Rubriche

Category Archives: notizie

Tg Tramonti News edizione cartacea (in allegato il pdf )

Tg Tramonti News luglio_online-1

 

 

 

Per leggere il giornale clicca qui > Tg Tramonti News luglio_online

Sorge un’ “ALBA NUOVA””

A Tramonti è nato un nuovo soggetto di promozione sociale denominato ”ALBA NUOVA”.

L’ associazione non persegue fini di lucro ma finalità esclusiva di promuovere la crescita armonica della vita sociale dei tramontini, operando nei settori della cultura, del tempo libero, del turismo, dell’ambiente, delle politiche sociali per favorire la maturazione della personalità, il rispetto degli altri, l’educazione all’impegno e alla partecipazione sociale. Ci si propone di sensibilizzare l’opinione pubblica sui problemi sociali, urbanistici, culturali, politici e di fungere da stimolo nei confronti delle Amministrazioni pubbliche locali.

In concreto, per il raggiungimento di tali fini, l’associazione si prefigge di: a) svolgere e organizzare con altri organismi iniziative di gruppi di studio, seminari, riunioni, assemblee, manifestazioni, incontri e corsi speciali, dibattiti, conferenze, convegni, mostre, ecc. b) di distribuire e divulgare le idee e le aspirazioni dell’Associazione mediante radio, televisioni e qualsiasi altro mezzo, anche con la produzione di stampati, periodici, audiovisivi ecc.

Per il raggiungimento di tali finalità, l’Associazione intende avvalersi di ogni utile strumento, in particolare della collaborazione degli Enti pubblici e privati, anche attraverso la stipula di convenzioni e la partecipazione di altre associazioni.

Come si evince dalle finalità innanzi espresse, l’ambizione dell’associazione è alta e molteplice in quanto abbraccia più aspetti della vita sociale, allo scopo di innalzare il potenziale umano, volano imprescindibile per una svolta importante del nostro Paese. Per fare tutto ciò abbiamo bisogno anche della tua partecipazione, delle tue idee, della tua condivisione e della tua critica. Non lasciate che le ali del pensiero creativo vengano spezzate da chi ha interessi diversi e che per tanti lustri ha fatto addormentare e mortificare i nostri sogni, che pure erano tanti, con l’oppio delle promesse.

Auguriamoci che altre ALBE NUOVE vengano a rischiarare il buio culturale, sociale e politico per dare lustro a questa nostra terra, a lungo abbandonata e sottomessa ai capricci del potere.

 

Leggi ...

Salerno in allerta per un altro sbarco di migranti

1887634_sbarco.jpg.pagespeed.ce.buS6OQEDa9[1]

Potrebbe essere ufficializzato già in mattinata l’approdo, domani al porto di Salerno, di una nuova ondata di migranti, circa 800. Il tam-tam è partito da Catania nella prima mattinata di ieri per poi arrivare a Salerno dove il settore politiche sociali del Comune, diretto da Rosario Caliulo, ha già avuto una prima riunione operativa per fare una ricognizione della macchina organizzativa nel caso lo sbarco fosse confermato. La voce è arrivata anche alla Prefettura che, fino a ieri sera, ha preferito non sbilanciarsi rimandando a questa mattina un aggiornamento con il ministero dell’Interno che non aveva fatto nessuna comunicazione ufficiale.
Da Roma, infatti, non era partito alcun ordine in merito a un ulteriore sbarco nel porto cittadino anche se – come anche lo stesso prefetto Malfi ha avuto modo di ribadire spesso – le prefetture sono ormai abituate ad essere sempre in una situazione di pre-allarme, pronte a rispondere qualora si verificassero necessità improvvise ed impellenti soprattutto su un argomento delicato come quello dell’immigrazione. La nave norvegese Siem Pilot – che è già stata due volte a Salerno tra i mesi di aprile e maggio, proprio per permettere lo sbarco di migliaia di profughi in fuga da guerre e carestie – al momento dell’allerta era ancora in acque internazionali, a ridosso di Malta, dopo aver recuperato i profughi che ora attendono di capire dove saranno accolti. Attualmente si troverebbe ancora in navigazione, probabilmente in attesa di capire verso quale porto dirigersi prima di dirigersi nuovamente nel Canale di Sicilia, pronta ad intervenire in un esodo che ormai non conosce fine né sosta. Molto dipenderà sia dalle condizioni dei migranti che si trovano a bordo della nave che dalle esigenze che l’equipaggio potrebbe aver palesato. Se l’indiscrezione su questo nuovo sbarco fosse confermata, la Siem Pilot potrebbe attraccare a Salerno tra il tardo pomeriggio di oggi e la mattinata di domani ma – come detto – notizie ufficiali di conferma o smentita arriveranno nella mattinata di oggi a Palazzo di governo. Per il momento la Prefettura non si sbilancia. Nulla si sa, per esempio, delle condizioni di salute delle persone a bordo della nave norvegese che, come nei due precedenti, dovrebbe trasportarne circa mille. Tutte le specifiche del caso, come sempre accade, arriveranno solo con la comunicazione ufficiale del Ministero dell’Interno.
Dal canto loro, tutte le componenti della macchina dell’accoglienza sono già pronte ad allestire il campo. È così per il settore politiche sociali del Comune di Salerno, per l’Asl e per tutte le associazioni di volontariato e protezione civile che da sempre accolgono migranti che sbarcano in città. Con molta probabilità, se fosse confermato l’approdo, dovrebbe essere ancora una volta il nuovo molo Manfredi – all’ombra dell’imponente stazione marittima – ad accogliere gli immigrati. L’ultimo sbarco in città c’è stato lo scorso 26 maggio quando furono portate a Salerno 1.017 persone di cui 785 uomini, 125 donne e 107 minori, quasi tutti in buona salute, fatta eccezione per poco più di settata persone affette da una lieve forma di scabbia, sostanzialmente dovuta alla scarsa idratazione ed all’impossibilità di prendersi cura dell’igiene personale nel corso del viaggio della speranza affrontato. In quel frangente il problema principale fu la sistemazione dei minori non accompagnati che rimasero in stallo presso un campo di fortuna allestito in via dei Carrari per un paio di giorni prima di essere accompagnati in comunità alloggio per minori.

Leggi ...

Alzheimer, si prevede anni prima se cambia il comportamento

1876208_alzheimer.jpg.pagespeed.ce.zSK9dFMwh1[1]

Mettere a punto una sorta di pre-diagnosi del morbo di Alzheimer che, anche decenni prima della vera manifestazione del morbo, ne identifichi i prodromi caratteristici grazie ad una lista di sintomì tipici: è questa la proposta di alcuni dei top esperti internazionali della malattia, riuniti alla conferenza in corso a Toronto in Canada.
In particolare, la nuova ‘sindromè si chiamerebbe ‘Mild Behavioral Impairment’ (‘Lieve invalidità comportamentalè) e
si baserebbe su evidenti cambiamenti nella personalità e nei comportamenti degli individui, quali espressioni più frequenti di frustrazione o incapacità ad esprimersi con chiarezza, o difficoltà varie che però non interferiscono ancora con la generale autonomia degli individui
«La verità – ha osservato Zahinoor Izmail, neuropsichiatra dell’università di Calgari – è che i cambiamenti emotivi e
comportamentali nei malati sono un ‘sintomo fantasmà della complessa patologia rappresentata dalla demenza». Gli ha fatto eco Nina Silverberg dell’Istituto nazionale sull’invecchiamento:«Sappiamo ormai da anni di ricerca che l’Alzheimer inizia come un problema di comportamento e personalità, non di memoria come generalmente ritenuto».Per alcuni però c’è il rischio di esagerare con la pre-diagnosi e creare altri tipi di problemi.

Leggi ...

Torna il caldo africano nel weekend, punte di 35° al Centro-Sud

 

 

 

 

1877812_caldo.jpg.pagespeed.ce.liy8YZ0ZqQ[1]Non durerà moltissimo, ma il prossimo weekend sarà all’insegna del grande caldo africano, soprattutto al Centro-Sud.  “Fino a giovedì vivremo una fase estiva variabile con tanto sole, ma anche il rischio di qualche temporale sebbene con clima caldo e senza eccessi – dice il meteorologo di 3bmeteo.com Francesco Nucera – da venerdì l’alta pressione africana tornerà sull’Italia; ci sarà una nuova ondata di caldo che si protrarrà anche durante i primi giorni di Agosto”.

Anticiclone zoppicante. L’Italia si trova ai margini tra una bassa pressione in allontanamento verso i Balcani e l’alta pressione delle Azzorre che interesserà l’Europa occidentale. Di conseguenza i prolungati periodi soleggiati dovranno fare i conti con della moderata instabilità che, specie durante le ore pomeridiane e serali, porterà dei temporali su rilievi e zone interne del Centro Sud ma anche su Alpi e a carattere più isolato in Valpadana. Farà caldo, quindi, ma senza eccessi. Il contesto climatico si manterrà pienamente estivo. Il caldo tuttavia non sarà eccessivo, questo almeno fino a venerdì, con massime in genere comprese tra 28°C e 33°C, punte superiori sulle Isole Maggiori.

Leggi ...

Turchia annuncia: sospendiamo convenzione europea diritti umani

1868733_turchia.jpg.pagespeed.ce.K_EqfUZSsd[1]

Dopo aver annunciato lo stato di emergenza per 3 mesi, «la Turchia sospenderà la Convenzione europea sui diritti umani, come ha fatto la Francia». Lo ha annunciato il vicepremier e portavoce del governo di Ankara, Numan Kurtulmus, aggiungendo che comunque l’esecutivo spera di poter revocare lo stato di emergenza già dopo «40-45 giorni».

Nel Paese prosegue la caccia ai «cospiratori». Almeno 32 altri giudici sono stati arrestati con l’accusa di legami con la rete di Fethullah Gulen, accusato da Ankara del fallito golpe. Lo riporta l’agenzia statale Anadolu. In manette sono finiti anche altri 2 militari. Ieri sera Erdogan aveva fissato a 9.002 il numero degli arresti già effettuati. Dopo il golpe fallito ci sono stati «più di mille soldati disertori», ha detto il vicepremier di Ankara, Mehmet Simsek, fissando anche il numero dei militari arrestati finora a 6.823.

Intanto l’agenzia iraniana Fars rivela che l’intelligence russa avvertì i servizi turchi del tentativo di golpe che si stava preparando, in seguito ad alcune intercettazioni raccolte dall’esercito di Mosca nella regione, probabilmente dalla sua base aerea a nord di Latakia in Siria. La Fars cita non specificati media arabi. Questi ultimi avrebbero citato fonti diplomatiche ad Ankara. Secondo le fonti, l’esercito russo avrebbe captato comunicazioni altamente sensibili e intercettato messaggi radio in codice che rivelavano l’imminente tentativo di golpe, e in particolare l’invio di vari elicotteri militari nell’albergo dove si trovava Erdogan per catturarlo o ucciderlo.

L’Europa e gli Usa assistono con preoccupazione alla stretta sui diritti attuata da Ankara dopo il tentato golpe. La reazione di Ankara al fallito golpe «è inaccettabile», ha detto il ministro degli Esteri Paolo Gentiloni a margine della Conferenza ministeriale della coalizione globale anti-Isis in corso a Washington, dove ha rinnovato «l’invito al governo e alle autorità turche a contenere questa reazione nell’ambito del rispetto delle regole e dello stato di diritto». «Ormai – ha dichiarato Gentiloni -la lunga scia delle vendette, delle liste di proscrizione, delle epurazioni e degli arresti di massa è davvero inaccettabile. Lo dice un governo che, come tutti i governi dei paesi occidentali, ha condannato il tentativo di colpo di stato ma la reazione a questo tentativo non può essere una reazione che stravolge le regole dello stato di diritto e del rispetto della legge». «Quello che sta succedendo in queste ore in Turchia – ha aggiunto – per noi è inaccettabile e rinnoviamo qui da Washington, come abbiamo fatto da Bruxelles, l’invito al governo e alle autorità turche a contenere questa reazione nell’ambito del rispetto delle regole e dello stato di diritto».

«A proposito dei rapporti fra Unione Europea e Turchia, esprimo la mia profonda preoccupazione per le notizie riportate dalla stampa internazionale sulle reazioni del governo turco al tentativo di colpo di Stato», ha detto il presidente del Senato Pietro Grasso nel corso della cerimonia del Ventaglio.

La Casa Bianca invita la Turchia «a proteggere le tradizioni e le istituzioni democratiche», ha detto il portavoce Josh Earnest commentando la notizia della sospensione della convenzione sui diritti umani. «Anche se la voglia di fare giustizia è comprensibile, il governo deve dimostrare il rispetto del suo impegno verso la democrazia», ha aggiunto Earnest.

La Germania ha lanciato un nuovo appello alla Turchia perché «eviti la caccia alle streghe». Il ministro degli Esteri Frank-Walter Steinmeier chiede che lo stato di emergenza «sia limitato al tempo necessario e poi revocato immediatamente. Prolungarlo significa indebolire la Turchia sia all’interno che all’esterno». Steinmeier ha chiesto quindi ad Ankara di «rispettare i principi dello stato di diritto» e di «mantenere la giusta misura delle cose».

Il ministro degli Esteri austriaco Sebastian Kurz ha convocato per oggi l’ambasciatore turco per «chiarire in quale direzione Ankara intenda andare». Lo ha detto lo stesso Kurz alla radio pubblica Orf. Ci sono anche indicazioni che i cittadini turchi scesi in strada a Vienna la notte del fallito golpe siano stati «direttamente esortati dalla Turchia», ha aggiunto: questo è «assolutamente insostenibile e vogliamo protestare». «Inaccettabili e incomprensibili» sono per il ministro anche le misure prese finora da Erdogan.

Leggi ...

SABINA GUZZANTI AI GIURATI DEL GIFFONI: “NIENTE VI PUÒ FERMARE. IL FUTURO SI COSTRUISCE, NON SI ATTENDE”

Sabina Guzzanti

Da quindici anni non compare in video con un suo programma e al Giffoni Film Festival Sabina Guzzanti incontra i giurati di Generator +13, quei ragazzi che non hanno mai potuto vederla perciò sul piccolo schermo, ma che comunque ne conoscono le gesta. Quelle cinematografiche di “Viva Zapatero” e de “La trattativa” fino all’epopea web di TG Porco che le ha consentito di ritornare in tv nella prossima stagione di La7.
Accoglienza calorosissima quella che le riserva Giffoni e la Guzzanti recepisce e rilancia: “Sono commossa”. E poi entra subito nel merito della questione: “Ho qualche problema a lavorare in televisione – ha così esordito – mi cacciano sempre. Ora mi hanno fatto tornare grazie al Tg Porco che ho girato a casa mia, con un green screen, un prodotto fatto in casa, solo per la circolazione web, ma abbiamo fatto una decina di milioni di visualizzazioni”.
Inevitabile il riferimento alla politica: “Non mi sono mai candidata, non ho mai fatto politica. Mio padre è stato senatore di Forza Italia per un periodo. Forza Italia non mi è mai piaciuta. Su questo io e i miei fratelli abbiamo rotto molto le scatole a nostro padre. La politica nel mondo sta vivendo un momento molto basso, il problema è che da un po’ di tempo a questa parte si registra un indebolimento della democrazia. Il neo-liberismo ha fatto fa sì che la democrazia diventi come una formalità, il voto dei cittadini conti sempre meno, la partecipazione sia impossibile, l’informazione censurata, la cultura di regime. Tutto ciò indebolisce la politica e così fanno politica sempre più spesso i disinteressati al bene comune, coloro, cioè, che sono interessati più ai fatti propri”.

La televisione è cambiata negli ultimi venti anni.
Oggi che ruolo ha la tv? Per Sabina Guzzanti l’evasione a tutti i costi ha ucciso la televisione: “Quando era libera – ha dichiarato – la tv scatenava una grande partecipazione, la gente si arrabbiava e aveva la sensazione che le cose potessero cambiare. Oggi questa sensazione non c’è più. Ti riempiono la testa di programmi che sono fatti apposta per renderci passivi. La vita si è fatta angosciante e l’istinto ci porta alla fuga perché non vuoi pensare a niente. Dovremmo smettere di farci riempire la testa di cose stupide”. Se la morte della satira è una banalità che ciclicamente si ripete, per la Guzzanti l’Italia vive un momento di difficoltà sotto il profilo della qualità e della tenuta democratica del Paese: “Penso – ha detto sollecitata dai ragazzi – che con Berlusconi ci sia stato un arresto dello sviluppo democratico. Siamo tornati a mettere in discussione il diritto allo studio che è un fondamento della democrazia. Sono riemersi i fantasmi del passato. Oggi il fascismo sembrerebbe non esserci più, ma in realtà alla fine le soluzioni prospettate, come quelle per l’immigrazione, sono le stesse, sono violente”.
Nelle domande dei ragazzi di Giffoni emerge l’apprezzamento per Sabina Guzzanti non solo come artista, ma come donna libera: “Per quindici anni – ha spiegato – non ho lavorato in tv. Anche per questo ho iniziato a fare cinema, poi a fare documentari e poi ho fatto altri film. Non c’è nulla che si possa fare per fermare una persona. La tenacia è tutto nella vita. Il futuro si costruisce, non lo si attende. Se tu attendi fai in modo che il tuo futuro lo decida qualcun altro al posto tuo e, invece, noi dobbiamo riuscire a costruire il futuro che vogliamo”.

Leggi ...

Ecclestone: “Dura confermare Monza”

336x0_1468676533555_545690462[1]

“Problema politico, lavoriamo per trasferire il Gp d’Italia ad Imola” L’Italia rischia di non avere piu’ il suo Gp di Formula 1 dal 2017. L’avvertimento arriva direttamente dal patron del Circus Bernie Ecclestone. “Stiamo cercando di risolvere il problema di Monza ma e’ molto difficile perche’ e’ un problema politico”, ha detto all’Ansa Ecclestone, passeggiando lungo il molo dell’isola di Hvar, in Croazia, dove e’ in vacanza.”Stiamo lavorando per trasferire il Gran Premio d’Italia da Monza ad Imola – ha aggiunto – ma se non ci riusciamo, sarà ‘goodbye’ al Gran Premio d’Italia”.

Leggi ...

Vigili urbani e assenteisti linea dura del Comune di Ercolano

1864646_erco.jpg.pagespeed.ce.SPkqKW_OzP[1]

Cinque licenziamenti e decine di sospensioni che vanno dai due ai sei mesi: l’epilogo dell’inchiesta sui vigili assenteisti è giunto in queste ore.

Da questa mattina al Comando della Polizia municipale di Ercolano sono in atto le notifiche dei provvedimenti disciplinari scaturiti dalle recenti indagini dei carabinieri che hanno portato alla luce una serie di atteggiamenti irregolari tenuti dai caschi bianchi.

In particolare si contestavano le assenze non autorizzate, così come gli ingressi e le uscite con delle ore di anticipo o ritardo che però non risultavano, in quanto i tesserini venivano regolarmente timbrati.

In giornata sarà quindi concluso questo primo ‘round’ di provvedimenti che ha già fatto salire tensione nel Comando di Corso Resina.

Leggi ...

In aumento le vittime della strada: smartphone al volante sotto accusa

072400973-04b3ccd3-e67a-4150-81c1-0c6173159278[1]

Nel 2015, dopo quindici anni di calo, crescono i morti per incidenti in Italia: sono 3.419. Meno sinistri ma più gravi. Polizia e carabinieri: multe per uso del cellulare su del 20%
Sicurezza stradale, addio circolo virtuoso: dopo 15 anni tornano ad aumentare le vittime. Era dal 2001, quando in Italia si contavano qualcosa come 7.096 morti sulle strade, che non succedeva un fatto del genere: di anno in anno – con grande fatica – eravamo arrivati nel 2014 a quota 3.381 lenzuoli bianchi stesi sull’asfalto, per poi assistere lo scorso anno ad un’incredibile impennata: 3419 vittime. “Incredibile” perché gli incidenti nel frattempo continuano costantemente a diminuire (erano 263.100 nel 2001 e siamo passati dai 177.031 del 2014 ai 173.892 del 2015) e questo significa solo una cosa: aumenta la violenza dei sinistri, dato confermato dall’incremento del 6 per cento dei feriti gravi.

Leggi ...

Istat, povertà assoluta per 4 milioni e 598mila persone: è record dal 2005. Fenomeno in aumento al Nord

istat-675[1]

L’Istat rivela gli indici relativi al 2015: il 7,6 per cento della popolazione sotto la soglia. L’incidenza si è mantenuta stabile negli ultimi tre anni per le famiglie, mentre è cresciuta se misurata in termini di persone. Unione nazionale consumatori: “Una vergogna nazionale, serve riforma fiscale”

Quattro milioni e 598mila italiani in condizioni di povertà assoluta: il 7,6 per cento della popolazione residente in Italia nel 2015 è risultato sotto la soglia minima. Secondo l’analisi dell’Istat è il numero più alto dal 2005 e riguarda un milione e 582mila famiglie. Il report evidenzia che il fenomeno è in aumento al Nord soprattutto per l’ampliarsi del fenomeno tra i nuclei di soli stranieri, mentre diminuisce all’aumentare dell’età della persona di riferimento e del titolo di studio. L’incidenza si è mantenuta stabile negli ultimi tre anni per le famiglie, mentre è cresciuta se misurata in termini di persone: questo perché colpisce maggiormente i nuclei più numerosi.

La soglia di povertà relativa per una famiglia di due componenti è risultata nel 2015 pari a una spesa di 1.050,95 euro al mese. Per quanto riguarda i poveri assoluti, la valutazione varia a seconda dell’area: ad esempio, per un adulto (di 18-59 anni) che vive solo, la soglia di povertà assoluta è pari a 819,13 euro mensili se risiede in un’area metropolitana del Nord, a 734,74 euro se vive in un piccolo comune settentrionale, a 552,39 euro se risiede in un piccolo comune del Mezzogiorno.

L’Unione nazionale consumatori alla luce del report ha lanciato l’allarme. “Una vergogna nazionale”, ha detto il segretario Massimiliano Dona, “che dimostra come in questi anni non si sia fatto nulla per ridurre le diseguaglianze e aiutare chi ha più bisogno. Urge una riforma fiscale che, finalmente, rispetti l’articolo 53 della Costituzione, articolo evidentemente sconosciuto alla classe politica. Per questo chiediamo al Governo di estendere immediatamente il bonus di 80 euro anche agli incapienti, a cominciare da quelli che sono ora costretti a restituire i 4 soldi ricevuti”. Il sottosegretario al lavoro Luigi Bobba a margine dell’evento Confagricoltura ha commentato i dati: “In questi anni abbiamo visto una crescita della povertà assoluta, per questo il governo, per la prima volta ha stanziato un fondo strutturale nella legge di stabilità. In queste ore la Camera sta votando la delega sulla povertà per cui si avrà un intervento di oltre 1 miliardo di euro per le fasce di povertà assoluta, in particolare per i minori poveri”.

Le più colpite? Le famiglie con 4 componenti e tra quelle di soli stranieri – Secondo l’Istat, l’incidenza della povertà assoluta si mantiene sostanzialmente stabile sui livelli stimati negli ultimi tre anni per le famiglie, con variazioni annuali statisticamente non significative (6,1% delle famiglie residenti nel 2015, 5,7% nel 2014, 6,3% nel 2013); cresce invece se misurata in termini di persone (7,6% della popolazione residente nel 2015, 6,8% nel 2014 e 7,3% nel 2013). Questo andamento nel corso dell’ultimo anno si deve principalmente all’aumento della condizione di povertà assoluta tra le famiglie con 4 componenti (da 6,7 del 2014 a 9,5%), soprattutto coppie con 2 figli (da 5,9 a 8,6%) e tra le famiglie di soli stranieri (da 23,4 a 28,3%), in media più numerose.

Effetto stranieri: peggiora la condizione di chi vive al Nord – L’incidenza della povertà assoluta aumenta al Nord sia in termini di famiglie (da 4,2 del 2014 a 5,0%) sia di persone (da 5,7 a 6,7%) soprattutto per l’ampliarsi del fenomeno tra le famiglie di soli stranieri (da 24,0 a 32,1%). Segnali di peggioramento si registrano anche tra le famiglie che risiedono nei comuni centro di area metropolitana (l’incidenza aumenta da 5,3 del 2014 a 7,2%) e tra quelle con persona di riferimento tra i 45 e i 54 anni di età (da 6,0 a 7,5%).

Aumenta la povertà per le famiglie dove chi lavora fa l’operaio – L’incidenza di povertà assoluta diminuisce all’aumentare dell’età della persona di riferimento (il valore minimo, 4,0%, tra le famiglie con persona di riferimento ultrasessantaquattrenne) e del suo titolo di studio (se è almeno diplomata l’incidenza è poco più di un terzo di quella rilevata per chi ha al massimo la licenza elementare). Si amplia l’incidenza della povertà assoluta tra le famiglie con persona di riferimento occupata (da 5,2 del 2014 a 6,1%), in particolare se operaio (da 9,7 a 11,7%). Rimane contenuta tra le famiglie con persona di riferimento dirigente, quadro e impiegato (1,9%) e ritirata dal lavoro (3,8%).

Aumenta la povertà relativa in termini di persone – Anche la povertà relativa risulta stabile nel 2015 in termini di famiglie (2 milioni 678 mila, pari al 10,4% delle famiglie residenti dal 10,3% del 2014) mentre aumenta in termini di persone (8 milioni 307 mila, pari al 13,7% delle persone residenti dal 12,9% del 2014). Nel 2015 la povertà relativa è più diffusa tra le famiglie numerose, in particolare tra quelle con 4 componenti (da 14,9 del 2014 a 16,6%,) o 5 e più (da 28,0 a 31,1%). L’incidenza di povertà relativa aumenta tra le famiglie con persona di riferimento operaio (18,1% da 15,5% del 2014) o di età compresa fra i 45 e i 54 anni (11,9% da 10,2% del 2014). Peggiorano anche le condizioni delle famiglie con membri aggregati (23,4% del 2015 da 19,2% del 2014) e di quelle con persona di riferimento in cerca di occupazione (29,0% da 23,9% del 2014), soprattutto nel Mezzogiorno (38,2% da 29,5% del 2014) dove risultano relativamente povere quasi quattro famiglie su dieci.

Che cosa intende l’Istat per povertà relativa – E’ calcolata sulla base di una soglia convenzionale che individua il valore di spesa per consumi al di sotto del quale una famiglia viene definita povera in termini relativi. La soglia di povertà per una famiglia di due componenti è risultata nel 2015 pari a 1.050,95 euro (+0,9% rispetto al valore della soglia nel 2014, pari a 1.041,91 euro). Le famiglie composte da due persone che hanno una spesa mensile pari o inferiore a tale valore vengono classificate come povere.

Che cosa intende l’Istat per povertà assoluta – Più articolato il calcolo di coloro che si possono definire ‘poveri assoluti’. La metodologia di stima è una misura basata sulla valutazione monetaria di un paniere di beni e servizi considerati essenziali per evitare gravi forme di esclusione sociale. A partire dall’ipotesi che i bisogni primari e i beni e servizi che li soddisfano sono omogenei su tutto il territorio nazionale, si è tenuto conto del fatto che i costi sono variabili. Per questo le differenze possono essere forti. Ad esempio, per un adulto (di 18-59 anni) che vive solo, la soglia di povertà assoluta è pari a 819,13 euro mensili se risiede in un’area metropolitana del Nord, a 734,74 euro se vive in un piccolo comune settentrionale, a 552,39 euro se risiede in un piccolo comune del Mezzogiorno.

La classificazione delle famiglie in povere e non povere, ottenuta attraverso la linea convenzionale di povertà, può essere poi maggiormente articolata utilizzando soglie aggiuntive, come quelle che corrispondono all’80%, al 90%, al 110% e al 120% di quella standard. Nel 2015 le famiglie “sicuramente” povere (che hanno livelli di spesa mensile equivalente inferiori alla linea standard di oltre il 20%) sono il 5,2%, quota che sale all’11,3% nel Mezzogiorno. È “appena” povero (ovvero ha una spesa inferiore alla linea di non oltre il 20%) il 5,2% delle famiglie residenti (9,1% nel Mezzogiorno); tra queste, più della metà (2,9%, 4,8% nel Mezzogiorno) presenta livelli di spesa per consumi molto prossimi alla linea di povertà (inferiori di non oltre il 10%). È invece “quasi povero” il 7,2% delle famiglie (spesa superiore alla linea di non oltre il 20%) mentre il 3,2% ha valori di spesa superiori alla linea di povertà di non oltre il 10%, quote che salgono rispettivamente a 12% e 5,3% nel Mezzogiorno. Le famiglie “sicuramente” non povere, infine, sono l’82,4% del totale, con valori pari al 90,3% nel Nord, all’87,3% nel Centro e al 67,6% nel Mezzogiorno.

 

Leggi ...

Archivio