Rubriche

Category Archives: politica

panorama figlino ok

Tramonti: Off-limits parlare di politica

panorama figlino ok

Da lungo tempo ho percepito che, in paese, di qualsiasi argomento si parli al bar(luogo prevalentemente frequentato)ognuno si sente dotto dell’argomento in discussione, tutti sembrano imbottiti di Kg di conoscenza universale e ci si infervora sulla discussione, qualunque sia il tema: cronaca, sport, turismo ecc…
Non senza ovviamente alzare i toni di voce, come, se non farlo, significasse che metti la coda tra le gambe, perchè hai torto e ci si impettisce ogni qualvolta gli occasionali uditori di turno annuiscono alle tue bazzecole.
Qualsiasi discussione è sempre vista e vissuta tra “gli oratori”come una disputa tra chi ha torto e chi ha ragione, mai un argomento è considerato come momento civile e pacifico di confronto dialettico, di arricchimento culturale o di conoscenza. La cosa, ohimè, si giustifica con tanta limitatezza culturale.
Del resto al bar di cosa si può parlare se non di calcio, del napoli, di pettegolezzi, di meteorologia, di maldicenze o di qualche fatto quotidiano.
Certo è che le colpe non sono da additare a questi onesti lavoratori oltre che bravi padri di famiglia.
Le colpe vanno ricercate” nell’operosità” delle passate Amministrazioni, che non hanno fatto scelte oculate di pianificazione del territorio, dando attenzione più alle cose appariscenti e clientelari, anzichè creare infrastrutture, centri culturali, ricreativi, biblioteche, e fermiamoci qui per non distrarci dal nostro tema.
Un breve accenno di riferimento va fatto ai tavoli di gioco quando prendono parte i giocatori di “tressette” o di “scala quaranta”. E’ il passatempo prevalente perchè le capacità dell’individuo lavorano in riserva di energie. E’ da notare come ad un palese silenzio esplodono tutto di un botto o, inevitabilmente, a fine smazzata, parolacce, rimproveri, epiteti benevoli all’indirizzo del compagno di gioco, che, a parere dell’altro, non ha saputo giocare quella determinata carta, che sarebbe stata occasione di vincita. Gli apostrofi rosa sono tali, che, anche a non volere, suscitano la chiassosa ilarità del pubblico spettatore.
Se questi comportamenti da un lato mi divertono, dall’altro provo tanta commiserazione per la povertà culturale che emerge.
Ebbene, c’è da dire che le cose succedono anche senza nessuna posta in palio, ma solo per lo scopo di passare il tempo. Lascio spazio alla vostra fantasia immaginare cosa potrebbe succedere se ci fosse qualcosa di importante in caso di vincita!
Ho potuto annotare in più di un’occasione, pur essendoci i presupposti, che gli argomenti di discussione sono prevalentemente afferenti la vita quotidiana, giammai un accenno alla politica locale o eccezionalmente lievi citazioni, ma con rigorosa astensione di alcun commento personale.
La cosa mi ha incuriosito molto, tant’è che ho chiesto a più d’uno se aveva percepito la medesima realtà. Ebbene, quasi sempre la risposta è stata la stessa:” la gente si fa i fatti suoi, ha paura di parlare” E di chi, poi, e di che cosa ha paura? Non siamo certo in un regime totalitario?
Poichè un tale aspetto mi era completamente estraneo, in quanto sfuggiva ad ogni mia logica di pensiero liberale, ho Continuato ad indagare per capire, e dalle mezze frasi dette, da parole lasciate a metà o lasciate intendere ho messo insieme il puzzle e ho dedotto che la gente, pur avendo ben in mente una sua idea politica, come giusto che sia, non ne parla in pubblico per un fatto di opportunità. Ha timore che la richiesta di qualche favore, la richiesta di affido di qualche giornata di lavoro o altro possono essere negate o ignorate.
Ora mi spiego perchè tutti hanno richiesto copia del giornalino che trattava la ben nota vicenda tra l’ex parroco di Campinola e il Sindaco di Tramonti? (diatriba tra Beppone e Don Camillo)
Tutti hanno voluto conoscere la realtà dei fatti, ma nessuno ha espresso, in merito, la propria opinione, neanche a tirare fuori le parole con le pinze.
Che vita grama è questa, se il silenzio è dominante alla libertà di parlare! Sono fortemente convinto, cari amici, che questo comportamento è la tomba del vostro futuro. Liberatevi finchè siete vivi, perchè questo atteggiamento diabolico favorisce chi fa politica , giammai voi e i vostri figli.
Non illudetevi e tanto meno accontetatevi di qualche briciola lasciata cadere per carità, perchè quella briciola, al momento opportuno sarà il lievito per fare altro pane e così il meccanismo diabolico del potere sopravvive ai vostri silenzi ove anche il mio cuore si spaventa.
Sarà, poi, mai vero, cari amici, che abbiamo perso la nostra dignità di uomini liberi?
Raddrizziamo la schiena e a voce alta facciamo sentire il nostro dissenso. Il Comune è nostro e non di chi è in affitto, siamo noi che eleggiamo, siamo noi che paghiamo le tasse e allora, tutti in coro chiediamo a questi signori il conto della spesa.
Mi stupisco di voi cari giovani, partecipate alla vita politica, chiedete perchè questo, incalzate chi sta comodamente seduto in poltrona. Sciamate dalle case dei vostri padri e punzecchiate chi mortifica il vostro futuro.

 

Leggi ...

l43-maurizio-crozza-ok[1]

Crozza diventa De Luca: “Se mi mandano via il Vesuvio tornerà a eruttare eternit”. (Video)

 

 

 

 

Maurizio Crozza impersona uno straordinario neo presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca: “Si sono arrubbati l’autovelox del comune di Salerno per farsi i selfie ai matrimoni”. E sull’antimafia: “Non sanno che in Campania il pomodoro l’ho portato io. Se mi cacciano la Campania tornerà al Cretaceo

Leggi ...

Renato_Brunetta_2011[1]

Caso De Luca, Brunetta (FI) vs Cantone: “Authority di garanzia solo per Renzi”

Renato_Brunetta_2011[1]Prime reazioni dalla Camera dei Deputati, alle parole di Raffaele Cantone contro l’operato della Commissione Antimafia presieduta dall’onorevole Rosy Bindi e che ha inserito il neo presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca nella lista degli impresentabili: “Mi aspetto è che il Presidente Cantone se ne stia un po’ zitto. Mi pare che stia interpretando con eccesso di zelo politico il suo ruolo, che come capo di un Autority a garanzia di tutti, mi pare sia a garanzia solo di Renzi, è un dato preoccupante”.

Leggi ...

fabbrica-675[1]

Lavoro, dati Istat: ad aprile +159mila occupati e disoccupazione scesa a 12,4%

fabbrica-675[1] Notizie positive anche dall’Ocse: “Dopo una lunga recessione, l’economia italiana ha cominciato la sua graduale ripresa” ha scritto l’organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico, che ha mantenuto la stima di crescita del Pil a +0,6% per il 2015 e ritoccato al rialzo di 0,2 punti rispetto a marzo quella per il 2016, a +1,5%. Renzi: “vanti tutta su riforme: ancora più decisi #lavoltabuona”
Istat e Ocse, disoccupazione e ripresa economica. E un unico comune denominatore: buone notizie per l’Italia e il governo Renzi. Che subito affida a Twitter la propria soddisfazione: “Avanti tutta su riforme: ancora più decisi #lavoltabuona”. Compiacimento supportato dai numeri. Su di oltre mezzo punto percentuale gli occupati e giù, seppur di poco, il tasso di disoccupazione. Anche tra i giovani. Il tutto riferito al mese di aprile. Sono dati incoraggianti quelli diffusi dall’Istat, secondo cui nel quarto mese del 2015 il tasso di disoccupazione è sceso di 0,2 punti al 12,4% dopo l’incremento registrato negli ultimi due mesi. L’istituto di statistica ha spiegato che i disoccupati sono diminuiti dell’1,2% (-40.000 a 3.161.000). Nei dodici mesi il numero di disoccupati è diminuito dello 0,5% (-17 mila) e il tasso di disoccupazione di 0,2 punti. Dopo il calo degli ultimi due mesi, inoltre, ad aprile 2015 gli occupati sono aumentati dello 0,7% (+159 mila) rispetto al mese precedente, tornando ai livelli di fine 2012. Il tasso di occupazione è salito di 0,4 punti percentuali a 56,1%. Rispetto ad aprile 2014, l’occupazione è in aumento dell’1,2% (+261 mila occupati) e il tasso di occupazione di 0,7 punti.

Pubblicità

Un trend positivo specie se paragonato a quanto avvenuto nei primi mesi del 2014. La disoccupazione nel primo trimestre 2015 è scesa al 13% (-0,6 punti percentuali sul I trimestre 2014) con il primo calo dal terzo trimestre 2011. A sentire l’Istat (si tratta di dati non destagionalizzati) la riduzione riguarda soprattutto il Sud (-1,2 punti). I disoccupati sono diminuiti di 145mila unità rispetto al primo trimestre 2014 (-4,2%). Nel primo trimestre 2015, poi, continua a crescere il numero di occupati su base annua (+133 mila unità, +0,6%). L’aumento riguarda tutte le ripartizioni territoriali. Da gennaio sono in vigore sgravi contributivi per le assunzioni a tempo indeterminato mentre a marzo è entrato in vigore il contratto a tutele crescenti. Il tasso di disoccupazione giovanile (15-24 anni) è diminuito ad aprile di 1,6 punti rispetto a marzo attestandosi al 40,9%. L’istituto di statistica, infine, ha rilevato invece un aumento di 0,3 punti nella media febbraio aprile su novembre-gennaio. I giovani occupati sono del 4,1% su aprile 2014 (+37.000 unità) mentre sono calati i disoccupati (-5,5%).

Ocse: “Economia italiana ha ricominciato a riprendersi”
Dopo i dati positivi diramati dall’Istat, anche l’Ocse fornisce notizie e previsioni ottimistiche. “Dopo una lunga recessione, l’economia italiana ha cominciato la sua graduale ripresa” ha scritto l’organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico, che ha mantenuto la stima di crescita del Pil a +0,6% per il 2015 e ritoccato al rialzo di 0,2 punti rispetto a marzo quella per il 2016, a +1,5%. “Le esportazioni continueranno a supportare la crescita, ma la ripresa si amplierà ai consumi privati. L’investimento privato stagnante sarà compensato da un aumento della spesa pubblica in infrastrutture” ha spiegato ancora l’Ocse nel suo Economic Outlook, sottolineando che “la rosa di fattori che supportano la crescita dell’Italia è la più propizia da diversi anni”.

Una previsione supportata anche dai numeri. Nel 2014 “il calo della crescita economica ha considerevolmente rallentato”, e questo “trend positivo” è stato confermato dai dati sul primo trimestre 2015, che rilevano un aumento del Pil dello 0,3% “l’incremento trimestrale maggiore degli ultimi quattro anni”. Ciò non significa, tuttavia, che per il Paese siano definitivamente finiti i tempi difficili. L’Italia resta però “vulnerabile” a un possibile nuovo “terremoto finanziario nell’area euro”, e “una crescita economica inferiore alle attese nei principali partner commerciali potrebbe rallentare l’export”. La crescita, al contrario, potrebbe invece essere superiore alle stime se “il rimbalzo degli investimenti fosse più forte del previsto, specialmente se i prezzi delle proprietà residenziali invertissero il loro corso e il sistema bancario si rafforzasse”. Ocse e Istat, inoltre, sono d’accordo per quanto riguarda i dati sulla disoccupazione. Il ritorno alla crescita in Italia “porterà a un calo del tasso di disoccupazione, che rimarrà però ancora elevato” ha fatto sapere l’organizzazione, prevedendo un tasso stabile al 12,7% nel 2015, e in calo al 12,1% nel 2016.

Ocse: “Bene Jobs Act e rimborsi pensioni ininfluenti su ripresa”
Parole importanti, infine, anche per quanto riguarda l’operato del governo, visto che per l’Ocse “il ‘Jobs act‘ ha il potenziale per migliorare drasticamente il mercato del lavoro”, “riducendo le dualità e garantendo sussidi universali alla disoccupazione, aumentando così la condivisione dei rischi e migliorando notevolmente la rete delle garanzie sociali”. In tal senso il tasso di crescita dell’occupazione è tornato “positivo dopo un lungo periodo di calo” e “il miglioramento delle prospettive di crescita sta iniziando a incoraggiare i lavoratori a tornare nel mercato del lavoro”. Nonostante questo, si aggiunge, “il tasso di disoccupazione resta elevato”. Non solo. Anche la bocciatura della indicizzazione delle pensioni decisa dalla Consulta non avrà effetti negativi sulle casse dello stato. “I rimborsi sulle pensioni legati alla recente decisione della Corte costituzionale sulla riforma del 2011 non avranno impatto sul deficit di bilancio previsto, perché i rimborsi saranno progressivi” ha scritto l’Ocse nel suo Economic outlook. Non solo. L’organizzazione ha dato inoltre parere positivo sulla riforma della legge elettorale, “che dovrebbe portare a governi più stabili e ridurre l’incertezza politica”, ma ha sollecitato l’Italia a “fare di più per chiudere il ‘gender gap‘ e incoraggiare la partecipazione femminile al mercato del lavoro, rafforzando la fornitura di cure di qualità a bambini e anziani, cosa che aumenterebbe la disponibilità di forza lavoro e ridurrebbe la diseguaglianza tra generi”.

L’organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico ha anche sottolineato che l’inflazione resterà “moderata” nei prossimi anni, a causa di un “ampio e persistente slack economico“, ovvero di un ampio bacino di risorse umane e in capitale non utilizzate. Tutto ciò è tradotto in una stima dell’inflazione allo 0,2% nel 2015, stabile rispetto al 2014, e dell’1,3% nel 2016. In Italia, “la politica fiscale deve continuare a mirare a un consolidamento graduale ma costante, in modo da non strangolare la crescita economica incipiente, ma rispettando appieno le regole Ue e riducendo l’elevato rapporto debito-Pil”. E’ quanto raccomanda l’Ocse, secondo le cui stime il debito italiano salirà al 133,2% del Pil nel 2015, ma tornerà poi nel 2016 al 132%, lo stesso livello del 2014. Il rapporto deficit-Pil continuerà invece a scendere, al 2,6% nel 2015 e al 2% nel 2016.

“Il governo deve andare avanti con il suo ampio e ambizioso piano di riforme”
In Italia, “il settore bancario è ancora fragile e non è in buona posizione per sostenere appieno l’investimento privato”, e “un’ampia parte di aziende ha condizioni analoghe di accesso al credito nonostante i tassi d’interesse in calo”ha fatto sapere l’Ocse, secondo cui in questo contesto “gli investimenti sarebbero rafforzati migliorando il regime di insolvenza” con l’uso di tribunali specializzati e accordi extragiudiziali sul debito, e stabilendo una società specializzata di asset management per acquisire i prestiti problematici”. Poi i consigli alla politica italiana.”Per migliorare le prospettive di crescita nel medio termine, il governo (italiano) deve continuare ad avanzare con il suo ampio ed ambizioso piano di riforme istituzionali e strutturali. Ciò include – ha proseguito l’organizzazione – l’efficienza della pubblica amministrazione e del sistema giudiziario, la riforma del sistema scolastico, l’accelerazione dei progetti infrastrutturali pubblici e l’aumento della competitività tra mite la riduzione delle barriere all’ingresso in alcun settori dei servizi”.

Leggi ...

20150603_porta_ovest2[1]

Controlli della Dia al cantiere di Porta Ovest: sequestro e maxi-inchiesta

 

 

 

 

 

 

20150603_porta_ovest2[1]Il blitz è legato ad un’inchiesta dell’Antimafia: provvedimento d’urgenza per evitare il rischio di cedimento strutturale della galleria
– Porta Ovest, scattano i controlli della Dia. Gli uomini della Dia sono presso il cantiere di Porta Ovest, in via Ligea, per dei controlli su delega della Procura di Salerno. Il cantiere è stato posto sotto sequestro. Il blitz è legato ad un’inchiesta dell’Antimafia: il provvedimento d’urgenza sarebbe scattato per evitare il rischio di cedimento strutturale della galleria. I sigilli sono stati apposti sia nell’area di via Ligea, sia in quella di via Sorgente.

Il cantiere, ricordiamo, è il fiore all’occhiello dello sviluppo dell’area portuale e della città di Salerno, fortemente voluto dal governatore Vincenzo De Luca.

Leggi ...

20150528_chic[1]

«Assunzioni in cambio di voti»: l’intercettazione-choc di Fratte

20150528_chic[1]

SALERNO. «Comunque lui (inteso come Antonio) quindici giorni fa… no quindici giorni fa, ma quindici giorni prima che moriva mi disse che per colpa di queste elezioni finiremo sui manifesti (nel gergo, probabilmente inteso come giornali quotidiani) perché lui diceva che la voleva fare bene (presumibilmente fare bene la campagna elettorale), voleva fare una bella cosa perché questo (presumibilmente l’avvocato Ciccone) gli aveva promesso dei posti di lavoro, gli aveva promesso un’associazione, il fatto dei pacchi che già glielo stava dando.
Cioè lui voleva fare una cosa per costruirsi, capito… un altro aggancio al futuro … come ti devo dire… facendo l’associazione, Antonio diceva che poteva costruire un bel bar sul campetto. Voleva fare altre cose… perché lo sai Antonio come era. Antonio era ingegnoso, non si fermava mai… doveva fare soldi! Doveva fare soldi! Doveva fare soldi!.. a fatt che cazz e sold.. sa purtat ind o tauto». È quanto racconta Maria, la moglie di Antonio Procida a una certa Laura. E lo fa al telefono.

Leggi ...

20150529_delllll[1]

Caso De Luca, le due vie d’uscita: decreto per nomina di un vice o poteri a consigliere anziano

 

 

 

 

 

 

20150529_delllll[1]Sulla Severino, sullo stop all’ex sindaco di Salerno se dovesse essere eletto presidente della Regione Campania, il governo si muove in una sola direzione, usando due aggettivi chiari e netti per affrontare la questione: «De Luca è candidabile ed eleggibile», dice il ministro Boschi. Punto. Ma una soluzione per garantire una guida alla Regione senza modificare la legge Severino, in caso di vittoria di De Luca, è già allo studio: o una norma per assegnare al consigliere eletto più anziano la momentanea reggenza di Palazzo Santa Lucia o un decreto per garantire continuità amministrativa con la nomina di un suo vice.

Leggi ...

Marco Esposito: “Perchè votare “MO!” in Costiera Amalfitana

Leggi ...

20150522_re1[1]

Renzi è a Salerno, giornata con Vincenzo De Luca

20150522_re1[1]Il Presidente del Consiglio Matteo Renzi è giunto dopo le 13 al sito di compostaggio di Sardone (Salerno) che ha visitato insieme al candidato del centrosinistra alla Presidenza della Regione Campania, Vincenzo De Luca. Si tratta della prima tappa del tour elettorale a Salerno.
Impianto compostaggio. Renzi, accompagnato anche dal sindaco di Salerno Vincenzo Napoli, si è recato successivamente al porto turistico del Marina d’Arechi. Ultima tappa all’Hotel Mediterranea per un incontro con la stampa e gli elettori del Pd. Saltato l’appuntamento all’asilo intitolato a Teresa Buonocore. La visita al sito di compostaggio è durata pochi minuti ed è stata protetta da forti misure di sicurezza. I giornalisti sono stati tenuti all’esterno dell’impianto.

Porto turistico. Giunto al Marina d’Arechi, dove è stato accolto dal presidente del porto turistico Agostino Gallozzi, il premier ha scherzato con i fotografi, che gli chiedevano di poter scattare una foto insieme con De Luca: “Ragazzi, oggi farete un album di foto con me e lui”. E poi, a chi lo chiamava “sindaco” per attirare la sua attenzione, ha detto: “Non chiamate il sindaco che ci giriamo in tre”, riferendosi alla contemporanea presenza di De Luca e Napoli. Il Presidente del Consiglio ha poi definito il Marini d’Arechi “molto bello, dà il senso delle potenzialità di Salerno e della Campania”. Piccolo imprevisto per l’europarlamentare del Pd Pina Picierno, che ha partecipato alla visita salernitana del premier: la Picierno è inciampata mentre scendeva le scale ed è stata sorretta da Renzi.
Cittadella giudiziaria. Dopo aver lasciato il Marina d’Arechi, Renzi si è recato alla cittadella giudiziaria, aggiungendo quindi una tappa all’agenda salernitana, che inizialmente non prevedeva questa visita. Intanto, all’Hotel Mediterranea, circa cinquanta aderenti dei Cobas Scuola si sono radunati in attesa dell’arrivo del premier. Al presidio si sono aggiunti poi venti esponenti dei centri sociali, che hanno mostrato uno striscione con la scritta “Renzi via da Salerno”.

Hotel Mediterranea. Il premier è poi arrivato all’Hotel Mediterranea, per tenere un comizio elettorale con De Luca. Prima dell’intervento, Renzi ha incontrato i delegati dei sindacati Fim, Fiom e Uilm dei lavoratori Whirlpool. Presente anche il sindaco di Carinaro Marianna Dell’Aprovitola.

Leggi ...

Conferenza stampa di Forza Italia su provvedimenti per la Campania

Regionali Campania, imputato per concorso esterno in lista con Caldoro

Conferenza stampa di Forza Italia su provvedimenti per la Campania

Antonio Scalzone, dei Popolari per l’Italia alleati con il governatore uscente, è sotto processo con l’accusa di aver favorito la camorra casalese negli appalti di Castel Volturno, Comune di cui era sindaco, sciolto due volte per infiltrazioni mafiose. Il pentito: “Gli imposi io il nome dell’assessore all’ambiente”

Tra i nomi appuntati sui taccuini della commissione parlamentare Antimafia che nei prossimi giorni farà i raggi x ai curriculum dei candidati in Campania, ce n’è uno segnato con l’evidenziatore. E’ quello di Antonio Scalzone, candidato nei Popolari per l’Italia, lista collegata a Stefano Caldoro, il berlusconiano governatore uscente. Scalzone è un ex sindaco di Castel Volturno, comune sciolto due volte per infiltrazioni mafiose, nel 1998 e nel 2012. In entrambi i casi le relazioni delle commissioni d’accesso hanno puntato il dito sulla sua giunta. Scalzone è tuttora imputato per concorso esterno in associazione camorristica. E’ il processo nato da un’inchiesta della Dda di Napoli, pm Ardituro, Conso, Milita e Falcone, sui legami tra il clan dei Casalesi e la politica locale su questa lingua di costa domiziana dove un abitante su due è straniero e dove, secondo alcuni calcoli basati sulla produzione di rifiuti urbani, gli immigrati clandestini sono almeno 20mila.

Castel Volturno è la terra della strage del 19 settembre 2008, quando Setola e i suoi uomini fecero irruzione in una sartoria e uccisero sei immigrati di colore. Due anni dopo Scalzone, sindaco Pdl in carica, ricevette con tutti gli onori Roberto Fiore, capo di Forza Nuova, che voleva organizzare una fiaccolata e protestava per il diniego della Prefettura. Scalzone e Fiore tennero conferenza stampa insieme e da quel palcoscenico il leader dell’ultradestra espresse il suo pensiero: “Il problema di Castelvolturno sono le tre C: comunisti, clandestini e camorra”. Scalzone gli era affianco, non fece una piega.

Pubblicità

La ricostruzione dell’Antimafia ipotizza che Scalzone e altri amministratori e politici locali, tra cui l’ex sindaco Francesco Nuzzo, un magistrato, nel corso del loro mandato “si accordavano con i vertici del gruppo Bidognetti ed in particolare anche con Luigi Guida, fornendogli la piena disponibilità, in caso di elezione, a consentire a ditte nella disponibilità del clan dei casalesi e anche indicate da Luigi Guida quale referente del clan, l’aggiudicazione di appalti pubblici, o di subappalti per opere di ingente valore economico in corso di esecuzione nel Comune di Castelvolturno, ricevendone quale corrispettivo  l’appoggio  elettorale e di voti dagli esponenti del gruppo Bidognetti operanti sul territorio di Castelvolturno”.

In un verbale del 6 ottobre 2009, il pentito Luigi Guida, reggente del clan Bidognetti, dice: “Alfonso e Antonio Scalzone erano persone a disposizione del gruppo Bidognetti; io mi incontravo con Alfonso e gli riferivo quelle che erano le mie volontà, che poi lui trasmetteva al fratello sindaco”. Guida ha fatto l’elenco degli affari sui quali il clan avrebbe allungato le mani anche grazie all’intercessione del candidato di Caldoro: “Con Alfonso e poi con il sindaco Antonio avevo discusso dei seguenti argomenti: l’aumento dell’appalto della nettezza urbana; l’apertura del parco in costruzione da parte di Giuliani. L’apertura della discarica Bortolotto, per la quale avevo parlato con …omissis…. e con Alfonso Scalzone: entrambi mi assicurarono che sarebbero intervenuti sulla discarica che poi fu effettivamente aperta dalla famiglia Orsi che mi mandavano circa 10 mila euro sui guadagni; il rilascio delle concessioni del centro commerciale al Tammaro Diana proprietario del Top Market per il quale parlai con Alfonso Scalzone, il quale si impegnò di fare intervenire il fratello sindaco per il rilascio di tutte le licenze senza incontrare inconvenienti: mi fu detto proprio da Alfonso Scalzone e Tammaro Diana che i permessi furono concessi e quindi si poteva cominciare a realizzare il centro commerciale, senza inconvenienti”. Accuse gravi, da vagliare corso nel processo. In attesa della sentenza, per Scalzone vale la presunzione di innocenza. Nuzzo, che ha chiesto di farsi giudicare col rito abbreviato, è stato condannato in primo grado a un anno per falso e abuso ma i giudici hanno escluso l’aggravante camorristica.

Le vicende della giunta Scalzone sono entrate anche nel processo all’ex coordinatore campano del Pdl Nicola Cosentino, in carcere con accuse di camorra. In un’udienza dell’ottobre 2013 Guida ha rivelato: “Sono intervenuto più volte, su richiesta del sindaco di Castelvolturno Antonio Scalzone, presso consiglieri e assessori della sua amministrazione per evitare che lo sfiduciassero. Bastava che mi presentassi a loro per ottenere quello che volevo. Ed imposi al sindaco la nomina dell’assessore all’ambiente”. Scalzone ha terminato regolarmente il suo mandato nel marzo 2005. Secondo il senatore Gal Vincenzo D’Anna, Scalzone non è stato più ricandidato alle amministrative perché ruppe con Cosentino “per via delle pendenze giudiziarie”. Ora ha trovato spazio nelle liste di Caldoro.

 

Leggi ...

Archivio