Rubriche

Category Archives: cronaca

Serie B, partite truccate dalla camorra: 10 arresti

094447744-1893997b-64fc-41ef-bae1-9399fa642c21[1]

Il blitz dei carabinieri ha portato alla scoperta di alcune partite del campionato di calcio di serie B della stagione 2013-2014, il cui risultato è stato alterato dal clan. In questo filone dell’indagine, ci sarebbero due persone indagate, di cui una è un calciatore che ora milità nella massima serie, però non raggiunto da misura cautelare
NAPOLI – I carabinieri di Napoli hanno arrestato 10 persone (7 in carcere e 3 ai domiciliari) del gruppo di camorra “Vanella Grassi” di Secondigliano in un’ operazione scattata all’alba nel capoluogo campano. Nei riguardi dei dieci è stata eseguita un’ordinanza di custodia cautelare al termine di un’inchiesta della Dda di Napoli sull’attività del clan su scommesse e partite di serie B. Durante le indagini è stata intercettata una telefonata nella quale si dice: “Dobbiamo mangiare tre polpette, abbiamo la pancia piena”. Il blitz dei carabinieri ha portato alla scoperta di alcune partite del campionato di calcio di serie B della stagione 2013-2014, il cui risultato è stato alterato dal clan. In questo filone dell’indagine, ci sarebbero due persone indagate, di cui una è un calciatore che ora milità nella massima serie, però non raggiunto da misura cautelare. Le due partite, finite nel mirino del pm, sono state disputate a maggio 2014. Identificati, inoltre, i componenti della rete di affiliati vicina al baby boss Umberto Accurso, arrestato l’11 maggio scorso.
Il calciatore indagato, per il quale non è stata chiesta la misura cautelare, è il difensore del Genoa e della nazionale Armando Izzo, indagato per concorso esterno in associazione mafiosa. Ci sono anche il centrocampista dell’Acireale, Francesco Millesi, già in forza all’Avellino, e l’ex calciatore Luca Pini. Nei riguardi dei tre si ipotizza il reato di partecipazione esterna ad associazione mafiosa. Sono due le partite per le quali la Dia di Napoli ipotizza il reato di frode sportiva. La prima è Modena-Avellino del 17 marzo 2014; la seconda è Avellino-Reggina del 25 maggio dello stesso anno. Secondo quanto ricostruito dagli inquirenti, attraverso Izzo, che fungeva da “contatto”, il capoclan Umberto Accurso e suoi sodali hanno attratto nell’orbita criminale altri soggetti: questi hanno messo a disposizione ingenti
somme di denaro per corrompere giocatori di una squadra campana di Serie B, influenzando direttamente le due partite disputate sotto inchiesta.

Nel corso delle indagini coordinate dalla Dda, i militari dell’Arma hanno inoltre identificato i componenti della rete di affiliati vicina ad Accurso e individuato gli specifici incarichi di armiere, capo piazza, pusher e distributori di “mesate” agli affiliati e ai familiari dei detenuti.

Leggi ...

E’ morto Marco Pannella. Aveva 86 anni. Bonino: “Non ha mai avuto i riconoscimenti adeguati”

145305370-dd9a6614-74db-4cba-89f1-056930d8d314[1]L’annuncio da Radio Radicale con il Requiem di Mozart. Da ieri era ricoverato in una clinica a Roma. Accanto a lui i leader radicali di lungo corso. Renzi: “Leone della libertà”. Mattarella: “Coscienza critica del nostro Paese”. Vaticano: “Suo impegno sempre generoso”. L’ultimo saluto sabato in piazza Navona, luogo di tante battaglie politiche Nella sua casa di via Panetteria, a pochi passi dal Quirinale, lo scorso 2 maggio Pannella aveva soffiato 86 candeline tra gli amici che non lo hanno mai abbandonato: in prima fila i due attivisti Matteo Angioli e Laura Harth. Ma proprio dal quel giorno le sue condizioni si sono aggravate. Lottava con un tumore al fegato e uno ai polmoni. Una malattia di cui, per scelta, parlava pubblicamente. Come la sua compagna di tante battaglie, Emma Bonino: “Mancherà a tutti, penso persino ai suoi avversari. Molto amato ma poco riconosciuto nei suoi meriti in questo paese che tanto gli deve”, ha detto a Radio Radicale l’ex ministro degli Esteri. “Credo che ora molti dovrebbero riflettere, ora che non è più in vita, sui suoi meriti e la sua presenza nella storia di questo Paese”.
Dallo scorso marzo si erano intensificate le notizie su un aggravamento delle condizioni di Pannella e l’anziano leader aveva interrotto tutte le attiività pubbliche. Si era ritirato nella sua casa romana, a due passi dalla Fontana di Trevi, dove aveva ricevuto le visite e l’omaggio di moltissimi compagni e uomini politici. Una specie di pellegrinaggio laico. Un omaggio, forse, tardivo. In clinica, oggi, i compagni radicali di lungo corso: Rita Bernardini, Sergio D’Elia e Elisabetta Zamparutti – responsabili di Nessuno Tocchi Caino – Alessandro Capriccioli, numero uno dei radicali a Roma, Riccardo Magi, segretario dei Radicali italiani.

Leggi ...

Travolto dalla motozappa, muore un 67enne di Roccadaspide

1725617_img_20160511_wa0010[1]

 

 

 

 

Un uomo di 67 anni è morto travolto dalla motozappa nella sua vigna, in località Fonte di Roccadaspide, al confine con il territorio del comune di Capaccio. La vittima, Nunzio Picardi, residente a Battipaglia, a quanto sembra era da solo quando è avvenuto l’incidente, questa mattina intorno alle 8.30. Sul posto, allertata la centrale operativa del 118 di Vallo della Lucania, è arrivata anche un’ambulanza, ma il personale sanitario non ha potuto fare più nulla per il sessantasettenne che sarebbe morto a causa delle gravi ferite riportate. Sul posto anche i vigili del fuoco di Eboli e i carabinieri della stazione di Capaccio, agli ordini del capitano Francesco Manna, che stanno effettuando i rilievi del caso per ricostruire l’accaduto

Leggi ...

Turchia, 5 anni e 10 mesi di reclusione al direttore del quotidiano

Il giornalista Can Dundar è sfuggito a un attentato davanti al tribunale, uscendone illeso: “So chi ha fatto di me un bersaglio”. Chiude anche il giornale ‘Zaman’: vendite crollate con linea pro-Erdogan. Era stato commissariato in marzo con l’accusa di far parte del presunto complotto di Gulen. Renzi: “Accordo con Ankara non può essere la sola soluzione”
È ancora allarme in Turchia per la libertà di stampa. Un allarme che preoccupa l’Unione europea, e lo stesso premier italiano Renzi, per ciò che riguarda l’accordo con il governo di Ankara. Il direttore del quotidiano turco d’opposizione Cumhuriyet, Can Dundar è stato condannato a 5 anni e 10 mesi di prigione per violazione di segreto di Stato con la pubblicazione dello scoop sul passaggio di armi in Siria. La corte ha fatto invece cadere le accuse per tentato colpo di Stato. Nello stesso processo, il suo caporedattore Erdem Gul è stato condannato a 5 anni. La procura aveva chiesto 25 anni per Dundar e 10 per Gul. Secondo quanto riferisce Ntv, il tribunale ha deciso che potranno restare a piede libero, in attesa del processo di appello, ma con un divieto di espatrio.

Dundar poco prima della sentenza era scampato a un attentato a colpi d’arma da fuoco davanti al tribunale di Istanbul. Nell’attentato un reporter che si trovava vicino a Dundar è rimasto ferito a una gamba mentre l’uomo che ha sparato è stato arrestato. L’attentatore ha sparato due colpi urlando “traditore” verso il giornalista. “Sto bene. So chi sono i responsabili, chi ha fatto di me un bersaglio” ha scritto su Twitter Dundar.

L’aggressore è stato identificato come Murat Sahin, 40enne di Sivas, nell’Anatolia centrale. La polizia lo sta interrogando per cercare di capire il movente dell’attacco ed eventuali legami con organizzazioni terroristiche. A bloccare l’attentatore del direttore di Cumhuriuyet, con la pistola ancora in mano, sono stati la moglie del giornalista, Dilek, e l’avvocato e deputato del partito di opposizione Chp, Muharram Erkek. “Stavamo uscendo dal tribunale per prendere un the” ha detto Dundar. “Camminavo con mia moglie quando un uomo si è avvicinato e ha gridato ‘Sei un traditore’, e ha sparato contro di me. Non mi ha colpito. Il proiettile ha colpito un collega. Prima mia moglie si è lanciata sull’uomo armato, poi un deputato (che assisteva al processo, ndr) lo ha afferrato da dietro. Non lo conosco, ma so chi l’ha incitato”.
Gul e Dundar hanno trascorso 92 giorni in carcere, circa la metà dei quali in isolamento, ma poi in febbraio la Corte costituzionale ha stabilito che la detenzione prima del processo fosse infondata perché le accuse scaturivano dall’attività giornalistica, portando alla loro liberazione. Il presidente Recep Tayyp Erdogan aveva detto che non rispettava quella sentenza. Erdogan aveva accusato i due di minare la reputazione internazionale della Turchia e aveva promesso che Dundar avrebbe “pagato un prezzo pesante”.
Ciò che avviene in Turchia pone sotto un’altra luce, pone un interrogativo sull’accordo”, tra Unione Europea e governo di Ankara, ha detto il presidente del Consiglio, Matteo Renzi, intervenendo allo State of The Union, a Palazzo Vecchio. “L’accordo con la Turchia non può essere la sola soluzione”.

“Le parole di Dundar – rilevano in una nota il segretario generale e il presidente della Fnsi, Raffaele Lorusso e Giuseppe Giulietti – si riferiscono alla violenta campagna di odio scatenata dal presidente Erdogan che ha fatto trascinare in tribunale Can Dundar e il suo collega Erdem Gul, accusati di essere complici dei terroristi per il solo fatto di aver fatto il loro mestiere di cronisti. Qualche giorno fa siamo andati a protestare davanti all’ambasciata turca, ora chiediamo alle istituzione europee di porre il tema della libertà di informazione al centro del negoziato con la Turchia”.
171819293-fbf9df82-b8c7-41d4-ae8b-6bb66274bbe6[1]

Leggi ...

Tragedia in provincia di Napoli: cancello scorrevole esce dai binari e travolge bimba di 4 anni, morta nel trasporto in ospedale

1703573_canccc[1]

Tragedia a Calvizzano, in provincia di Napoli. Una bimba di 4 anni, Emiliana Tarantino, è morta a causa di un cancello scorrevole uscito dai binari e che le è piombato addosso. La piccola è morta durante il trasporto all’ospedale San Giuliano. Genitori sotto choc.

Leggi ...

AMALFI, ARRESTI PER TRUFFA ED ESTORSIONE AI DANNI DI ANZIANI.

 

 

 

 

 

 

giovanni 1 giovanni] (1)I Carabinieri della Compagnia di Amalfi nella mattinata odierna hanno proceduto all’arresto di due persone per estorsione e truffa ai danni di una anziana.

Si tratta di L.R. cl. 1955, A.P. cl. 1977 della Provincia di Napoli, entrambi pluripregiudicati.

L’attività dei Carabinieri ha avuto origine qualche giorno fa’ quando sul territorio Costiero si sono verificati una serie di tentativi di truffe agli anziani, per lo più soli in casa,  i quali venivano chiamati sul telefono di casa,  raggirati e conviti, con varie scuse, a consegnare denaro contante, da presunti impiegati dell’INPS o poliziotti, assicuratori o avvocati. Tentativi spesso rimasti tali anche grazie alla campagna di sensibilizzazione promossa da Carabinieri e organi di stampa per mettere in guardia i cittadini dal fenomeno; e tentativi che hanno permesso ai Carabinieri di raccogliere elementi e dati utili alle identificazione dei soggetti.

Per l’appunto, nella giornata di mercoledì scorso, ad Atrani (SA), una signora anziana era stata contattata da un finto avvocato che le aveva falsamente fatto credere che il figlio fosse in stato di fermo dai Carabinieri perché aveva investito una persona e che quindi avrebbe dovuto consegnare 3000 euro per evitare che fosse arrestato. La signora, presa dal panico, aveva creduto a quelle parole ed aveva poi consegnato circa 3000 euro ad un finto collaboratore dell’avvocato che si era presentato dopo pochi secondi fuori dalla sua abitazione. Solo dopo la consegna ed aver raccontato la vicenda ai vicini, la signora ha contattato il figlio scoprendo di essere stato vittima di una truffa.

Da qui, i Carabinieri della Compagnia di Amalfi hanno raccolto ed analizzato determinati indizi sui malfattori ed hanno intensificato capillarmente i controlli sul territorio fino a notare, questa mattina, la loro presenza ad Amalfi. Hanno quindi organizzato un mirato e serrato servizio che ha permesso di arrestare in flagranza i due soggetti, un uomo ed una donna, che anche oggi erano riusciti nel loro intento: avevano infatti convinto, sempre con le stesse modalità, una signora (60enne) di Amalfi a farsi consegnare 2600 euro come somma utile a non far arrestare il figlio in stato di fermo dai Carabinieri per aver investito una persona in un gravissimo incidente stradale. I due malfattori, questa volta invece, sono stati bloccati a bordo della loro auto mentre tentavano di lasciare Amalfi in possesso della somma appena estorta. I due dopo gli accertamenti del caso saranno tradotti presso il carcere di Salerno-Fuori.

Leggi ...

Corruzione, cinque arresti a Caserta: coinvolti un imprenditore e quattro ufficiali dell’esercito

1679853_polizia_finanza[1]

Mazzette e stellette: il secondo atto dell’inchiesta che il mese scorso ha portato all’arresto di due colonnelli dell’Esercito Italiano e di un imprenditore, è sfociato, questa notte, in ordinanze bis per gli ufficiali Gaetano Mautone e Antonio Crisileo e per il costruttore Francesco Caprio e nell’arresto di altre quattro persone.

Del “sistema” di tangenti per manipolare gli appalti banditi dal Ministero della Difesa per la ristrutturazione e la manutenzione delle caserme dell’Esercito, facevano parte altre persone e, secondo la procura di Santa Maria Capua Vetere, anche il comandante del X Reparto Infrastrutture, quartier generale per l’affidamento dei lavori nelle caserme: in manette stanotte è finito così anche Eugenio Carannile.

Ordinanza di custodia, poi, per Raffaele Bisogno, capo ufficio lavori del X Reparto, e per Cinzia Giunta e Aniello Palomba, commissari delle  gare manovrate. Il blitz è stato eseguito dalla  Guardia di Finanza (in azione la compagnia diretta dal capitano Domenico Ruocco) e dalla Squadra Mobile di Caserta (coordinata dal vicequestore Alessandro Tocco) al culmine di un’inchiesta coordinata dalla Procura della Santa Maria Capua Vetere, diretta da Maria Antonietta Troncone. Le accuse riguardano numerosi casi di corruzione.

Leggi ...

Immigrazione, da Berlino no agli eurobond. Renzi: “Se Merkel ha altre soluzioni lo dica”

124301210-3f7ab4f9-2d67-4051-900e-aa64fbf76d23[1]Juncker “molto contento” del “migration compact” proposto dal premier, mentre la Germania invita a pensare ad “altre misure”. Come la tassa sulla benzina avanzata dal ministro Schaeuble. Consiglio Ue dei ministri degli Esteri a Lussemburgo. Gentiloni: “Interesse per la nostra proposta. E sono altri gli eurobond che non piacciono ai tedeschi”
L’Ue deve farsi carico del tema, noi abbiamo proposto gli eurobond, bene Juncker. Se la Merkel e i tedeschi hanno soluzioni diverse ce le dicano, non siamo affezionati a una soluzione. Ma sia chiaro che il problema lo deve risolvere l’Ue tutta insieme. L’Italia è tornata dalla parte di chi propone soluzioni non di chi urla”. Così Matteo Renzi in un intervista al Tg1, che segue la buona accoglienza ricevuta in seno alla Commissione europea dalla proposta italiana sui migranti, ma anche il “no grazie” dalla Germania sulla misura degli eurobond per finanziare investimenti nelle infrastrutture dei Paesi africani di origine e transito dei migranti.

La mancanza del consenso tedesco complica evidentemente il passaggio comunitario del “migration compact”, il pacchetto di misure proposto da Roma. Per il governo tedesco, non esiste “alcuna base per un finanziamento comune dei debiti per le spese sostenute dagli Stati membri per la migrazione” fa sapere il portavoce Steffen Seibert, ricordando che vi sono altri strumenti disponibili nel bilancio europeo. Il governo tedesco, assicura Seibert, “esaminerà in modo approfondito” le proposte di Renzi, ma la Germania resta “per una soluzione complessiva europea”, che tenga in considerazione anche la rotta del Mediterraneo. “È importante che noi pensiamo anche ad altre misure”. Tra “le altre misure”, Berlino inserisce una sua proposta riguardante gli strumenti finanziari per affrontare la crisi dei migranti: una tassa sulla benzina, di cui il ministro tedesco delle Finanze “Wolfgang Schaeuble ha già discusso col presidente Jean Claude Juncker”. riferiscono fonti Ue.

Il peso della posizione tedesca induce alla cautela anche la Commissione Ue sull’utilizzo degli eurobond. La portavoce Margaritis Schinas fa sapere che su quella precisa misura “sono state formulate anche altre proposte. Non posso dare, in questa fase, una posizione della Commissione Ue”. Per contro, la stessa portavoce esprime come “il presidente della Commissione Jean Claude Juncker” sia “molto contento” del “migration compact” promosso dal premier italiano, “lavoreremo a stretto contatto con Matteo Renzi”. Mentre il presidente del Consiglio europeo Donald Tusk manifesta

Leggi ...

Tramonti, torna dal funerale e trova morto in casa lo zio suicida

images[2]

Tramonti, Costiera amalfitana  è scossa per la notizia della morte di un uomo di Pucara, trovato cadavere in casa propria. A rinvenire il corpo senza vita dell’uomo una nipote, poco prima di mezzogiorno, al ritorno dal funerale della cognata, moglie del fratello, con i quali l’uomo viveva da anni. Per propria scelta M.E., di 67 anni, non avrebbe preso parte ai funerali e, stando alle prime frammentarie notizie giunte in redazione, si sarebbe tolto la vita, impiccandosi e provocando ulteriore sgomento nei familiari già scossi dal loro lutto. L’uomo, celibe, era stato visto per l’ultima volta intorno alle 7. Aveva detto ai parenti di non poter partecipare ai funerali perché dolorante a un piede. E’ stato trovato, in pigiama, dietro la porta d’ingresso, in sospensione, con una fune al collo, fissata ad un gancio. Il gesto estremo deriverebbe dal dolore provato per la morte della cognata che fino alla fine si era preso cura di lui in maniera amorevole. Sul posto sono giunti i Carabinieri della locale stazione diretti dal maresciallo Sebastiano Luca D’Aleo e i colleghi della Radiomobile per i rilievi del caso, che hanno inoltre notiziato il magistrato di turno che ha dato incarico al medico legale, dott. Giovanni Zotti, per l’esame esterno della salma. Confermata la morte asfittica da impiccagione. La salma è stata consegnata ai familiari. I funerali si svolgeranno domani, venerdì 15 aprile, alle 15,30, nella chiesa di Sant’Erasmo in Pucara Il

Leggi ...

AVVELENAMENTO CANI A TRAMONTI PREVENZIONE

IMG-20160323-WA000212985472_491108817727891_6010280834824807673_nWP_20160331_002Ci giungono segnalazioni di avvenuto avvelenamento di animali quali cani e gatti. Proprio alcune settimane fa a Tramonti, nella frazione di Cesarano, l’intossicazione di tre cani di grossa taglia, tramite bocconi avvelenati, disseminati a mo’ di esca per i poveri animali.

Per fortuna, cittadini di buon cuore, a proprie spese, hanno curato gli sfortunati, grazie al sapiente intervento di un veterinario della zona. Il bel gesto, la passione e l’amore verso questi nostri amici a quattro zampe, ha fatto si di lanciare una campagna di sensibilizzazione contro l’uso di questi metodi illeciti, esortando i compaesani a segnalare alle autorità competenti (Polizia Municipale, Carabinieri, Polizia di Stato, Corpo Forestale dello Stato, Guardia di Finanza, Polizia Provinciale) l’eventuale presenza di sostanze sospette.

Intanto da alcuni giorni continua la divulgazione di queste informazioni , “onde prevenire altri avvelenamenti di animali”, sia tramite social media che con la presenza sul territorio di locandine (vedi foto) a prevenzione e difesa dei cani e gatti da esche pericolose.

La civiltà di un paese si nota da come tratta gli animali, questi cani e gatti liberi sul territorio di Tramonti, paese prevalentemente con attività agricola, con tanto verde, più delle volte questi cani e gatti, sono conosciuti da tutti, giocano con i passanti e non fanno del male a nessuno, tanto da definirli  CANI  DI QUARTIERE, restano nei cortili, o vanno in strada seguendo qualche amico affezzionandosi a chi li vuole bene. Questo fenomeno non è nuovo a Tramonti, gia alcuni anni fa fu segnalato…segue:

Da Positanonews art. del 01.08.2013 Cronaca Tramonti: A Gete, in questi giorni, si sono verificate delle situazioni molto gravi riguardanti l’avvelenamento di animali e, precisamente, di cani. Pochi giorni fa alcuni cittadini hanno manifestato la loro “disapprovazione” nel vedere alcuni cani in giro per strada, soprattutto di stazza molto grande, minacciando più volte di avvelenarli e, guarda caso, a distanza di poco tempo in strada sono stati ritrovati cani avvelenati privi di vita. Uno è stato rinvenuto ieri mattina e un altro ieri sera, molto probabilmente avvelenati. Ce’ da dire che la carcassa del cane da ieri sera è “ancora” presente sulla strada, da come si può vedere nella drammatica foto oscurata per motivi di sensibilità verso le persone. Dopo numerose segnalazioni alle autorità competenti, come la Polizia Municipale ed i Carabinieri, nessuno è intervenuto sul posto per controlli riguardo questa situazione che sta cominciando a preoccupare seriamente i cittadini….-

I bocconi avvelenati, infatti, provocano sofferenze atroci agli animali e possono essere dannosi anche per l’uomo e per l’ambiente. La dispersione incontrollata di veleni come la stricnina, non annullandosi nel tempo, dà vita ad una reazione a catena di morti. Difatti le carcasse degli animali avvelenati sono letali per i carnivori che se ne cibano (rapaci diurni e notturni, aquile, lupi, ecc.). Il ricorso a queste esche costituisce un reato penalmente perseguibile ai sensi della L.N. 157/92 art. 21, che prevede sanzioni penali per chi ne fa uso (art. 30 comma h). Inoltre, contro il maltrattamento e l’uccisione di animali è in vigore la legge 189 del 2004, che prevede la reclusione da tre mesi a due anni e multe da 5mila a 30mila euro.

ULTIMA NOTIZIA 09.04.2016, si presume che detti animali, anche custoditi e passeggiando con guinzaglio lungo una strada o in una piazza, siano a rischio…segue da FaceBook questo notizia che riportiamo:

Ecco la causa dell’avvelenamento dei cani. Condividete e diffondete. State attenti ai vostri animali a quattro zampe. Per strada ci sono queste sostanze contro i topi ed accidentalmente possono ingerirli. Se era a norma questo non succedeva. Non si buttano così per strada sostanze del genere. Ci vogliono dei contenitori apposta in modo che gli animali non ne vengano a contatto ma solo i topi. Se succede qualcosa al vostro animale denunciate l’accaduto a chi è di dovere tale a prendere provvedimenti.” (foto manifesto)

DERATTIZZAZIONE

Ministero del lavoro, della salute e delle politiche sociali
ORDINANZA 18 dicembre 2008 (Pubblicato in: GU n. 13 del 17 gennaio 2009 – valida fino al 16 gennaio 2010)
Norme sul divieto di utilizzo e di detenzione di esche o di bocconi avvelenati.
In sintesi:
Vieta a chiunque l’uso improprio, la preparazione e l’abbandono di esche contenenti sostanze nocive per l’uomo, gli animali e l’ambiente.
Le operazioni di derattizzazione e disinfestazione, eseguite da ditte specializzate, debbono essere effettuate con modalità tali da non nuocere in alcun modo le persone e le altre specie animali, e pubblicizzate dalle stesse ditte tramite avvisi esposti nelle zone interessate, con indicazione della presenza del veleno e delle sostanze utilizzate.
I produttori di sostanze pericolose (topicidi, ratticidi, lumachicidi e nematocidi) devono aggiungere al prodotto sostanze che lo renda sgradevole ai bambini e agli animali non bersaglio. Nel caso dei prodotti commercializzati in forma di esca alimentare, la loro somministrazione deve essere effettuata esclusivamente in contenitori con accesso al solo animale bersaglio.

Leggi ...

Archivio