Rubriche

Category Archives: cronaca

Traffico di droga e rapine tra Salerno e Napoli: 62 indagati, ​sgominate cinque bande

1988262_caraauto1-jpg-pagespeed-ce-aydacta2b71

Dalle prime ore dell’alba, i carabinieri del Comando Provinciale di Salerno hanno in corso una vasta operazione di polizia giudiziaria, che interessa diversi Comuni della Piana del Sele, dei Picentini e della provincia di Napoli, in esecuzione di un provvedimento cautelare emesso dal Gip presso il Tribunale di Salerno su richiesta della locale Direzione Distrettuale Antimafia, nei confronti di 62 indagati, «ritenuti responsabili, a vario titolo, di far parte di cinque diversi gruppi criminali operanti nelle aree indicate, uno dedito alle rapine ai danni di esercizi commerciali, gli altri quattro di traffico e spaccio di ingenti quantitativi di sostanze stupefacenti di vario genere». Contestualmente i militari stanno eseguendo numerose perquisizioni locali e domiciliari in varie località della Piana del Sele e dell’hinterland partenopeo.

Leggi ...

Tiziana, indagini sul mercato hard sequestrati pc e telefoni dell’ex

1970688_ts-jpg-pagespeed-ce-4dchce1-zk1

Sequestrati due computer e una decina di iPhone. Mezzi informatici utilizzati per lo più dall’ex fidanzato di Tiziana Cantone, Sergio Di Palo. Un imprenditore con il quale la giovane per un breve periodo ha anche convissuto. L’analisi dei contenuti è complessa. Ma è un primo passo per fare chiarezza. La procura di Napoli nord accelera i tempi dell’indagine per istigazione al suicidio di Tiziana Cantone e chiude il cerchio attorno a una lista di nomi entrati a pieno titolo in alcuni verbali acquisiti al fascicolo curato direttamente dal procuratore Francesco Greco e dal sostituto Rossana Esposito. Allarga, però, la prospettiva investigativa puntando anche sul traffico di gadget con sopra impressa la frase pronunciata da Tiziana durante un rapporto sessuale filmato e messo in rete. Persino «ebay», il sito dello shopping online più visualizzato al mondo, propone la vendita della maglietta bianca con sopra impressa la frase «Stai facendo il video? Bravo». Tiziana si è tolta la vita proprio a causa di quel filmino hard diventato popolare e virale, ipotizzano gli inquirenti.

Una decina sono i testimoni ascoltati come persone informate dei fatti dal procuratore Greco ieri e giovedì. E tra queste anche alcune amiche di Tiziana. Tutti puntano il dito su un gruppo ristretto di persone che frequentava Tiziana quando era in preda ai fumi dell’alcol e si faceva filmare mentre consumava un rapporto sessuale. Si procede, per ora, solo per istigazione al suicidio.

In Procura a Napoli il secondo procedimento nei confronti di quattro indagati per diffamazione di Tiziana va, dopo un anno, verso la chiusura. Il fascicolo napoletano nelle mani del pm Alessandro Milita potrebbe portare alla richiesta di rinvio a giudizio dei quattro o all’archiviazione nei confronti di alcuni indagati che avrebbero ricevuto il video su WhatsApp, ma non lo avrebbero diffuso in internet. Lunedì il vertice in Procura a Napoli nord potrebbe sancire l’unione dei due fascicoli. Di Tiziana non resta che questo: il processo. Nessun cartellone c’era ai funerali per dire: «Non ti dimenticheremo». In fondo lei, la bella Tiziana, voleva proprio questo: essere dimenticata.

Leggi ...

Tiziana suicida per video hard, aperta un’inchiesta per istigazione al suicidio. La madre: doveva pagare 20mila euro di spese legali

imageswp911mhj

Indaga la procura di Napoli Nord. Gli utenti su Facebook: “Non continuate a mostrare quelle clip”. Il dolore della mamma: “Non ho fatto in tempo a fermarla”. Il ministro Boschi: “Mai dire: se l’è cercata”

Sulla morte di Tiziana, la donna che si è tolta la vita dopo la diffusione di alcuni video hard, il procuratore capo di Napoli Nord, Francesco Greco,  conferma: “Abbiamo aperto un’inchiesta per istigazione al suicidio e presto acquisiremo anche l’ordinanza del giudice che si era pronunciato sul ricorso d’urgenza promosso dalla giovane per rimuovere quel materiale da tanti motori di ricerca “.

La Procura indaga e il web chiede giustizia e finalmente “l’oblio”. “Non l’avevo vista per tutto il giorno, non ho potuto fermarla”, si dispera ora la madre, nella villetta ai margini del paesone in provincia di Napoli, dove Tiziana viveva anche con una zia. Sua madre, la signora Maria Teresa, devastata dal dolore, agli investigatori ha rivelato un ulteriore motivo di turbamento della figlia: anche se aveva ottenuto una sentenza favorevole del tribunale sul diritto all’oblio (alcune società come Facebook e Sem srl erano stati condannate a rimuovere i video hot ma personali in cui era ritratta Tiziana) , la donna, considerata consenziente, era comunque stata condannata a pagare 20mila euro di spese legali.  Nello stesso dispositivo, tuttavia, il giudice Monica Marrazzo condannava innanzitutto le sue controparti – Facebook, Sem Srl , Alaimo Ernesto, Ambrosino Pasquale, RG Produzioni srl – a versare oltre 21 mila euro complessivi in favore di Tiziana.

Due cifre che, nella sostanza, si sarebbero compensate, ma che comunque spettavano a soggetti diversi. E quindi vi sarebbe stato bisogno  di ulteriore e complessa assitenza legale.  Un ulteriore problema che gravava sulla vita di una ragazza segnata dalla gogna pubblica.

La storia di Tiziana aveva fatto il giro del web, una sua ingenuità era diventata un incubo, finito in tragedia e purtroppo, questa, tutt’altro che virtuale. La ragazza, della provincia di Napoli, figlia del gestore di un bar, aveva perso il lavoro, non poteva più mostrarsi in pubblico, dopo che alcuni suoi  “amici” avevano diffuso via internet e sugli smartphone alcuni video hard.

Leggi ...

Marieke Vervoort: «Sogno l’oro alle Paralimpiadi di Rio e poi l’eutanasia»

marieke-593x4431

La scelta estrema della campionessa di Londra 2012 nei 200 metri su sedia a rotelle. L’atleta, 37 anni, ha annunciato che chiuderà la sua carriera sportiva e la decisione di porre fine a una vita di dolori cronici, facendo ricorso alla legislazione del Belgio Può sembrare un paradosso. Si può essere grandi atleti ma convivere ogni giorno, da 20 anni, con un dolore cronico provocato da una malattia spinale degenerativa incurabile. Si può correre con fiato, testa, energia, facendosi trascinare dal tifo del pubblico, ma dentro decidere di non voler convivere per sempre con un dolore estremo. Insomma, scegliere dopo aver tagliato il traguardo, di porre fine alla propria vita. Marieke Vervoort, atleta belga 37enne, sta per disputare a Rio le sue ultime Paralimpiadi, con alle spalle due medaglie — oro e argento a Londra su 100 e 200 metri — e 5 titoli mondiali. Una sprinter su carrozzina paragonabile a Usain Bolt come risultati. Eppure, come racconta l’Independent, dopo Rio l’atleta ha deciso di ricorrere all’eutanasia che nel suo Paese, il Belgio, è legale con l’approvazione scritta da parte di tre medici (grazie a una legge del maggio del 2002 entrata in vigore il 20 settembre dello stesso anno). Il testo sulla «morte dolce» è stato approvato con 86 voti favorevoli, 51 contrari e 10 astensioni. Il dispositivo, nello specifico, prevede che il medico che pratica l’eutanasia non sarà più perseguibile penalmente se rispetterà le condizioni indicate dalla legge. Egli dovrà assicurarsi che il paziente sia «maggiorenne» (in Olanda il limite è di 16 anni) e in grado di intendere e di volere. Spetterà ancora al medico verificare che la malattia sia incurabile e provochi una «sofferenza fisica o psichica costante ed insopportabile». 

«Vivere come un vegetale» sarebbe la sconfitta più grande

«Finirò la mia carriera dopo i Giochi. Poi, vedremo ciò che la vita porta e cercherò di fare il meglio. Nonostante la mia malattia, sono stata in grado di provare cose che gli altri solo sognano», aveva detto l’atleta ad agosto. «Quelli che mi circondano, spesso, non vedono l’altra parte di me. Dormo a volte solo 10 minuti a notte per i dolori». Tutti la vedono sorridere e gioire per i trionfi conseguiti, ma Marieke non può nascondere che «vivere come un vegetale» sarebbe la sconfitta più grande. Anche fuori dal campo. «Vorrei che tutti quelli che mi conoscono alzassero un bicchiere di champagne e dicessero insieme “cheers Marieke”, ti auguriamo il meglio, hai avuto una buona vita. Il segreto di tutto è qui, nella testa».

Amore, giovinezza e malattia nel cinema

Quella di Marieke è una storia che molti registi hanno portato sul grande schermo. Eutanasia, testamento biologico, malattia sono temi d’attualità non solo per la politica, ma anche per il cinema. Come ricorda Mario Pappagallo su Marilyn, i titoli più noti sono «Il paziente inglese» (1996) di Anthony Minghella, tratto dall’omonimo romanzo dello scrittore canadese Michael Ondaatje, e «Le invasioni barbariche» (2003) di Denys Arcand, premio Oscar come miglior film straniero .

 

Leggi ...

Migrante senza un rene indagine per traffico d’organi

lapr0233-0005-kfcf-u43220770750304iwf-1224x916corriere-web-sezioni-593x4431

 

 

 

Milano, il caso scoperto all’ospedale San Carlo: «Il profugo forse operato senza consenso». Il pm ai medici: segnalate altre situazioni simili

Volendo, si potrebbe premere sul sensazionalismo: perché nei documenti che circolano in queste ore negli ospedali milanesi c’è davvero l’espressione «traffico internazionale di organi» di stranieri migranti. Ma sarebbe prematuro farlo, pur se prematuro è forse anche minimizzare a priori, visto che in questa storia l’unica cosa sicura è che un rene non sta più nel posto giusto dove doveva stare, e cioè nel fianco sinistro di un migrante. E allora ecco cosa si può seriamente dire, al momento, all’esito delle verifiche sinora possibili.
È la fine di agosto quando un cittadino africano adulto, attorno ai 35/40 anni, scappato dal Sudan, approdato in Italia con i barconi e gravitante su un centro di accoglienza di Milano, arriva all’ospedale San Carlo. Nel corso della visita, il medico si accorge che l’uomo ha delle cicatrici a sinistra, corrispondenti a una nefrectomia: è insomma il segno che ha subìto l’asportazione di un rene.

Nessun ricordo dell’operazione

saputo, accenna confusamente a una volta nella quale sarebbe stato narcotizzato quando l’anno scorso stava in Libia in attesa del modo di imbarcarsi per l’Italia, e fa dunque capire che il rene gli sarebbe stato asportato senza che lui ne fosse consapevole e quindi contro la sua volontà. Dall’ospedale parte una segnalazione alla Procura. Che, appena la riceve, manda la polizia a rintracciare il sudanese per interrogarlo meglio e verbalizzare in termini formali la sua testimonianza. Ma ciò non risulta possibile perché gli agenti del commissariato non trovano più l’uomo nel centro di accoglienza cittadino, dal quale evidentemente si è allontanato rendendosi irreperibile.
Aveva detto il vero? Oppure aveva ammantato di violenza la sua decisione di vendere il rene per pagare la traversata agli scafisti? Senza più la potenziale «parte offesa» di un fascicolo iscritto in Procura per l’ipotesi di reato di «lesioni gravissime», il 2 settembre il pm Alberto Nobili prova allora a domandare ai vari ospedali milanesi se, tra i loro pazienti migranti, abbiano da segnalare casi o racconti vagamente analoghi a questo.

La richiesta agli ospedali

È così che il 9 settembre in tutte le strutture sanitarie di ricovero e cura accreditate dalla Regione Lombardia nella Città metropolitana di Milano arriva un messaggio urgente del direttore sanitario dell’Azienda di tutela della salute (dal primo gennaio 2016 nuovo nome dell’Asl di Milano), Emerico Maurizio Panciroli, avente per oggetto: «Indagine di polizia giudiziaria su presunto traffico illegale di organi — richiesta di informazioni».
Vi si riassume che «una Azienda ospedaliera milanese» ha segnalato all’autorità giudiziaria che «un cittadino sudanese, recatosi lì per l’effettuazione di prestazioni sanitarie, presentava cicatrici di nefrectomia sinistra, intervento di cui non era a conoscenza, probabilmente eseguito circa sedici mesi fa in Libia, senza il suo consenso, nel corso dell’esodo verso l’Italia, durante il quale era stato condotto presso una non ben precisata struttura libica per accertamenti sanitari». Di qui il dispaccio: «Considerato che il fatto potrebbe essere riconducibile a un traffico illegale di organi», la magistratura chiede di verificare se le varie strutture sanitarie, «nell’erogazione di assistenza a cittadini stranieri extracomunitari, sia in regime ordinario che di urgenza, abbiano mai accertato situazioni sovrapponibili a quella descritta», e cioè abbiano mai «rilevato esiti riconducibili ad analoghi interventi di asportazione di organo senza il consenso del paziente».
Sono passate meno di 48 ore, ma per adesso nessun ospedale ha comunicato di essersi imbattuto in qualcosa di simile.

Leggi ...

Terremoto, morto Filippo Sanna: il 23enne era stato salvato dalle macerie

1938709_image.jpg.pagespeed.ce.QHXdfYkgpv[1]

È deceduto questa mattina, nel reparto di Rianimazione dell’ospedale civile ‘Spirito Santo’ di Pescara, Filippo Sanna, il giovane di 23 anni, originario di Nuoro, che viveva ad Amatrice (Rieti) con la famiglia: il giovane era rimasto per alcune ore, sotto le macerie della sua casa, in seguito alla forte scossa delle 3,36 del 24 agosto scorso. Filippo viveva con i genitori e la sorella, rimasta ferita anche lei, seppur in condizioni meno gravi. Il 23enne era stato portato in elisoccorso all’ospedale di Pescara.Le condizioni del 23enne erano apparse subito gravi, secondo le fonti sanitarie attraverso cui si è avuta notizia del decesso. Una volta tirato fuori dalle macerie ad Amatrice, era stato portato in elisoccorso all’ ospedale di Pescara. Filippo Sanna si trovava nel reparto di Rianimazione. Accanto a lui, in questi sette giorni dall’inizio della tragedia, la famiglia e i parenti.

Leggi ...

Terremoto, recuperata un’altra salma restano due cadaveri sotto le macerie

1934838_hotelroma.jpg.pagespeed.ce.kvWiV-5ZZu[1]

 

 

I vigili del fuoco, dopo tre giorni di lavoro ininterrotto, hanno recuperato poco dopo la mezzanotte di domenica uno dei tre corpi ancora sepolti dalla macerie dell’Hotel Roma di Amatrice. Si tratta di una donna che si trovava in una stanza al primo piano dell’albergo e che, dopo il crollo, era finita sepolta sotto oltre 4 metri di macerie. I vigili del fuoco, dopo aver rimosso e tagliato le travi che impedivano il passaggio, sono riusciti ad estrarla poco fa. Sotto le macerie dell’hotel Roma ci sono sicuramente altri due corpi che sono stati già individuati.

Leggi ...

Terremoto di magnitudo 6.0 devasta il centro Italia: morti e feriti. Bambini sotto le macerie ad Accumoli. Il sindaco di Amatrice: “Il paese non c’è

062811471-116ea54c-ded7-41de-8e66-058bbe8336e2[1]

Una forte scossa di terremoto di magnitudo 6,0, ha colpito nella notte l’Italia centrale provocando morti e feriti. L’epicentro è nei pressi di Accumoli, in provincia di Rieti, nel Lazio, a soli 4 chilometri di profondità. La prima scossa, violentissima, alle 3.36 del mattino è stata sentita da Rimini a Napoli. E proprio ad Accumoli e nella vicina Amatrice si registrano i danni più gravi. “Il paese non c’è più. C’è gente sotto le macerie”: è la prima, drammatica, testimonianza del sindaco di Amatrice Sergio Pirozzi. La gravità della situazione è confermata anche dal responsabile della Croce Rossa locale, che parla di almeno un ponte crollato e di una importante fuga di gas. Successivamente nell’area ci sono stati altri movimenti sismici, con le scosse più forti di magnitudo 5,1  alle 4.32 e 5.4 alle 04.33 a 5 chilometri da Norcia. Moltissime le chiamate alla protezione civile e ai vigili del fuoco da tutto il centro Italia. E purtroppo già si registrano i primi morti: accertata una vittima ad Accumoli dove ci sono anche 4 persone sotto le macerie, una famiglia con due bambini piccoli. Lo ha raccontato all’Ansa il fotografo Emiliano Grillotti, che racconta come nel corso almeno 15 persone stanno scavando a mani nude per salvarli: “Si sentono le urla della mamma e di uno dei bambini”.  Due cadaversi sono stati estratti dalle rovine di Amatrice. Mentre è confermata anche la morte di una coppia di anziani coniugi a Pescara del Tronto, una delle frazioni più colpite, dove sono in corso le ricerche di due bimbe che sarebbero bloccate sotto le macerie. E proprio ad Accumoli, Amatrice e Posta, nel reatino e ad Arquata del Tronto e a Pescara del Tronto, in provincia di Ascoli Piceno, si registrano i danni più gravi. Numerosi gli edifici crollati: la chiesa di Amatrice, sarebbe distrutta, l’ospedale inagibile. Crollato il campanile di Castelluccio di Norcia. Ad Amandola è stato evaquato l’ospedale, danneggiato. I viglili del fuoco parlano di danni anche a Gualdo e Mogliano nel Maceratese. Sono attivi i numeri della Protezione Civile: 840840 e  803555. Una frana sarebbe avvenuta sulla parete Est del Corno Piccolo del Gran Sasso, lo conferma a Repubblica Luca Mazzoleni del rifugio Franchetti, appunto sul monte a 2433 metri, dopo averlo raccontato su Facebook. “Abbiamo sentito i rumori di una frana. Aspettiamo le prime luci per capire meglio di cosa si tratta”.

Un’altra fortissima scossa si è sentita alle 4.34, più lunga, di entità 5,4. Per ora il capo della Protezione Civile Fabrizio Curcio parla di diversi feriti, crolli e danni ad edifici. Squadre di vigili del fuoco stanno convergendo da Lazio, Abruzzo, Toscana e Marche. E intanto il responsabile della Protezione Civile Lazio Carlo Rosa racconta: “Il 118 sta già intervenendo ad Amatrice ed Accumoli. Stiamo mandando i mezzi di movimento terra per liberare le strade di accesso. Già mobilitata la colonna mobile regionale con tende, cucine da campo e tutto quello che serve”. Ma evidentemente non basta, Stefano Petrucci, sindaco di Accumoli lamenta la lentezza degli interventi: “Qui i soccorsi non arrivano”. Il sisma, avvertito in tutto il centro Italia, è stato sentito con particolare forza anche a Roma, dove molti palazzi hanno tremato per ben due volte e per circa 20 secondi. La notizia si è diffusa rapidamente sui social. Le scosse sarebbero state in tutto diciotto in un’ora e mezza. L’ultima, di magnitudo 4,8. Cresce di ora in ora il numero degli sfollati.

Pochi minuti dopo la prima scossa è intervenuto anche il premier Renzi che con un tweet ha fatto sapere di essere in contatto con la protezione civile. E sempre su Twitter, l’appello dell’Avis provinciale di Rieti: “C’è urgente bisogno di sangue”. L’invito è quello di recarsi all’ospedale San Camillo de Lellis della città.

Leggi ...

Pagani. Prostituta bulgara uccisa, è svolta nelle indagini: i sospetti sul muratore

1922340_prost.jpg.pagespeed.ce.SNaVuBjtXz[1]

È un muratore di Vietri sul Mare e ha 36 anni il presunto assassino della donna trovata cadavere in via Leopardi lo scorso venerdì. La svolta nelle indagini è giunta nella tarda serata di sabato, nella stessa sera in cui da Roma è arrivata anche la conferma dell’identità della vittima, Nikolova Temenuzhka, la prostituta bulgara 37enne scomparsa a Pagani il 12 agosto. L’uomo è stato sottoposto a fermo di indiziato di delitto per omicidio aggravato volontario, scattato dopo oltre tre ore di interrogatorio. Carmine Ferrante ha una compagna ed è padre di tre figli. Nel 2012 era stato denunciato per minacce ad alcune lucciole a Salerno. A lui gli investigatori sono giunti grazie ad una serie di elementi, a partire dall’auto, una Citroen C2, con la quale la sera del 12 agosto si sarebbe appartato con la Temenuzhka in via Leopardi, nei pressi del cimitero, poco distante dal punto in cui venerdì i carabinieri hanno rinvenuto il corpo della donna in stato di decomposizione.

Difeso dall’avvocato Bernardina Russo, il muratore nel corso dell’interrogatorio, alla presenza del pubblico ministero Federico Nesso, non ha confessato ma ha confermato una serie di circostante che concorrono a far ricadere i sospetti su di lui. I carabinieri hanno accertato che il 36enne di Vietri, la sera del 12 agosto, ha avvicinato la prostituta bulgara sulla Statale 18, nei pressi del centro commerciale Pegaso. I due si sono allontanati insieme per raggiungere la stradina adiacente al cavalcavia del cimitero dove si sono appartati. Secondo gli investigatori è stato Carmine Ferrante l’ultimo cliente che, quella sera, ha avuto contatti con Nikolova Temenuzhka. Lo avrebbe confermato anche un’altra prostituta, la stessa che il giorno dopo denunciò la scomparsa dell’amica ai carabinieri. Anche lei aveva avuto in precedenza un contatto con quello stesso cliente, che si aggirava spesso nella zona del Pegaso, sempre con la stessa auto. È stata proprio lei ad aiutare i militari fornendo la descrizione dell’auto del cliente che aveva caricato la bulgara la sera dell’omicidio: una vettura piccola, nera, munita di barre portapacchi.
Non è stato difficile, a quel punto, per i militari individuare l’auto e ricostruire il tragitto che aveva effettuato la sera del 12 agosto, visionando i filmati dei sistemi di videosorveglianza privati e comunali presenti nella zona: dalla Statale 18 fino alla stradina isolata nei pressi del cimitero, dove la Citroen C2 è rimasta per circa mezz’ora. In quei trenta minuti l’assassino avrebbe consumato un rapporto sessuale con la bulgara per poi ucciderla e scaricarla nel campo incolto, poco distante dal punto in cui l’auto si era appartata.

Più difficile per i carabinieri è stato risalire al muratore di Vietri. La Citroen C2 è risultata intestata ad un pregiudicato di Sant’Antonio Abate (estraneo alla vicenda) anche se, in realtà, era utilizzata da tempo da Carmine Ferrante. A lui i carabinieri sono giunti grazie ad una serie di contravvenzioni per violazioni del codice della strada notificate al 36enne di Vietri in più occasioni, negli ultimi mesi, nel comune di Cava de’ Tirreni.

Da Roma, sempre sabato, era intanto giunta la conferma dell’identità del cadavere grazie alla comparazione delle impronte digitali della vittima con quelle della bulgara. La prostituta, residente a Napoli, sposata e madre di due figli, era schedata per una serie di controlli ai quali era stata sottoposta lo scorso anno. Gli inquirenti ipotizzano che la donna sia stata strangolata. Nell’auto del muratore non sono state rinvenute tracce di sangue. Un elemento che spinge gli inquirenti ad ipotizzare che l’assassino non abbia utilizzato armi per uccidere la prostituta

Leggi ...

Palinuro, al via il recupero dei corpi dei sub: difficoltà dovute al fondale per scarsa visibilità

1921604_pckg_1301471735952032010-20160821.jpg.pagespeed.ce._IYgt8gLgV[1]

Sono cominciate stamane le operazioni che mirano al recupero dei corpi dei tre sub rimasti intrappolati la mattina di venerdì sDopo l’individuazione ieri di due dei tre corpi – quelli di Mauro Tancredi e Silvio Anzola – avvenuta a circa 50 metri di profondità, gli speleosub (13) dei Vigili del Fuoco hanno effettuato stamane un nuovo sopralluogo per individuare il corpo del terzo sub, Mauro Cammardella, prima di tentare l’avvio del recupero che è particolarmente difficile. Dalle ultime ispezioni è emerso che a causa del fondale limaccioso la visibilità è pari quasi a zero. Si prospetta, quindi, una nuova giornata di attesa per i familiari delle vittime e per i loro amici mentre si susseguono riunioni operative dei soccorritori. L’attività è coordinata dalla Capitaneria di Porto diretta dal tenente di vascello, Andrea Palma. Sul posto anche il comandante provinciale dei Vigili del fuoco, Emanuele Franculli. All’interno della grotta è stato disteso un cavo guida per facilitare l’ingresso ma, soprattutto, l’uscitacorso in un cunicolo delle Grotte di Punta Iacco a Palinuro, frazione di Centola (Salerno).

 

Leggi ...

Archivio