Rubriche

Category Archives: notizie

Una nuova voce, infinite immagini

 

Due immagini, due direzioni, nord, sud, monti e valli che portano al mare. La Valle del Sarno, la Valle di Tramonti, il golfo di Castellammare ed il Vesuvio con il grande “hinterland” napoletano, Maiori e la Costa d’Amalfi, patrimonio Unesco dell’umanità.

Ogni qualvolta arrivo al Valico, proveniente dalla Valle dei Sarrasti, l’antica e misteriosa popolazione che vi abitò oltre un paio di millenni fa, mi viene in mente il racconto che faceva mio Padre quando, dal paese omonimo, proprio alle fauci di quel fiume, veniva a visitare la sua futura sposa Concetta a Tramonti.

La loro casa era costruita proprio su una delle tre sorgenti del fiume, ed è ancora là in Via de’ Liguori, la strada chiamata “alle fontane”, appunto. Frammenti di vita cambiata tanto all’interno quanto all’esterno di un mondo vissuto, quello di mio Padre, e scomparso del tutto. Più che viaggi, i suoi erano delle vere e proprie “avventure”, come spesso accade nella storia degli uomini.

Il contesto è quello della fine degli anni trenta del secolo e millennio trascorsi. Dopo di essere partito da Sarno verso Nocera o Pagani, con mezzi di fortuna del tempo, mio Padre si apprestava a fare la “scalata” del monte Chiunzi, percorrendo un sentiero ancora oggi visibile. Arrivato in cima, avrebbe dato un rapido sguardo alle sue spalle verso la Valle dei Sarrasti e sarebbe, a grandi passi, disceso verso la frazione di Polvica, uno dei tredici villaggi del Comune, nell’altra Valle “intra montes”, quella di Tramonti.

Raccontava, poi, che ad un certo punto, in un luogo chiamato ” ‘a Chiancolella”, gli sarebbe venuto incontro un colono mandato dalla famiglia della fidanzata per accompagnarlo nella discesa. Gli portava qualcosa da bere o da mangiare, qualche indumento per la “cambiata”. Non mancava mai di ricordare, ogni qualvolta raccontava di queste sue visite “d’amore”, di quella volta che, poco prima di arrivare al Chiunzi, una nuvola di passaggio gli fece una abbondante doccia, facendolo arrivare a destinazione tutto inzuppato.

Queste sue narrazioni orali le ritrovo nella descrizione che lo storico amalfitano Matteo Camera fa della Valle di Tramonti, moderno “polmone verde della Costa d’Amalfi”. Rileggendola, a distanza di oltre centocinquanta anni, si può rivivere quella antica atmosfera, oltre il tempo che fu di mio Padre, in un territorio che oggi va “letto” in maniera del tutto diversa.

Ecco cosa intendevo dire quando ho parlato di cambiamenti esteriori e interiori. Vale la pena rileggere insieme qualche brano della introduzione che lo storico fa introducendo Tramonti nel suo importante studio. L’occhio quasi fotografico, ma molto romantico, del Camera si muove dal suo punto di vista opposto, quello di Maiori, da sud verso nord:

“Qual’emozione non prova il viaggiatore quando per la prima volta visita tutta questa immensa ed ampia vallata, frammezzata da una lunga catena di monti che da Maiori si distende sino alla torre detta di Chiunzo. All’aspetto di questo luogo magico e ridente, evvi qualcosa di calma, di dolce, di filosofico, che prepara l’anima a sortire dal torrente delle rapidi e folli agitazioni di questa vita di fallaci illusioni! Ivi la salubrità dell’aria, la purezza del cielo e le dolci aure campestri, destano in un cuore sensibile un non so che di dolcezza e di grata impressione.”
Va subito messo in evidenza che la visita, anzi l’accesso a questa vallata di cui parla lo storico e cronista amalfitano nel suo importante studio “Memorie Storico-Diplomatiche dell’antica Città e Ducato di Amalfi” pubblicato nel 1876, non è lo stesso di quello che vedeva mio Padre, una volta scalato a piedi il “Monte Chiunzo”, e che ancora oggi vediamo, a distanza di tanti anni. A quei tempi, il Valico non era stato ancora “valicato”, per così dire. L’unico accesso a questo “polmone verde” moderno era dalla Costa, dal mare. Si può così comprendere quanto sia diverso e quanto sia anche cambiato il modo di guardare il territorio. Camera così continua:
“Senza amplificar con parole questo sorprendente panorama, diciam di non trovarsi altrove più aggradevole e grazioso soggiorno. Gli alti monti quivi formano una specie di cerchio, in mezzo a cui giacciono immense valli, che di tratto in tratto son interrotte da collinette ed altipiani, tutti coverti di verzura e di innumerevoli selve di castagni e di altri alberi fruttiferi. Il viaggiatore sorpreso sembra essere tutto ad un’ora trasportato sott’altro Cielo, in lontana regione …D’intorno intorno a questo vasto bacino, coronato da’ monti, veggonsi di distanza in distanza sparsi sopra ineguali piani, tredici borghi con altrettante parrocchie …Ecco ciò che costituisce la terra di Tramonti, vocabolo che spiega ed indica la sua posizione “intra montes” … Nulla turba il silenzio di codesto solingo e pacifico luogo, che potrebbe essere eletto per ritiro della contempalzione e della filosofia …”
Centoquaranta e più anni dividono questa documentata descrizione. Inseguendo la freccia del tempo all’indietro, possiamo in parte intravedere ancora oggi gli stessi identici percorsi. In termini esistenziali abbracciano lo stesso spazio di un millennio. Se confrontiamo le parole precise e essenziali del Camera, usate in questa sua accurata descrizione della Vallata di Tramonti con quelle immagini o parole facilmente accessibili con il nostro pc o cellulare, grazie a Google Earth ed alla sua tecnologia, mi sembra quasi di “vedere” il mio giovane genitore attraversare la Valle dei Sarrasti, affannarsi a risalire a piedi i pendii scoscesi del Monte Chiunzi, attraversare il Valico e allegramente scendere per pievi e poderi, passare davanti a casali e attraversare vigne e pascoli.

Lui ci impiegava quasi una giornata per arrivare dalla Valle dei Sarrasti a quella di Tramonti. Un forte legame ha sempre unito queste due grandi Vallate. Ancora oggi c’è una irresistibile e consistente continuità di interscambi umani, sociali e culturali. Per averne una prova basta rileggere con attenzione il prezioso volume “Tramonti. La terra operosa”, pubblicato una decina di anni fa dal “Centro di Cultura e Storia Amalfitana”, con l’opportuno patrocinio anche del Comune di Tramonti.

Me ne sono occupato ampiamente in una recensione sul mio blog, ed è stata ripubblicata di recente in un mio libro intitolato “Il figlio del tipografo” disponibile gratis in Rete al sito di Internet Archive o in libreria in versione cartacea. Nella fitta rete di attività economiche tra il Quattrocento e il Cinquecento sono visibili “documenti per la storia, le arti e le industrie delle province napoletane” editi da Gaetano Filangieri fra il 1883 ed il 1891, abbiamo diverse prove documentali di questi antichi interscambi tra le due Valli.

Il nome di Antonio Gallo, che era anche quello di mio Padre, oltre che il mio, ricorre in uno di questi documenti e prova, insieme a diversi altri, questo intenso legame che ancora oggi caratterizza questo moderno “polmone verde” patrimonio UNESCO dell’umanità. Il 12 dicembre dell’anno 1484, in questo paese di Tramonti, la moderna Costa d’Amalfi, come persona che di mestiere facevo il “guarnimentaio” e di nome di chiamava Antonio Gallo, ricevetti:
“… tarì 3 per una frangetta e per palmi 25 di lacci d’oro e seta morata per guarnimento di una spada, che servì nella entrata che fece il Duca di Calabria in Napoli tornando di Lombardia, più sei ducati, 1 tarì e 10 grana per lacci e frange d’oro filato, che occorsero ad ornare due paia di stivaletti neri del medesimo Duca, e 2 tarì ed 8 grana per sette canne da zagarella di seta morata, adoperate a guarnimento degli abiti di velluto morato di detto Signore, e dei paggi che entrarono in Napoli con lui”.

sud1

In sole sei righe c’è il lessico di tutto un mondo scomparso. Il tarì è il nome di varie monete circolanti nell’area del Mediterraneo a partire dall’anno mille per diversi secoli. Le frangette erano ornamenti tessili posti sul bordo di capi d’abbigliamento o pezzi d’arredamento. Il palmo era usato come misura di lunghezza. La seta morata aveva chiari riferimenti arabi nelle stoffe operate e disegnate, realizzate attraverso il ricamo. La spada occupava il posto centrale in questo assetto esteriore del cavaliere, in questo caso il Duca di Calabria.

Oltre ai tarì troviamo altre monete in uso per i pagamenti quali il ducato e la grana. Le canne di zagarella erano evidentemente degli ornamenti ai vestiti. Chi lavorava questi prodotti di abbigliamento dovevano essere degli artigiani molto abili e ricercati negli ambienti in cui si gestiva il potere mettendo bene in mostra la forza e la ricchezza dell’essere per mezzo dell’apparire.

Il “guarnimentaio” Antonio Gallo si affiancava ad altri mestieri e lavori di elevata specializzazione per la produzione di utensili quali chiavi, difese, serrature, cancellate di ferro, coltelli, spade e altre ferramenta, stanghe, selle, busti, frangette, lacci d’oro, seta morata e via dicendo. Altri tempi, altro lavoro, altri mestieri.

E’ stato solo un caso che io abbia scoperto di questa reincarnazione. Se un processo del genere si ripete costantemente per tutto l’universo e in tutti gli esseri viventi, chissà quante vite e reincarnazioni possiamo sperimentare. Il tutto grazie a queste due Valli che costituiscono davvero un grande inestimabile patrimonio non solo per chi ci vive, ma anche per l’intera Umanità.

Leggi ...

TG TRAMONTI NEWS CARTACEO – DICEMBRE 2017

Tg Tramonti News definitivo dicembre4 per web provaAAA - 2017-1 Tg Tramonti News definitivo dicembre4 per web provaAAA - 2017-2 Tg Tramonti News definitivo dicembre4 per web provaAAA - 2017-3 Tg Tramonti News definitivo dicembre4 per web provaAAA - 2017-4 Tg Tramonti News definitivo dicembre4 per web provaAAA - 2017-5 Tg Tramonti News definitivo dicembre4 per web provaAAA - 2017-6 Tg Tramonti News definitivo dicembre4 per web provaAAA - 2017-7 Tg Tramonti News definitivo dicembre4 per web provaAAA - 2017-8

Leggi ...

Agerola in festa, rigurgiti di cattiveria del Sindaco di Tramonti

foto agerola

Ogni prima  domenica di Agosto, ad Agerola, come di tradizione, si festeggia il Patrocinio di Sant’Antonio Abate, presso la Chiesa della fraz. Pianillo Per l’occasione accorrono sull’altopiano migliaia di cittadini dei vari comuni campani, villeggianti, oltre ai tanti figli agerolesi sparsi per le varie città del Nord Italia. In rappresentanza dei vari Comuni della Costa d’Amalfi si è registrata una numerosa presenza dei Sindaci con la fascia tricolore, a testimoniare la consapevolezza della dignità e del decoro della carica. Al rientro della solenne processione religiosa, che ha visto un’imponente partecipazione di fedeli, il parroco sac. Arulappan Jayaraj, nel ringraziare le autorità civili, religiosi e tutti i fedeli per la composta manifestazione di fede e di cultura cristiana, riceve un commosso saluto e abbraccio da parte del sindaco di Agerola, a testimonianza di stima e affetto. A conclusione della cerimonia religiosa, il sac. Arulappan Jayaraj, avvicinandosi ai Sindaci, rimasti in piedi in prima fila e stringendo la mano ad ognuno di loro, li ringrazia personalmente della loro presenza e partecipazione. Una grave nota stonata interrompe l’armonia, al momento di stringere la mano al sindaco Giordano di Tramonti, costui con gesto riprovevole, inatteso e immotivato si rifiuta e ritraendo la mano ancor più, volge lo sguardo a terra e si chiude a “mo’ di riccio”. L’ignobile gesto è notato da tutti, tanto che rimangono perplessi, ammutoliti e sorpresi comandante dei vigili, i colleghi Sindaci e quanti erano nelle immediate vicinanze. Ci si chiede se fosse così importante in quell’occasione, mettere in atto un comportamento così squallido e inqualificabile, nonostante la fascia tricolore, imponesse, per il suo alto significato, altro codice di comportamento ?

Era proprio così importante in quel contesto e con il ruolo che ricopriva, rappresentando lo stimato popolo di Tramonti, e non il singolo soggetto, manifestare in modo così inurbano un suo presunto dissapore con il rappresentante di Cristo, che le porgeva la mano? Mi dispiace dirlo, ma, a me pare che ci sia bisogno di un ripasso sostanziale del Vangelo.

In siffatte circostanze l’uomo medio chiama in causa il concetto di cultura, in senso lato, per cercare una motivazione che giustificasse o facesse comprendere un simile comportamento. Non trovando alcuna risposta consona a capire le ragioni della situazione, solleviamo la cultura da quell’azione di responsabilità plasmante ed educativa dell’animo umano, perché, data la diversa soggettività dell’individuo, nulla ha potuto.

All’amato Sig. Sindaco vogliamo ricordare che solo qualcuno a lui vicino può, forse, aver condiviso il suo operato, ma la stragrande maggioranza della popolazione stigmatizza il comportamento, ritenendolo non condivisibile, offensivo dei propri valori civili e umani e pertanto si dissociano.

Ad ogni modo e al fine di non arrecare ulteriori danni morali al popolo di Tramonti La invitiamo, Sig. Sindaco, ad astenersi dal parteciparvi per il prossimo anno, con la pace di tutti, così ci risparmieremo altri insulti e commenti negativi per colpa del Capo.

Sac. Arulappan Jayaraj

 

Leggi ...

Roberta Gambarini: bello essere a Ravello sul palco con musicisti salernitani (Video)

roberta_gambarini1-k1iH-U46050504829291OwD-854x1286@CorriereMezzogiorno-Web-Mezzogiorno[1]

Fino agli anni Settanta, il jazz italiano ha conservato una dignitosa dimensione provinciale. Una condizione che non toccava necessariamente l’abito artistico, nel quale si esprimevano artisti potenti ed originali, da Mario Schiano a Franco D’Andrea. Ma il jazz italiano è rimasto a lungo confinato al di qua delle Alpi, incapace di proiettarsi oltre la prospettiva nazionale, complice a volte anche una critica aprioristicamente scettica sul reale valore dei nostri artisti. In particolare negli Stati Uniti, con l’eccezione di Enrico Rava e Giorgio Gaslini, il nostro jazz rimaneva sconosciuto.
Le cose sono cambiate negli anni Ottanta, quando alcuni jazzisti italiani si sono trasferiti negli USA e quando il protezionismo americano si è allentato. E sono state proprio le donne ad aprire una nuova frontiera: prima la pianista Patrizia Scascitelli e più tardi la cantante Roberta Gambarini. La quale già spiccava come una voce promettente in quel rinascimento del jazz italiano che sono stati gli anni Ottanta, tra festival, locali, etichette e una selva di nuovi talenti, quasi tutti destinati a carriere significative.
L’avventura americana inizia quasi per caso: l’ottimo piazzamento ad un concorso prestigioso, i riconoscimenti critici, e poi le due candidature ai Grammy portano la Gambarini ad essere apprezzata dalla critica statunitense come parte integrante della grande tradizione vocale del jazz. Una tradizione fondata sull’interpretazione degli standard – le canzoni “sempreverdi” del repertorio di Broadway e Hollywood -, in cui gioca una tecnica peculiare, che sta tra il controllo “classico” della voce e tutta una serie di strategie innovative elaborate soprattutto dai cantanti di tradizione afroamericana.
Forte di questo bagaglio, la Gambarini è diventata un riferimento della vocalità statunitense, collaborando con Hank Jones, Herbie Hancock, Roy Hargrove, Ron Carter, Dave Brubeck. Quella di Ravello con il Salerno Jazz Collective è un’esperienza nuova, creata appositamente con una formidabile formazione di eccezionali musicisti, capeggiati da Sandro Deidda, con la quale la Gambarini, oltre a percorrere il consolidato repertorio di standard, affronterà anche pagine non strettamente jazz, tra cui gli amati Piazzolla e Morricone.

Leggi ...

Tg Tramonti News Cartaceo – edizione di Luglio 2017

Leggi qui l’edizione cartacea online del Tg Tramonti News di Luglio 2017.

Tg Tramonti News definitivo - Luglio Tg Tramonti News definitivo - Luglio2 Tg Tramonti News definitivo - Luglio3 Tg Tramonti News definitivo - Luglio4 Tg Tramonti News definitivo - Luglio5 Tg Tramonti News definitivo - Luglio6 Tg Tramonti News definitivo - Luglio7 Tg Tramonti News definitivo - Luglio8

Leggi ...

Giffoni Film Festival 2017: le date della quarantasettesima edizione

images4[1]

 

Nuova edizione del Giffoni Film Festival, la numero 47: si aprirà il 14 luglio la kermesse ormai diventata un appuntamento irrinunciabile dell’estate. A presentare l’edizione che si chiuderà il 22 luglio è stato il direttore artistico, Claudio Gubitosi, intervenuto in conferenza stampa nell’Aula Magna del Liceo Classico “Torquato Tasso” di Salerno,insieme al presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, e alla dirigente scolastica Carmela Santarcangelo. “Sono onorata di ospitare questa conferenza. Il Giffoni Film Festival rappresenta  la casa dei nostri ragazzi – ha detto la preside – è un luogo capace di offrire innumerevoli  opportunità, come gli encomiabili scambi culturali che sempre più avvicinano gli studenti a Paesi e culture lontane. Un’idea meravigliosa che, negli anni, ha fatto conoscere ai giovani i diversi linguaggi della comunicazione e che, come liceo classico che si apre al territorio, abbiamo sposato in pieno”. L’edizione 2017 si chiamerà “Into the magic” .

Giffoni 2017, il festival all’edizione numero 47

“Giffoni è diventato un evento unico nel panorama nazionale ed internazionale. Qualche tempo fa avevo dei dubbi sulla composizione del Festival, ma oggi si è delineato un progetto di grandissimo interesse e di prospettiva che lega alla cinematografia le nuove tecnologie, la formazione, la creazione di lavoro”, ha detto il Presidente De Luca. “È in corso di completamento la Multimedia Valley: avremo un luogo di  produzione e formazione sulle nuove tecnologie. Giffoni è diventato importante anzitutto per lo scambio umano che consente le testimonianze che abbiamo ascoltato dei vostri compagni confermano che è una splendida esperienza, è uno stimolo a confrontarvi con altre esperienze e con i vostri coetanei di tutto il mondo. Mi piace questo elemento di umanità che viene mantenuto nell’ambito del Giffoni Film Festival. Quella di Giffoni è diventata un’esperienza straordinaria per la Regione”.

Giffoni 2017: un festival unico

Poi l’intervento di Claudio Gubitosi: “Costruire, organizzare, fare un Festival di qualsiasi tipo d’espressione è certamente non facile, ma nemmeno difficile: parliamo di programmi, eventi che vivono una sola stagione, di realtà, anche importanti, che hanno un inizio ed una fine. Fare Giffoni, invece, è molto difficile, vista la complessità e la continuità del progetto. I numeri di Giffoni sono strabilianti: quattrocentomila persone coinvolte durante l’anno, 32 progetti di cooperazione con altrettante nazioni, decine di giffoners inviati in ogni angolo del mondo, dall’India al Qatar passando per Georgia, Macedonia e Serbia, per seguire Festival e rassegne internazionali, e il fregio di aver procurato una forte ricaduta economica ad un territorio come quello dei Picentini che, negli ultimi 10 anni, ha visto la nascita di oltre 70 strutture ricettive solo in cinque comuni dell’area. Giffoni Experience è tutto questo e oggi, ancora di più, si può confermare e certificare la sua unicità”. 

Leggi ...

Chieti, all’altare con la sposa: arrivano i carabinieri e lo arrestato

 

 

 

 

BBCMRYI[1]Avrebbe dovuto sposarsi, invece è stato arrestato. Giornata da scordare per Sante De R., 30 anni, di Lanciano, finito in prigione invece che sull’altare. L’uomo è accusato di detenzione di stupefacenti ai fini dello spaccio, di tentata estorsione e lesioni personali. Il provvedimento cautelare è stato emesso dal gip di Lanciano, Massimo Canosa, che ha accolto la richiesta del pubblico ministero Rosaria Vecchi.

Le indagini, scrive Abruzzolive.Tv, sono partite da un giovane che si riforniva da lui e che si è rivolto ai carabinieri di Lanciano “perché – scrive la Procura – esasperato e spaventato dalle continue richieste di pagamento” a cui era sottoposto.

I militari hanno accertato che il trentenne, di origini rom, “nel periodo compreso tra febbraio e marzo 2017 ha ceduto a colui che l’ha denunciato, in almeno quattro occasioni, uno/due grammi alla volta di cocaina”. Il 2 febbraio scorso “al fine di ottenere l’illecito profitto corrispondente al pagamento della droga”, l’ha massacrato di botte “cagionandogli un trauma facciale con la frattura dello zigomo destro”.

Leggi ...

Milan, Donnarumma ha svelato il suo futuro

 

 

 

 

 

donnarumma_10993631190x786[2]Il portiere ha scelto il rossonero: “Cerco casa a Milano

Gianluigi Donnarumma ha scelto di restare al Milan. In un’intervista a GQ, il portiere rossonero ha svelato tutto: “Sto cercando casa a Milano. Un appartamento grande, dove ci sia spazio per tutti i miei cari, e siccome il centro di Milano è bellissimo lo cerco lì. Mi sento pronto”.

L’estremo difensore diciottenne prolungherà con la società meneghina: “Sono sereno, perché tutte le parti di questa trattativa conoscono la mia volontà. Con Mino ed Enzo Raiola, che fu il primo a notarmi, e con la mia famiglia formiamo una squadra. Io sono molto legato al Milan”.

“Avevo quattro anni, mi ci aveva portato lo zio Enrico, che purtroppo se ne è andato troppo presto. Poi cominciò ad accompagnarmi mia madre e per quanto le categorie crescessero in fretta, per un bel pezzo pretesi di averla dietro alla porta, che altrimenti mi mettevo a piangere. Credo che la situazione avesse del grottesco: questo ragazzo grande e grosso – ero fuori scala già da bambino – che lasciava increduli gli attaccanti avversari per quante ne parava, ma che appena la mamma spariva per un caffé scoppiava in lacrime”.

Un talento naturale: “Già da piccolo paravo dei tiri che un bimbo della mia età non avrebbe dovuto parare. Sul momento non me ne rendevo conto: mi tuffavo anche se la palla era molto angolata, la pigliavo o la deviavo in angolo, tornavo subito in piedi. Ecco, era lì che alzavo lo sguardo su compagni e avversari, per scoprire che avevano tutti gli occhi sgranati, a partire da quello che aveva tirato, e che non si capacitava di come un pallone così ben diretto non fosse finito in gol”.

C’è chi lo considera l’erede di Buffon: “Lui è un mito, il classico tipo che riesce a farsi voler bene da tutti. Scherza, tiene su l’ambiente, a me ha dato un sacco di consigli. Quando ci alleniamo insieme cerco di rubargli i segreti del mestiere, perché tecnicamente è fantastico”.

Leggi ...

Associazione Castanicoltori ‘Costa d’Amalfi

 

 

 

17504622_1475579659141180_3153308320454998847_o[1]Sul nostro territorio esistono realtà che non si conoscono perché completamente ignorate dall’informazione locale ma grazie al loro contributo silenzioso gettano le basi per un futuro migliore.

Una di queste è l’Associazione Castanicoltori ‘Costa d’Amalfi, una metamorfosi del Comitato ‘SOS Castagno’ nato nel 2012 per contrastare i devastanti effetti del Cinipide galligeno che, attaccando i castagni, ha provocato una drastica diminuzione della produzione del frutto e una perdita economica ingente.

Scopo dell’Associazione è collaborare e supportare gli enti pubblici nella divulgazione e informazione, oltre ad interventi sul territorio, sulla lotta al temuto parassita. Inoltre si é ritenuto opportuno rappresentare una categoria, quella dei castanicoltori locali, incomprensibilmente trascurata.

I comuni dove sono presenti i castagneti sono Amalfi, Ravello, Scala e Tramonti; nello stemma dell’associazione troviamo i simboli più rappresentativi: la croce di Sant’Andrea, la torre di Villa Rufolo, le rovine dell’Abbazia di Sant’Eustachio, le montagne di Tramonti.

Il presidente Andrea Bonito ci ha rilasciato un’intervista nella quale illustra le cose fatte “Nel corso degli anni siamo riusciti, come comitato prima e associazione poi, ad effettuare sui territori dei comuni interessati 196 lanci di Torimus Sinensis, oltre ad allestire due campi di allevamento della vespa, uno a Scala in località ‘Petralena’ e l’altro a Pogerola in località ‘Tavernate’ nei quali sono stati piantati 150 castagni infetti sui quali rilasciare esemplari di Torimus S. per favorirne la riproduzione”. Il presidente smentisce fermamente coloro che sostengono, ingannevolmente, che il Cinipide galligeno si possa in qualche modo debellare “Dovremo imparare a convivere con questo parassita e cercare di raggiungere un equilibro, attraverso la lotta biologica, per mantenerlo sotto la soglia del danno ambientale ed economico”.

La proficua collaborazione con l’Associazione Castanicoltori di Avellino e il maggior interesse degli addetti ai lavori si spera possa portare buoni frutti per il futuro “…si può fare di più, cercheremo di andare oltre il problema Cinipide per far capire ai castanicoltori che é giunto il tempo di unirsi, la costituzione di una cooperativa agricola ci renderebbe più forti e collaborativi oltre a permetterci di accedere ai finanziamenti regionali ed europei” Di seguito pubblichiamo i risultati del monitoraggio invernale del grado di parassitizzazione da sfarfallamento del Torimus Sinensis nei comuni interessati.

IMG_3760

Leggi ...

Sport in… Comune, nella città di Baronissi (SA)

 

 

 

 

 

 

IMG_3511Il comune di Praiano, rappresentato da una delegazione di tredici ragazzi, accompagnati dal consigliere comunale
Roberto Bozza coadiuvato da Marina Manna e Colombina Lauretano, partecipa alla prima edizione della manifestazione “sport in…Comune” promossa dal CONI Campania e rivolta ai giovani nati dal 2005 al 2007 residenti nella provincia di Salerno . L’evento si propone di avvicinare i giovanissimi allo sport sia per un benessere fisico che per i valori a cui lo stesso si ispira, integrazione, affermazione del merito lealtà…Previsto un fitto programma sportivo di dodici discipline . Presenti cinquantotto comuni della provincia, tra essi anche Tramonti, Amalfi, Positano, Scala e Minori.

 

Leggi ...

Archivio