Rubriche

Category Archives: notizie

F1, in Malesia è doppietta Red Bull: vince Ricciardo, Rosberg è terzo e allunga

110508305-a7d8d68c-2ee5-4af8-8f64-40aba2a8c8ff1

Gara ricca di colpi di scena, Vettel esagera e va subito fuori, Hamilton tradito dal motore mentre era tranquillamente al comando. L’australiano ne approfitta e trionfa davanti al compagno di squadra Verstappen, il tedesco della Mercedes sul podio dopo una grande rimonta e a +23 su Lewis. Quarto Raikkonen
SEPANG – Il “nooooo” di Maurizio Arrivabene, e le mani al volto di Toto Wolff in mondovisione sono i fermo-immagine del gp di Malesia. Al contrario, se la godono Chris Horner e Helmut Marko: la Red Bull coglie una clamorosa doppietta con Ricciardo e Verstappen a Sepang.

Ma andiamo con ordine: il peggiore in pista è Vettel, che influenza immediatamente la corsa già dalla partenza. La sua gara dura uno sprint, quello fino alla prima curva: lo spunto del tedesco sarebbe buono, con lo slalom nel tentativo di guadagnare posizioni, ma non si accorge che non ha più tempo per la frenata. Va lungo, e quando frena colpisce – con la gomma anteriore sinistra – la gomma posteriore destra del malcapitato di turno, nientepopodimeno che Rosberg. Conclusione: il tedesco della Ferrari deve accomodarsi ai box anzitempo, il tedesco e leader del mondiale è costretto a una rimonta dal fondo del circuito, cosa che non aveva proprio messo in cantiere.

E’ il primo colpo di scena, e cominciano a sprecarsi gli insulti: la Mercedes ritwitta le parole di Verstappen a commento del botto: “Sebastian è matto, ha preso in pieno Nico come un idiota”, altro episodio che non migliorerà i rapporti tra il giovane olandese e la Ferrari. “Cosa potevo fare? E’ stata una reazione a catena” ha commentato a caldo Vettel “cercavo di contenere Verstappen, poi ho frenato e la macchina è scivolata…”.La Ferrari è protagonista, ma non secondo le aspettative. Ma i colpi di scena non sono finiti, e dal 40° al 42° succede di tutto: Rosberg, ovviamente in rimonta, arriva in zona podio ed è dietro Raikkonen. Prova il sorpasso, e se lo prende con forza, tanto che dà una spallata al finlandese. Colpevole, dovrà scontare dieci secondi di penalità che non gli costeranno comunque la terza posizione. Ma due giri dopo Hamilton, primo e tranquillo, vede dallo specchietto che il motore brucia, e non riesce a farsene una ragione, sul prato in ginocchio mentre il muretto Mercedes è attonito, senza parole.

La Malesia è della Red Bull, il team che ha saputo migliorare più di tutti nel corso della stagione, il team per il quale gareggia il vero e naturale talento del futuro, Max Verstappen. Gli ultimi cinque giri sono alla camomilla:

Verstappen, respinto da Ricciardo dopo una sfida all’ultima curva nel 38° giro da Ok Corral, accetta la seconda posizione, memore anche delle indicazioni del patron Mateschitz di evitare suicidi in famiglia e la Red Bull può festeggiare il trionfo.
In un angolo, non troppo nascosto, brinda anche Nico Rosberg: mai avrebbe pensato, dopo essere stato centrato da Vettel, di guadagnare su Hamilton. Oggi, a cinque gp dalla fine, ha 23 punti di vantaggio. Praticamente, una gara

Leggi ...

Cento turisti provenienti da Gorizia in visita a Tramonti (SA) (Video)

russoass

Circa cento turisti proveniente dal Friuli Venezia Giulia – Gorizia, hanno visitato Tramonti. Sono arrivati al Valico di Chiunzi verso le 8.30, e subito accolti dai soci dell’Associazione”Alba Nuova”. Prima di iniziare l’itinerario turistico in posa per un bella foto panoramica con sfondo del Vesuvio. I turisti sono stati accompagnati dal dott.  Vincenzo Ferrara e da Aniello Apicella. Polvica, la prima tappa al Convento di San Francesco, costruito intorno al 1710. La Chiesa è ad una navata e custodisce due sarcofaghi, tra le opere d’arte da sottolineare il trittico bassorilievo marmoreo raffigurante S. Antonio, S. Stefano e S. Valentino. Il soffitto fu arricchito da affreschi del Bocchetti e decorazioni dell’artista napoletano  Raffaele Severino. Attiguo alla Chiesa il chiostro  costruito a metà del 1700 con al centro un antico pozzo. Tutto il portico e formato da dodici pilastri e capitelli che sostengono ventotto archi. Non poteva mancare la visita al caseificio “Antica Latteria” , dove Pasquale Amato con grande professionalità ha mostrato ai turisti come avviene la lavorazione del fior di latte, con momenti di degustazione: fior di latte, pomodoro e pane biscottato.  Successiva tappa, la borgata di Gete con la visita dell’antica Cappella Rupestre dedicata alla Madonna delle Grazie la cui fondazione è datata tra VIII e il XII sec. lo stile è gotico con tratti romanici. Da ammirare due urne cinerarie, alcune datano intorno al II sec. D.C., e la colonna centrale con un raffinato capitello corinzio. Una breve sosta si è tenuta anche nella Chiesa di S.Michele    Descrittiva e apprezzato è stato la visita di una vite secolare  dei nostri vitigni diffusi sull’intero territorio di Tramonti , che danno origine ai vini D.O.C. Costa D’Amalfi, tra questi occorre menzionare il  “Tintore”. Al bivio di Campinola il Sig. Oliva Vincenzo ha mostrato ai turisti una pecora lustrata di bianco che lo seguiva con ogni sguardo e gesto, ed è stata fotografata come una star. Il pranzo è stato preparato dalla Sig.ra Rita Fierro proprietaria del ristorante “il Castagneto” con prodotti genuini a chilometro zero forniti dall’Associazione ” Alba Nuova “. L’intero pomeriggio è stato allietato con musiche  e canti popolari delle nostre tradizioni con esibizioni di balli  diretti da Ruben Citarella. Ringraziamo il Signor Buonocore  Luigi, figlio di questa terra e proprietario della Pizzeria ” Il Gambero” in Monfalcone – (Go)  promotore di questa bella iniziativa. Commovente è stato il ringraziamento per l’accoglienza ricevuta dai visitatori.

Giovanni Russo

Leggi ...

Riscaldamento, valvole obbligatorie da dicembre. Attenzione a costi e cavilli

valvole-termostatiche-6751Con i termosifoni che si potranno accendere già dal 15 ottobre, restano solo 30 giorni di tempo per mettersi in regola tra l’approvazione dell’assemblea, le nuove tabelle millesimali e, soprattutto, l’esborso da sostenere. Ma l’obbligo per gli impianti centralizzati viene meno se non si concretizza un reale risparmio energetico. Mentre per gli impianti autonomi le valvole vanno sempre montate negli immobili costruiti o ristrutturati dopo il 2007

È arrivata al rush finale l’installazione su ciascun termosifone del proprio appartamento delle valvole termostatiche con cui regolare la temperatura (il livello da impostare va da 0 a 5, dove 3 e 4 vengono definite posizioni di comfort) e del contabilizzatore (fissato in modo irremovibile sul termosifone in modo che non possa essere manomesso) che quantifica il calore effettivamente consumato. Entro il 31 dicembre 2016, così come previsto dal decreto legislativo 141/2016, per tutti gli italiani che hanno il riscaldamento centralizzato (esclusi quindi gli autonomi) scatterà l’obbligo della termoregolazione.

Una scadenza che in queste settimane sta, tuttavia, mobilitando migliaia di amministratori e condomini non ancora in regola. I tempi, infatti, risultano essere assai più stretti della deadline: l’installazione di valvole e ripartitore dei consumi termici deve essere realizzata quando gli impianti sono spenti e, per legge, già a partire dal 15 ottobre 2016 si possono accendere i termosifoni. Il rischio, quindi, di incappare incappare in sanzioni pecuniarie – tra i 500 e i 3.000 euro per unità immobiliare – è dietro l’angolo. Un’operazione monstre, questa dei contabilizzatori efficienti: per darne solo un’idea, basta pensare che nella sola Lombardia, secondo i dati rilevati dal catasto regionale degli impianti termici, la disposizione ha coinvolto oltre 181 mila impianti e 1,9 milioni di utenze. Cosa succederà, quindi, in questi 30 giorni? In tutti i casi in cui l’assemblea non abbia ancora deliberato l’installazione, occorre accelerare i tempi: per l’approvazione della delibera basta il sì della maggioranza più uno dei presenti in assemblea e almeno 500 millesimi, calcolando che vota anche chi si è distaccato dalla caldaia centralizzata ma non ha rinunciato all’impianto.

Nuove tabelle millesimali – “L’assemblea deve anche approvare le nuove tabelle di riparto dei consumi costruite fino ad oggi sulla base degli elementi presenti in ciascun appartamento più una quota fissa”, spiega a ilfattoquotidiano Pier Paolo Bosso, avvocato di Confedelizia. Che aggiunge: “Ora il calcolo è molto più complesso in quanto deve tenere conto di inediti criteri e parametri come la quota di consumo volontario e involontario, come le dispersioni delle colonne di distribuzione attraverso pareti e ambienti dove le valvole dei radiatori sono chiuse o non presenti, oppure la posizione degli appartamenti rispetto al sole o ancora la presenza di nuovi infissi”. Tant’è che il calcolo fa effettuato da tecnici specializzati, secondo quanto previsto dalla normativa UNI 10200, con ulteriori costi conseguenti non solo alla progettazione, ma anche all’eventuale certificazione energetica degli edifici o ai lavori da sostenere per ridurre le dispersioni.

Spesa media da sostenere – Secondo Altroconusmo, per ogni termosifone, l’acquisto e l’installazione di pacchetti con valvola termostatica e contabilizzatore indiretto hanno un costo compreso fra 100 e 120 euro, Iva esclusa. In un appartamento di 80 metri quadrati con 6 termosifoni servono oltre 1.000 euro per gli interventi necessari, inclusi i costi per adeguare le pompe di circolazione dell’impianto condominiale da portata fissa a variabile. E in complessi residenziali con circa 100 unità immobiliari gli interventi possono costare fino a 12mila euro: ci sono il lavaggio dell’impianto di riscaldamento prima dell’installazione delle valvole, la pompa elettronica per modulazione della potenza di circolo dell’acqua, il defangatore e l’addolcitore dell’acqua. Inoltre, per ogni contabilizzatore la lettura annuale costa circa 5 euro. Mentre nei casi di contabilizzazione diretta, meno frequenti, i prezzi sono compresi tra 50 e 60 euro per ogni valvola termostatica e ammontano a 200 euro per il ripartitore unico installato all’ingresso dei singoli appartamenti (Iva e installazione escluse).

Agevolazioni fiscali – Bastone e carota sul fronte dell’esborso, visto che è comunque possibile recuperare il 50% per un importo massimo di spesa di 96mila euro, a condizione però che i dispositivi siano installati senza che sia sostituito, integralmente o parzialmente, l’impianto di climatizzazione invernale. Mentre in caso di sostituzione con pompe di calore ad alta efficienza o con impianti geotermici a bassa entalpia, si potrà portare in detrazione il 65% di massimo 30mila euro.

Perché gli italiani sono stati costretti a farlo? – L’obiettivo principale è di rispettare il Protocollo 20-20-20 che prevede entro il 2020 di ridurre del 20% le emissioni di gas serra, alzare al 20% la quota di energia ricavata da fonti rinnovabili e portare al 20% il risparmio energetico. Inoltre, abbassando la temperatura generale di un solo grado, dai 21 ai 20 gradi, si dovrebbe avere ha un risparmio annuo fino al 20 per cento. Riduzione considerevole se si calcola che un appartamento di 85 metri quadri a Milano ha un costo di 1.752 euro all’anno. Il condizionale, però, come al solito, è d’obbligo non solo se si analizza l’efficacia in termini di risparmio energetico, ma soprattutto sul fronte dell’esborso oneroso che i proprietari hanno dovuto e devono sostenere.

L’obbligo dell’installazione non vale per tutti – “Le valvole e il ripartitore – sottolinea l’avvocato di Confedilizia – non sono obbligatori in senso assoluto in tutti gli impianti centralizzati: si devono installare solo a condizione che determinino una reale efficienza e risparmio energetico”. Prima di montarle, quindi, conviene fare una diagnosi energetica sull’immobile evitando così troppo tardi di scoprire che, dopo aver speso migliaia di euro, ci si potrebbe trovare poi con i consumi raddoppiati. Proprio come accaduto in diversi condomini reggiani e denunciato dall’associazione dei proprietari di casa. Inoltre, restano esclusi gli impianti in cui si verifichino “impedimenti di natura tecnica”, come il caso di case riscaldate da pannelli radianti obsoleti, dove adeguare l’impianto costerebbe troppo e l’operazione risulterebbe complicata. Attenzione, tuttavia, alla volontà del condominio: una volta deliberata l’installazione nessun condomino può più opporsi e nessuno può vietare l’accesso dei tecnici in casa.

Infine, anche se nella casistica degli esclusi – come detto – vanno inseriti i proprietari di abitazioni con riscaldamento autonomo, questa affermazione non è del tutto vera. Il decreto legislativo 192, come modificato dal decreto 311 del 2006, prevede già dal 2007 l’installazione delle sole valvole termostatiche nel caso si sostituisca l’impianto della caldaia, si costruisca una nuova abitazione o si ristrutturi totalmente l’immobile

Leggi ...

Prezzo del mais, Coldiretti attacca: “Quello nazionale di qualità quotato meno di quello extracomunitario”

 

 

 

 

 

mais_6751Secondo l’associazione “la giustificazione di questa differenza è che il prodotto di importazione avrebbe ampie ‘certificazioni’ di cui non si conosce bene il contenuto, visto che anche quello italiano può fornire tutte le certificazioni necessarie”. Il tutto mentre i produttori di grano sono da mesi sul piede di guerra e le tavole degli italiani sono invase di olio tunisino, marocchino e spagnolo di pessima qualità
Crollo dei prezzi, riduzione delle superfici coltivate, agricoltori in affanno e poche tutele. Grano, olio, pomodoro. E pure il mais, che la crisi non risparmia. Alla Borsa Merci di Bologna, punto di riferimento per i mercati di tutta Italia, è stato quotato quello di qualità, ma a 180 euro, contro i 195 euro a tonnellata della quotazione del mais d’importazione extracomunitario. E Coldiretti non ci sta. Il tutto mentre i produttori di grano sono da mesi sul piede di guerra per i prezzi che non consentono margini di guadagni, le tavole degli italiani sono invase di olio tunisino, marocchino e spagnolo di pessima qualità e l’Unione Europea boccia ‘lo scudo’ alle importazioni di pomodoro dal Marocco (e paradossalmente l’Australia impone dazi su quelli in scatola italiani). Secondo Coldiretti Emilia Romagna “è inspiegabile e anche offensivo per i produttori italiani il gap di 15 euro tra il mais nazionale di qualità e quello extracomunitario”. La scorsa settimana è andata anche peggio: il mais di qualità quotato 192 euro a tonnellata veniva pagato come mais normale a 171 euro, con una perdita di 21 euro a tonnellata per i maiscoltori.

LA DENUNCIA DI COLDIRETTI – “La giustificazione di questa differenza – ha dichiarato il presidente di Coldiretti Emilia Romagna, Mauro Tonello – è che il mais di importazione avrebbe ampie ‘certificazioni’ di cui non si conosce bene il contenuto, visto che anche quello italiano può fornire tutte le certificazioni necessarie”. Coldiretti sottolinea anche un altro aspetto: “Non si considera che il mais di importazione, in molti casi (come per quello importato dal Canada), è stato raccolto nel settembre 2015 e quindi ha fatto migliaia di chilometri in nave per arrivare in Italia”. Una differenza più volte segnalate anche per altri prodotti come, ad esempio, il grano duro. Proprio per questa ragione per il presidente Tonello “visto che le caratteristiche del nostro mais di qualità sono superiori a quelle d’importazione, bisogna che venga pagato almeno alla pari di quello importato”. Rispetto alla scorsa settimana il prezzo è salito. “Potrebbe essere un passo avanti – ha commentato Tonello – se non si trattasse di una ennesima penalizzazione per i produttori italiani”. Anche perché già nei giorni scorsi, la Coldiretti ha sottolineato i limiti del piano di rinnovamento annunciato dalla Borsa Merci di Bologna “che dal 1 giugno avrebbe dovuto basare i suoi listini sulla qualità dei prodotti”, con una quotazione ad hoc per il mais senza aflatosine “e un prezzo adeguato alla qualità per i produttori”. Una rivoluzione a metà, dunque, ha denunciato Coldiretti che sottolinea anche la mancanza di trasparenza per i consumatori dato che “il mais è uno degli ingredienti base per l’alimentazione degli animali negli allevamenti per la produzione di carne e latte”.

LA PRODUZIONE DI MAIS – A rendere l’Italia più dipendente dalle importazioni è anche la riduzione di superfici coltivate a mais nel Belpaese. Durante una tavola rotonda che si è svolta in occasione della Giornata del Mais, l’8 febbraio scorso, a lanciare l’allarme è stata Assosementi, l’associazione che rappresenta le aziende sementiere italiane. Secondo la Sezione colture industriali del consorzio la contrazione delle superfici coltivate a mais nel 2015 è anche maggiore rispetto alle statistiche ufficiali dell’Istat: poco più di 800mila ettari rispetto a 1 milione di ettari circa accertati da Istat. E per il 2016 l’Istat ha previsto un calo delle superfici del 3,9% per mais da granella e un aumento del 2,6% per il mais da foraggio. Secondo il Servizio Economico di Coldiretti Cuneo, invece, nel 2015 in Italia sono stati coltivati circa 728mila ettari di mais per una produzione di circa 7 milioni e 300mila tonnellate e una raccolta di poco inferiore. Un calo sensibile rispetto al 2006, quando gli ettari coltivati erano un milione e 100mila, per una produzione totale di quasi 9 milioni e 700mila tonnellate. Una riduzione dovuta a diversi fattori “sia di carattere economico con costi elevati e anni di quotazioni di mercato poco soddisfacenti – ha rilevato Coldiretti – sia ad alcune criticità sugli aspetti sanitari, come la presenza di micotossine”.

DAL GRANO AL POMODORO: LE DIFFICOLTÀ COMUNI – I problemi legati al prezzo del mais sono comuni anche ad altre colture. Lo dimostrano i dati diffusi da Confagricoltura Emilia Romagna che ha segnalato “la situazione di difficoltà in cui operano le aziende cerealicole della regione”. Dove la superficie coltivata a grano tenero è passata da 151.848 a 136.084 ettari tra il 2014 e il 2015, mentre per il mais il crollo degli ultimi dieci anni è stato definito “allarmante”: da 112.515 nel 2006 a 77.497 ettari nel 2015. E se la sottrazione di ettari alla coltivazione di frumento tenero è dovuta alla tendenza crescente a seminare frumento duro in ragione del prezzo più elevato, a sua volta il mercato del grano duro è in forte crisi tra calo dei prezzi, esportazioni selvagge e speculazioni. Infine la beffa è arrivata quest’estate e ha come oggetto un altro prodotto italiano: il pomodoro. Dopo l’invasione dell’olio tunisino, il 2016 è iniziato con le importazioni di pomodoro dal Marocco consentite da un accordo commerciale con l’Unione Europea che ha provocato una crisi senza precedenti della produzione nazionale, concentrata soprattutto in Puglia e Sicilia. “I prodotti italiani sono sotto attacco” ha denunciato Coldiretti. E pensare che poche settimane fa in Australia è stata avviata un’indagine per presunta alterazione della concorrenza per i pomodori in scatola italiani che sarebbero esportati a prezzi troppo bassi. Sotto stretta osservazione i sussidi europei da 183 milioni di euro al settore italiano. L’Australia ha già imposto dazi e potrebbe presto anche aumentarli.

Leggi ...

Virginia Raggi non giochi con le parole: chieda scusa o si dimetta

virginia-raggi675-675x275[1]

C’è qualcosa di squallido, folle e autolesionista nella gestione del caso Paola Muraro da parte della sindaca di Roma Virginia Raggi. L’assessore all’ambiente della giunta M5s di Roma sapeva di essere sotto inchiesta per violazione della legge sui reati ambientali da fine luglio. Il 18 di quel mese, tramite il suo avvocato, aveva presentato una richiesta di accesso al registro segreto degli indagati. Dopo pochi giorni era arrivata dalla cancelleria penale una risposta positiva. Un documento che contiene esclusivamente l’indicazione del numero di procedimento penale, l’indicazione del reato ipotizzato e la data di iscrizione. In questo caso la carta chiariva, direttamente o indirettamente, due fatti. Il primo: l’inchiesta sull’assessore Muraro era partita ad aprile, quando ancora l’esperta di rifiuti nemmeno immaginava che sarebbe stata chiamata a far parte di una giunta comunale. Il secondo: dopo sei mesi dall’iscrizione i magistrati (quindi a ottobre) avrebbero deciso se notificare a Paola Muraro una richiesta di proroga delle indagini o se archiviare.La sindaca Raggi, stando a quanto ha dichiarato lei stessa, viene subito portata a conoscenza dell’esistenza dell’indagine. Ma decide, assieme all’allora capo di gabinetto Carla Raineri, di non rendere pubblica la cosa. Verosimilmente in accordo con la parte del movimento che Raggi dice di aver informato.
A questo punto, secondo noi, la domanda che gli elettori devono farsi è semplice: questo comportamento è corretto o no? Le decisioni prese sono coerenti o meno con i principi di trasparenza alla base del movimento? Ciascuno può rispondere come vuole. Noi pensiamo di no. Siamo anzi di fronte a una scelta profondamente sbagliata sia dal punto di vista etico che da quello politico.In quei giorni tutti i media parlavano della questione rifiuti e delle indagini in corso. Più volte al sindaco e all’assessore era stato chiesto se ci fosse o se, secondo loro fosse in vista, un avviso di garanzia. La risposta è sempre stata negativa.

Un’affermazione solo formalmente corretta. Perché dal punto di vista sostanziale e politico non vi è differenza tra il documento ufficiale della procura dato in mano alla Muraro e l’avviso. Sostenerlo significa solo fare i furbi. Arrampicarsi tra gli articoli del codice penale per non affrontare in maniera trasparente una questione scomoda.

Certo, può benissimo accadere che Paola Muraro esca dall’indagine a testa alta. Ma qui in discussione è la lealtà del rapporto con i cittadini e gli elettori. Dire pubblicamente: sappiamo che sono in corso degli accertamenti da parte della magistratura, ma gli elementi che abbiamo in mano sono troppo pochi per prendere una decisione sulle sorti della Muraro, non sarebbe stato un segno di debolezza, ma di forza.

Anche perché decidere di mantenere al suo posto l’assessore mentre era impegnata nel tentativo di sanare l’emergenza rifiuti di agosto aveva senso. Appellarsi invece alla differenza (minima) tra i due documenti è cosa decisamente poco onorevole. E assai poco furba.

La notizia, come era scontato, è diventata pubblica. La credibilità di Virginia Raggi ne risulta (irrimediabilmente?) scossa. La fiducia che molti italiani avevano fin qui riposto nel movimento fortissimamente minata.

La sindaca Raggi oltretutto è un avvocato. E anche se si occupava di materie civili sapeva certamente che trascorsi i sei mesi dall’iscrizione la probabilità che fosse notificato al suo assessore la richiesta di proroga era altissima. Come pensava di uscire da questa situazione? Ricordiamo che in casi analoghi, a partire da quello di Livorno riguardante il sindaco Filippo Nogarin (a cui sono contestati reati ben più gravi rispetto a quelli della Muraro), il diretto interessato aveva immediatamente informato militanti e opinione pubblica di essere indagato. Durante la campagna elettorale per la Capitale era invece stata proprio Virginia Raggi a criticare frontalmente il primo cittadino di Parma, Federico Pizzarotti, perché aveva tenuto nascosto ai cittadini un’inchiesta a suo carico. “Pizzarotti non è sospeso per un avviso di garanzia”, aveva spiegato, “è sospeso perché non c’è stata quella trasparenza che noi chiediamo e pretendiamo”.

Ora, per favore, la sindaca la smetta di giocare sulle parole. L’unica cosa che può fare per tentare di non passare per sempre per una furbetta è presentarsi in consiglio comunale e ammettere il suo grave errore. Chiedere scusa agli elettori romani. Garantire che una cosa del genere non si ripeterà mai più. E lo stesso devono fare gli esponenti dei 5 stelle che erano a conoscenza della vicenda. Da questa storia il loro movimento rischia di uscire distrutto. Ci vorranno mesi per recuperare la fiducia dei cittadini. E non è detto che l’impresa riesca. Sostenere che gli altri sono peggio, denunciare l’operato delle lobby, invocare l’inesperienza o ricordare le cose buone che sono state fatte, non serve.

Va cambiato registro subito. Ci vuole un’autocritica severa. Se non arriva meglio che la Raggi si dimetta. Eviteremo tutti una lunga e penosa agonia.

Ps. Lunedì sera sono stato ospite di Porta a Porta in una puntata su Roma registrata prima delle notizie sul caso Muraro-Raggi. Mi spiace davvero. Queste considerazioni le avrei volute esprimere anche lì.

Leggi ...

Amatrice, il sindaco Pirozzi: “Altro che avviso di garanzia dovrebbero darmi l’Oscar. Mi arricchirò con le querele”

023730856-af404cb5-c778-4c14-9d96-44e70d0d4ab8[1]

“Sono stato io dopo il terremoto ad andare in Provincia a dire: qui non c’è niente a norma”

La felpa blu con la scritta Amatrice ormai è un cimelio, da battere all’asta. Il sindaco Sergio Pirozzi, 51 anni, due figli, la indossa tutte le sere, dal 24 scorso, appena la temperatura va giù. “Voi che scrivete di edifici comunali fuori norma, di interrogatori del sindaco da fare domani”, esordisce tonante, “lo sapete che cos’è questo?”.

Il Centro operativo e di coordinamento.
“La presenza di questi container ha salvato il mio paese”.

Dei container?
“Fino a giugno sono stati il liceo. L’avevamo spostato qui perché il vecchio edificio, nella parte alta di Amatrice, era impraticabile. Sono andato in Provincia, molto prima del terremoto, e gli ho detto: “Qui non c’è niente a norma e ora voi chiudete l’edificio sennò vi denuncio. Con i soldi dell’affitto che risparmio compro i moduli e ci trasferiamo tutti gli studenti dentro. Ho fatto portare i container vicino alla vecchia Capranica e ora scopriamo che è stato un miracolo, solo qui potevamo sistemare le stanze dell’emergenza. Lo si deve a me e alle mie scelte politiche”.

Sindaco, stanno emergendo responsabilità della sua amministrazione nella ristrutturazione della scuola Capranica, nei mancati controlli all’Hotel Roma e alla casa di riposo Don Minzoni, nella prevenzione, nei ritardi.
“Non vede come sono sereno? Posso andare dal magistrato domani. Parlo per quattro ore e si sgonfia tutto. Poi mi arricchirò con le querele”.

Siamo all’ottavo giorno dal sisma, può iniziare a spiegare? La ristrutturazione della scuola, nel 2012, era antisismica o no?
“No”.

All’inaugurazione lei la vendette come tale: “Si è provveduto alla fasciatura di tutti i pilastri con fibre di carbonio, il rinforzo tradizionale dei pilastri centrali, la messa in sicurezza delle tamponature esterne e delle tramezzature interne”.
“Non l’ho detto”.

Ci sono le cronache, 13 settembre 2012.
“Le inquadro la situazione perché a me devono dare l’Oscar, altroché contestazioni. Nella primavera del 2009, dopo il terremoto dell’Aquila, prendo la macchina e vado dalla Protezione civile del posto. Ho timori per la mia scuola, chiedo che cosa devo fare. Torno ad Amatrice e decido di affidare uno studio a una società privata. Non chiedo soldi a nessuno, li tiro fuori dal bilancio del Comune. Non ho un euro, c’è il patto di stabilità, ma trovo il denaro e pago uno studio ingegneristico e geologico. Lì dentro leggerò che la scuola può reggere a un sisma di grado X. Tenuta strutturale, torsione dei muri. Non sono un tecnico, ma le conclusioni sono quelle: si può stare tranquilli”.

Perdoni sindaco, grado X che significa?
“Non posso ricordare tutto, stiamo mettendo a posto le carte. Diciamo 4, ma vado a spanne”.

Però, dopo quello studio rassicurante, ordina nuovi lavori di consolidamento. Soldi della Regione, urgenza anti-sismica. Così tranquillo non era.
“Se un edificio tiene 4 provi a portarlo a 5”.

Il problema è che è arrivato un sisma da 6.
“È quello il punto: la violenza della scossa. Io ne ho sentite tante di botte nella vita, ma questa volta me la sono fatta sotto”.

 

 

Leggi ...

Profughi, piano del Viminale:40 milioni per l’accoglienza

 

 

 

 

 

 

gioPiù di tremila hanno già trovato accoglienza nelle caserme dismesse, acquisite dal ministero dell’Interno, ma il piano del Viminale per trovare ospitalità ai migranti in arrivo, o già sul nostro territorio, è ancora in via di realizzazione. Un investimento di 40 milioni di euro per la ristrutturazione e la predisposizione di altre strutture dei ministeri di Difesa, Economia o degli stessi Interni, oppure del Demanio. Cinquemila posti sono già stati individuati, ma l’obiettivo è raggiungere una quota ancora più alta, distribuendo su tutto il territorio richiedenti asilo e minori non accompagnati ed evitando il collasso dei centri del sud Italia. In Campania gli immobili individuati sono tre. A Napoli, l’ex arsenale dovrebbe essere acquisito in tempi brevi, mentre la caserma Cesare Battisti di Bagnoli è ancora nella disponibilità del Demanio, infine, l’ex casa mandamentale nel comune di Morcone, in provincia di Benevento, che è già stata presa in consegna dalla prefettura.

Di fatto, nell’elenco delle strutture già attive figurano anche quelle “emergenziali”, che sopperiscono alla mancata accoglienza da parte di alcuni comuni, accade in Veneto, dove la prefettura di Venezia e il Dipartimento per l’Immigrazione hanno realizzato una “tendostruttura”. Nella stessa regione sono già state individuate altre caserme che, presto, saranno attrezzate per ospitare i migranti in arrivo.

Attualmente sono soltanto sei le ex caserme già utilizzate come centri di accoglienza, una in Friuli, quattro in Veneto e una in Sicilia. Nell’ex caserma Cavarzerani di Udine si trovano attualmente 1.069 migranti. Nell’ex caserma Prandina di Padova sono solo in 20, mentre a Bagnoli di Sopra, nell’ex base dell’Aeronautica, si contano attualmente 639 persone. In 653 sono ospiti nell’ex caserma Serena di Treviso, mentre a Conetta di Cona, in provincia di Venezia, la prefettura ha predisposto una struttura di emergenza che ospita attualmente 927 persone, ma altri immobili in Veneto, e in quella stessa area, sono già stati individuati dal ministero dell’Interno.
Alcune caserme, come quella nel Comune di Muggia, in provincia di Trieste, sono già state concesse al ministero dell’Interno, che ha stanziato i soldi per i lavori, altre dal Friuli alla Sicilia sono state individuate. L’investimento per la sistemazione delle ex caserme dovrebbe ammontare a circa 40 milioni di euro, un progetto che procede di pari passo con l’accordo che sarà concluso a settembre tra il Viminale e l’Anci e prevede l’adesione dei comuni al progetto Sprar e la distribuzione di 150mila migranti su tutto il territorio. In Friuli sono dieci in tutto le strutture individuate, altrettante in Veneto, dove l’ex base missilistica Silvestri di Conetta di Cona è già nella disponibilità della prefettura e presto dovrebbe ospitare i migranti che si trovano nella tendopoli.

In Lombardia sono state individuate nove strutture, due a Milano, dopo le tante polemiche sull’impiego delle strutture destinate ai dipendenti dell’Expo. Sono la caserma Bartoli la Mancini. Poi una caserma in Piemonte, ad Asti, e una in Liguria, in provincia di Imperia, due nel Lazio, a Viterbo, l’ex deposito di munizioni Sabbatini è già stato consegnato alla prefettura, mentre presto partiranno i lavori nell’ex caserma militare De Carolis di Civitavecchia. In Sicilia, oltre all’ex caserma Gasparro, dove sono ospitati i minori, si discute dell’ex carcere militare di Palermo, dell’ex deposito rifornimenti di Vizzini, in provincia di Catania, di una struttura a Castelvetrano (Tp) e di un’altra a Marsala.

Leggi ...

Erchie, cadono massi dal costone sulla spiaggia vietata: feriti due ragazzi

1922333_erchie.jpg.pagespeed.ce.kuCXhqrcb1[1]

Vanno a fare il bagno dove non avrebbero dovuto e rischiano la vita per un crollo di massi. E’ accaduto nel primissimo pomeriggio di ieri a Erchie dove un ragazzo e una ragazza sono stati investiti da due o forse più massi caduti dalla parete rocciosa ormai logora, consumata dalla salsedine. Due o forse più pietre che hanno rischiato di causare conseguenze ben più gravi. Per questo si parla di ennesima tragedia sventata. Di ennesimo miracolo lungo uno di quegli arenili belli e maledetti dove è vietato persino attraccare nel raggio di cinquanta metri. L’episodio è avvenuto poco dopo le 13 di ieri a Cauco, suggestiva spiaggetta tra Erchie e Cetara.

Qui, la coppia di vacanzieri, lui di Ancona, lei di Sant’Antonio Abate, sono stati all’improvviso colpiti dalle pietre staccatesi dal costone roccioso. E ad accorgersi di quello che stava accadendo sulla spiaggia sono stati gli occupanti di un natante che prima hanno lanciato l’allarme alla centrale operativa della Capitaneria di Porto di Salerno, poi si sono immediatamente accostati per portare soccorso ai due malcapitati. La ragazza dolorante a un piede è stata così trasbordata dalla spiaggia all’imbarcazione e accompagnata presso il porto di Cetara dove nel frattempo era già stata allertata l’autoambulanza del 118. Presa in consegna dai sanitari del saut la turista è stata trasferita presso l’ospedale di cava dei Tirreni dove dopo una serie di accertamenti le è stata diagnosticata la frattura del piede con una prognosi di trenta giorni. Allertata la macchina dei soccorsi, sul posto è giunta anche una motovedetta della Guardia Costiera che ha recuperato il ragazzo rimasto illeso anche se dolorante a una spalla.
Trasferito anch’egli presso il molo di Cetara è stato accompagnato presso l’ospedale metelliano e sottoposto ad accertamenti. L’area, dichiarata off limits per effetto di un’ordinanza del del Comune di Maiori è stata immediatamente transennata dai militari della guardia costiera e dagli agenti della polizia municipale che hanno ispezionato la zona individuando i massi che si sono staccati dalla roccia e che hanno colpito i due turisti. Ma come c’erano arrivati fin lì?

E’ quello che stanno cercando di capire i militari della capitaneria di porto di Salerno e dell’ufficio locale marittimo di Cetara che dopo l’acquisizione dei referti medici hanno iniziato a indagare sull’accaduto. La spiaggetta di Cauco figura tra le decine di spiagge soggette a ordinanza di interdizione emesse proprio per i crolli di roccia che non garantiscono la sicurezza dei bagnanti. Sono i tratti di spiagge, tra i più belli della Costiera Amalfitana, interdetti ai bagnanti a causa dei movimenti franosi che potrebbero mettere a rischio l’incolumità dei vacanzieri. Proprio come è accaduto ieri. Ma su questi arenili il più delle volte capita che i turisti si fermino a proprio rischio e pericolo. Il malessere delle montagne così tanto palese non è stato mai preso in considerazione e il più delle volte gli interventi di manutenzione e risanamento sono avvenuti ad opera dei privati, per lo più gestori degli stabilimenti balneari.

Leggi ...

Maiori – Ferragosto 2016 . La festa della Madonna dell’ Assunta ed i fuochi d’artificio

14051663-1785250308354226-151489913698948500-n[1]

Maiori , Costiera amalfitana. La città di Maiori si prepara all’evento più atteso del mese di agosto, il più sentito dell’estate maiorese: la grande festa per la Madonna Assunta  Positanonews il giornale online della Costa d’ Amalfi ne profitta per far gli auguri a tutti i lettori maioresi vicini e lontani . Un momento di grande partecipazione popolare, oltre che religiosa, in cui sono coinvolti non solo i cittadini residenti, ma anche tanti maioresi emigrati e numerosi turisti abituali che affollano la città Quest’anno, per rendere memorabile il giorno di ferragosto, eventi e festeggiamenti si fonderanno insieme per la prima volta, in una maratona “no stop” dalla sera del giorno 14 a quella del giorno 15. Iniziative, mostre, mercatini, musica, canti e balli a sancire l’aria di festa e folklore che si respirerà per le vie della città, che spero coinvolga tutti in un grande momento di festa e giovialità. Agli abituali e classici appuntamenti dei “matinée musicali” al corso Reghinna e piazza San Pietro, ai programmi lirico sinfonici serali in Piazza R. D’Amato dei premiati concerti bandistici “città di Martina Franca” per il giorno della vigilia e “città di Minori” per il giorno di ferragosto, legati più direttamente alla festività religiosa, si aggiungerà a grande richiesta per i più giovani, il 14 agosto a partire dalle ore 23:30, la serata dance sul solarium del porto di Maiori “la nuit de la folie” a cura di #costiera creativa con la partecipazione dei “Sud 58” direttamente da made in sud. Due giorni di festeggiamenti e grande religiosità che si concluderanno con lo spettacolo di fuochi d’artificio sullo specchio d’acqua antistante il lungomare cittadino a cura della premiata ditta dei cav. Giovanni Boccia e Luigi Nappi da Palma Campania. Il tutto, affinché Maiori possa offrire, oltre alle impareggiabili bellezze paesaggistiche e culturali di cui è ricca e che sono riconosciute ormai da tutti, anche momenti di folklore e di originalità. I fuochi d’artificio ci saranno come da tradizione alle 23, prima di Positano, i due paesi della costa d’ Amalfi che festeggiano,  dove ci saranno dalla mezzanotte. Alle 10, la Santa Messa Solenne presieduta da Mons. Orazio Soricelli, Arcivescovo di Amalfi – Cava de’ Tirreni. A sera, alle 19, Solenne Pontificale presieduto da Mons. Pier Giacomo De Nicolò, Arcivescovo titolare di Martana e Nunzio Apostolico. A seguire la Solenne Processione con la Venerata statua della Madonna per le vie cittadine, con la tradizionale corsa lungo i 127 gradini che separano Piazza R. D’Amato dalla Collegiata. I Festeggiamenti proseguiranno anche il 16 agosto, giorno in cui Maiori onora San Rocco: alle 19.00 verrà celebrata la Santa Messa in Piazza R. D’Amato, alla quale seguirà la processione con la statua del Santo per le vie del Paese

Leggi ...

Catania, bimbo di un anno e mezzo sbranato e ucciso da due cani

1913540_dogo.jpg.pagespeed.ce.xxKBOL_6oi[1]

Quando la madre lo ha raccolto aveva lesioni profonde al volto, alla gola, all’addome. Sbranato dai cani di famiglia, due dogo argentini di tre e otto anni. I morsi non hanno lasciato scampo al piccolo di appena un anno e mezzo, tra la disperazione della donna, 34 anni, anche lei rimasta ferita nel tentativo di strappare il suo bambino dalle fauci dei due animali. La tragedia si è consumata in una villetta a Mascalucia, alle falde dell’Etna. Non è chiaro cosa sia accaduto in quei minuti di terrore. Il bimbo, secondo i primi accertamenti, sarebbe rimasto da solo con i due cani, mentre la madre era in casa. Sono state le urla di una vicina ad attirare la sua attenzione: quando ha visto il bimbo azzannato dai molossi è intervenuta, ma era troppo tardi. La madre ora è indagata per omicidio colposo.

Il procuratore di Catania, Carmelo Zuccaro, riferisce che si tratta di «un atto dovuto» per procedere all’autopsia del piccolo, spiegando che l’iscrizione nel registro degli indagati è legata alla necessità di accertare o escludere eventuali comportamenti negligenti da parte della donna. Per eseguire l’autopsia è pertanto necessaria la nomina di un consulente di parte della donna. L’inchiesta è coordinata dal pm Fabio Aliotta. Sembra che il bambino stesse giocando con i cani nella piscina di plastica del giardino di casa, quando all’improvviso è stato aggredito. La madre, accorsa, avrebbe cercato in tutti i modi di strappare il piccolo dalla furia dei due mastini rimanendo ferita a un braccio. Quando è riuscita finalmente a rinchiuderli in casa e ha chiesto aiuto, disperata, ai vicini il bimbo era una maschera di sangue. I soccorsi sono scattati immediatamente: sono intervenuti un’ambulanza e un elicottero del 118 che ha trasportato d’urgenza madre e figlio nell’ospedale Cannizzaro di Catania. Ma non c’è stato nulla da fare: i medici hanno potuto soltanto constatare il decesso del piccolo.

La donna, in stato di choc, è stata medicata al braccio. Il papà del bimbo, un operaio di 32 anni, al momento della tragedia era al lavoro. La coppia si era trasferita da qualche tempo nella villa che si trova quasi al confine con il vicino comune di Nicolosi, insieme al figlio di un anno e mezzo e ai due cani, regolarmente denunciati all’anagrafe canina e dotati di microchip. Il comandante dei vigili urbani di Mascalucia, Carmelo Zuccarello, li ha fatti catturare prima di affidarli all’Asp. «È un giorno tragico per Mascalucia, vi invito a pregare per il piccolo di poco più di un anno che non ce l’ha fatta e per la madre ferita nel tentativo di strapparlo ai loro cani inferociti», ha scritto su Facebook il vicesindaco Fabio Cantarella.

Pone «la questione dei cani aggressivi» il Codacons. «Sono assolutamente indifferenti le dinamiche che hanno causato l’aggressione, perché è indubbio che esistano razze di cani potenzialmente pericolosi per l’uomo», dice il segretario nazionale dell’associazione dei consumatori Francesco Tanasi». «Da anni chiediamo un patentino obbligatorio per chi possiede cani particolarmente potenti e potenzialmente pericolosi – aggiunge – Il morso di un volpino non causa certo le stesse ferite del morso di un rottweiler o di un dogo argentino. L’aver eliminato la lista delle 17 razze di cani a rischio introdotte dall’ex ministro Sirchia ha di fatto cancellato qualsiasi obbligo per i loro proprietari, con conseguenze negative sul fronte della sicurezza».

Leggi ...

Archivio