo nato da un’inchiesta della Dda di Napoli, pm Ardituro, Conso, Milita e Falcone, sui legami tra il clan dei Casalesi e la politica locale su questa lingua di costa domiziana dove un abitante su due è straniero e dove, secondo alcuni calcoli basati sulla produzione di rifiuti urbani, gli immigrati clandestini sono almeno 20mila.

Castel Volturno è la terra della strage del 19 settembre 2008, quando Setola e i suoi uomini fecero irruzione in una sartoria e uccisero sei immigrati di colore. Due anni dopo Scalzone, sindaco Pdl in carica, ricevette con tutti gli onori Roberto Fiore, capo di Forza Nuova, che voleva organizzare una fiaccolata e protestava per il diniego della Prefettura. Scalzone e Fiore tennero conferenza stampa insieme e da quel palcoscenico il leader dell’ultradestra espresse il suo pensiero: “Il problema di Castelvolturno sono le tre C: comunisti, clandestini e camorra”. Scalzone gli era affianco, non fece una piega.

Pubblicità

La ricostruzione dell’Antimafia ipotizza che Scalzone e altri amministratori e politici locali, tra cui l’ex sindaco Francesco Nuzzo, un magistrato, nel corso del loro mandato “si accordavano con i vertici del gruppo Bidognetti ed in particolare anche con Luigi Guida, fornendogli la piena disponibilità, in caso di elezione, a consentire a ditte nella disponibilità del clan dei casalesi e anche indicate da Luigi Guida quale referente del clan, l’aggiudicazione di appalti pubblici, o di subappalti per opere di ingente valore economico in corso di esecuzione nel Comune di Castelvolturno, ricevendone quale corrispettivo  l’appoggio  elettorale e di voti dagli esponenti del gruppo Bidognetti operanti sul territorio di Castelvolturno”.

In un verbale del 6 ottobre 2009, il pentito Luigi Guida, reggente del clan Bidognetti, dice: “Alfonso e Antonio Scalzone erano persone a disposizione del gruppo Bidognetti; io mi incontravo con Alfonso e gli riferivo quelle che erano le mie volontà, che poi lui trasmetteva al fratello sindaco”. Guida ha fatto l’elenco degli affari sui quali il clan avrebbe allungato le mani anche grazie all’intercessione del candidato di Caldoro: “Con Alfonso e poi con il sindaco Antonio avevo discusso dei seguenti argomenti: l’aumento dell’appalto della nettezza urbana; l’apertura del parco in costruzione da parte di Giuliani. L’apertura della discarica Bortolotto, per la quale avevo parlato con …omissis…. e con Alfonso Scalzone: entrambi mi assicurarono che sarebbero intervenuti sulla discarica che poi fu effettivamente aperta dalla famiglia Orsi che mi mandavano circa 10 mila euro sui guadagni; il rilascio delle concessioni del centro commerciale al Tammaro Diana proprietario del Top Market per il quale parlai con Alfonso Scalzone, il quale si impegnò di fare intervenire il fratello sindaco per il rilascio di tutte le licenze senza incontrare inconvenienti: mi fu detto proprio da Alfonso Scalzone e Tammaro Diana che i permessi furono concessi e quindi si poteva cominciare a realizzare il centro commerciale, senza inconvenienti”. Accuse gravi, da vagliare corso nel processo. In attesa della sentenza, per Scalzone vale la presunzione di innocenza. Nuzzo, che ha chiesto di farsi giudicare col rito abbreviato, è stato condannato in primo grado a un anno per falso e abuso ma i giudici hanno escluso l’aggravante camorristica.

Le vicende della giunta Scalzone sono entrate anche nel processo all’ex coordinatore campano del Pdl Nicola Cosentino, in carcere con accuse di camorra. In un’udienza dell’ottobre 2013 Guida ha rivelato: “Sono intervenuto più volte, su richiesta del sindaco di Castelvolturno Antonio Scalzone, presso consiglieri e assessori della sua amministrazione per evitare che lo sfiduciassero. Bastava che mi presentassi a loro per ottenere quello che volevo. Ed imposi al sindaco la nomina dell’assessore all’ambiente”. Scalzone ha terminato regolarmente il suo mandato nel marzo 2005. Secondo il senatore Gal Vincenzo D’Anna, Scalzone non è stato più ricandidato alle amministrative perché ruppe con Cosentino “per via delle pendenze giudiziarie”. Ora ha trovato spazio nelle liste di Caldoro.

 

Leggi ...

ELEZIONI REGIONALI CAMPANIA, VOTA DONATO PICA

Listener[1]

CURRICULUM VITAE

Nato e residente a Sant’Arsenio (SA), laureato in Giurisprudenza presso l’Università degli

Studi di Napoli, è stato Sindaco del Comune di Sant’Arsenio, Consigliere Provinciale,

Presidente del Comitato dei Sindaci dell’Azienda Sanitaria Locale, Segretario del Partito

Popolare di Salerno, Coordinatore provinciale della Margherita, Presidente di Ambito Sele

per il Servizio idrico integrato, e tra i fondatori del Partito Democratico in Provincia di Salerno.

Dal 15 maggio 2008 è Consigliere Regionale della Campania per il Partito Democratico.

Dalle urne del 15/05/’08 Pica è risultato 1° eletto tra le fila del Partito Democratico

in Provincia di Salerno.

Attualmente è Presidente della IV Commissione speciale per la prevenzione del fenomeno

di Mobbing sui luoghi di lavoro e di ogni forma di discriminazione sociale, etnica e culturale.

È altresì Componente della Ottava Commissione “Agricoltura. Caccia. Pesca. Risorse

comunitarie e statali per lo sviluppo”.

Durante questo quinquennio tra i banchi dell’opposizione nel Consiglio regionale campano,

Donato Pica si è fatto promotore di (dati aggiornati al 31/12/2014):

58 proposte di legge

114 interrogazioni a risposta scritta

Il 2/2/2015 la posizione dell’on. Donato Pica nell’inchiesta “Rimborsopoli”, inerente le richieste di

rimborsi non dovuti, è stata ARCHIVIATA. A tale scopo si allegano documenti relativi alla richiesta

stessa proveniente dal giudice competente presso il tribunale di Napoli.

Esperto in materie giuridiche e bancarie è da sempre impegnato nelle politiche sociali a

favore delle fasce deboli. Disabilità fisica e psichica, lungodegenza e cronicità, patologie

oncologiche, sono i settori nei quali ha sostenuto l’efficienza dei servizi e la creazione

di strutture protette.

Donato Pica

https://www.dropbox.com/s/qm29pa8h6bxq3vc/SPOT_1_DONATO_PICA_45sec.mp4?dl=0

https://www.dropbox.com/s/qm65fxgj6lpzza7/PICA_Spot%202%20Beta7.mp4?dl=0

Leggi ...

Sciopero scuola 5 maggio 2015, mappa dei cortei. Prova di forza contro il governo

buona-scuola-675[1]

Oggi sciopero del mondo della scuola del 5 maggio contro il disegno di Legge “La Buona scuola”. Quella di martedì sarà una giornata decisiva ma anche particolarmente difficile per chi si troverà in automobile a Milano, Aosta, Catania, Palermo, Roma, Bari e Genova dove sono previsti cortei che riempiranno le strade delle città. Lo stop alle lezioni proclamato dai cinque sindacati più rappresentativi, Flc-Cgil, Cis e Uil Scuola, Snals, Gilda e Cobas porterà in piazza migliaia di persone: è dal 2007 che le organizzazioni sindacali non si presentano in maniera unitaria. In tutt’Italia saranno centinaia le scuole totalmente chiuse visto che sono davvero pochi gli insegnanti decisi a restare in classe.

Al Sud saranno quattro le città coinvolte. A Palermo l’appuntamento è alle nove in piazza Marina da dove partirà il corteo che sfilerà per corso Vittorio, via Roma, via Cavour fino al teatro Massimo dove si svolgeranno i comizi. A Catania arriveranno i manifestanti delle province di Caltanissetta, Catania, Enna, Messina, Ragusa e Siracusa. Si incontreranno tutti in piazza Europa per poi dirigersi verso piazza Roma, passando per corso Italia e piazza Verga. Lo sciopero sardo vedrà il capoluogo di regione come punto di riferimento per l’intera isola: le delegazioni sono attese in piazza Giovanni XXIII. Da lì faranno tappa in via Dante, via Paoli, via Sonnino, via XX Settembre, via Roma, via Sassari per arrivare a piazza del Carmina. A Bari sono attesi venti mila lavoratori. Arriveranno quaranta pullman e treni speciali da tutta la Puglia, dalla Basilicata e dalla Calabria. Il centro sarà paralizzato. Il corteo che vedrà tutti gli insegnanti con una fascia nera in segno di lutto, si muoverà alle nove da piazza Castello per attraversare le vie San Francesco, Latilla, Quinti Sella, Abate Gimma, corso Cavour e corso Vittorio Emanuele. L’intervento dal palco di piazza Prefettura sarà fatto da Rino Di Meglio, segretario nazionale della Gilda.

Nella capitale si terrà una grande manifestazione che vedrà arrivare a Roma maestri, professori e Ata dall’ Abruzzo, dalla Campania, dal Lazio, dalle Marche, dal Molise, dalla Toscana e dall’Umbria. Il concentramento è stato previsto in piazza della Repubblica da dove partirà la fiumana di gente bloccando via Orlando, largo Susanna, via Barberini, via Sistina, piazza Trinità dei Monti, via D’Annunzio e piazza del Popolo, punto d’arrivo del corteo.

Al Nord toccherà a Milano fare da capitale dello sciopero: nel capoluogo lombardo giungeranno dall’Emilia Romagna, dal Friuli Venezia Giulia, dalla Liguria, dalla Lombardia, dal Piemonte, dal Trentino e dal Veneto. Lo start sarà alle dieci da piazza Repubblica per poi attraversare la città passando da viale Monte Santo, via Galilei, porta Nuova, via XXV Aprile, Crispi, piazza Lega Lombarda, viale Elvezia, corso Sempione con arrivo all’Arco della Pace. Una manifestazione è prevista anche a Genova e ad Aosta in piazza Chanoux.

I Cobas , invece, manifesteranno a Torino, Bologna, Firenze, Padova, Pescara, Cagliari, Palermo e Catania. A Roma saranno presenti in due punti: in viale Trastevere davanti alla sede del ministero e dalle 12,30 alle 18 a piazza Montecitorio. Nella stessa giornata di martedì, alle 12, in altre 53 piazze non coinvolte dalle organizzazioni sindacali, i docenti si sono autoconvocati attraverso la Rete per un flash mob che colorerà le piazze con centinaia di palloncini colorati. Un’anteprima andrà in scena anche lunedì sera in altre piazze dove si terrà il “Selfie – mob” del popolo dei lumini che la scorsa settimana ha manifestato in oltre 120 città. Mercoledì, infine, sarà la volta dello sciopero dei Cobas contro l’Invalsi che vedrà la sua prima giornata di somministrazione dei test alle elementari.

Leggi ...

Intercettazioni, fronte bipartisan Pd-Ncd: “Certi colloqui non vanno pubblicati”

alfano-porta-675[1]

Mentre l’inchiesta della Procura di Firenze porta alla luce un vasto sistema di malaffare alla base della gestione degli appalti del ministero delle Infrastrutture, la maggioranza si ricompatta contro la pubblicazione delle registrazioni. Alfano, Bersani e Serracchiani chiedono “nuove regole”. Pagano, esponente del Nuovo Centrodestra firmatario dell’emendamento bavaglio al ddl diffamazione, sollecita il premier: “Renzi batta un colpo”
C’è un tema che nelle ultime ore mette tutti d’accordo, sia nella maggioranza di governo sia all’interno del Partito Democratico: quello delle intercettazioni. Mentre le conversazioni contenute nell’inchiesta della Procura di Firenze portano alla luce il vasto sistema di malaffare alla base della gestione degli appalti del ministero delle Infrastrutture, nasce un fronte bipartisan che va dal Nuovo Centrodestra fino alla minoranza dem, passando per i vertici di via del Nazareno. Tutti insieme all’unisono per chiedere una nuova legge che regolamenti la materia. Così sul lavoro di magistrati e giornalisti torna ad incombere lo spettro del bavaglio.

“Non avremmo dovuto leggerle le notizie sul Rolex e sui vestiti regalati al ministro Maurizio Lupi dall’imprenditore Perotti?”, è la domanda rivolta a Pierluigi Bersani a margine del convegno “Alla Sinistra del Pd”, che vedeva riunite a Roma le varie anime della minoranza democratica. “Lupi si può difendere in tv, in Parlamento, capiamoci. Ma ci sono nomi di cittadini comuni dati in pasto all’opinione pubblica senza che ci sia nessuna ipotesi di reato”, afferma il deputato della minoranza dem, afferma l’ex segretario senza circostanziare l’affermazione. “Quello che è irrilevante non va pubblicato – precisa Bersani – servono regole, non è la posizione di Ncd, è la nostra”. Quella cioè del Pd, per una volta d’accordo su qualcosa al suo interno. Il 17 marzo era stata Debora

Serracchiani a chiedere nuove regole: “Io non sono oggetto di intercettazione diretta, vengo citata da terze persone, mi domando a cosa serva nell’ambito dell’inchiesta far comparire sui giornali il mio nome“, si domandava il vicesegretario del Pd, citata nell’indagine. “Credo che – ha concluso – delle regole chiare su questo tema siano quantomai opportune“.

Una posizione che collima alla perfezione con quella di Angelino Alfano, che tuttavia, mentre le indagini portano alla luce un vasto sistema di malaffare che vede coinvolto un ministro espressione del suo partito, compie un passo in avanti: se la prende con la stampa. “Non voglio parlare dei due pesi e due misure del Pd, ma parlare di una cosa più scomoda: i due pesi e due misure sono dei grandi giornali e delle grandi tv che non parlano delle cose che accadono ad alcuni e che tendono ad oscurare noi se facciamo bene”, attacca al LaboratorioFuturo organizzato dalla fondazione Magna Charta a Rivisondoli il segretario del Ncd, che dopo lo scandalo Grandi Opere e le dimissioni di ministro Maurizio Lupi chiude all’ipotesi di lasciare il governo e punta il dito contro i giornali: “Il vero problema – dice il ministro dell’Interno – è l’informazione italiana. Se un problema riguarda il Pd la chiudono in 24 ore. Si ricordano di essere liberi solo quando attaccano noi”. Un modo per tornare su un tema particolarmente sentito dal suo partito, quello delle intercettazioni: “Chiediamo alla commissione Giustizia della Camera di fare rapidamente”.

E chi c’è in Commissione Giustizia? C’è Alessandro Pagano, esponente del Nuovo Centrodestra firmatario dell’emendamento bavaglio al ddl diffamazione, che ieri rilanciava con forza il tema: “Sull’abuso mediatico delle intercettazioni serve presto una riforma, bisogna accelerare: lo dice Bersani, lo dice Speranza, lo ha detto pochi giorni fa la Serracchiani, lo dice da sempre il Nuovo Centrodestra. All’appello però manca Renzi. Il premier dia quindi priorità a quella che sta diventando una vera esigenza nazionale. Perchè se è vero quanto sostiene il suo responsabile Giustizia Ermini, e cioè che il provvedimento arriverà in Aula solo a ridosso dell’estate, significa o non rendersi conto dell’urgenza o voler diluire il problema”. “Se ne parla da dieci anni – conclude il parlamentare di Ncd – e ancora siamo a fare melina. Renzi batta un colpo“.

Leggi ...

Primarie Pd, De Luca: il condannato in primo grado che sfida la Severino

de-luca-675-21[1]

Il sindaco decaduto di Salerno ha vinto in Campania contro lo sfidante Andrea Cozzolino. Se vincesse le elezioni Regionali, penderebbe su di lui la legge Severino. Lui ha invocato in campagna elettorale ha invocato l’intervento politico, e ora la palla infuocata passa a Matteo Renzi
Vista dal Regno di Salerno, la “farsa triste delle primarie” (Roberto Esposito, filosofo, dixit) acquista tutte le caratteristiche della tragedia politica di Renzi e del renzismo. Arrivati i dati sull’affluenza in tutta la Campania (157mila votanti), siamo di fronte a un mezzo flop. Vincenzo De Luca ora può tirare fuori dalla cantina le bottiglie di champagne e Andrea Cozzolino, l’altro competitor forte, il terzo è il socialista Di Lello, può preoccuparsi seriamente per una vittoria data fino all’ultimo per scontata. Mentre Matteo Renzi deve ingollare decine di calici amari. Perché se vince De Luca, favorito dall’alta affluenza a Salerno e provincia, stravince il vecchio, e non solo per mere ragioni anagrafiche. “De Luca ha portato a votare tutti i suoi, noi no. Napoli non ha risposto come doveva”, ci ha detto in attesa dello spoglio un sostenitore di Cozzolino.

Classe 1949, Vincenzo, è l’antitesi di ogni rinnovamento della politica e delle sue classi dirigenti. Un leader eterno che si proietta nei secoli dei secoli. L’idea di mollare non lo ha sfiorato neppure per un minuto. Mai. Ex funzionario del Pci, diventa sindaco per la prima volta nel 1993. Matteo Renzi ha appena festeggiato la maggiore età e la Prima repubblica si appresta ad indossare i panni della Seconda. Da quel momento De Luca non lascerà mai la poltrona di primo cittadino: rieletto nel 1997, riconfermato nel 2006, di nuovo nel 2011. Fino a poche settimane fa, quando l’inciampo di una condanna e della legge Severino, lo costringe a passare la mano. E’ sospeso, ma lui, l’immortale, si trasforma in sindaco “emerito” , come un Papa, e batte la Campania da candidato alle primarie per il Pd. La parola d’ordine è una sola: Vincere. A tutti i costi. Rinnegando il partito, “la mia è una candidatura del territorio”, stringendo mani di destra come quella di Tommaso Barbato, un ex senatore noto alle cronache politiche italiane per gli sputi ad un suo collega che si era rifiutato di sfiduciare Prodi nel 2008, titillando gli umori dei neri di “Insorgenza civile”, e soprattutto militarizzando il voto a Salerno e Provincia. Se alle prossime elezioni Regionali vincesse proprio De Luca, si aprirebbe un nuovo caso: è condannato per abuso d’ufficio in primo grado e penderebbe su di lui la legge Severino che prevede in quel caso la decadenza. Rispetto alla carica di sindaco, il Tar ha sospeso l’applicazione del provvedimento in attesa della sentenza della Corte Costituzionale. Ma il neocandidato governatore nel corso di tutta la campagna elettorale ha detto di essere tranquillo e ha parlato della necessità di un intervento politico del partito sulla questione: “La Severino è una legge sgangherata”. Insomma, lui non si ritira e ora la palla infuocata passa a Matteo Renzi.
Intanto De Luca ha vinto. Clientele, certo, uso spregiudicato del potere, generosa distribuzione delle risorse pubbliche, ferverei elenchi di amici e beneficiati, ma anche consenso reale, vero. “Faccio il camionista di mestiere, non devo chiedere niente a nessuno, ma io sono proprietà di Vincenzo De Luca”, ci dice così un elettore incontrato in un seggio. “Peggio della Corea del Nord”, dicono i suoi avversari interni. E in parte è vero. I seggi, 17 in città, 163 in tutta la Provincia, hanno presidenti e scrutatori deluchiani di ferro. Un centro sociale costruito dai sindacati, un ristorante sul mare, sedi del Pd, una scuola di danza, un cinema, agenzie immobiliari e parrocchie, qui i salernitani devoti a San Vincenzo hanno fatto la fila per votare. “I due euro? Non li tengo, mi manda l’ingegnere”, dice allo scrutatore un uomo sulla cinquantina. Ci sono i giornalisti al seggio del centro storico, meglio non farlo votare. Al seggio più grande della città nella zona orientale, un centro polifunzionale, presidente è Mena Arcieri, Capo di Salerno solidale, una società del Comune che ha sede in quello stesso stabile. A vigilare sul voto assessori e consiglieri comunali. Qui incontriamo Piero De Luca insieme a suo fratello Roberto.
Girano strane voci, qualcuno dice che a Piero, avvocato col pallino della politica, era stato offerto un posto da assessore esterno se il papà si fosse ritirato agevolando la corsa di Cozzolino. Ma Vincenzo no, neppure di fronte alla carriera del figlio ha fatto un passo indietro. Piero arrossisce e ci risponde che sono fandonie: “Pensiamo a vincere, oggi è una bella giornata di democrazia. La politica per me verrà quando sarà il momento”. Quando sono le due del pomeriggio, alla palestra “Professional ballet” (hip-hop e zumba, le specialità) hanno già votato in 600 su mille potenziali elettori. Chi vincerà, chiediamo? “Lo vede il manifesto dell’Aida?”. Lo vediamo. “Sarà una marcia trionfale”. Per Vincenzo, ovviamente. Intanto i “caschi blu” mandati dal Nazareno per vigilare sulla regolarità del voto, vengono travolti dalle notizie che arrivano dalla provincia. A Eboli sono stati aperti due dei quattro seggi indicati, ad Atena Lucana niente primarie, ad Angri militanti dell’area Cozzolino dicono che hanno già pronti ricorsi e dossier sui brogli. Sono le primarie bellezza e la nottata è ancora lunga

Leggi ...

Primarie Pd Campania, vince Vincenzo De Luca: fa il pieno di voti nella sua Salerno ma conquista anche alcuni quartieri di Napoli

Campania:De Luca,Caldoro presidente a sua insaputa, turista

AGGIORNAMENTO DATI.Vincenzo De Luca ha vinto le primarie del centrosinistra per la scelta del candidato alla presidenza della Regione. De Luca ha raccolto il 52% dei consensi davanti ad Andrea Cozzolino (Pd), fermo al 44%, e al socialista Marco Di Lello (4%). Queste le proiezioni definitive del Pd, ma l’ufficialità dei dati non c’è ancora.

NAPOLI – La zampata del vecchio leone di Salerno si materializza poco prima delle 23, quando i dati reali di Napoli città appaiono molto diversi dalle previsioni: Vincenzo De Luca fuori casa va benissimo, espugna quartieri centrali come Chiaia e il Vomero, periferie come Pianura, altri quartieri come Fuorigrotta e San Lorenzo. “Sarà una rivoluzione democratica, è stata una sfida eroica” queste le sue prime parole da vincitore.

E’ la presa di Napoli la vera chiave di volta di una vittoria inattesa, quasi impossibile, visto che dopo il ritiro di Gennaro Migliore molti supporter dell’ex Sel si erano ricollocati su Cozzolino. L’europarlamentare è partito favorito, anche per l’handicap giudiziario del rivale, quella condanna per abuso d’ufficio che aveva spinto molti, ai piani altissimo del Nazareno a Roma, a chiedergli un passo indietro da queste primarie. Lui però ha sempre detto i suoi orgogliosi no, a Lotti, a Guerini, e poi anche allo stesso Renzi. Più che un passo indietro, De Luca aveva risposto con una serie di insulti contro il Pd, un “disgustoso circo equestre”, per via dei numerosi rinvii delle primarie, da metà dicembre fino al primo marzo. Così tanti da far pensare, per primo allo stesso De Luca, che il gruppone di dirigenti che fino all’ultimo ha cercato di annullare le primarie volesse fermare sostanzialmente lui. Il candidato condannato, imbarazzante, e probabilmente incompatibile con la carica di governatore, secondo le linee guida della legge Severino.

E invece lui ha tirato dritto. Napoli la chiave della sua vittoria, dove Cozzolino non ha bissato il boom delle europee. A Salerno e provincia stravince il sindaco, così anche ad Avellino. A Caserta testa a testa mentre Benevento è per Cozzolino. Sono i numeri che fanno capire come ha tirato il vento: su 160mila votanti, 50mila solo in provincia di Salerno, solo 65mila a Napoli. Se si considera che Napoli è tre volte più popolosa, si capisce il peso del feudo di De Luca. Ma non è solo questo: sono i quartieri di Napoli espugnati da De Luca a far impallidire, in tarda serata, i volti dei supporter di Cozzolino a due passi dall’Università.

De Luca, invece, poco dopo le 23 è andato alle federazione Pd della sua città, per abbracciare i suoi sostenitori. Poco dopo è partito per Napoli, dove era atteso alla sede del Pd regionale,a pochi passi da piazza del Plebiscito. Dove è arrivato a mezzanotte da solo.
Ora per il Pd si apre un problema grande come una casa. Nonostante i ricorsi, De Luca è decaduto da sindaco per la condanna in primo grado per abuso d’ufficio.

Alle regionali è candidabile, ma se dovesse vincere sarebbe immediatamente sospeso per via della legge Severino. E’ l’esito che il Nazareno voleva evitare. Ora pende sulla testa del Pd una campagna per le regionali ancora più in salita.Certo, le folli primarie campane, dopo mesi di panico, alla fine sono andate molto meglio del previsto, nonostante le fosche previsioni di Saviano. Ma la strada per vicnere la regione è ancora lunghissima.

Leggi ...

Mosca, Nemtsov ucciso: migliaia di persone in corteo per leader opposizione

mosca-675[1]

La manifestazione, prevista da tempo, era stata originariamente intesa come una marcia di protesta contro il presidente Vladimir Putin. Dopo l’omicidio del politico le autorità hanno consentito alla manifestazione di spostarsi dalla periferia al centro della città
“Non ho paura”. “Quei proiettili hanno colpito tutti noi“. “Non ci sono parole”. Nella lunga veglia funebre in ricordo del leader dell’opposizione Boris Nemtsov, a parlare sono stati i cartelli delle decine di migliaia di manifestanti accorsi a Mosca per protesta. Foto in bianco e nero del politico ucciso venerdì 28 febbraio, ma anche bandiere della Russia e fiori. Il corteo era in programma da tempo: quella di oggi avrebbe dovuto essere una manifestazione contro il presidente Vladimir Putin e Nemtsov avrebbe dovuto essere in prima fila. Così subito dopo l’assassinio avvenuto nella notte e per cui ancora non sono stati individuati i responsabili, le autorità hanno acconsentito che la manifestazione si trasformasse in un corteo in ricordo del politico. Dall’Italia è arrivato il messaggio di solidarietà del presidente del Consiglio Matteo Renzi che ha fatto sapere deporrà un fiore sul luogo dell’agguato quando si recherà a Mosca il prossimo 4 e 5 marzo.
I partecipanti (dalle 20mila alle 70mila persone) si sono radunati in una zona non lontana dal Cremlino, prima di sfilare fino al luogo dell’omicidio, sul Grande Ponte di Moskvoretsky, dove sono stati deposti mazzi di fiori. Alcuni manifestanti hanno anche sventolato la bandiera ucraina, mentre migliaia di persone sono scese in piazza anche a San Pietroburgo. “Se riusciamo a fermare la campagna di odio che viene diretta contro l’opposizione, allora abbiamo una possibilità di cambiare la Russia. Se no affrontiamo la prospettiva di un conflitto civile di massa”, ha dichiarato all’agenzia Reuters un leader di opposizione, Gennady Gudkov. L’altro leader dell’opposizione Alexei Navalny, tra i primi organizzatori della manifestazione, non parteciperà al corteo perché sta scontando una condanna a 15 giorni per l’accusa di aver diffuso illegalmente dei volantini politici.
Gli inquirenti russi hanno offerto 3 milioni di rubli (pari a circa 48 mila dollari) per chiunque fornisse informazioni utili sull’omicidio di Boris Nemtsov. Il comitato investigativo russo garantisce l’anonimato delle fonti. Intanto un leader dell’organizzazione nazionalista “I russi”, Dmitry Dyomushkin ha respinto le accuse di un coinvolgimento: “Smentisco assolutamente ogni coinvolgimento dei nazionalisti in questi eventi”. I nazionalisti in passato sono stati accusati di diversi omicidi, fra cui quello dell’avvocato per i diritti umani Stanislav Markelov nel 2009. In un’intervista Nemtsov aveva richiarato di temere che il presidente russo Vladimir Putin potesse volerlo morto a causa del suo aperto criticismo per il ruolo della Russia in Ucraina. La tv indipendente Dozhd, inoltre, nel fine settimana ha mandato in onda una vecchia intervista a Nemtsov in cui lui compare in piedi sul ponte in cui venerdì sera è stato ucciso, mentre richiama i suoi sforzi per fermare un’altra guerra, quella degli anni ’90 in Cecenia.

Leggi ...

Mattarella: “Nel Paese forte bisogno di legalità. Magistrati? No a protagonismi”

Mattarella-6751[1]

Il presidente della Repubblica è intervenuto durante l’inaugurazione dei corsi della Scuola della magistratura a Scandicci (Firenze): “Il compito che vi è affidato dalla Costituzione è un compito né di protagonista né di burocrate”. Il presidente del Senato Grasso: “A volte protagonismo viene da sé” “Nel Paese c’è un forte bisogno di legalità”. Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella è intervenuto durante l’inaugurazione dei corsi della Scuola della magistratura a Scandicci. Arrivato a Firenze in FrecciArgento, si è spostato in tram nel luogo del convegno e ha pronunciato uno dei suoi primi discorsi pubblici. Il tema è stato la giustizia, dal ruolo delle toghe fino al bisogno di avere un’amministrazione sempre più efficiente.

“Il compito affidato dalla Costituzione ai magistrati”, ha detto Mattarella, “è un compito né di protagonista assoluto nel processo né di burocratico amministratore di giustizia. L’ordinamento della Repubblica esige che il magistrato sappia coniugare equità ed imparzialità, fornendo una risposta di giustizia tempestiva per essere efficacie, assicurando effettività e qualità della giurisdizione”. E tal proposito il presidente della Repubblica ha ricordato le parole del giurista Piero Calamandrei: “Il pericolo maggiore che in una democrazia minaccia i giudici è quello dell’assuefazione, dell’indifferenza burocratica, dell’irresponsabilità anonima”.

A queste parole ha risposto a distanza il presidente del Senato Pietro Grasso: “Io sono un ex magistrato e penso di aver interpretato il ruolo senza essere né burocrate né protagonista. Alle volte il protagonismo viene da sé, per le cose importanti che fai”. I temi di giustizia e lotta alla corruzione erano stati anche al centro del discorso di insediamento del successore di Giorgio Napolitano davanti al Parlamento in seduta comune. “La lotta alla mafia e quella alla corruzione sono priorità assolute”, aveva detto Mattarella in quell’occasione. “La corruzione ha raggiunto un livello inaccettabile”.

In quanto all’amministrazione della giustizia, il Capo dello Stato si è soffermato sulla necessità di velocizzare i tempi di intervento. “Servono delle strategie organizzative volte al recupero di efficienza, si tratta di un recupero necessario per rispondere efficacemente al bisogno di legalità fortemente avvertito nel Paese”. Mattarella ha poi parlato della formazione per i magistrati. “Al magistrato”, ha detto, “si richiede una costante tensione culturale che trova sì fondamento in studi e aggiornamenti continui, sempre più necessari nel contesto normativo in rapido movimento, ma si nutre anche di una profonda consapevolezza morale della terzietà della funzione giurisdizionale, basata sui principi dell’autonomia e dell’imparzialità”.

Mattarella ha poi detto di voler incontrare i giovani magistrati. “Come hanno fatto i miei predecessori, Ciampi e Napolitano, ho in programma di incontrarli alla fine del loro tirocinio”. In particolare il presidente si è soffermato sull’avvio delle attività di formazione per i magistrati che aspirano a ricoprire incarichi direttivi. “Sovrintendere ad un ufficio giudiziario richiede, oltre alle capacità professionali, competenze organizzative e attitudini relazionali. Esse devono essere promosse e sviluppate in stretto coordinamento con il Consiglio Superiore, cui è demandata la scelta dei dirigenti”.

Leggi ...

Archivio