Rubriche

Category Archives: cronaca

140002213-2f090551-7335-4607-9020-b895ab09beae[1]

Cinquanta migranti in hotel inagibile del Messinese, barricate di sindaco e cittadini

140002213-2f090551-7335-4607-9020-b895ab09beae[1]

 

La prefettura invia a Castell’Umberto gli extracomunitari in una struttura senza allaccio all’energia elettrica. Gli abitanti bloccano il gruppo elettrogeno destinato all’albergo. Lo fanno entrare solo in serata ma il sit in continua

Prosegue la protesta davanti all’albergo di Sinagra (Messina) dove l’arrivo di 50 migranti ha sollevato una serie di polemiche. E’ stato fatto entrare un gruppo elettrogeno per poter assicurare la corrente di notte ai migranti. La protesta sollevata da Vincenzo Lionetto Civa, sindaco di Castell’Umberto, un Comune vicino che aveva sostenuto di essere stato avvisato solo all’ultimo momento dell’arrivo dei migranti: “Abbiano fatto entrare con spirito di collaborazione, grazie ai colloqui avuti con il prefetto, il gruppo elettrogeno affinchè di notte la struttura possa essere illuminata – afferma il sindaco Vincenzo Lionetto Civa – non è vero che abbiamo tagliato l’acqua che c’era e continua ad esserci e non è vero che non abbiamo fatto entrare le persone per portare cibo agli immigrati”.

“Continueremo la protesta – prosegue – domani con i sindaci dei Nebrodi ci riuniremo in assemblea davanti al cancello dell’albergo. Si tratta di circa 35 sindaci che si sono riuniti in coordinamento”. “Noi non siamo contro l’arrivo dei migranti – chiarisce il primo cittadino –  siamo per il rispetto  della normativa nazionale che vuole che ci sia un indice di 2,5 immigrati rispetto a mille abitanti, il prefetto ci ha dato delle garanzie, noi ci fidiamo, ma continuiamo la protesta,  ma non siamo razzisti, non siamo contro l’arrivo dei migranti, è un fenomeno del quale i Nebrodi non possono non tenerne conto”.

“Domani – conclude – ribadiremo alle istituzioni che i comuni che i comuni hanno i centri di servizio sociale, i centri di assistenza e quindi siamo disponibili a prenderci in carico gli immigrati per gestirli secondo questi indici, non siamo contro l’accoglienza. Se l’accoglienza significa  integrazione la si può fare solo con gli enti locali”.

Il prefetto di Messina, Francesca Ferrandino, gieri sera ha inviato cinquanta migranti adulti nel piccolo comune di Castell’Umberto, sui monti Nebrodi, in provincia di Messina. Ma il sindaco Vincenzo Lionetto Civa insorge e denuncia che tutto sarebbe avvenuto a sua insaputa. La struttura che ospita i migranti, e che ricade in realtà nel territorio di Sinagra, confinante con Castell’Umberto, risulta da anni inagibile. I cittadini, guidati dal sindaco, hanno organizzato barricate attorno all’albergo e hanno fermato il gruppo elettrogeno destinato all’hotel che non ha l’allaccio all’energia elettrica.

Ieri il primo cittadino del paese messinese, secondo il suo racconto, alle 22 ha ricevuto una chiamata dal prefetto che gli preannunciava l’arrivo dei migranti. Così ha provato a bloccare l’ingresso della struttura, l’hotel “Il Canguro”, con la propria auto e con tanto di fascia tricolore. Ad annunciarlo era stato lo stesso sindaco con un post sul suo profilo Facebook: “Avviso importante e urgente: con un atto unilaterale senza preavviso un minuto fa la prefettura di Messina mi ha semplicemente informato che trenta immigrati (sarebbero in realtà cinquanta, ndr) in nottata saranno trasferiti presso l’hotel Il Canguro. Non ritengo questo un atto di coinvolgimento istituzionale corretto per gli ovvi motivi di ricaduta sulla nostra comunità. La gestione è stata data a una cooperativa di Palermo, mi sto recando immediatamente sul luogo, dove indossando la fascia tricolore bloccherò con la mia autovettura l’ingresso della struttura alberghiera e lì rimarrò”.

Leggi ...

donnarumma_10993631190x786[2]

Milan, Donnarumma ha svelato il suo futuro

 

 

 

 

 

donnarumma_10993631190x786[2]Il portiere ha scelto il rossonero: “Cerco casa a Milano

Gianluigi Donnarumma ha scelto di restare al Milan. In un’intervista a GQ, il portiere rossonero ha svelato tutto: “Sto cercando casa a Milano. Un appartamento grande, dove ci sia spazio per tutti i miei cari, e siccome il centro di Milano è bellissimo lo cerco lì. Mi sento pronto”.

L’estremo difensore diciottenne prolungherà con la società meneghina: “Sono sereno, perché tutte le parti di questa trattativa conoscono la mia volontà. Con Mino ed Enzo Raiola, che fu il primo a notarmi, e con la mia famiglia formiamo una squadra. Io sono molto legato al Milan”.

“Avevo quattro anni, mi ci aveva portato lo zio Enrico, che purtroppo se ne è andato troppo presto. Poi cominciò ad accompagnarmi mia madre e per quanto le categorie crescessero in fretta, per un bel pezzo pretesi di averla dietro alla porta, che altrimenti mi mettevo a piangere. Credo che la situazione avesse del grottesco: questo ragazzo grande e grosso – ero fuori scala già da bambino – che lasciava increduli gli attaccanti avversari per quante ne parava, ma che appena la mamma spariva per un caffé scoppiava in lacrime”.

Un talento naturale: “Già da piccolo paravo dei tiri che un bimbo della mia età non avrebbe dovuto parare. Sul momento non me ne rendevo conto: mi tuffavo anche se la palla era molto angolata, la pigliavo o la deviavo in angolo, tornavo subito in piedi. Ecco, era lì che alzavo lo sguardo su compagni e avversari, per scoprire che avevano tutti gli occhi sgranati, a partire da quello che aveva tirato, e che non si capacitava di come un pallone così ben diretto non fosse finito in gol”.

C’è chi lo considera l’erede di Buffon: “Lui è un mito, il classico tipo che riesce a farsi voler bene da tutti. Scherza, tiene su l’ambiente, a me ha dato un sacco di consigli. Quando ci alleniamo insieme cerco di rubargli i segreti del mestiere, perché tecnicamente è fantastico”.

Leggi ...

C_2_articolo_3070508_upiImagepp[1]

Spagna, esplode castello gonfiabile: muore una bambina di sei anni

Altri sei bambini sono rimasti feriti e due di loro sono ricoverati in condizioni gravi C_2_articolo_3070508_upiImagepp[1]

Il castello gonfiabile, divertimento di tantissimi bambini, si è trasformato in una trappola mortale in Spagna. A circa 90 chilomentri a nord di Barcellona una di queste attrazioni è esplosa davanti a un ristorante di Caldes de Malavella. Il bilnacio è dei peggiori: una bimba di sei anni è morta poco dopo l’arrivo in ospedale; due sono ricoverati in stato grave e altri quattro hanno riportato ferite lievi.

Gli inquirenti sono già al lavoro per comprendere come sia potuto accadere un incidente del genere. I testimoni -interrogati delle autorità compenti – hanno raccontato di aver visto arrivare il gonfiabile sin oltre al tetto del ristorante Mas Oller, in cui stavano mangiando. Sulla vicenda è anche intervenuto il sindaco della cittadina, Salvador Balliu che ha spiegato che non si sa nemmeno con esattezza se si sia trattato di un’esplosione. Ma gli ospiti del ristorante non pare abbiano dubbi hanno sentito un rumore molto forte, riconducibile a uno scoppio.

Leggi ...

AAkQeVf[1]

I Carabinieri della compagnia di Amalfi hanno arrestatto un pregiudicato di Salerno per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente del tipo eroina e cocaina

 

 

 

AAkQeVf[1]Nella serata di ieri, i CARABINIERI dell’Aliquota Radiomobile della COMPAGNIA DI AMALFI, hanno tratto in arresto M.V., classe 1971, pregiudicato di Salerno per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente del tipo eroina e cocaina. I militari, durante un posto di controllo a Maiori (SA),  hanno fermato l’uomo che viaggiava a bordo del suo scooter per un ordinario accertamento dei documenti, ma subito si sono insospettiti per l’atteggiamento anomalo dell’uomo decidendo di approfondire il controllo con una perquisizione personale e veicolare. La perquisizione dava esito positivo in quanto venivano rinvenute 6 bustine di cellophane contenenti altrettante dosi di EROINA, e 2 bustine della stessa fattura contenenti COCAINA, destinate allo spaccio, presumibilmente ad uno o più  acquirenti/clienti della Costiera Amalfitana. L’uomo, oltretutto alla guida privo di patente e senza copertura assicurativa, è stato condotto in caserma per gli accertamenti del caso e successivamente dichiarato in arresto, mentre la sostanza stupefacente ed il motociclo cono stati sottoposti a sequestro. Nel primo pomeriggio di oggi si terrà il giudizio direttissimo presso il Tribunale di Salerno.

Leggi ...

Roma, 8 mar. (askanews) - È morto Danilo Mainardi, uno dei più conosciuti etologi italiani. Aveva 83 anni. Lo ha reso noto il Corriere della Sera, del quale Mainardi è stato a lungo collaboratore.

		Mainardi era docente emerito di Biologia e di Ecologia comportamentale all`università veneziana di Ca` Foscari. Grande amico di Piero Angela, al grande pubblico era noto anche per la sua partecipazione a diverse puntate di Quark e SuperQuark. È stato direttore della Scuola internazionale di etologia di Erice, presidente onorario della Lipu (la Lega per la protezione degli uccelli), membro dell`Accademia Nazionale delle Scienze e dell`International Ethological Society, di cui è stato anche presidente.

		Autore di numerosi libri sulla natura e sugli animali, sua grande passione fin dagli anni della adolescenza, ha raccontato con rigore scientifico e semplicità di linguaggio tutti gli aspetti dell`etologia e della zoologia.

E’ morto Danilo Mainardi, l’etologo della TV Aveva 83 anni, grande amico di Piero Angela

 

 

Roma, 8 mar. (askanews) - È morto Danilo Mainardi, uno dei più conosciuti etologi italiani. Aveva 83 anni. Lo ha reso noto il Corriere della Sera, del quale Mainardi è stato a lungo collaboratore. Mainardi era docente emerito di Biologia e di Ecologia comportamentale all`università veneziana di Ca` Foscari. Grande amico di Piero Angela, al grande pubblico era noto anche per la sua partecipazione a diverse puntate di Quark e SuperQuark. È stato direttore della Scuola internazionale di etologia di Erice, presidente onorario della Lipu (la Lega per la protezione degli uccelli), membro dell`Accademia Nazionale delle Scienze e dell`International Ethological Society, di cui è stato anche presidente. Autore di numerosi libri sulla natura e sugli animali, sua grande passione fin dagli anni della adolescenza, ha raccontato con rigore scientifico e semplicità di linguaggio tutti gli aspetti dell`etologia e della zoologia.

È morto Danilo Mainardi, uno dei più conosciuti etologi italiani. Aveva 83 anni.  Mainardi è stato a lungo collaboratore Corriere della Sera.

Autore di numerosi libri sulla natura e sugli animali, sua grande passione fin dagli anni della adolescenza, ha raccontato con rigore scientifico e semplicità di linguaggio tutti gli aspetti dell’etologia e della zoologia.

Leggi ...

2292248_valanga_56.jpg.pagespeed.ce.OlAXwm80-y[1]

Valanga fuoripista a Courmayeur: tre morti, molti feriti

2292248_valanga_56.jpg.pagespeed.ce.OlAXwm80-y[1]

 

Una valanga è caduta poco prima delle 13 in Val Veny, nel comune di Courmayeur. L’evento si è verificato in un canalone dove si pratica il fuoripista nella zona del Plan de la Gabba/La Visaille. Nella slavina sono stati coinvolti una decina di freerider. Il bilancio provvisorio parla di tre morti e numerosi feriti, alcuni dei quali in gravi condizioni. Lo ha comunicato la guardia di finanza che sta operando sul posto. La slavina si è staccata nel canale dello Spagnolo, al Plan de la Gabba.

Sono giunti anche due elicotteri della protezione civile valdostana che hanno portato in quota due medici del 118 e numerose guide alpine con le unità cinofile. Alle operazioni partecipa anche la guardia di finanza di Entreves. Secondo quanto si è appreso, i primi ad intervenire dopo il distacco della valanga sono stati alcuni sciatori ‘freeriders’ che si sono messi a scavare nella neve per cercare eventuali persone rimaste sepolte.

Nella zona sono stati segnalati molti accumuli di neve, in particolare nei canaloni, a causa del vento che ha soffiato in quota nelle ultime ore. Il pericolo valanghe è ‘marcatò (indice 3 su una scala di 5 punti) a causa della neve fresca e della neve ventata.

Sarebbero per ora cinque i feriti, uno dei quali è ricoverato in rianimazione, in prognosi riservata. Gli altri feriti, si apprende dal soccorso alpino valdostano, sono due belgi e due italiani. ‎

Una seconda valanga in meno di un’ora si è abbattuta in Valle d’Aosta con due persone coinvolte. Dopo la slavina in Val Veny, un secondo distacco al Colle San Carlo, tra La Thuile e Morgex. Sul posto si sta dirigendo un elicottero del soccorso alpino valdostano. In questo secondo evento  – spiegano i soccorritori – non si registrano persone coinvolte.

Leggi ...

AAnIIcC[1]

Sale sulla vettura di cortesia, per sbaglio investe il marito e lo uccide

 

 

 

AAnIIcC[1]Non sa usare la vettura sostitutiva e per errore investe e uccide il marito. È accaduto a Campagnola Emilia, nel Reggiano, dove un uomo di 60 anni è deceduto investito dalla moglie.

La donna, Manuela Tonini, di 56 anni, avrebbe perso il controllo della macchina che, partendo all’improvviso, si è diretta verso il marito, Edoardo Ghizzoni. La Tondini non sarebbe stata abituata alla guida dell’automobile, in uso da pochissimo dopo che la sua si trovava in riparazione dal meccanico.

La stessa donna ha chiamato immediatamente i soccorsi che sono arrivati immediatamente insieme alla polizia. Purtroppo per il marito non c’è stato nulla da fare ed è morto poche ore dopo il ricovero in ospedale.

 

 

 

Leggi ...

2262824_cucciolo_pixellato.jpg.pagespeed.ce.w-3KeV_DRU[1]

Salerno-choc, cane ucciso a calci Un video lo incastrata

2262824_cucciolo_pixellato.jpg.pagespeed.ce.w-3KeV_DRU[1]

 

La furia di un mostro. Scatenata su una creatura indifesa. Uno scricciolo. Massacrato a calci. Senza un perché. Accade nel quartiere di Pastena a Salerno. Nel parcheggio di via Flacco. Alcuni passanti hanno visto. E hanno urlato cercando di fermare l’uomo. Senza riuscirci.

Un gruppo di ragazzi ha ripreso la scena con uno smartphone. E ha consegnato le immagini ai Vigili urbani che sono accorsi sul posto. Ma era troppo tardi. Sul marciapiede di via Amendola restava quel corpicino devastato. Il video però è stato fondamentale per incastrare il colpevole A. F. 59 anni che, a quanto pare, è già noto alle forze dell’ordine.

Disturbi mentali? Effetto-droga? O semplice crudeltà assassina. Anche se non si è riusciti a salvare quel povero cane, almeno stavolta qualcuno non si è girato dall’altra parte. E ha ascoltato la propria coscienza. Denunciando.
Mentre si allunga la lista di piccole vittime mute che ogni giorno hanno la sfiga nera di imbattersi nel Male dalle sembianze umane.

Leggi ...

20170216_132015_F9591914[1]

Quattro scalatori morti per il crollo di una cascata di ghiaccio

 

20170216_132015_F9591914[1]Il crollo di una cascata di ghiaccio in Val d’Aosta è costato la vita a 4 scalatori, un quinto è sopravvissuto ed è stato trasportato in ospedale. L’incidente è avvenuto “attorno alle 11” di questa mattina a Gressoney-Saint-Jean, sulla cascata “Bonne Anné”.

Con tutta probabilità il crollo “da un’altezza di circa un centinaio di metri, è avvenuto a causa delle temperature più alte”, ha spiegato ad Askanews il portavoce del Soccorso alpino valdostano Adriano Favre.

Leggi ...

AAkQeVf[1]

Napoli, 20enne ucciso in strada da tre sicari

AAkQeVf[1]Aveva un passato da calciatore, nelle giovanili del Napoli, Renato Di Giovanni, 20 anni, ucciso in quello che sembra avere le caratteristiche di un agguato di stampo camorristico, nella tarda mattinata in via Epomeo, periferia occidentale di Napoli.

Il giovane era il figlioccio di un noto ultrà del Napoli, Alberto Mattera, che lo aveva allevato. Di Giovanni è stato colpito da un numero non ancora precisato di sicari davanti alla chiesa di S. Maria di Montevergine.

La vittima, che aveva precedenti per spaccio di droga, era sottoposto ad obbligo di presentazione alla Polizia giudiziaria.

Sul posto sono intervenuti i Carabinieri

Leggi ...

Archivio