Rubriche

Category Archives: cronaca

In centinaia per l’addio all’ex preside ucciso dal figlio carabiniere

1646116_funerali_2[1]

 

 

Una ferita ancora aperta e su cui non si è avuto il tempo e la forza di riflettere. È questa l’aria che si respira ai funerali di Federico De Santo a Santa Croce di Carinola. La morte del 76enne, ucciso da un colpo di pistola sparato dal figlio carabiniere – per motivi ancora da chiarire – mentre erano in auto insieme sull’A30, ha lasciato frastornata la sua comunità d’origine, oltre alla famiglia, e quanti ne hanno apprezzato le doti umane durante l’esistenza.

Un aspetto sottolineato da don Enrico Passero, parroco locale e concelebrante della funzione funebre insieme a molti altri sacerdoti della forania di Carinola: «Federico, nel suo ruolo di preside, ha saputo mediare rispetto alle giovani generazioni ed è stato un punto di riferimento per i docenti. E’ stato un uomo in grado di trovare soluzioni adeguate nei momenti più difficili, trovando una mediazione tra giovani e docenti

Leggi ...

Itri, uomo senza testa trovato sui binari: è mistero

La scena dell'incidente ad un passaggio a livello della Circumvesuviana, a Somma Vesuvian (Napoli), tra un'auto ed un treno, 30 agosto 2012. A bordo dell'auto viaggiavano due sorelle. Nell'impatto è morta Maria Annunziata, di 58 anni nata e residente ad Ottaviano, nel Napoletano, mentre la sorella, Grazia Annunziata, di 53 anni, nata a Napoli e residente proprio nella strada dove si è verificato l'incidente a Somma Vesuviana, rimasta gravemente ferita, è stata trasportata all'ospedale di Nola dove si trova in prognosi riservata. ANSA / CIRO FUSCO

Ancora sconosciute le cause della tragedia di Itri avvenuta sabato sera poco prima della mezzanotte sulla tratta ferroviaria Roma Villa Literno. Erano da poco passate le 23 quando i resti di un uomo sono stati rinvenuti a brandelli sulle rotaie. Della vittima ancora non si conosce l’identità e il suo corpo ricomposto verrà sottoposto domani mattina ad esame autoptico nell’obitorio di Formia.

Ancora oggi, gli investigatori della Polfer, stanno cercando oltre l’identità della vittima, anche la testa. Pare infatti che alla ricomposizione dei resti manchi il cranio e lo si sta cercando lungo la linea ferroviaria fino a Villa Literno dove il convoglio è arrivato dopo l’investimento

Leggi ...

Bruxelles, attentati in aeroporto e metro: almeno 30 morti e oltre 180 feriti

1626224_br4[1]

 

 

 

Bruxelles ripiomba nel terrore. È di almeno 11 morti e 81 feriti il bilancio provvisorio delle due violente esplosioni all’aeroporto Zaventem di Bruxelles, secondo il ministro belga della Sanità, Maggie de Block. Altri 15 morti e 55 feriti si conterebbero nell’attacco alla metro Maalbeek, a due passi dalla Commissione Ue. I feriti in totale sarebbero quindi oltre 130. L’emittente belga Vrt parla di un bilancio di 34 morti. La notizia di una quarta esplosione nella stazione metro Schuman non è confermata.

Caccia a 5 sospettati. All’aeroporto di Bruxelles sarebbero state trovate delle armi e un’altra bomba inesplosa. È quanto sostiene l’agenzia di stampa Belga, mentre l’emittente Rtbf riferisce che al terminal delle partenze, obiettivo dell’attacco suicida, è stato trovato un kalashnikov. Una «vasta caccia all’uomo, riguardante cinque sospetti individuati dai primi esami delle immagini della videosorveglianza», è attualmente in corso in tutta la città ora blindata: lo afferma Claude Moniquet, l’esperto antiterrorismo di I-Tèlè, intervistato in diretta dalla capitale del Belgio.

Leggi ...

Strage studenti Erasmus: le vite spezzate di Valentina, Francesca, Elisa e le altre

193442139-e0e0c426-0140-4724-a827-dc63dc551047[1]

Sette studentesse italiane fra le tredici vittime dell’incidente a Tarragona durante la gita. Venivano da diverse regioni, quasi tutte erano arrivate a gennaio a Barcellona per uno stage di sei mesi in facoltà diverse, da Economia a Farmacia. All’obitorio di Tortosa il dolore delle famiglie giunte nella notte da tutta Europa
All’obitorio di Tortosa gli arrivi continuano. I voli sugli aeroporti della Catalogna accompagnano da tutta l’Europa i familiari delle tredici studentesse morte nell’incidente del bus che le riportava a Barcellona dopo una gita a Valencia per assistere alla Notte dei Fuochi della Fiesta de Las Fallas. L’iniziativa era parte del programma del soggiorno Erasmus in Spagna, un’opportunità per i ragazzi di allargare i propri orizzonti, migliorare la propria preparazione, conoscere un altro ambiente rispetto a quello di provenienza. Un sogno, per alcuni di loro, interrotto bruscamente all’alba di domenica.

Le vittime italiane. Il portavoce del governo catalano ha confermato quanto anticipato ieri sera dalla Farnesina: sette delle tredici vittime sono ragazze italiane che studiavano all’università di Barcellona. Si tratta di Francesca Bonello, Elisa Valent, Valentina Gallo, Elena Maestrini, Lucrezia Borghi, Serena Saracino e Elisa Scarascia Mugnozza. Le famiglie sono state informate. Le altre vittime sono due studentesse tedesche, una francese di Poitiers, una romena, un’austriaca e un’uzbeca. Tutte avevano tra i 22 e i 25 anni.
I nomi. Ragazze che studiavano per costruirsi un futuro. Vite spezzate. La prima vittima italiana identificata è Valentina Gallo. Fiorentina, 22 anni, era iscritta alla facoltà di Economia per uno stage di sei mesi. Era arrivata in Spagna alla fine di gennaio e sarebbe dovuta rientrare in Italia all’inizio dell’estate. La famiglia è in Spagna da ieri. Nella notte, invece, la seconda brutta notizia: le condizioni di Elena Maestrini, 21 anni, di Gavorrano (in provincia di Grosseto) si sono aggravate e alle 4 del mattino la giovane è stata dichiarata morta. Studiava Economia e managment, era a Barcellona da un paio di mesi e sarebbe dovuta rientrare in Italia per le vacanze di Pasqua. Con ogni probabilità erano amiche e per questo erano salite sullo stesso autobus. Alla fine non ce l’ha fatta neanche Lucrezia Borghi, toscana, di Greve in Chianti. Era ricoverata in condizioni gravi. Le tre studentesse avevano chiesto il prolungamento del programma del periodo Erasmus di un mese, includendo tutto il mese di luglio.
“Viaggio alle 4 del mattino”. E’ deceduta anche Serena Saracino, 23 anni, torinese. Frequentava a Barcellona la facoltà di Farmacia. Dopo l’incidente era stata ricoverata, ma le sue condizioni erano gravi e non ce l’ha fatta. Serena avrebbe compiuto 23 anni il 28 marzo, il giorno di Pasquetta: “Era un angelo dai capelli lunghi, molto studiosa e ubbidiente come oggi è difficile trovarne – ha detto il padre Alessandro -. Amava molto Barcellona che però le è costata la vita e ha ucciso anche il suo papà e la sua mamma”. I genitori di Serena erano partiti nel pomeriggio in auto dopo che avevano tentato inutilmente di mettersi in contatto con la figlia. “Quello che chiedo è che queste cose non accadano mai più: gli spostamenti dei giovani, che sono la nostra speranza e il nostro futuro, devono avvenire in sicurezza, con mezzi in buone condizioni, non alle 4 del mattino con autisti forse stanchi. Non è colpa di nessuno – dice – ma non è possibile che giovani che vanno in un Paese amico come la Spagna per studiare perdano la vita in un modo così assurdo”. La famiglia è originaria di Dronero, nel Cuneese, dove il padre ha un secondo studio oltre a quello di Torino, dove è medico condotto.

Non ce l’ha fatta neanche Francesca Bonello, 24 anni, genovese, residente
nel quartiere di Castelletto. Studiava Medicina ed era in Erasmus da pochi mesi a Barcellona, dove frequentata la facoltà di Medicina. Elisa Valent, 25 anni, friulana di Gemona, studiava all’Università di Padova e da qualche mese si era trasferita per Erasmus a Barcellona. Era romana Elisa Scarascia Mugnozza, che si era trasferita nella città spagnola per studiare Medicina alla Facultat de Medicina-Hospital Clínic dell’Universitat de Barcelona. Figlia di un professore universitario, Giuseppe Scarascia Mugnozza direttore del Dipartimento per l’innovazione dei sistemi Biologici, Agroalimentari e Forestali dell’Università della Tuscia. E’ la nipote del prorettore della Sapienza ai rapporti con il territorio, il professor Gabriele Scarascia Mugnozza, ordinario di Geologia.
La gita. Nomi su una lista. Giovani che non torneranno a casa. Fra loro alcune si conoscevano da tempo. Forse nella breve gita per partecipare alla Notte dei Fuochi della Fiesta de Las Fallas si erano strette altre amicizie, come succede facilmente a quell’età. Nel viaggio di ritorno verso Barcellona la strada le ha fermate per sempre. Non torneranno con le loro valigie piene di libri e di speranze.

E’ stato anche difficile identificarle. A bordo c’erano 56 studenti di 14 nazionalità diverse. La maggior parte dei ragazzi dormiva quando – poco dopo l’alba – è avvenuto l’incidente sull’autostrada Ap7 che collega la Catalogna alla Francia. Molti di loro non avevano i documenti addosso e rispetto al viaggio di andata alcuni avevano cambiato pullman per riunirsi con gli amici.

Le famiglie. Per le famiglie, arrivate in fretta dall’Italia, restano le procedure per il riconoscimento. I corpi sono stati trasferiti all’obitorio dell’ospedale di Tortosa e qui, nel centro allestito dalle autorità, un gruppo di psicologi da ieri notte ha iniziato ad accogliere i primi parenti arrivati per il riconoscimento delle salme. All’inizio del pomeriggio tre vittime italiane sono state riconosciute dalle famiglie nell’obitorio di Tortosa.
I 34 feriti sono stati invece portati in diversi ospedali della regione. I feriti italiani sono 6 di cui 2 già dimessi e 2 in gravi condizioni. Una studentessa piemontese è ricoverata: Annalisa Riba, 22 anni, originaria di Dronero (Cuneo); frequenta a Barcellona la facoltà di Farmacia. E’ fuori pericolo. C’è anche una studentessa modenese del 1992 iscritta a Giurisprudenza all’UniMoRe (Università di Modena e Reggio Emilia. Si chiama Laura Ferrari, è stata operata ieri e al momento è in coma farmacologico, ma non in pericolo di vita.

All’obitorio di Tortosa gli arrivi continuano. I voli sugli aeroporti della Catalogna accompagnano da tutta l’Europa i familiari delle tredici studentesse morte nell’incidente del bus che le riportava a Barcellona dopo una gita a Valencia per assistere alla Notte dei Fuochi della Fiesta de Las Fallas. L’iniziativa era parte del programma del soggiorno Erasmus in Spagna, un’opportunità per i ragazzi di allargare i propri orizzonti, migliorare la propria preparazione, conoscere un altro ambiente rispetto a quello di provenienza. Un sogno, per alcuni di loro, interrotto bruscamente all’alba di domenica.

Le vittime italiane. Il portavoce del governo catalano ha confermato quanto anticipato ieri sera dalla Farnesina: sette delle tredici vittime sono ragazze italiane che studiavano all’università di Barcellona. Si tratta di Francesca Bonello, Elisa Valent, Valentina Gallo, Elena Maestrini, Lucrezia Borghi, Serena Saracino e Elisa Scarascia Mugnozza. Le famiglie sono state informate. Le altre vittime sono due studentesse tedesche, una francese di Poitiers, una romena, un’austriaca e un’uzbeca. Tutte avevano tra i 22 e i 25 anni

I nomi. Ragazze che studiavano per costruirsi un futuro. Vite spezzate. La prima vittima italiana identificata è Valentina Gallo. Fiorentina, 22 anni, era iscritta alla facoltà di Economia per uno stage di sei mesi. Era arrivata in Spagna alla fine di gennaio e sarebbe dovuta rientrare in Italia all’inizio dell’estate. La famiglia è in Spagna da ieri. Nella notte, invece, la seconda brutta notizia: le condizioni di Elena Maestrini, 21 anni, di Gavorrano (in provincia di Grosseto) si sono aggravate e alle 4 del mattino la giovane è stata dichiarata morta. Studiava Economia e managment, era a Barcellona da un paio di mesi e sarebbe dovuta rientrare in Italia per le vacanze di Pasqua. Con ogni probabilità erano amiche e per questo erano salite sullo stesso autobus. Alla fine non ce l’ha fatta neanche Lucrezia Borghi, toscana, di Greve in Chianti. Era ricoverata in condizioni gravi. Le tre studentesse avevano chiesto il prolungamento del programma del periodo Erasmus di un mese, includendo tutto il mese di luglio.

LEGGI: Il rettore dell’Università di Firenze: “Se ne va un pezzo del nostro futuro”

“Viaggio alle 4 del mattino”. E’ deceduta anche Serena Saracino, 23 anni, torinese. Frequentava a Barcellona la facoltà di Farmacia. Dopo l’incidente era stata ricoverata, ma le sue condizioni erano gravi e non ce l’ha fatta. Serena avrebbe compiuto 23 anni il 28 marzo, il giorno di Pasquetta: “Era un angelo dai capelli lunghi, molto studiosa e ubbidiente come oggi è difficile trovarne – ha detto il padre Alessandro -. Amava molto Barcellona che però le è costata la vita e ha ucciso anche il suo papà e la sua mamma”. I genitori di Serena erano partiti nel pomeriggio in auto dopo che avevano tentato inutilmente di mettersi in contatto con la figlia. “Quello che chiedo è che queste cose non accadano mai più: gli spostamenti dei giovani, che sono la nostra speranza e il nostro futuro, devono avvenire in sicurezza, con mezzi in buone condizioni, non alle 4 del mattino con autisti forse stanchi. Non è colpa di nessuno – dice – ma non è possibile che giovani che vanno in un Paese amico come la Spagna per studiare perdano la vita in un modo così assurdo”. La famiglia è originaria di Dronero, nel Cuneese, dove il padre ha un secondo studio oltre a quello di Torino, dove è medico condotto.

Non ce l’ha fatta neanche Francesca Bonello, 24 anni, genovese, residente nel quartiere di Castelletto. Studiava Medicina ed era in Erasmus da pochi mesi a Barcellona, dove frequentata la facoltà di Medicina. Elisa Valent, 25 anni, friulana di Gemona, studiava all’Università di Padova e da qualche mese si era trasferita per Erasmus a Barcellona. Era romana Elisa Scarascia Mugnozza, che si era trasferita nella città spagnola per studiare Medicina alla Facultat de Medicina-Hospital Clínic dell’Universitat de Barcelona. Figlia di un professore universitario, Giuseppe Scarascia Mugnozza direttore del Dipartimento per l’innovazione dei sistemi Biologici, Agroalimentari e Forestali dell’Università della Tuscia. E’ la nipote del prorettore della Sapienza ai rapporti con il territorio, il professor Gabriele Scarascia Mugnozza, ordinario di Geologia.

La gita. Nomi su una lista. Giovani che non torneranno a casa. Fra loro alcune si conoscevano da tempo. Forse nella breve gita per partecipare alla Notte dei Fuochi della Fiesta de Las Fallas si erano strette altre amicizie, come succede facilmente a quell’età. Nel viaggio di ritorno verso Barcellona la strada le ha fermate per sempre. Non torneranno con le loro valigie piene di libri e di speranze.

E’ stato anche difficile identificarle. A bordo c’erano 56 studenti di 14 nazionalità diverse. La maggior parte dei ragazzi dormiva quando – poco dopo l’alba – è avvenuto l’incidente sull’autostrada Ap7 che collega la Catalogna alla Francia. Molti di loro non avevano i documenti addosso e rispetto al viaggio di andata alcuni avevano cambiato pullman per riunirsi con gli amici.

Le famiglie. Per le famiglie, arrivate in fretta dall’Italia, restano le procedure per il riconoscimento. I corpi sono stati trasferiti all’obitorio dell’ospedale di Tortosa e qui, nel centro allestito dalle autorità, un gruppo di psicologi da ieri notte ha iniziato ad accogliere i primi parenti arrivati per il riconoscimento delle salme. All’inizio del pomeriggio tre vittime italiane sono state riconosciute dalle famiglie nell’obitorio di Tortosa.

I feriti. I 34 feriti sono stati invece portati in diversi ospedali della regione. I feriti italiani sono 6 di cui 2 già dimessi e 2 in gravi condizioni. Una studentessa piemontese è ricoverata: Annalisa Riba, 22 anni, originaria di Dronero (Cuneo); frequenta a Barcellona la facoltà di Farmacia. E’ fuori pericolo. C’è anche una studentessa modenese del 1992 iscritta a Giurisprudenza all’UniMoRe (Università di Modena e Reggio Emilia. Si chiama Laura Ferrari, è stata operata ieri e al momento è in coma farmacologico, ma non in pericolo di vita.

Leggi ...

Campania. Spaventoso incendio sulla A1: rimorchio in fiamme, chiuso tratto di autostrada

1621380_IMG-20160319-WA0006[1]

Spaventoso incendio questa mattina sull’autostrada A1, tra Caianello e Capua. In fiamme un rimorchio contenente materiale in plastica. L’incendio è avvenuto sulla carreggiata in direzione sud verso Napoli, esattamente al chilometro 702+600.

L’autista del mezzo incidentato, appena ha visto le fiamme, ha subito staccato la motrice dal rimorchio. Quest’ultimo è rimasto nei pressi del ponte e ha preso fuoco. Lunghissime le code, alle ore 11.15 si registravano ben 17 chilometri di coda in direzione Roma. Sul posto sono intervenuti gli agenti della polizia stradale dei compartimenti Campania, Molise e Basilicata, coordinati dal generala Giuseppe Salomone e le squadre dei vigili del fuoco di Frosinone, Caserta e Napoli.

La situazione più problematica è quella del lato sud del pilone che rischia seriamente di deformarsi e creare seri problemi per la sicurezza. Più tranquilla la situazione sul lato nord che non ha subito alcuna deformazione e quindi i tecnici sono solo in attesa del raffreddamento per poi valutare la situazione e decidere se realizzare o meno un by pass. Il ponte, infatti, si è quasi piegato in due per i danni subiti dal pilone. Intervento disperato da parte dei vigili del fuoco, che intorno alle 11.50 hanno domato le fiamme. Le auto in fila in direzione Roma solo alle 12,33 sono ripartite in direzione dell’uscita a Capua, che dista tre chilometri per fare rientro a Roma.  Alle 12,40 si registravano sei km di coda tra San Vittore e Caianello. Le corsie di emergenza sono tutte occupate dalle auto.

Autostrade per l’Italia ha comunicato che dalle 10.45 circa è stato chiuso il tratto tra Capua e Caianello in entrambe le direzioni. «Il provvedimento di chiusura si è reso necessario anche in carreggiata opposta a causa del fumo intenso. Le operazioni di spegnimento sono in corso ma risultano complesse e per ragioni di sicurezza è stata disposta anche la chiusura al traffico sul cavalcavia sovrapassante in viabilità ordinaria posto in corrispondenza del luogo dell’evento in competenza del Comune di Caianello. Sul luogo dell’evento, oltre al personale della Direzione 6° Tronco di Cassino, sono intervenute le pattuglie della Polizia Stradale, i Vigili del fuoco e i soccorsi meccanici. Al momento si registra 1 km di coda. Agli utenti diretti verso Napoli si consiglia di uscire a Caianello e percorrendo la SS6 Casilina rientrare in autostrada a Capua. Viceversa per chi procede in direzione opposta. Costanti aggiornamenti sulla situazione della viabilità e sui percorsi alternativi sono diramati tramite: i collegamenti “my way” in onda sul canale 501 Sky Meteo24; sulla app my way scaricabile gratuitamente dagli store di Android e Apple‎; su Sky TG24 HD (canali 100 e 500 di Sky) e su Sky TG24, disponibile al canale 50 del Digitale Terrestre. Sul sito autostrade.it; su RTL 102.5; su Isoradio 103.3 FM; attraverso i pannelli a messaggio variabile e sul network TV Infomoving in Area di Servizio. Per ulteriori informazioni si consiglia di chiamare il Call Center Autostrade al numero 840.04.21.21».

Leggi ...

Paura sul volo Palermo-Napoli, avaria al carrello e atterraggio di emergenza

1621449_vl[1]

Il volo V71546 della compagnia Volotea, partito dallo scalo Falcone Borsellino di Palermo e diretto a Napoli con 64 passeggeri a bordo, è rientrato in emergenza in aeroporto per un segnale di avaria al carrello. L’aereo è atterrato regolarmente e i passeggeri sono stati sbarcati. L’aeromobile è stato sottoposto a controllo tecnico. Per assistere il velivolo durante le fasi dell’atterraggio sono intervenuti i vigili del fuoco

Leggi ...

Timbravano ma erano assenti: 21 indagati alla Asl di Avellino

1614706_cartttt[1]

Scandalo assenteismo ad Avellino, dove sono state eseguite 21 misure cautelari interdittive nei confronti di altrettanti dipendenti della locale Asl. Si tratta di dirigenti, medici e impiegati che attraverso il distorto utilizzo del badge si assentavano dal posto di lavoro. Le indagini della Squadra Mobile di Avellino, coordinate dalla procura, vennero avviate l’anno scorso. Nella tarda mattinata, il questore di Avellino, Maurizio Ficarra, e il procuratore Rosario Cantelmo, illustreranno i dettagli dell’operazione in una conferenza stampa nel corso della quale verranno proiettate anche le immagini riprese da telecamere nascoste che hanno incastrato gli indagati.

C’è anche una guardia giurata, addetta alla vigilanza interna, nell’inchiesta che riguarda 21 furbetti del cartellino nella Asl di Avellino e denunciati dalla Squadra Mobile. Il vigilante viene immortalato nelle immagini, mostrate ai giornalisti nel corso della conferenza stampa con il questore di Avellino, Maurizio Ficarra, e il procuratore, Rosario Cantelmo, che ha coordinato le indagini, mentre con un cacciavite tenta di disabilitare una microcamera nascosta, installata dalla Polizia di Stato. L’accusa nei confronti degli indagati è quella di truffa ai danni dello Stato: si tratta di dirigenti amministrativi, medici, impiegati e ausiliari che prestano servizio presso la sede di Avellino in via degli Imbimbo. Nei loro confronti è scattata la misura cautelare interdittiva della sospensione del lavoro: si tratta di dirigenti amministrativi e medici, impiegati e ausiliari che nell’arco dell’ultimo anno, quando sono cominciate le indagini, si assentavano normalmente dal luogo di lavoro anche per molte ore nell’arco della stessa giornata, dopo aver timbrato il cartellino o affidando il badge a colleghi cui avrebbero ricambiato il favore

Leggi ...

Napoli. Niente sale operatorie: donna muore a 42 anni

1603720_h11_300082[1]

Un’altra tragedia a Napoli frutto della disorganizzazione della sanità. Una donna di 42 anni, Francesca Napolitano di Bagnoli, è morta ieri mattina alle ore 8 nella sala di rianimazione dell’ospedale Monaldi dopo aver atteso tutta la notte un ricovero urgente per un intervento che non è mai arrivato e che sarebbe servito per decomprimere il suo cuore afflitto da una miocardite acuta. Le due sale operatorie del nosocomio napoletano erano entrambe impegnate per un intervento di espianto al cuore e un secondo intervento per un aneurisma dissecante dell’aorta.

E altre nove sale operatorie delle strutture pubbliche e private della Campania avevano opposto al 118 i rifiuti al ricovero e al trattamento della paziente, nonostante l’ospedale San Paolo, presso il quale era ricoverata, ne avesse segnalato la gravità ed urgenza fin dalle 3 del mattino. Dopo la morte sono scattate subito le denunce dei familiari e ieri i carabinieri del Nas hanno acquisito le cartelle cliniche relative alla vicenda.

Gianantonio Nappi, primario del reparto di Cardiochirurgia Generale e dei Trapianti del Monaldi, al Mattino ha ammesso che non è stato possibile intervenire sulla donna in sala operatoria per la contemporanea indisponibilità dei due presidi chirurgici presenti nell’ospedale e impegnati in altri interventi, e ha denunciato la disorganizzazione della rete ospedaliera cardiochirurgica della regione: «È possibile che tutte le altre Cardiochirurgie erano indisponibili? Sono stati contattati gli altri centri?»

«Le condizioni della paziente – affetta da miocardite complicata da tamponamento cardiaco – erano gravissime, pressoché terminali. Nonostante avessimo le due sale operatorie occupate, è stata accolta e trattata al meglio. Nel frattempo venivano eseguiti due interventi di altissima difficoltà: un trapianto cardiaco e una dissezione aortica acuta. Il fronteggiare contemporaneamente queste tre emergenze chirurgiche ha creato grosse difficoltà, superate solo grazie alla dedizione e all’impegno di tutto il personale sanitario del reparto e della direzione dell’ospedale. Quanto accaduto dimostra ancora una volta l’impellente necessità di una riorganizzazione della rete dell’urgenza-emergenza cardiochirurgica nella nostra Regione» spiega il primario del Monaldi.

Leggi ...

Libia: uccisi due italiani dei quattro rapiti. È ancora giallo sui sequestratori

215119827-61f7b158-aae4-4a96-b98f-bd5d6853a50c[1]

Vittime Fausto Piano e Salvatore Failla, dipendenti dell’impresa Bonatti, rapiti nel luglio 2015. Vivi i colleghi Gino Pollicardo e Filippo Calcagno, ma non si sa nelle mani di chi. Il cordoglio della presidente della Camera. Stucchi (Copasir): “Non sono presenti militari italiani in Libia, ma il governo può decidere di mandarli”
Sono ore di angosciosa attesa, di riscontri e, inevitabilmente, anche di polemiche e strumentalizzazioni, quelle che si inseguono a proposito dello scontro a fuoco a Sabrata, nell’ovest della Libia. Il bilancio è di due italiani uccisi: si tratta di Fausto Piano e Salvatore Failla, dipendenti della società di costruzioni Bonatti. Altri due sono vivi, ma ancora nelle mani dei sequestratori. I quattro tecnici italiani erano stati rapiti nel luglio 2015. Non sono ancora chiare le dinamiche di quanto accaduto, nè se i sequestratori fossero dell’Is. Secondo indiscrezioni, i due ostaggi al momento del conflitto a fuoco stavano per essere trasferiti lontano da Sabrata. Al momento, chiarisce il presidente del Copasir, Giacomo Stucchi, “non sono presenti militari Italiani in Libia. Il governo può decidere di mandarli, ma prima sarebbe tenuto ad informare il Copasir”.

I dubbi. Prima dello scontro a fuoco, si sapeva che i quattro fossero stati rapiti da bande criminali locali e che fossero tenuti prigionieri tutti insieme. La sparatoria apre un nuovo scenario e solleva almeno due dubbi. Le milizie libiche hanno avuto un conflitto con armati dell’Is? Per saperlo, bisognerà attendere l’identificazione delle altre vittime. In che mani sono gli altri due sequestrati italiani vivi?

Due vittime. “Le poche certezze di questa vicenda arrivano da quanto riferito da Giacomo Stucchi, presidente del Copasir, presso cui s’è recato Marco Minniti, sottosegretario ai servizi segreti. “I corpi dei due italiani uccisi in Libia ci auguriamo che siano presto in Italia. Pensiamo che possa accadere in tempo breve”, ha detto Stucchi.

Gli altri due italiani vivi, ma prigionieri. Sono vivi Gino Pollicardo e Filippo Calcagno, gli altri due italiani rapiti in Libia. È quanto ha riferito Minniti al Copasir. “È una situazione molto delicata – ha aggiunto – dobbiamo rispettare un rigoroso silenzio: ci sono altre due persone oggetto di sequestro, vogliamo poterle riportare a casa senza altri episodi drammatici”. “La priorità è salvarli”.

Il cordoglio di Boldrini. “Esprimo il grande dolore mio e dell’intera Camera dei deputati”, ha detto la presidente della Camera, Laura Boldrini. “Molto deve ancora essere chiarito – ha aggiunto – riguardo alle cause che hanno portato a questa tragedia, che nei prossimi giorni sarà anche all’esame del Parlamento. Ma intanto c’è lo strazio di due famiglie che per mesi hanno vissuto nell’angoscia e che oggi hanno perduto la speranza”.

I dubbi sul ruolo dell’Is. “Bisogna dimostrare che i sequestratori” degli italiani uccisi in Libia “fossero appartenenti all’Is”, ha detto ancora Stucchi. Il riconoscimento è stato effettuato direttamente sul posto e da funzionari già presenti a Sabrata.

Leggi ...

Mosca, “la baby sitter omicida non ha agito da sola”

095731020-7af37e79-f7d5-4303-8b98-48cd3bda9ea5[1]La donna, una uzbeka con squilibri mentali, ha ucciso e decapitato una bambina di 4 anni e ne ha portato la testa in strada. “Me l’ha ordinato Allah”
La donna accusata dell’omicidio e decapitazione di una bambina di quattro anni a Mosca, Gyulchekhra Bobokulova, ha confessato il delitto dicendosi pentita e ha spiegato alla stampa di averlo fatto “perché lo ha ordinato Allah”. Portata questa mattina davanti ai giudici che hanno stabilito l’arresto cautelare fino al 29 aprile, la donna – 38 anni, di origine uzbeka – ha detto di non opporsi alla decisione del tribunale. Come scrive l’agenzia Rbc, gli inquirenti hanno spiegato che la detenzione di due mesi è necessaria in quanto la Bobokulova potrebbe far pressione su testimoni o contattare i possibili mandanti dell’omicidio. Per ora l’indagine non specifica chi potrebbero essere queste persone.
La donna era stata arrestata il 29 febbraio, mentre gridava “Allah è grande”, vestita di nero e con il capo velato davanti all’uscita della metropolitana nella zona nord-occidentale della capitale russa. In mano aveva la testa mozzata della bambina, cui faceva da babysitter. Il portavoce del Cremlino, Dmitri Peskov, ha creato non poche polemiche approvando la scelta dei canali tv federali di non trasmettere la notizia. Secondo fonti di Rbc in diversi canali televisivi, le maggiori emittenti hanno ricevuto raccomandazioni di non mostrare immagini e dare notizie nei loro programmi dell’omicidio della bambina. Stando alle fonti, le autorità russe avevano paura che il caso fosse elevato a livello nazionale e potesse dar vita a tensioni a sfondo razziale e di odio religioso, che sempre serpeggiano a Mosca, megalopoli dalle diverse etnie e confessioni.
Gli inquirenti, che indagano per omicidio, hanno ordinato di sottoporre la donna a perizia psichiatrica, mentre secondo alcune fonti nelle forze dell’ordine, citate da Interfax, l’assassina sarebbe stata sotto effetto di sostanze psicotrope.

Leggi ...

Archivio