Rubriche

Category Archives: italia

12036952_898167030265713_5394668460825802843_n

BATTIPAGLIA. “PUNTI DI VISTA TOUR” A SOSTEGNO DELLA LEGALITA

“PUNTI DI VISTA TOUR” A SOSTEGNO DELLA LEGALITA’ A CURA DI AMEDEO FUSCO E ROSARIO SPROVIERI FA TAPPA A BATTIPAGLIA DAL 23 AL 28 SETTEMBRE CON IL PRIMO FESTIVAL MONDIALE DELLA PIROGRAFIA.
In seguito alle tappe di Roma (Dioscuri al Quirinale), Ragusa e Caltanissetta che hanno visto protagonista l’arte contemporanea nelle sue più variegate versioni fotografiche, pittoriche e scultoree, “Punti di Vista tour” a cura di Amedeo Fusco e Rosario Sprovieri,  approda adesso a Battipaglia, a sostegno della legalità.Un’ edizione che prevede una grande e interessantissima novità: per il ciclo “Idee nuove, sempre nuove”, il primo festival mondiale della pirografia. L’esposizione internazionale si terrà dal 23 al 28 settembre all’ interno dell’ex scuola “De Amicis”. L’iniziativa è sostenuta da: Associazione di Cultura Europea, Pro Loco di Caltanissetta, Comune di Battipaglia e dalle associazioni CivicaMente, Con Le Mani, Radio Booonzo e il Caffè 21 Marzo.

 L’evento ha inizio con il vernissage della mostra che si terrà sabato 26 settembre dalle ore 18, a seguire il primo festival mondiale della pirografia. Il 27 settembre, invece, dalle 17 in poi, nella stessa piazza antistante la scuola, ci sarà una giornata dedicata all’ arte in tutte le sue sfaccettature, durante la quale si esibiranno artisti di strada, giocolieri, mangiafuoco, musicisti, cantanti, attori e ballerini. La mostra è stata organizzata col preciso scopo di proporsi a sostegno della legalità, proprio in una città come Battipaglia che sta vivendo un forte fermento culturale e civico e che si configura come simbolo della rinascita culturale del Meridione. La bellezza e la fantasia, le loro declinazioni, il progresso delle nuovi visioni e l’osare artistico. Nuove e più ampie aperture mentali. Questo è quanto può dare l’arte per supportare un territorio che faticosamente sta cercando di redimersi dal fenomeno della criminalità organizzata in tutte le sue propaggini. È questo il percorso che un gruppo di associazioni locali ha intrapreso. Cultura. Nuove sinergie. Collaborazione. Nuovi modi imprenditoriali. Tanta fatica e sacrificio, ma soprattutto tanta allegria e vita semplice. Un percorso di impegno che si rispecchia nelle parole di Piero Calamandrei, uno dei padri costituenti, che, quando parlava di giovani e Costituzione, diceva: “La libertà è condizione ineliminabile della legalità; dove non vi è libertà non può esservi legalità”.

Esporranno le loro opere: Paola Abbruzzese, Elli Albrecht, Marzia Americo, Francesco Baglieri, Francesca Barnini, Andrea Cabras, Luigi Campo, Piero Paolo Capogrosso, Giorgio Cappello, Marcello Cardaropoli, William Casanova, Annalisa Cavallo, Salvatore Cilio, Sergio Cimbali, Vittorio Cimini, Vesna Cuk, Paolo Cutrano, Giovanna De Rosa, Maria Ana Deimichei, Raquel Della Pina, Manuela Distefano, Maria Ditaranto, Ivo D’Orazio, Antonio Federico, Mauro Fornasero, Roberto Frangioni, Sara J. Ghedin, Angela Giovanetti, Sal Jacono, Dorota Jarema, Michelangelo Lacagnina, Salvatore Licitra, Laura Longhitano, Federico Loprete, Pietro Maltese, Annalisa Mandarino, Stefania Mante, Rosy Mar, Maria Mazzotti, Dania Minotti, Lucio Morando, Andrea Nanì, Piera Narducci, Bernardetta Olla, Cinzia Oneto, Stefano Orlandini, Devis Ponzellini, Barbara Puglisi, Paola Rago, Antonella Rollo, Maria Romeo, Ottavio Rossi, Silvano Ruffini, Paolo Sanfelice, Antonio Scaramella, Anita Scola, Donata Scucces, Carmine Sica, Carmen Stan, Orlando Tocco, Paola Ummarino, Fabrizio Viola, Monika Wawrzaszek e l’artista battipagliese Simone Zibbo.

 

12036952_898167030265713_5394668460825802843_n

Leggi ...

image

12 novembre 2014 – Oltre un centinaio di lavoratori dell’Ast di Terni hanno occupato per ore l’Autosole all’altezza del casello di Orte

image (1)

 

Orte, 12 novembre 2014 – Oltre un centinaio di lavoratori dell’Ast di Terni hanno occupato per ore l’Autosole all’altezza del casello di Orte, proseguendo così lo sciopero contro la multinazionale Tedesca dell’acciaio TK: Ecco, in breve, la cronaca di un pomeriggio ad alta tensione. a

L’INIZIO – Nel primo pomeriggio un gruppo nutrito di operai supera a piedi il casello di Orte dell’Autostrada bloccando a, il flusso veicolare in entrambe le direzioni. Sul volto dei lavoratori traspare disperazione; alcuni dicono “di sentirsi abbandonati a tutti i livelli”. Le forze dell’ordine, da lontano, controllano la situazione. Funzionari di polizia cercano di convincere i lavoratori ad allontanarsi. “È una situazione seria – rispondono i manifestanti ai poliziotti – non stiamo a giocare. Non ce ne andiamo”.

LA NOTA DI AUTOSTRADE – In una nota Autostrade per l’Italia informa che per la manifestazione degli operai dell’Ast alle ore 13 circa sull’A1 Milano-Napoli è stato chiuso il tratto compreso tra Magliano Sabina e Orte verso Firenze e tra Attigliano-Orte verso Roma. Per lo stesso motivo sono state chiuse le stazioni di Orte in entrata in entrambe le direzioni, la stazione di Attigliano in entrata per Roma e la stazione di Magliano Sabina in entrata verso Firenze.

L’EPILOGO – La circolazione riprende in entrambi i sensi di marcia sull’Autostrada del Sole solo nel tardo pomwriggio . Gli operai dell’Ast liberano la carreggiata una volta che viene loro assicurata per domani la ripresa delle trattative sul piano industriale.

image

Leggi ...

Via libera a 30 mila assunzioni nella scuola

Il Consiglio dei ministri ha dato il via libera a 15mila insegnanti. Previsti anche 4.5mila unità di personale ausiliario, 620 dirigenti scolastici e 13mila docenti da destinare al sostegno di alunni disabili.

Erano annunciate, ma di fatto sono il primo passo di questi tre mesi che dovrebbero accompagnare il governo Renzi alla riforma della scuola sulla quale sta scommettendo una parte del suo futuro. Il ministro dell’Istruzione Stefania Giannini è stata autorizzata ad assumere a tempo indeterminato di oltre 30.000 persone, appunto “su posti effettivamente vacanti e disponibili”. Personale nelle aule di cui c’era già assoluto bisgono. In particolare si tratta di “15.439 unità di personale docente ed educativo”, 4.599 di personale ausiliario, tecnico ed amministrativo e 620 dirigenti scolastici. E infine, misura particolarmente attesa 13.342 unità di personale docente da destinare al sostegno di alunni con disabilità.

La riforma della scuola annunciata dal premier mette al centro la questione degli insegnanti. L’idea di Matteo Renzi è quella di azzerare le graduatorie ad esaurimento dei precari storici, attraverso l’introduzione degli organici funzionali di rete: un organico aggiuntivo che dovrebbe garantire stabilità alle scuole e maggiore autonomia alle stesse. In questo modo, entro settembre 2015 si potrebbero assumere a tempo indeterminato 100mila-150mila precari e vincitori di concorso. Inoltre, è previsto un nuovo concorso per 40mila abilitati che entreranno tra il 2016 e il 2019 per sostituire gli insegnanti che nello stesso periodo andranno in pensione

Leggi ...

Archivio