Rubriche

Category Archives: cronaca

Tragedia del mare a Palinuro tre sub morti in un’immersione

1918791_IMG_8898[1]

Ennesima tragedia del mare a Palinuro. In località Ribatto, nei pressi di Cala Fetente, tre sub sono morti in un’uscita organizzata dal centro Mauro Sub di Centola.

L’immersione del gruppo di dodici persone era stata autorizzata dalla capitaneria di porto di Palinuro. Alla guida il titolare del centro Padi, Mauro Cammardella. Sembra che durante l’immersione uno dei sub, turista milanese, si sia avventurato in una cala conosciuta come grotta della Scaletta. Cammardella e un altro sub esperto avrebbero seguito il turista e non sarebbero più riemersi.  L’allarme è stato lanciato dalla capitaneria di porto quando il gruppo non ha fatto ritorno alla base. Il nucleo sommozzatori dei vigili del fuoco ha individuato il gruppo e portato in salvo i primi nove sub. Inutili i tentativi di salvare gli altri tre. I loro corpi sono stati identificati ma non ancora recuperati. Insieme al turista milanese Silvio Anzola, risultano dispersi il titolare del centro sub, Mauro Cammardella, e Mauro Tancredi.

Sul posto è arrivato il sostituto procuratore Palumbo del tribunale di Vallo della Lucania. Attesa anche una squadra speleosub specializzata dei vigili del fuoco, partita da Roma per recuperare i tre cadaveri. I corpi, infatti, sono incastrati nella grotta ad almeno cinquanta metri di profondità. I sommozzatori di Salerno riescono soltanto ad intravedere le pinne.

«Sono tre sub esperti, sui 45 anni, due sono della zona ed uno è di Milano» ha riferito il sindaco di Centola Carmelo Stanziola, che si è recato è in Capitaneria di Porto per seguire la vicenda.

Leggi ...

Salerno,ucciso nel parcheggio del Decathlon: è un marocchino, l’hanno sgozzato

1906934_aaam.jpg.pagespeed.ce.SfR-KKo-fR[1]

Il corpo senza vita di un uomo è stato trovato in una pozza di sangue nel piazzale antistante il megastore Decathlon a Montecorvino Pugliano. La vittima, che non aveva documenti, è stata identificata dai carabinieri: si tratta di un marocchino di 35 anni, senza fissa dimora. L’uomo è stato sgozzato, si ipotizza durante una lite tra stranieri finita in tragedia. Colpito alla giugulare con il coccio di una bottiglia, è morto per la profonda ferita. Il corpo è stato trovato riverso nei pressi di un chiosco antistante l’area parcheggio del megastore sportivo. È in corso un sopralluogo dei carabinieri della sezione investigazioni scientifiche del Nucleo investigativo di Salerno per chiarire le cause del decesso.

Leggi ...

Nuoro, uccide i vicini e fugge: arrestato pensionato di 82 anni

1906292_carabok.jpg.pagespeed.ce.j0Iq3BSQUE[1]

È stato arrestato nella notte Peppuccio Doa, il pensionato di Arzana (Ogliastra) di 82 anni che ieri pomeriggio ha sparato e ucciso a colpi di pistola i fratelli Andrea e Roberto Caddori di 43 e 46 anni, intervenuti per sedare una lite a casa dell’anziana sorella dell’omicida. Doa, che dopo il duplice omicidio si era dato alla fuga, è stato rintracciato alle 3 nell’ospedale di Lanusei, dove si era presentato accusando un malore, ed è stato arrestato dalla Polizia.
Gli uomini del Commissariato di Polizia di Lanusei e della Squadra mobile di Nuoro hanno notificato in ospedale al presunto assassino il fermo emesso dal sostituto procuratore di Lanusei Biagio Mazzei. Appena le condizioni di salute lo consentiranno, Doa sarà interrogato dalle forze dell’ordine, a cui dovrà spiegare qual è stato il motivo che ha scatenato la sua follia omicida. Le salme dei fratelli Caddori intanto sono state trasferite all’ospedale di Lanusei dove oggi verrà eseguita eseguita l’autopsia.

Leggi ...

Positano, arrestati due bulgari per aver manomesso un bancomat

 

 

 

 

carabinieri_mitra[1]I Carabinieri della Stazione di Positano nella scorsa tarda serata hanno arrestato due soggetti di origine bulgara in flagranza di rato per aver manomesso un bancomat.

I militari dell’Arma, negli scorsi giorni avevano rinvenuto un cosiddetto SKIMMER, cioè un dispositivo capace di leggere ed immagazzinare i dati della banda magnetica delle carte, apposto in uno sportello bancomat del Comune. Hanno quindi intensificato i controlli del territorio con particolare attenzione a tutti gli sportelli automatici e proprio ieri nel tardo pomeriggio hanno individuato dei particolari che facevano presumere la manipolazione di quello della filale Monti dei Paschi di Siena, in pieno centro. I Carabinieri hanno quindi attuato un servizio di osservazione ed atteso che gli autori tornassero a recuperare lo skimmer o ad immagazzinare i dati, come poi è avvenuto dopo alcune ore di appostamento quando i due bulgari si sono avvicinati al Bancomat ed hanno iniziato ad armeggiare. Per i militari dell’Arma è stato il segnale inequivocabile che si trattasse dei responsabili  e li hanno quindi bloccati ed arrestati, per poi associarli alla Casa circondariale di Salerno Fuorni.

Lo skimmer era composto da un piccolissimo lettore magnetico alloggiato nella fessura di inserimento delle carte e da una microtelecamera autoalimentata per captare i codici PIN.

L’Arma raccomanda di prestare la massima attenzione durante le operazioni di prelevamento e di chiamare il 112 in caso di incertezze.

Leggi ...

La fine orribile del prete pedofilo brasiliano citato nel film “Spotlight”: si è impiccato

1902785_buzzi.jpg.pagespeed.ce.lusKtGgHcP[1]

Si è impiccato con una corda nella sua cella usando delle lenzuola. Padre Bonifacio Buzzi, un prete brasiliano arrestato per pedofilia e citato nel film vincitore dell’Oscar 2016 ‘Spotlight’, si è suicidato così nella sua cella del carcere di Tres Coracoes, nello stato di Minas Gerais. Secondo il direttore del penitenziario, il prete di sarebbe impiccato con una corda ricavata annodando le lenzuola. La vicenda di padre Buzzi venne raccontata nel film ‘Spotlight’, basato sull’inchiesta del Boston Globe che svelò i casi di pedofilia commessi da sacerdoti e le protezioni della Chiesa cattolica. Il prete venne condannato una prima volta a 20 anni di reclusione nel 2007 per lo stupro, avvenuto sei anni prima, di un bambino di 9 anni. Nel 2015, venne però scarcerato e contro di lui furono presentate altre denunce. Arrestato nuovamente, venne messo in libertà lo scorso anno. Sabato scorso, è stato arrestato per lo stupro di altri due minori nella zona rurale di Tres Coracoes, il paesino celebre in Brasile per aver dato i natali a Pelè, e ieri è stato trovato impiccato nella sua cella d’isolamento.

Leggi ...

Droga, il racconto del trafficante: la coca invisibile ai raggi X? Nella pancia dei cani

ED-img7684302-990x783[1]Un banale controllo di polizia. L’auto che si ferma, gli agenti che chiedono i documenti. Il controllo non poi così è banale, ma soltanto simulato. La persona viene fermata. Su di lui l’accusa di aver trafficato cocaina con membri dei Latin King, banda criminale sudamericana. Eppure, al netto dell’inchiesta, quel fermato, una volta portato davanti ai pm della Procura di Milano, racconta ancora un’altra storia, svelando scenari inaspettati, collegamenti con i cartelli colombiani.

Per capire basta leggere i passaggi del suo straordinario verbale: “Mi chiamo Lenny Barsanti sono nato a Livorno il 28 maggio 1980. Sono uscito il 13 aprile 2012 dal carcere delle Baumette a Marsiglia, dove ero detenuto per narcotraffico. In quanto cittadino italiano, alla fine della pena i poliziotti francesi mi hanno accompagnato fino all’aeroporto di Fiumicino. Mi occupo di narcotraffico tra l’America latina e l’Europa da circa 14 anni. Ero sposato con Luzbalvina Prieto Marquez, figlia di un luogotenente del Cartello del Golfo, associato al braccio armato degli Zetas, mentre io lavoravo con il cartello messicano di Sinaloa perché ero stato presentato da personaggi del cartello del Norte del Valle, narcotrafficanti colombiani. Dentro il carcere di Marsiglia ho inventato un nuovo sistema di trasporto di cocaina che utilizza i cani vivi”.

Larry Barsanti racconta tutti i dettagli del suo innovativo metodo: “La sostanza viene inserita dentro un cilindro di circa 250 grammi; prima la avvolgo nel cellophane, poi viene chiuso sottovuoto, poi nuovamente nel cellophane, poi nella carta carbone (affinché i raggi X non possano penetrare l’involucro), dopodiché ancora il cellophane e dopo uno scotch di vinile nero (ancor più resistente ai raggi X). Finito l’involucro è pronto per essere inserito dentro cani di grossa taglia tipo San Bernardo, Gran Danese, Dog de Bordeaux, Mastino Napoletano e Labrador. Il cane viene preparato a Città del Messico, per mano di un veterinario di nome Lallo, che opera un taglio cesareo e inserisce cinque, massimo sei involucri preparati, nel diaframma di ogni cane”.

Perché il viaggio risulti economicamente davvero vantaggioso, “dovevo spedire almeno due cani per ogni passeggero. Nell’ultimo anno, sempre attraverso lo scalo di Madrid, sono entrati ben 48 cani e nessuno di loro è mai stato fermato in quanto il sistema era davvero infallibile. Ogni cane aveva microchip ed era regolarmente denunciato. Con questo metodo sono riuscito a evitare addirittura i controlli dell’aeroporto di Santa Cruz della Sierra in Bolivia, che è uno dei più controllati al mondo. Una volta arrivati a destinazione il cane veniva aperto e la mercanzia veniva estratta, per un totale di circa 1.250 grammi circa per ogni cane.

La cocaina è purissima, continua a raccontare Larry Barsanti, “il mio capo in Messico è Raffael Niebla detto il Calcio, lui voleva costituire un proprio allevamento perché stavamo comprando troppi cani e le acque si stavano muovendo troppo. Rafael è davvero una personalità importante all’interno del cartello Messicano dei Sinaloa il quale è presente in ben 38 Paesi ed è davvero pericoloso. Io in particolare possiedo sia la cittadinanza italiana che quella colombiana e parlo perfettamente sei lingue. Sul campo sono diventato un vero e proprio chimico del narcotico, sono in grado di trasformare le foglie di coca in pasta; dalla pasta alla base; dalla base alla base riossidata e da questa in cocaina idrocloridrica. Oggi ho colto l’occasione e ho deciso di fare quello che nel gergo dei narcos si chiama crossover, ovvero un taglio netto e totale con la vita precedente. Ovviamente per quanto sto riferendo sono in serio pericolo, ma intendo collaborare con la giustizia e cambiare del tutto vita”. Era l’estate del 2012. Da allora di Lenny Barsanti si sono perse le tracce.

Leggi ...

Scala, denunciati 4 persone per aver trasformato un suolo agricolo in un Eliporto

9862645[1]

Nella giornata di ieri i Carabinieri della Stazione di Ravello, a conclusione di un apposito servizio di controllo del territorio, hanno denunciato all’Autorità Giudiziaria 4 persone di Scala dopo aver accertato che le stesse avevano trasformato un fondo a destinazione agricola in località Magliuolo (fraz. San Pietro) in un Eliporto su cui appunto permettere l’atterraggio ed il decollo di elicotteri turistici. Nell’area di circa 800 mq erano stati costruiti alcuni manufatti inerenti l’eliporto (zona di atterraggio, sala d’aspetto e bagno) in totale assenza delle necessarie autorizzazioni. Il tutto in zona sottoposta a vincolo paesaggistico. Dopo il sopralluogo dei militari e dei tecnici del Comune, tutta l’area è stata sottoposta a sequestro e sono stati informati gli organi  competenti per le successive valutazioni.

Non è il primo sequestro effettuato dai Carabinieri della Compagnia di Amalfi quest’anno nel contrasto al fenomeno dell’abusivismo edilizio. Dal primo gennaio 2016 sono oltre 50 le persone denunciate nel territorio costiero, fra proprietari e direttori dei lavori, che senza i dovuti permessi avevano costruito piccoli appartamenti o depositi modificato quelli già esistenti ricavando nuovi spazi.

Leggi ...

Terrore a Monaco, suicida l’attentatore: è un tedesco-iraniano. Almeno 10 morti nell’assalto al centro commerciale

1872307_polizia123.jpg.pagespeed.ce.uRvAhCPLJl[1]Terrore in Germania. Sono almeno 10 i morti, uno è il killer suicida, e 16 i feriti, in una strage in un centro commerciale di Monaco di Baviera. L’attentatore, un 18enne tedesco-iraniano, ha sparato colpi di pistola prima fuori da un ristorante McDonald e poi nel centro commerciale contro persone che facevano compere, infine si è suicidato.

In un video il killer, che agisce da solo, parla con qualcuno e dice «sono tedesco», nato in Germania, in un quartiere povero. Nessun elemento indica un’eventuale matrice islamica dell’attacco. Oggi comitato interministeriale federale per la sicurezza convocato dalla cancelliera Angela Merkel. Ancora oscuri i motivi della strage: terrorismo o follia le due ipotesi.

Il killer, con doppia cittadinanza tedesca e iraniana e da diversi anni residente a Monaco, ha iniziato a sparare con una pistola poco prima delle 18 davanti al fast food. È stato inseguito da agenti in borghese e poi, come confermato dal capo della polizia di Monaco, Hubertus Andrae, si è suicidato a circa un chilometro dal centro commerciale «Olympia» dove ha completato la strage. Nonostante prime informazioni generate da un’auto partita a forte velocità con tre persone a bordo estranee alla strage, viene escluso che il giovane tedesco-iraniano avesse
complici o ci fossero altri due attentatori.

Il capo della polizia ha sostenuto che al momento non vi sono elementi che indichino una matrice islamica dell’attacco o un «parallelismo» con il recente attacco a colpi di ascia e coltello sul treno a Wuerzburg, anche se una testimone ha riferito alla Cnn che il killer, prima di sparare su bambini seduti al tavolo, ha gridato Allah Akbar. Saranno comunque indagini su contatti e parenti del giovane a dare elementi più certi, ha detto Andrae che in nottata si è limitato a parlare di «sparatoria».

Il diciottenne autore della strage di Monaco viveva con i genitori nella periferia della città a Maxvorstadt. Lo riferisce la Bild aggiungendo che la casa è stata perquisita intorno alle due dalla Polizia. Il padre dell’attentatore di
è stato portato nella caserma della polizia per essere interrogato.

Oltre a un video che lo ritrae mentre spara davanti al fast food, un altro filmato getta una qualche luce sullo sparatore: una persona, da un palazzo adiacente al centro commerciale, lo insulta chiamandolo con l’equivalente tedesco di «stronzo». Lo scambio fra i due avviene in dialetto bavarese. L’attentatore si sente dire «sono tedesco», nato in Germania, in un quartiere povero e abitato da percettori di sussidio pubblico (Harz IV).

La strage, a pochi giorni dall’assalto di un diciassettenne su un treno, sempre in Baviera, è avvenuta nel tardo pomeriggio in un centro commerciale pieno di gente di venerdì sera, con uffici appena chiusi, vacanze scolastiche appena iniziate ed i saldi nel loro pieno. È il panico. Il giovane spara più volte con una pistola uccidendo dieci persone, tra cui anche adolescenti, e ferendone 16 di cui tre in maniera «grave» (sono in pericolo di vita), ha reso noto in nottata la polizia precisando che fra i feriti vi sono anche «bambini». La gente scappa dal centro commerciale urlando e piangendo.

La metropolitana viene completamente chiusa in tutta la città e il cessato allarme arriverà solo verso l’una e 30 di notte, la stazione ferroviaria viene evacuata e sono bloccati tutti i treni in partenza e gli accessi alla città, dove l’atmosfera è spettrale, così diversa da quella normalmente allegra di un classico venerdì d’estate nella capitale della Baviera. La paura si sparge pure nelle zone centrali, dove ad alcuni clienti è impedito di uscire dai negozi. Ed è allarme in tutto il Paese, mentre alla cancelliera Angela Merkel arrivano messaggi di solidarietà dall’Europa e dalla Casa Bianca, che parla di «terrorismo».

Anche l’Iran condanna la strage di Monaco, affermando che «la lotta contro il terrorismo, in qualsiasi forma ed ovunque, dovrebbe essere vista come una richiesta seria ed urgente della comunità internazionale, e dovrebbe essere una costante per tutti i paesi». Lo ha affermato il portavoce del ministero degli Esteri di Teheran, Bahram Qassemi, citato dall’agenzia Fars. Per Qassami, «uccidere persone innocenti e senza difese è una vergogna nella storia dell’umanità», e il terrorismo «può essere sradicato solo attraverso una lotta globale ed evitando due pesi e due misure».

Leggi ...

Strage a Nizza, camion contro la folla. Cazanueve: “80 morti, 100 i feriti”. Prefettura: “Attentato terroristico”

15914803_small-200x200[1]

Un tir si è scagliato a 80 chilometri orari contro la folla sul lungomare, dove erano in corso i festeggiamenti per il 14 luglio. Una corsa a zigzag per due chilometri mentre dall’interno l’autista – poi ucciso dalla polizia – sparava all’impazzata sui passanti. Inchiesta affidata all’antiterrorismo. L’uomo era un 31enne di origini tunisine. La polizia cerca altri complici. Il ministro dell’Interno nelle prime ore del mattino comunica il numero delle vittime. Ma 18 persone, aggiunge, “sono in stato di urgenza assoluta”
Era in corso lo spettacolo dei fuochi artificiali sulla promenade Des Anglais, il lungomare di Nizza, per la festa nazionale del 14 luglio. Centinaia, migliaia di francesi e turisti in strada. All’improvviso un camion di 15 metri è partito a tutta velocità e si è scagliato a “80 chilometri all’ora” sulla folla per un lungo tratto della promenade, forse due chilometri. Procedeva a zigzag per falciare il maggior numero di persone. L’autista, poi, sparava all’impazzata colpi di mitra sui passanti. Un minuto e mezzo di terrore che ha provocato un massacro. Almeno 80 i morti e oltre cento in feriti, di cui 18 – dice il ministro dell’Interno Bernard Cazanueve – in condizioni di assoluta criticità. La prefettura, citata dalla stampa francese, parla di “attentato premeditato” e chiede agli abitanti di restare barricati in casa. E l’inchiesta sulla strage di Nizza è stata affidata alla procura antiterrorismo.L’autista del tir – a bordo del quale sono state trovate armi, fucili e granate – è stato ucciso dalla polizia. Si tratta di un francese “di Nizza di origini tunisine di 31 anni”, riferisce il quotidiano locale Nice-Matin che, secondo l’emittente iTele, era noto alla polizia per reati di piccola entità, mentre non era noto ai servizi. E’ stato riconosciuto perché portava con sé il documento di identità. Il mezzo sul quale era a bordo è stato crivellato dalle forze dell’ordine. Ma uno o più suoi complici, riferiscono alcuni media, sarebbero fuggiti. La polizia cerca in ogni caso altre persone. Gli analisti sentiti dai media a caldo dopo l’attacco parlano di una “nuova modalità di attacco”, mai vista in Europa ma già utilizzata in Medio Oriente. E anche il Site, che monitora i siti jihadisti, ricorda che Al-Qaeda in passato aveva suggerito di utilizzare pick-up per “uccidere chi non è fedele ad Allah“. Intanto in rete i sostenitori dell’Isis celebrano la strage.

Leggi ...

Maiori, investita bambina di 11 anni. Denunciato un uomo , viaggiava in scooter sotto effetto di stupefacenti

images-32[1]

Maiori, Costiera amalfitana ieri alle 20 in via Nuova Chiunzi una ragazzina di 11 anni è stata investita da un ciclomotore mentre percorreva la strada in Via Nuova Chiunzi . Ricoverata a Salerno perchè sull’ospedale Costa d’ Amalfi a Castiglione di Ravello la sera non funiona la radiologia. Ora sta bene . Rimane uno scandalo la mancanza della radiologia di sera in Costiera amalfitana che serve per accertare se vi sono dei danni.  A conclusione dell evento dell investimento della ragazzina. I militari dell’Aliquota Radiomobile della Compagnia di Amalfi, hanno denunciato a piede libero per lesioni stradali l’uomo che viaggiava in scooter. Gli accertamenti sanitari a cui è stato sottoposto hanno mostrato l’assunzione da parte dell’uomo di sostanze stupefacenti e per questo è stato anche deferito per guida in alterazione psicofisica -sotto l’effetto di stupefacenti..

Leggi ...

Archivio