Rubriche

Category Archives: notizie

NAPOLI: Migranti, un bimbo nato in stazione con Alex Zanotelli 2016 (Video)

th1Un Natale povero il nostro, celebrato alla Stazione Ferroviaria di Napoli (Piazza Garibaldi) con un centinaio di persone tra cui senza fissa dimora e migranti. Infatti la Stazione è un punto di riferimento per i senza fissa dimora e i profughi. Quale luogo migliore per celebrare la nascita di quel povero Gesù che nasce per strada da due poveri migranti, Giuseppe e Maria, in cammino, come oggi milioni e milioni di persone in fuga da guerre e da fame!

Leggi ...

Torino, troppo smog: un bambino su due corre maggiori rischi di malattia

104902427-b026cf64-82b2-484a-8d68-b3d9cd4d16da1

 

La ricerca del’Università sui ragazzi di tre scuole elementari torinesi: effetti tossici e cancerogeni causati dalle polveriUn bimbo torinese su due potrebbe avere una maggiore predisposizione ad ammalarsi per colpa dell’inquinamento, che è responsabile di mutazioni della catena del dna. Lo sostine lo studio “Mapec life” realizzato dall’Università di Torino insieme con altri atenei italiani su un campione di 1200 bambini tra gli sei e gli otto anni che vivono, oltre che nel capoluogo piemontese, a Brescia, Perugia, Pisa e Lecce. “Non vogliamo creare apprensione nella cittadinanza, ma abbiamo fatto un lavoro per capire gli effetti dello smog sul sistema biologico dei bambini”, chiarisce Giorgio Gilli, ordinario di Igiene e tra i responsabili del progetto che è stato finanziato dalla Commissione Europea.

La ricerca si è concentrata sugli effetti degli inquinanti sul corredo genetico di 220 bambini di tre elementari torinesi, la Tommaseo, la Ilaria Alpi e la Gobetti. A Torino il 53 percento dei campioni prelevati dalla bocca degli studenti presentava almeno un micronucleo, cioè un indicatore di una mutazione al Dna: “Le analisi mostrano la capacità dei Pm 0,5 di indurre effetti tossici, mutageni e cancerogeni. L’effetto biologico precoce è legato alla stagione in cui vengono fatti i prelievi, in inverno più che in primavera”, racconta Elisabetta Carraro, docente e responsabile dell’unità di ricerca torinese.

Oltre al prelievo di mucosa dalla bocca con uno spazzolino, lo studio ha anche misurato la concentrazione di inquinanti nei cortili delle scuole, mettendoli a confronto con quelli delle centraline dell’Arpa, ma se a Brescia le polveri respirate hanno una maggiore tossicità, a Torino si registra il picco di “mutagenicità”: “I dati vanno interpretati con cautela, considerando l’elevata variabilità del fenomeno, registrato in una stagione con un alto livello di inquinanti dispersi nell’aria”. Le analisi continueranno per capire se le trasformazioni siano causate solo dagli inquinanti o anche da altri fattori: “Noi non abbiamo analizzato i danni che possono esserci alla salute perché le patologie possono insorgere solo dopo anni – aggiunge Gilli – Queste informazioni possono essere utili anche per ciascuno di noi per capire come cambiare stile di vita”. Molta attività fisica e non essere sovrappeso possono evitare lo sviluppo delle malattie legate all’inquinamento, sostengono gli esperti: “Il nostro lavoro però – dice ancora il docente – Può dire ai decisori politici come intervenire sulle politiche ambientali”.

Alla presentazione di ieri è intervenuta infatti anche l’assessore all’ambiente della Città di Torino, Stefania Giannuzzi: “I risultati di questo progetto saranno presi in considerazione e valutati dall’amministrazione – assicura – Uno dei nostri compiti è proteggere le fasce più deboli, tra cui i bambini dagli effetti negativi dell’inquinamento”. L’assessora

è intervenuta anche sul problema smog delle scorse settimane: “Ora abbiamo preso misure emergenziali come il blocco degli Euro3, ma vogliamo mettere in piedi anche politiche di lungo periodo. In questo però devo dire che serve un cambio di mentalità – ribadisce – Un cittadino mi ha scritto lamentandosi che col blocco non poteva portare il nipote a scuola in macchina, senza considerare che espone il nipote a questi problemi di cui si parla oggi”.

Leggi ...

Rucola: proprietà e benefici

aakdxew1

La rucola, anche nota come Eruca sativa, è una pianta erbacea annuale dal fusto eretto alto fino a 40 cm. Ha vita breve perché dal momento della semina in primavera trascorrono solo poche settimane prima della raccolta.Le foglie della rucola sono di colore verde pallido, hanno un odore caratteristico e un sapore decisamente acidulo che è più lieve in primavera e si intensifica con l’avanzare del tempo. Oltre alla comune rucola coltivata o domestica esiste la rucola selvatica (diplotaxix tenuifolia). Le due tipologie sono molto diverse fra loro perché la rucola selvatica è una pianta rustica e perenne, presenta foglie allungate e frastagliate e fiori di colore giallo vivo. La rucola coltivata invece è una specie annuale, con foglie più larghe e arrotondate nella parte superiore e fiori di colore bianco-grigiastro.La rucola è una pianta ricca di proprietà.

Il suo gusto piccante è dato dalla mancanza di acqua. Cresce infatti in terreni aridi e non deve essere troppo bagnata, soprattutto se coltivata in casa.  È nota fin dall’antichità per le sue proprietà afrodisiache e infatti veniva assunta sotto forma di decotto per combattere l’impotenza.È ricca di vitamine e minerali e povera di calorie, solo 25 ogni 100 grammi. È fonte di vitamina C e di acido folico ed è quindi indicata per le donne in gravidanza. Stimola l’appetito e dunque è la cura ideale per chi soffre di inappetenza. È considerata un ricostituente per rimettersi in sesto dopo una brutta influenza o una malattia.È altamente diuretica perché ricca di acqua: ne contiene il 90% e quindi è un coadiuvante nella lotta contro la ritenzione idrica e la cellulite.La rucola è anche amica delle ossa perché contiene anche vitamina K, A e B che, insieme all’acido folico, al calcio e al magnesio aiutano a prevenire l’osteoporosi. I nutrizionisti infatti la consigliano alle donne durante il periodo della menopausa.È sempre meglio acquistare rucola con foglie dal colore vivo e con bordi ben definiti. Evitate la rucola ingiallita sia perchè risulta troppo dura, sia perchè oltre al sapore ha perso anche le sue caratteristiche benefiche.

Attenzione alla rucola selvatica. Raccoglietela e consumatela solo la se riconoscete.In generale  la rucola va consumata fresca e solo dopo un accurato lavaggio dato che cresce a contatto diretto con il terreno. Per conservarla in frigo è necessario lavarla e tenerla in un sacchetto di carta dopo averla ben asciugata. Può essere usata come insalata o come ingrediente per pesti e sughi, ma anche per preparare ottime tisane e decotti.

Leggi ...

Evasione bollo auto, chi fa la revisione dovrà verificarne i pagamenti

 

aakaapj1

ROMA – Gli uffici del dipartimento dei Trasporti e le autofficine autorizzate a fare la revisione dovranno controllare che i proprietari dei veicoli abbiano sempre pagato tassa di proprietà e tassa di circolazione del proprio mezzo, e che non sia sottoposto a fermo amministrativo. Lo prevede un emendamento per contrastare l’evasione del bollo auto approvato dalla commissione Finanze della Camera. La proposta, del Pd, dovrà ora passare all’esame della commissione Bilancio. Se la verifica darà esito negativo non si potrà circolare finché non si paga.

 

 

 

 

 

 

 

Leggi ...

Luci d’artista a Salerno, manca ancora il piano anti caos.

image6

Che cosa accadrà nel prossimo fine settimana con l’inaugurazione delle Luci d’artista? I salernitani dovranno sopportare lo stesso caos registrato nella prima giornata della Notte bianca? Ad oggi non è dato saperlo, dato che la comandante dei vigili urbani Elvira Cantarella non ha ancora comunicato a nessuno come intende muoversi. «Ad oggi – commenta il segretario della Cgil Funzione pubblica Angelo De Angelis – non ci è stato ancora detto quanto personale dovrà essere impegnato nella giornata di sabato, né per l’ordinario né per lo straordinario. Quindi non sappiamo come siamo organizzati. Questo ci preoccupa molto sia perché la cosa potrebbe creare dei disagi sia perché non vogliamo che i vigili passino come i capri espiatori di eventuali problemi». Ancora non c’è il piano per l’inaugurazione. Quello che si sa è che oggi pomeriggio ci sarà una riunione dedicata proprio al tema della viabilità alla quale parteciperanno tutte le parti in causa. Per quanto riguarda i vigili c’è la massima disponibilità ad evitare problemi. «Nonostante lo stato di agitazione che continua fino alla riunione del prossimo 8 novembre.

 

Leggi ...

Bollette di luce e gas, la truffa telefonica per il cambio di gestore

bbtxx1f1”Chiamo dall’area commerciale di Acea. Ho bisogno di verificare se ti hanno aggiornato la nuova tariffa. Mi devi solo confermare il tuo nome. Mica posso perdere il lavoro per te”.

Questa telefonata arriva mentre siamo in redazione, a un telefono cellulare. Non sappiamo chi ci sia dall’altra parte. Di certo c’è solo che a parlare è una donna. Che dice di chiamare per conto di Acea. Anche se sul display leggiamo: numero sconosciuto. Vuole i nostri dati e il nostro POD (ossia il codice identificativo dell’utenza elettrica, che serve, tra le altre cose, per effettuare il cambio di gestore). Ci spiega che ha bisogno di verificare il nostro nome e cognome per poter fare un cambio di tariffa. Sostiene che questo cambio diventerà presto obbligatorio e che avrà un costo. Ma che se fatto con lei al telefono non ci costerà nulla. Le rispondiamo che abbiamo dei dubbi, ma ci tranquillizza: “Una truffa? No, assolutissimamente”. Poi insiste con forza. E sostiene che non può perdere il posto a causa nostra. Prova in tutti i modi, con toni a tratti aggressivi, a registrare un nostro assenso. Assenso che sarebbe servito – secondo gli esperti che poi abbiamo interpellato – a provare che vogliamo firmare un nuovo contratto per l’elettricità.

Insomma, una truffa. Confermata proprio dalla stessa Acea. L’azienda ci scrive infatti di essere totalmente estranea: ”Vi informiamo – spiega in una nota – che il numero 338(…) non figura nel database di Acea per i contatti commerciali avvenuti in questi giorni. L’azienda è da considerarsi estranea e all’oscuro di comportamenti fraudolenti da parte di (presunte) società commerciali che non fanno capo ai propri servizi”.

Questo tipo di raggiro è sempre più diffuso: da inizio 2016 solo l’Adoc (L’Associazione per la difesa e l’orientamento dei consumatori) ha registrato 900 segnalazioni di truffe telefoniche riguardanti le bollette di luce e gas e prevede che il numero salirà a 1200 entro la fine dell’anno. Un numero di tre volte superiore a quelle registrate nel 2015 che ha portato anche la polizia postale a descrivere la truffa per mettere in guardia gli utenti. All’inizio della telefonata viene solitamente chiesto: “È lei il Signor..?” e il nostro “sì” viene registrato e poi illecitamente usato come consenso a un cambio di contratto che non abbiamo mai chiesto.

Una pratica che viola, tra l’altro, la normativa del codice di consumo e le direttive comunitarie secondo le quali il cambio di gestore non può avvenire telefonicamente: è sempre necessaria una conferma scritta da parte dell’utente. Illegale ma efficace. Perché il conto da pagare arriva. E non capita di rado che ci si ritrovi con bollette doppie: una da parte della compagnia con cui la persona aveva effettivamente firmato il contratto e la seconda dalla società che con l’inganno ha legato a sé il consumatore.

A vigilare su queste truffe è l’Antitrust, il garante per la concorrenza. ”Una società che si spaccia per un’altra – spiega Iacopo Berti, responsabile della tutela del consumatore di Agcm – commette una pratica commerciale scorretta, visto che chi risponde al telefono viene ingannato sull’identità del professionista e quindi indebitamente condizionato ad accettare un nuovo contratto”. Ma cosa rischia l’azienda che truffa? “Prima di tutto – continua Berti – reclami, contratti non validi o con elevati tassi di ripensamento. Quindi un’attività di acquisizione debole e con poco profitto, oltre che sanzioni da parte dell’Autorità”. Infatti l’Antitrust può sanzionare le condotte sleali e aggressive. “Abbiamo concluso recentemente sette procedimenti con l’applicazione di sanzioni importanti, oltre sei milioni di euro. E quattro nuovi procedimenti sono tuttora in corso”. Ma esistono degli strumenti per difendersi. “Va ricordato – aggiunge Berti – che in caso di attivazione non richiesta il consumatore non deve pagare alcun corrispettivo al professionista ai sensi dell’art. 66 bis del Codice del Consumo”. L’utente che si sente truffato può dunque fare una segnalazione all’Antitrust, ma anche chiedere l’assistenza di associazioni di consumatori ed esercitare in ogni momento il diritto di recesso.

Pratiche valide, che richiedono però del tempo. Per questo è sempre meglio proteggersi preventivamente e stare in guardia quando ci vengono richieste delle informazioni al telefono. Ma cos’è che deve far attivare in noi un campanello d’allarme? “Solitamente – spiega Giada Pinto, responsabile dell’ufficio legale di Adoc Frosinone – queste aziende non si identificano mai chiaramente, chiedono insistentemente i dati personali e i dati sensibili delle fatture”. Informazioni che non vanno date, neanche nel caso in cui l’azienda si identifichi. “Se l’operatore telefonico sta realmente chiamando dalla società che fornisce luce e gas a quell’utente – chiarisce Giada Pinto – conosce già gli estremi delle bollette. Consiglio di attaccare il telefono quando vengono chiesti codici Pod o dati personali”. Non solo. Il sospetto deve scattare anche quando il numero del gestore di luce e gas non appare sullo schermo. “Chi ci propone un contratto deve sempre qualificarsi – spiega Giuseppe Busia

 

 

 

Leggi ...

Brexit, Londra: restano fino al 2018 le agevolazioni per gli studenti Ue

2019678_brexitbandiere-jpg-pagespeed-ce-fjmebcf7u61

Gli studenti dell’Unione europea che faranno domanda per frequentare le università britanniche nell’anno accademico 2017-2018 avranno accesso a prestiti universitari e borse di studio per tutta la durata del corso. Lo ha annunciato oggi il governo britannico dopo le polemiche dei mesi scorsi sulla possibilità che la Brexit potesse mettere fine alle agevolazioni per gli studenti europei. «Il governo britannico – si legge in una nota diffusa dall’ambasciata del Regno Unito a Roma – ha annunciato che gli studenti dell’Unione Europea che intendono fare domanda per un corso di laurea presso un’università, o altro istituto, del Regno Unito per l’anno accademico 2017/2018 continueranno a poter beneficiare, da oggi e per tutta la durata dei loro corsi di studio, dei prestiti e delle sovvenzioni messi a disposizione degli studenti comunitari. Di conseguenza, gli studenti che intendono fare domanda per l’anno accademico 2017/2018, non soltanto avranno diritto a richiedere gli aiuti finanziari attualmente a loro disposizione, ma potranno continuare a beneficiarne per tutta la durata del periodo di studio – anche nel caso in cui il Regno Unito dovesse nel frattempo completare le procedure per l’uscita dall’Unione Europea». «Tale decisione – è detto ancora nel comunicato – permetterà alle università di avere la certezza dei fondi a loro disposizione, oltre ad assicurare ai futuri studenti, interessati a studiare presso una delle università britanniche, che i termini e le condizioni di eventuali sovvenzioni non cambieranno in caso di uscita del Regno Unito dall’Ue. La stessa garanzia verrà data agli studenti dei corsi post-laurea». Il sottosegretario all’Università Jo Johnson ha riconosciuto da parte sua che «gli studenti internazionali forniscono un importante contributo» al sistema universitario britannico.

Leggi ...

Don Emilio D’Antuono: cinquanta anni di sacerdozio (video)

 

 

75-celebrazione1

Sono trascorsi ormai quasi dieci anni da quando decisi di scrivere un libro su quella che era ed è rimasta “un’idea di vita”. Questo fu il titolo che diedi a quel libro che dà anche il nome a questo blog. Un impegno personale che ho dedicato alla scrittura, convinto come sono che soltanto scrivendo gli uomini possono comprendere quello che pensano. Decisi di scriverlo disinteressatamente, con non pochi sacrifici, dedicando il mio impegno a salvare una Chiesa e un Villaggio sui quali poggia questa “idea di vita”.
La Chiesa è quella di San Bartolomeo Apostolo, il villaggio è quello di Novella, nel Comune di Tramonti, in Costa d’Amalfi. Il lavoro lo dedicai ad un Sacerdote che allora festeggiava i suoi quaranta anni di servizio sacerdotale e che sperava, con la pubblicazione del volume, di procedere ai lavori di restauro della sua Chiesa. Il libro vide la luce grazie alla partecipazione di tante persone ed autorità che qui mi piace ricordare: Mons. Orazio Soricelli, Arcivescovo della Diocesi Amalfi-Cava, l’allora Sindaco di Tramonti Sig. Armando Imperato, Mons. Riccardo Arpino, il Prof. Salvatore Amato.
Era un libro che aveva l’ambizione di gettare le basi per il recupero della memoria civile e religiosa della comunità di Tramonti e di indicare alle nuove generazioni il percorso da intraprendere per la costruzione di un futuro migliore. Ho sempre ritenuto che spettasse a loro il compito di approfondire la propria identità. Conoscendo se stessi si conoscono gli altri, nella stessa misura in cui gli altri ci aiutano a conoscere noi stessi.
La Valle di Tramonti ha una lunga, ricca ed ancora inesplorata storia alle sue spalle che merita di essere studiata. Storia locale, cittadina, religiosa, politica, amministrativa, storia dell’arte, dell’ambiente e della cultura. Il libro voleva essere una occasione ed un “segnale” di risveglio, pur con i limiti e gli errori dei quali chi scrive si riteneva unico responsabile. Sono onorato di essere un tramontino a tutti gli effetti, nato come sono in quella piazza di Polvica che è il “cuore” di questa Valle.
A distanza di dieci anni, ci accingiamo a festeggiare i cinquanta anni di sacerdozio del caro Don Emilio. Il 18 settembre prossimo si compiranno, infatti, i 50 anni della sua missione sacerdotale e purtroppo questa “idea di vita” sembra destinata a restare solo una bella idea. La Chiesa non è stata restaurata, non ci resta che continuare a sperare nell’ottimismo della volontà, sfidando il pessimismo della ragione.
Per festeggiare questo evento ho deciso di riportare integralmente quanto lo stesso Don Emilio D’Antuono ebbe a scrivere nel libro per quella occasione. Il modo migliore per onorare la sua figura di Uomo, di Sacerdote e di Pastore. Lui ha detto di non voler procedere a festeggiare questo evento fino a quando non vedrà la sua Chiesa restaurata. Noi continuiamo a sperare nell’ottimismo della volontà e affidiamo a chi legge le sue e le nostre speranze.Per leggere le sue parole basta andare a questo link di Internet Archive (https://archive.org/stream/UnideaDiVita/unideadivita#page/n89/mode/2up). Il fedele lettore farà meglio, però, ad acquistare una copia cartacea del volume e concorrerà a festeggiare concretamente i 50 anni di questo indomabile prete che non rinuncia a realizzare il sogno di restaurare la sua Chiesa che fa parte di un patrimonio naturale, non a caso patrimonio dell’umanità (UNESCO), in un ambiente di incomparabile bellezza.
Concorrerà anche a realizzare “una idea di vita”, un “abbraccio” che dal Valico di Chiunzi sembra avvolgere l’intera vallata: a destra, verso Ravello, giù fino ad Amalfi; a sinistra, verso Tramonti e i suoi villaggi che si snodano armoniosamente fino al mare di Maiori. Due percorsi che sono due “tracce” della natura, Natura intesa come una “idea” circolare che, passando per quote e livelli, segna la vita e definisce l’infinito, verso il divino.

Gallo Antonio

Leggi ...

Rolling Stones, arriva il nuovo album con cover di blues

150825086-32b14707-4b58-4b74-81f4-d7efce2aa7071

Dopo una lunga attesa, sta per essere annunciato il nuovo album dei Rolling Stones. Il disco, composto da cover di brani blues, sarà pubblicato nel prossimo dicembre. Lo ha rivelato Don Was, il produttore del lavoro, a Le Figaro.     Was ha affermato che l’album, primo parto di studio della storica band britannica da A bigger bang del 2005, è stato registrato live in studio in soli tre giorni. “I musicisti si sono messi in cerchio attorno ai microfoni e non c’è stato alcun ritocco. Il disco suona molto grezzo, molto autentico, e cattura l’essenza di ciò che sono”, ha detto il produttore. Intanto il sito web degli Stones esibisce una versione blu della celebre “lingua” virata in blu con la scritta “Coming October 6”, probabilmente la data dell’annuncio ufficiale.

Eric Clapton sara presente in almeno due brani dell’album che Don Was ha definito “la cosa migliore che ho fatto con gli Stones”. Il nuovo singolo sarà presentato il giorno prima dell’esibizione degli Stones al Desert Trip Festival, il superfestival cui prenderanno parte anche Paul McCartney, Bob Dylan, Roger Waters, Neil Young e gli Who che si svolgerà a Indio, in California nei weekend 7-8-9 e 14-15-16 ottobre.

Leggi ...

Imperia, la banca sbaglia e accredita 45mila euro a pensionato: lui li spende tutti

2005530_banca_pensionato_imperia1-jpg-pagespeed-ce-b4pzerivvt1

La banca si sbaglia e accredita quasi 45 mila euro a un pensionato di Imperia, ma quando si accorge dell’errore, una ventina di giorni dopo, e chiede la restituzione dei soldi, scopre che l’anziano li aveva già spesi.

È una battaglia giudiziaria che va avanti da oltre un anno, ma la notizia trapela solo ora, quella che vede contrapposti un imperiese di 70 anni e un noto istituto di credito che proprio in questi giorni si è trattenuto circa 8.600 euro di arretrati sulla pensione, costringendo il legale dell’anziano (l’avvocato Mario Leone, di Imperia) a valutare gli estremi di una denuncia.

Nell’agosto 2015 il pensionato scopre che sul conto corrente, gli erano stati accreditati 44.964,03 euro. L’anziano che attendeva un bonifico dall’estero come risarcimento per un incidente a un suo parente, chiede al cassiere e a un funzionario conferma della regolarità del bonifico. Una ventina di giorni dopo arriva la doccia fredda: quei soldi erano destinati ad un altro correntista ligure con un iban simile.

Leggi ...

Archivio