Rubriche

Category Archives: musica

roberta_gambarini1-k1iH-U46050504829291OwD-854x1286@CorriereMezzogiorno-Web-Mezzogiorno[1]

Roberta Gambarini: bello essere a Ravello sul palco con musicisti salernitani (Video)

roberta_gambarini1-k1iH-U46050504829291OwD-854x1286@CorriereMezzogiorno-Web-Mezzogiorno[1]

Fino agli anni Settanta, il jazz italiano ha conservato una dignitosa dimensione provinciale. Una condizione che non toccava necessariamente l’abito artistico, nel quale si esprimevano artisti potenti ed originali, da Mario Schiano a Franco D’Andrea. Ma il jazz italiano è rimasto a lungo confinato al di qua delle Alpi, incapace di proiettarsi oltre la prospettiva nazionale, complice a volte anche una critica aprioristicamente scettica sul reale valore dei nostri artisti. In particolare negli Stati Uniti, con l’eccezione di Enrico Rava e Giorgio Gaslini, il nostro jazz rimaneva sconosciuto.
Le cose sono cambiate negli anni Ottanta, quando alcuni jazzisti italiani si sono trasferiti negli USA e quando il protezionismo americano si è allentato. E sono state proprio le donne ad aprire una nuova frontiera: prima la pianista Patrizia Scascitelli e più tardi la cantante Roberta Gambarini. La quale già spiccava come una voce promettente in quel rinascimento del jazz italiano che sono stati gli anni Ottanta, tra festival, locali, etichette e una selva di nuovi talenti, quasi tutti destinati a carriere significative.
L’avventura americana inizia quasi per caso: l’ottimo piazzamento ad un concorso prestigioso, i riconoscimenti critici, e poi le due candidature ai Grammy portano la Gambarini ad essere apprezzata dalla critica statunitense come parte integrante della grande tradizione vocale del jazz. Una tradizione fondata sull’interpretazione degli standard – le canzoni “sempreverdi” del repertorio di Broadway e Hollywood -, in cui gioca una tecnica peculiare, che sta tra il controllo “classico” della voce e tutta una serie di strategie innovative elaborate soprattutto dai cantanti di tradizione afroamericana.
Forte di questo bagaglio, la Gambarini è diventata un riferimento della vocalità statunitense, collaborando con Hank Jones, Herbie Hancock, Roy Hargrove, Ron Carter, Dave Brubeck. Quella di Ravello con il Salerno Jazz Collective è un’esperienza nuova, creata appositamente con una formidabile formazione di eccezionali musicisti, capeggiati da Sandro Deidda, con la quale la Gambarini, oltre a percorrere il consolidato repertorio di standard, affronterà anche pagine non strettamente jazz, tra cui gli amati Piazzolla e Morricone.

Leggi ...

c_4_articolo_2122085__imagegallery__imagegalleryitem_0_image1

È morto George Michael ( al secolo Georgios Kyriacos Panayiotou)

c_4_articolo_2122085__imagegallery__imagegalleryitem_0_image1

L’ex cantante degli Wham! aveva 53 anni. L’ha riferito il suo agente: «È scomparso serenamente a casa sua». Escluse quindi circostanze sospette. Andarsene mentre tutti stanno ascoltando la tua canzone, per la milionesima volta, quando è tempo di Natale. Sì, mentre molti di noi stavano ascoltando Last Christmas, pezzo, ma soprattutto video memorabile degli Wham, band iconica della golden generation britannica anni’80, se ne è andato il suo interprete, uno dei più grandi degli ultimi quarant’anni. Sì, George Michael è morto a 53 anni nella sua casa di Londra. Degli Wham fondati col suo socio Andrew Ridgeley, non faceva più parte da almeno tre decenni, ma, da solista, la sua fama era accresciuta ancor più, con quella voce straordinaria, lancinante. Una carriera fantastica, una vita però dove gli eccessi non sono mancati.  Perché si sa soltanto che George è morto d’arresto cardiaco, ma il suo agente ha riferito che la star è «scomparsa serenamente nella sua casa di Londra», escludendo quindi circostanze sospette, come del resto la polizia britannica. Una tragica notizia che arriva dopo almeno due anni di silenzio. In tutti i sensi: anche i tabloid lo stavano lasciando in pace, dopo averlo perseguitato a lungo. Perché guidava in stato di ebbrezza o perché in possesso di stupefacenti vari. O perché sorpreso in un bagno con un poliziotto. Già, la sua omosessualità, malcelata negli anni’80 quando doveva recitare obbligatoriamente la parte del sex symbol a tutti i costi. E poi finalmente dichiarata, ma sofferta, con quella storia di alti e bassi con il compagno di sempre Kenny Goss.

Leggi ...

161018-chuck-berry-mbe-807p_cf717b08abb3c6ac03df477901fde730-nbcnews-ux-2880-10001

Chuck Berry compie 90 anni e ci regala un nuovo disco

161018-chuck-berry-mbe-807p_cf717b08abb3c6ac03df477901fde730-nbcnews-ux-2880-10001

Si chiamerà “Chuck” e uscirà nel 2017. L’ultimo album di inediti del padre del rock and roll è del 1979.

Ha appena compiuto 90 anni tondi e per festeggiare si regala un nuovo disco. Uno dei padri del rock and roll, Chuck Berry ha infatti annunciato un nuovo album, il primo da 37 anni a questa parte anche se in realtà ha continuato sempre a suonare dal vivo.

Il nuovo album si chiamerà semplicemente “Chuck” e uscirà nel 2017: è il primo disco di inediti dal 1979 (dal disco “Rock It”), con canzoni originali scritte, registrate e prodotte dalla leggenda del rock e dedicate alla moglie Themetta con la quale è sposato da ben 68 anni: “Questo disco è dedicato alla mia amata Toddy – ha detto Chuck Berry – Mia cara, sto invecchiando! Ho lavorato a questo disco per tanto tempo. Ora posso appendere le scarpe al chiodo!”.

Leggi ...

totti_roma_napoli[1]

Totti punge Higuain’come nomadi per soldi’

totti_roma_napoli[1]

I soldi più del cuore, l’ambizione più della passione. Il passaggio di Gonzalo Higuain dal Napoli alla Juventus rispecchia le logiche ormai dominanti del calcio moderno, dove i legami affettivi contano meno di quelli economici. Francesco Totti ne è convinto, in 25 anni di carriera ha visto cambiare lo sport che ama. Lui è rimasto fedele, bandiera in via d’estinzione, mentre tutto intorno si consumavano divorzi a ripetizioni, alcuni clamorosi come quello appena ufficializzato dell’attaccante argentino.

“Io ho sempre amato il giallorosso e ho sempre desiderato indossare solo la maglia della Roma. Per me questo è un matrimonio ideale – sottolinea – Non sono in tanti gli atleti che seguono il loro cuore. Scelgono di andare altrove per vincere e guadagnare di più. Sono come dei nomadi”. Sempre in movimento, in continua evoluzione, come anche lo sport che negli ultimi anni “è cambiato molto”.

“Ora l’attenzione è più sul denaro. I giocatori cambiano squadra più spesso, forse per fare più soldi. È più business che passione – evidenzia Totti intervistato dal sito Gazzetta World – La gente va allo stadio per divertirsi e vedere un giocatore che sta sempre nella stessa squadra. Forse sperano di non essere traditi. Guardate quello che è successo ora con Higuain dal Napoli alla Juventus. E’ un disastro. Però è del tutto normale ora che quando uno straniero arriva in Italia abbia la possibilità di andare in un’altra squadra per fare più soldi”.

Pensiero che non ha mai sfiorato la mente di Totti. “Se avessi pensato solo all’aspetto economico avrei lasciato la Roma 10 anni fa. Per me si tratta di altro, di passione, non di soldi” ribadisce il capitano giallorosso, che volgendo lo sguardo al futuro suggerisce al calcio italiano di tornare al passato: “Per tornare ad alti livelli bisogna cambiare mentalità, dare più attenzione ai giovani di talento che adesso restano oscurati dagli stranieri. Ora è più importante avere in squadra stranieri che italiani. Alcuni pensano che se prendi un argentino o un brasiliano allora sarà come Maradona”.

Leggi ...

Eryka Badu:il jazz al femminile

Una delle maggiori voci jazz mondiali al femminile. Eyka Badu ,uno dei suoi ultimi successi: Baduizm.
La Badu con Sade, e’ una delle voci jazz del panorama internazionale. Con le sue canzoni che sanno anche di “Africa”, sta riscuotendo grande successo anche tra i giovani ,senza nulla da invidiare ai grandi jazzisti.

Leggi ...

take-that-milano-assago_980x571[1]

Take That in concerto: la riscossa di Howard

Ai nuovi Take That che quest’ann0 festeggiano  25 anni di carriera, manca certo Robbie (in tutti i sensi), ma pure Jason Orange, uno dei due imprescindibili elementi decorativi del gruppo, insieme all’altro ballerino sexy Howard (sempre così: in coppia e senza mai cognome). Ebbene, dopo la dipartita di Jason e la rinascita a tre dei Take That, è proprio nelle retrovie che è occorsa la piccola, grande rivoluzione: Howard è diventato di colpo importante. Innanzitutto ha parlato. Ha parlato tanto, intrattenendo il pubblico col suo accento british di Manchester.«Dal very beginning a ora». E poi ha cantato ,steccato pure, ma facendosi tuttavia perdonare. take-that-milano-assago_980x571[1]

Leggi ...

adolphe-sax.630x360[1]

Adolphe Sax, l’uomo che inventò il sassofono

La storia di Antoine-Joseph Sax, detto Adolphe, l’uomo che ci diede lo strumento dal suono più sexy: il sassofono.Antoine-Joseph Sax (1814-1894), detto Adolphe, è l’inventore del sassofono, strumento che presentò a Parigi nel 1846. Sax, membro di una famiglia franco-belga di costruttori di strumenti musicali in metallo, brevettò il suo sassofono come risultato del suo tentativo di migliorare il timbro del clarinetto basso.L’accoglienza iniziale fu piuttosto tiepida sebbene il sassofono si possa considerare – insieme alla fisarmonica – uno dei primi strumenti dell’era moderna, perché si basa su soluzioni acustiche del tutto nuove.adolphe-sax.630x360[1]Lo strumento fu in seguito impiegato da grandi compositori dell’epoca, come Hector Berlioz, e nel 1857 si istituì la prima cattedra di sassofono al conservatorio di Parigi: Sax ne fu il primo titolare.A Sax si devono anche l’invenzione di molti altri strumenti come il saxotromba e la saxtuba: senza il suo genio forse non avremmo il Jazz e molta della musica contemporanea. Tuttavia Sax non riuscì mai a ottenere un vero profitto dalla sua invenzione e gli ultimi anni della sua vita li trascorse in povertà.Dopo la sua morte, quando raggiunse gli Stati Uniti, divenne un punto fermo per i musicisti di Jazz.

Leggi ...

luciribalta2015[1]

Padula: grande successo per Mario Biondi e “Beyond Tour” nella Certosa di San Lorenzo (Video)

luciribalta2015[1]

Nuovo appuntamento con la kermesse “Luci della Ribalta – Itinerari ed eccellenze della Campania”, organizzata dalla Città di Padula – Assessorato alla Cultura, Turismo e Spettacolo.

Ieri sera si è esibito Mario Biondi: “Beyond” è il tour di presentazione del nuovo album di inediti.

Il cantante e compositore catanese, famoso in tutto il mondo, ha presentato una scaletta di straordinari brani che spaziano tra sonorità soul e funky, caratterizzati da una voce unica, dall’inconfondibile timbro caldo e profondo.

Un album ed un concerto dal sound internazionale, dove, pur mantenendo lo stile di Biondi, si trovano sonorità nuove che l’artista ha inserito magistralmente nel suo mondo musicale.

 

 

 

 

 

 

 

 

Leggi ...

1148809-593x443[1]

Giffoni Festival, stipendio di Gubitosi è più alto di quello di Mattarella

1148809-593x443[1]

Il direttore artistico del Gff guadagna 260mila euro, il presidente della Repubblica
si ferma a 240mila. I compensi: c’è anche la moglie del fondatore della kermesse
Il direttore artistico del Gff guadagna 260mila euro, il presidente della Repubblica
si ferma a 240mila. I compensi: c’è anche la moglie del fondatore della kermesse ancora ben saldo nella top ten dei manager Paperoni di Stato con un super-stipendio di 650 mila euro
Caccia ai documenti
Gli emolumenti di mister Giffoni sono stati pubblicati, insieme a quelli di tutto lo staff del Gff, sul sito ufficiale del festival (www.giffonifilmfestival.it), così come prevede la legge. Ma per riuscire a trovarli bisogna avere una vera e propria predisposizione all’avventura: una volta entrati nell’home page del sito bisogna far scorrere il cursore fino a fondo pagina e cliccare su una scritta che a malapena si legge: amministrazione. Si apre così l’organigramma ufficiale del festival con nominativi e ruoli. Anche qui però bisogna far scorrere tutta la pagina e dulcis in fundo cliccare sulla scritta in grigio legge 112 07/10/2013 (quella promulgata, per intenderci, per accelerare la realizzazione del grande progetto Pompei). Appaiono quattro opzioni: organi statutari, dirigenti, dipendenti con funzioni apicali e collaboratori. Cliccando su organi statutari si può scegliere tra presidente, consiglio d’amministrazione, collegio sindacale, sindaci e soci onorari. Ancora un clic su presidente e finalmente appare qualcosa: il compenso lordo annuo del presidente del Festival Pietro Rinaldi pari a 19.196,71 euro.
Al top
Ma Gubitosi dov’è? Ancora un supplemento d’avventura: bisogna cliccare alla voce dirigenti ed esce il nome del direttore artistico con un pdf che rimanda al curriculum vitae . Ma sarà davvero così? Ennesimo clic e, meraviglia delle meraviglie, voilà il compenso lordo: 260.361,09 euro. Ma se proprio ci avete preso gusto e volete sbizzarrirvi, può capitare di imbattervi anche nel compenso di Alfonsina Novellino, la moglie di Claudio Gubitosi, che compare tra i dipendenti con funzioni apicali (sempre in un pdf schermato come curriculum vitae ) a cui è stato corrisposto un compenso lordo annuo pari a 29.125,13 euro. Meno male che ieri mattina Gubitosi incontrando al campus di Fisciano gli studenti di UnisaOrienta ha detto che l’idea di Giffoni non è ancora nata.

Leggi ...

014531938-d83bd8c2-39b5-4d1c-93dc-10c608a6cd03[1]

Sanremo, vince Il Volo: sul podio anche Malika e Nek

014531938-d83bd8c2-39b5-4d1c-93dc-10c608a6cd03[1]

I tre tenorini conquistano la 65esima edizione del festival. Fra gli ospiti Will Smith, Ed Sheeran. Le stecche della Nannini. La rivincita di Panariello
SANREMO – I tre ragazzi di Il Volo vincono la 65esima edizione del Festival di Sanremo. Secondo Nek, terza Malika Ayane. Si conclude così la prima edizione targata Carlo Conti, baciata da record d’ascolti e da un successo come non si vedeva da anni. A Nek va il Premio della Sala Stampa Radio e tv “Lucio Dalla”. Mentre a Malika Ayane va il Premio della critica “Mia Martini” (“Figata!”, commenta lei affacciandosi sul palco per ringraziare).
La serata. “Vedrò il Festival di Sanremo? Certo, come hanno fatto tutti gli italiani, a giudicare dai dati di ascolto. Voglio fare i complimenti e mandare un abbraccio a Carlo Conti per come ha condotto questa edizione”, dice Matteo Renzi al Tg1 poco prima dell’inizio della serata. E il conduttore ringrazia. “Una bella emozione, non me lo aspettavo”. Si apre con la benedizione del presidente del Consiglio la finale del Festival. Prima della proclamazione del vincitore, intoppo nella classifica: si blocca lo schermo, Nek viene dato per eliminato e invece è in finale. Serata di grandi ospiti, da Will Smith a Gianna Nannini a Giorgio Panariello a Ed Sheeran.
La Nannini stecca, la rete la massacra. Con L’immensità se la cava, col suo classico Sei nell’anima un po’ meno. Deludente performance di Gianna Nannini, fra gli ospiti della serata, che prima propone uno dei brani del suo ultimo album Hitaly poi la sua canzone del 2006 ma stona clamorosamente, perde le battute, a un certo punto l’orchestra è costretta a invertire il ritmo. Colpa forse dell’emozione, forse di un rallentamento del gobbo, alla fine dell’esibizione appare provata, Conti cerca di stemperare, chiama l’applauso del pubblico che le tributa una standing ovation. Ma intanto la rete s’è scatenata. Su Twitter si rincorrono i commenti, chi parla di “esibizione penosa”, chi di “film horror”, chi rimpiange l’era del playback / GUARDA I TWEET
La rivincita di Panariello. “Carlo, è arrivato un messaggio da Renzi. Il festival lo farai tu anche il prossimo anno, ha scritto ‘Carlo, #staisereno”. Si chiude così il monologo di Giorgio Panariello, che sul palco dell’Ariston ci salì da conduttore nel 2006, esperienza non proprio indimenticabile, una frenata al culmine della carriera e che oggi, amico storico di Conti, ci torna da superospite. Per entrare in scena sceglie una delle sue imitazioni più riuscite, quella di Renato Zero, canta La favola mia incastrato in un costume-impalcatura con tanto di lucine a intermittenza. Poi se ne libera e parte con un monologo in cui parla della politica, della giustizia, della mafia, del comandante Schettino e in cui spesso mette in mezzo l’amico Carlo Conti. “Chi ti ha messo qui?”. Conti replica: “Nessuno”. Panariello insiste: “Come si chiama tuo figlio?”. “Matteo”, dice Conti. “Ecco, hai fatto il ‘parto’ del Nazareno”. Poi tocca a Berlusconi, “ora fai questo festival, ti riposi un po’ poi fai qualcosa per far riappacificare la Merkel con Tsipras. Lui dice: ‘Non voglio pagare la troika’. Ma Berlusconi è intervenuto, ‘Se mi posso intromettere, le troike vanno pagate”. Quanto a Schettino, “l’hanno condannato ma è libero, e lui sì che un pochino di inferno se lo dovrebbe fare… Ma non c’arriva, perché fa ribaltare il traghetto di Caronte”. Battute sui boss latitanti, “li cercano dappertutto e poi li trovano a casa, stanno in quei buchim, come topi, con la Bibbia sul comodino e il quadro della Madonna. Ma è la Madonna che è devota a loro, avete visto come s’inchina durante le processioni?”. Renzi “lo conosciamo fin da quando s’andava a scuola, lui era già preside”. Mette a confronto le ministre del governo Renzi, “la vedete la Boschi? E’ bellissima”, poi mostra una foto della Cancellieri, “capite perché il governo Monti non è durato? Sembra Cecchi Gori…”. Un lungo passaggio sui peccati capitali, “ma quelli veri, oggi sono la corruzione, la violenza sulle donne, lo spreco di denaro pubblico, l’evasione fiscale. Ma nessuno ha paura di peccare perché non c’è la certezza della pena. Processo Eternit, tutti assolti. L’Aquila, assolti. Cucchi, assolti. L’unico in galera è Corona. Vabbè che faceva delle mutande brutte, ma così è un po’ troppo…”. Al termine del lungo intervento, il pubblico gli tributa un grande applauso e Conti gli consegna il premio “Città di Sanremo”. “QL’avresti mai detto, Giorgio, trent’anni fa, quando ci siamo conosciuti, che oggi saremmo stati qui insieme, e io a consegnarti questo premio?”.
Superstar Smith. Con un passaggio da autentica superstar dello spettacolo, Will Smith si è messo al servizio dello show duettando con Conti, dandogli lezione di rap, cantando Nel blu dipinto di blu (“era una delle canzoni preferite di mia nonna”) coinvolgendo il pubblico e lasciando il segno di una personalità fuori dal comune. Finale poi con Margot Robbie, una delle star emergenti dopo The wolf of Wall Street, sua compagna nel film Focus – Niente è come sembra, in uscita nelle sale italiane il 5 marzo.
La gara. Eliminati ieri Raf (“peccato – ha detto Conti – era la mia canzone preferita”), Lara Fabian, Biggio e Mandelli e Anna Tatangelo, restano in campo 16 Campioni. La novità della serata (tanto per allungare un po’ i tempi) è che ogni campione viene introdotto da un videomessaggio di un collega-fan, un ideale in bocca al lupo prima dell’esibizione come fa, ad esempio, Leonardo Pieraccioni quand’entra in scena Marco Masini (Che giorno è). Poi tocca a Nina Zilli (Sola), Chiara (Straordinario), Dear Jack (Il mondo esplode tranne noi), Malika Ayane (Adesso e qui), Nek (Fatti avanti amore), Il Volo (Grande amore), Annalisa (Una finestra tra le stelle), Alex Britti (Un attimo importante), Irene Grandi (Un vento senza nome), Lorenzo Fragola (Siamo uguali), Bianza Atzei (Il solo al mondo), Moreno (Oggi ti parlo così), Gianluca Grignani (Sogni infranti), Grazia Di Michele e Mauro Coruzzi (Io sono una finestra), Nesli (Buona fortuna amore).
Il voto. Vengono azzerate le votazioni precedenti. Votano il pubblico da casa con il televoto, la giuria demoscopica e la giuria degli esperti (composta da Claudio Cecchetto, Camila Raznovich, Carlo Massarini, Andrea Mirò, Paolo Beldì, Giovanni Veronesi, Marino Bartoletti, Massimo Bernardini): il peso del voto è rispettivamente del 40%, del 30% e del 30%. Dai risultati viene stilata una graduatoria, alla fine dovranno vedersela i tre artisti che sono riusciti a conquistare le tre posizioni più alte. Torneranno in scena per esibirsi di nuovo, a punteggio nuovamente azzerato, e sottoposti nuovamente al voto tripartito di pubblico a casa, giuria demoscopica e giuria di qualità.
Tutte in fila per Ed Sheeran. La città si è riempita di ragazzine, nonostante la pioggia battente, in cerca dell’albergo che ospita Ed Sheeran, superospite musicale della finale. Ventitrè anni, dieci milioni di copie vendute, Sheeran è rimasto in vetta alle classifiche in 83 paesi ed è uno dei soli tre artisti al mondo a essere stato in testa alla classifica di vendita inglesi per più di dodici settimane negli ultimi vent’anni. Ha 20 milioni di follower e più di un miliardo di visualizzazioni su YouTube. A luglio terrà tre date a Londra al Wembley Stadium, tutte già completamente esaurite. Il nuovo singolo, Thinking Out Loud, il terzo estratto da X, è la canzone d’amore più ascoltata al mondo. Anche l’Italia non è certo da meno, nella cartina geografica del suo successo: l’album è già stato certificato oro e i tre singoli (Sing, Don’t, Thinking Out Loud) sono tutti multiplatino.

Leggi ...

Archivio